Arriva un test davvero molto interessante riguardante i driver open source AMD nel Kernel Linux 3.0, 3.2, 3.10 e il nuovo 3.12 in Xubuntu 13.10 Saucy.

L’arrivo della piattaforma Steam ha portato notevoli cambiamenti in Linux portando non solo giochi ma anche notevoli migliorie nel supporto hardware da parte soprattutto delle schede grafiche Intel, AMD e Nvidia.
AMD negli ultimi mesi ha includo notevoli novità nel supporto Linux migliorando notevolmente la stabilità e performance delle proprie schede grafiche grazie anche a diverse patch incluse nel Kernel Linux.
Da AMD arrivano inoltre grosse novità per il Kernel 3.13 nel quale avremo il supporto nativo per le nuove schede grafiche Hawaii e l’integrazione di svariate ottimizzazioni, grazie anche alla documentazione documentazione sui registri 3D e l’accelerazione grafica dovremo vedere ben presto notevoli progressi riguardanti anche i driver open source AMD.
A verificare le migliorie dei driver open AMD nelle ultime versioni del Kernel Linux arriva un’interessante test svolto dal team phoronix che ha testato una GPU Radeon HD 4870 con i Kernel 3.0, 3.4, 3.10 e 3.12 in Ubuntu 13.10 Saucy.

Per effettuare il test il team ha installato Xubuntu 13.10 Saucy in un sistema con processore AMD Opteron 2384 quad-core da 2.70 Ghz con 4 GB di memoria RAM, una scheda grafica AMD Radeon HD 4870 da 512 MB e una SSD da 64 GB. In Ubuntu sono strati installati il Kernel 3.0, 3.4, 3.10 e il nuovo 3.12 Stabile con driver open source xf86-video-ati  radeon 7.2.0.

Il test indica come già dal Kernel 3.10 abbiamo un notevole miglioramento delle performance grafiche ad esempio in Xonotic abbiamo con il Kernel 3.4 19.17 FPS mentre con il nuovo Kernel 3.12 arriviamo a 60.75 FPS.
Con il nuovo Kernel 3.13 molto probabilmente avremo dei notevoli miglioramenti riguardanti sempre i driver open source, attualmente però per gli utenti AMD con GPU soprattutto recenti rimane ancora da consigliare l’installazione dei driver proprietari post installazione.
In questa pagina troverete maggiori dettagli sul test effettuato dal team phoronix.

No more articles