Durante una recente discussione su Reddit, alcuni sviluppatori del progetto Ubuntu for Android hanno segnalato di non sapere come verrà rilasciato il nuovo progetto targato Canonical.

Ubuntu for Android
Presentato da oltre un’anno da Canonical, Ubuntu for Android lo troveremo preinstallato nel nuovo smartphone Ubuntu Edge, c’è da chiedersi se sarà disponibile o meno anche per altre device Android o se sarà supportato solamente da Ubuntu Touch.

Ubuntu for Android è un progetto proprietario sviluppato da Canonical che consente di poter avviare la versione desktop di Ubuntu all’interno di un normale smartphone collegato ad un monitor pc o tv di nuova generazione.
L’idea di Ubuntu for Android è di poter fornire all’utente la possibilità di aver sempre con se la versione desktop di Ubuntu, la quale potrà interagire con il dispositivo Android notificandoci l’arrivo di nuovi messaggi, chiamate, sincronizzando la rubrica e molto altro ancora. Di recente è apparso in rete un video con Ubuntu for Android installato su un Nexus 4 nel quale lo smartphone fungeva anche da tastiera e touchpad per la versione desktop di Ubuntu.
Durante la sessione AMA in Reddit alcuni utenti hanno chiesto agli sviluppatori maggiori informazioni riguardanti Ubuntu for Android indicando se sarà possibile installarlo in normale device oppure se arriverà già preinstallato in nuove device Android.

Alex Chiang, sviluppatore  Canonical, ha risposto ad un’utente indicando “I honestly don’t know. We’re still trying to figure it out internally” in poche parole non sa in quale verrà commercializzato / rilasciato il nuovo progetto.
A quanto pare gli sviluppatori Canonical non hanno ancora le idee chiare su come verrà commercializzato Ubuntu for Android se arriverà preinstallato in alcuni nuovi modelli di smartphone Android oppure (anche se dubito fortemente) sarà possibile installarlo come una normale applicazione per Android.

Conterà molto l’avvio o meno del nuovo Ubuntu Edge il quale potrebbe cambiare i piani sullo sviluppo di progetti come Ubuntu Tv, Ubuntu for Android e Ubuntu for Nexus 7.
Staremo a vedere se Canonical rilascerà o meno maggiori informazioni a riguardo.

  • ItaliaUnix.com Admin

    Credo ci sia un errore nei comandi, con l’ultimo comando hai messo il comando per installare Wine 1.3.

    • Fabio Giaffaglione

      Prima di parlare bisognerebbe provare.

    • il comando è giusto

  • @ItaliaUnix.com Admin:
    Quella rappresenta la development build  di Wine 1.4.

    • ItaliaUnix.com Admin

       È perchè il nome del pacchetto è wine 1.3? O_O

      • Gabriele Castagneti

         Non sono problemi di questo blog. 😉

      • sono per motivi di update
        se metti il nome del pacchetto 1.4 rischi di andare ad installare 2 wine se presente già una versione precedente e di creare instabile il sistema
        in questo caso vai ad aggiornare e non installare assieme a
        si potrebbe anche comunque optare per 1.4 inserendo durante la crezione del pacchetto l’impossibilità d’installazione in caso di versioni precedenti cosi da far rimuovere le versioni precedenti prima di installare quella nuova ma non è il massimo sopratutto in caso di nuovi utenti andrebbe a metter difficoltà d’installazione
        l’errore è nato dal manteiner di wine che non ha lasciato la classica dicitura senza numero di versione

  • Salvatore Gnecchi

    inizio ad avere mal di testa con tutto questo mescolare telefoni,tv,pc,tablet =S

  • -.-

    l’impressione che ho dal day one è che ubuntu for android cannibalizzerà i potenziali utenti di ubuntu touch :

  • Thomas Cercato

    Stanno facendo troppe cose e quasi tutte male, purtroppo. Dovrebbero focalizzare le energie su Ubuntu e Ubuntu Touch, nient’altro.

    • Fabio

      Mio malgrado sono d’accordo con te. Io uso Debian ma una Ubuntu valida è un bene per tutti (non solo per Canonical), ed invece le ultime versioni hanno problemi. Speriamo bene…

    • UbuntuWillRule

      Elenca le cose fatte male allora, perche’ proprio non si capisce cosa intendi. A me Ubuntu 13.04 non da nessun problema di sorta per esempio e l’ho testato su diverse macchine. Unity8, che sto testando, portera’ un notevole aumento di prestazioni per quanto riguarda l’usabilita’ ed il sex appeal della dashboard. La fluidita’ che si ottiene con Unity 8 non e’ nemmeno paragonabile a quella che si ottiene attualmente con Unity 7. Lo sto testando su di notebook con una piccola ati4250 da 256MB con driver open e ti posso assicurare che si ottengono prestazioni paragonabili a prodotti Google ed Apple. Ubuntu Touch e’ il progetto che sta assumendo la priorita’ in questo periodo, perche’, Ubuntu Edge on non Ubuntu Edge, Ubuntu Touch verra’ “presto” commercializzato e distribuito da 14 carrier che coprono buona parte dell’intero globo. Sono convinto che ci siano delle persone che credono che, se Ubuntu Edge non dovesse raggiungere i fondi prestabiliti, il progetto Ubuntu Touch svanira’. Ma proprio non e’ cosi’. Ubuntu for Android e’ certamente un progetto interessante ed una carta che potrebbe essere vincente per far scoprire al mondo intero le potenzialita’ di Ubuntu all’interno del sistema Android. Xmir e’ un progetto che facilitera’ la transizione tra X11 e Mir, questo nonostante il calo prestazionale che tutt’oggi esiste soprattutto per quanto riguarda le prestazioni OpenGl. Ma ricordo a tutti che fino a poco tempo fa anche Unity soffriva dello stesso calo prestazionale. Sono percio’ certo che cercheranno di colmare il gap formatosi. Io non vedo tutto questo casino e non vedo soprattutto cose fatte male o a casaccio. Percio’, forza Canonical. Sono convinto che saprai stupirci.

      • Daniele Cereda

        ubuntu stabile e usabile?tanto quanto un prodotto windows se non Apple?a me cupertino sta sulle croste,ma non li batte nessuno nel connubio hardware/software e sarai fortunello tu,ma far girare Unity con meno di 1 gb su scheda grafica è quanto meno stuccehvole:lento,pastoso,impacciato per nulla fluido….provato in ogni salsa e con ogni escamotage per i driver…nada..uno schifo…e difatti unity è stata la tomba degli ubuntu user.

        Ti chiedo un favore,visto che manco Canonical si degna di svelarci i nomi,ci dici tu(che sembri essere molto ben informato)quali sarebbero questi”14 carrier che coprono buona parte dell’intero globo”?

        Ha ragione da vende Thomas:troppa carne al fuoco e manco una idea direzionale da prendere(raccolta fondi?se non va in porto che si fa?si molla?si va avanti?si va avanti solo con il progetto ubunt for android o altro?vogliono portare ubuntu sugli smartphone o portare avanti ubuntu touch?)tutti fattori che segneranno la fine di Canonical.

      • daniel88

        Hai mai provato Kubuntu? no perchè io te lo consiglio provalo e poi ne riparliamo di quanto sia veloce Ubuntu, click su gedit 3 ore per farla partire manco stesse caricando chi sa quale gioco, poi passi su KDE click su Kate un microsecondo ed è aperto… Usabilità poi guarda lo studio di usabilità l’ha fatto uno a cui forse è morto il docente durante il corso, la dash è totalmente sbagliata, mi è capitato di metterla in mano a gente incapace più volte e nessuno ci ha capito nulla, dopo mesi mi chiamano ancora per sapere come si trovano le cose e dove sono, quindi non è usabile.
        Poi io capisco che tu sei un fanatico di Canonical, ma pensi che il progetto Mir sia una volpata? Mark spara palle, due anni fa disse “la prossima versione di ubuntu avrà wayland”, dopo due anni annuncia “me lo faccio io il server grafico me ne frego di wayland”, e che vantaggio avrebbe? da un lato hai un progetto bello che avviato con dietro un colosso come Intel, dall’altra parte ci sei tu piccola azienda che dai di matto e ti fai il tuo server grafico, ovviamente la scelta più logica è scriversi dasoli il server mica aiutare Intel nello sviluppo di Wayland, che tra parentesi, in futuro sarà il server grafico ufficiale di linux, con la conseguenza che per mir non faranno i driver proprietari, e ne sono più che sicuro, perchè le case non butteranno soldi per far divertire gli Ubuntofili, quando il resto del mondo usa un’altro server.
        Ma poi voglio anche passare al piano librerie di Canonical, prima gtk, poi un giorno scoprono che le qt4 sono nettamente superiori alle gtk e sviluppano la dock e la dash di Unity appunto Unity 2D in qt4, poi sbroccano e decidono che Unity, l’effetto di compiz, deve essere l’unico ad esistere, poi arriva il devolper di compiz e dice io me ne vado sto coso è na porcata è vecchio e non serve più a nulla e allora iniziano a riscriversi Unity in qt4… In tutto ciò giusto per caricare meno librerie si continuerà ad usare tutto il resto in gtk, quando c’è tutto un parco software scritto in qt4 alternativo e anche più grande di quello gtk….

        E poi hanno tirato fuori la ubuntu TV, un flop epico, poi Ubuntu per android, e non se l’è filato nessuno, ora ubuntu edge ed il risultato è stato peggio che andar di notte.

        Questa ti sembrano le scelte di un’azienda assennata? Thomas ha perfettamente ragione, e ti dirò di più la cosa che ti fa capire che canonical ha fatto tutto male negli ultimi 2 anni è il fatto che ad oggi la distro più usata sia LinuxMint che è una derivata di Ubuntu al 100% la cui sola differenza è nell’interfaccia e ciò è tutto dire

        • XfceEvangelist

          Grandissimo!!! Tutto e per tutto d’accordo con te 🙂
          Unity è una porcata colossale, nessuno dei miei colleghi l’ha adottato. Essendo utente Xubuntu spero che non passino a XMir, altrimenti dovro’ migrare su qualche altra distro. Che peccato, mi sarebbe piacuto vedere Ubuntu come l’impeccabile reference per l’utenza desktop Linux, invece non ha fatto che frammentare di piu’ la scena Linux.
          Il viaggio nello spazio gli ha dato via la testa.

          • Matteo Rossi

            condivido, Unity è una ca..ta, abbiamo sostituito ubuntu con Mint, che ha un briciolo di razionalità

  • eticre

    IO ancora devo capire a cosa servono, oltre a giocare, questi cosi.

    • odone

      io ci leggo i pdf

      • eticre

        Io lavoro nella P.A. , i pdf prima di leggerli li stampo(a colori) e poi meli spedisco a casa via fax(in B.N.)

No more articles