Approda in Linux il nuovo Adobe Brackets il nuovo editor di testo open source multi-piattaforma principalmente sviluppato per lo sviluppo web con supporto per i diffusi formati come HTML, CSS, JavaScript ecc.

Adobe Brackets in Ubuntu Linux
Adobe è sicuramente una delle più conosciute software house al mondo, con programmi utilizzati principalmente per l’uso professionale come Adobe Photoshop, Adobe Acrobat, Adobe Illustrator, Adobe InDesign, Adobe Premiere, Adobe After Effects e molti altri.
Negli ultimi anni Adobe aveva tagliato fuori completamente Linux dai propri progetti rimuovendo da subito il supporto per Adobe Air e successivamente anche Flash Player attualmente disponibile nella versione 11.2 mantenuta dalla stessa azienda ancora per diversi anni. Visto anche il successo di molti progetti open di Google, Adobe sta iniziando a rilasciare interessanti progetti “liberi” con il nuovo font CFF (Compact Font Format) per a migliorare la resa dei caratteri in Linux e anche l’interessante editor di testo Brackets disponibile anche per Linux.

Adobe Brackets è un moderno editor open source multi-piattaforma (rilasciato con licenza MIT) sviluppato principalmente per lo sviluppo di pagine web. Concepito da Adobe il nuovo editor Brackets si differenzia principalmente dagli altri editor di testo dall‘interfaccia grafica Quick Edit semplice e minimale nella quale non troviamo pannelli, icone o altro ancora ma semplicemente strumenti di modifica in linea con il codice cosi da velocizzarne le varie operazioni.
Sulla parte sinistra troviamo le parti principali del nostro progetto in modo tale da spostarsi rapidamente tra il codice sorgente l’ anteprima sul browser accessibile con un semplice click.

Brackets supporta i più diffusi formati come HTML, CSS, JavaScript ecc oltre a disporre di utili funzionalità come la validazione del codice con gli strumenti del World Wide Web Consortium (W3C), supporto per JSHint e CSSLint.

Brackets è disponibile per Ubuntu, Debian e derivate (compreso Linux Mint ed elementary OS) scaricando i pacchetti deb da questa pagina, è possibile installare l’editor anche in Arch Linux attraverso AUR.

Home Brackets 

via – omgubuntu
  • Gustavo

    certo che adobe guarda a linux, quando si tratta di attirare sviluppatori.. quando invece si parla di utenza finale se ne guarda bene..

    • Luca

      Molti sviluppatori usano Mac/linux mentre molti utenti finali usano Mac/Windows

      • Gustavo

        grazie per la precisazione.. Non ne ero al corrente: c’è sempre qualcosa da imparare..

      • Fabrizio

        quindi.. MAC tutta la vita, almeno ci giochi, programmi, e lavori…

  • asd

    tutto bello, ma il mondo sarebbe grato ad adobe se continuasse a fornire flash player, limando i bug e i periodici problemi di sicurezza. Di editor ce ne sono a bizzeffe per ogni esigenza.

    • Luca

      Flash ormai è un tecnologia in declino non ha senso investirci, se non per i bug di sicurezza.

    • Brau

      il mondo sarebbe grato ad Adobe se smettesse di fornire Flash Player in generale, e acconsentirebbe all’uso dell’HTML5 per ogni cosa prodotta col Flash…

      • Gustavo

        se.. acconsentirebbe… brrrrivido lungo la schiena 😉 (mi permetto solo perché in un altro commento hai sottolineato come scriviamo male noi italiani..)

        • Brau

          Accossentisse (?), pardon, tra gli italiani che scrivono male, logicamente, ero compreso anche io 😀 Aòh, passando dalla Moratti, a Gentiloni, e poi alla Gelmini, non ne esci tanto sano -_-

          • Brau

            AccoNsentisse, mannaggia >_<

  • ugo foscolo

    Questi non se lo filano minimamente linux e l’open source e non appena danno “il contentino” ecco tutto lo scalpore…

  • cristian76

    Viste le alternative, direi che è completamente inutile.

    • cavour84

      ad esempio?

      • Roberto

        Prova Sublime-text e non lo cambierai piu’…

  • Orion Crew

    non mi apre il link di download, perché?

    • il solito 91

      neanche a me riprova più tardi

  • E’ un software che non ha senso. Tanto vale fare Dreamweaver anche per Linux il che a me personalmente e professionalmente farebbe enormemente comodo.

  • guido87

    Provato.
    1. È un macigno lentissimo.
    2. Occupa 140 mb. Gli editor che uso non vanno più di tanto oltre i 10 mb.

    • guido87

      Ovviamente mi riferisco allo spazio sul disco, nel secondo caso.

  • ziltoid

    /opt/brackets/Brackets: error while loading shared libraries: libudev.so.0: cannot open shared object file: No such file or directory e ades?

No more articles