Unity Next e Mir

Addio Compiz (ed era ora) e arriva Unity Next l’ambiente desktop di default di Ubuntu passa a QT/Qml introducendo un nuovo display server Mir.
Canonical e l’idea di portare Unirt su desktop e dispositivi mobili comincia a prendere forma attraverso il progetto Unity Touch il nuovo sistema operativo mobile in grado di portare l’esperienza utente di Unity anche su smartphone e Tablet.
Inoltre la versione desktop di Unity dirà addio a Compiz, window manager abbandonato da tutte le altre distribuzioni, passerà definitivamente a QT/Qml offrendo una maggiore reattività e sopratutto un minori consumo di risorse.
Niente Wayland, Canonical per il futuro ha scelto Mir un nuovo display server da poter integrare sia su dispositivi desktop che mobili.

Finalmente Canonical comincia a far sul serio e finalmente lffl ricomincia ad apprezzare il lavoro di Canonical. Dopo le critiche (a mio avviso giuste) sul mantenere Unity su Compiz l’ambiente desktop approderà su QT/Qml migliorando sia in qualità dell’ambiente desktop che nello sviluppo di tante nuove applicazioni leggere e funzionali.
Il porting di Unity in Qt/Qml e l’arrivo del nuovo MirSpec dovrebbe approdare nei prossimi mesi il tutto per esser pronto per Ubuntu 14.04 LTS.
Per maggiori informazioni su Unity Next basta consultare la pagina dedicata del wiki Ubuntu, in questa pagina troverete maggiori informazioni sul nuovo MirSpec

Complimenti a Canonical 😀

  • psylockeer

    Ciao, scusate la domanda, ma questo vorrebbe dire anche l’abbandono delle GTK o non c’entra?

    • no gtk sarà sempre supportato
      l’ambiente desktop unity non sarà più un plugin di compiz
      ma sarà in Qt/Qml come ad esempio KDE

      • psylockeer

        ah ok grazie per la precisazione 🙂

      • TopoRuggente

        Mir non è stato rilasciato e non si hanno notizie sulla licenza (essendo solo di canonical potrebbe essere proprietaria), come tale il supporto di GTK a Mir per ora non è assolutamente sicuro, per QT verrà sviluppato un supporto da canonical, visto che attualmente QT non intende supportare in proprio Mir.

        • I sorgenti sono già disponibili su BZR

          Mir supporta in maniera trasparente GTK, QT, Xul ecc.

          QT che dovrebbe poi supportare scusa? Chi fa un toolkit deve preoccuparsi di farlo bene, il resto spetta a chi lo usa!

          • TopoRuggente

            https://launchpad.net/qmir

            Questo è parte del progetto MIR, quindi attualmente QT e GTK non supportano MIR.
            QT lo fa col plugin QMir.

            Nessuna delle due pare interessata ad inserire codice nel branch principale per supportare un server grafico usato solo da Canonical.

        • Questa comunque è una cavolata scusami.QT e GTK non è che
          supportano uno o l’altro, ci sono degli standard a cui tutti si devono piegare, o dovrebbero ma sorvoliamo, e sia QT che GTK implementano gli standard, vuoi funzionare con loro? Metti a dispozione i metodi standard e vedrai che funzionerà come vuoi te… non sono QT o GTK a decidere chi funziona e chi no, possono solo decidere se implementare metodi fuori standard per uno o per l’altro ma siamo fuori standard…

          • TopoRuggente

            Se Mir offrirà metodi standard.

            È Mir che deve offrire metodi standard alle librerie GTK.
            In quanto a QT nella pagina di Ubuntu (il link è nell’articolo), alla voce
            “Mir on the Free Graphics Driver Stack”
            si nota chiaramente che fra QT e Mir esiste un layer aggiuntivo chiamato QtMir, quindi il supporto non è nativo.

  • Destiel123

    Sta cosa andrà contro lo sviluppo di wayland o dello stesso Mir per i closed source; troppa frammentazione non richiesta anche nel server grafico. Credo più per la seconda visto che sicuramente RedHat e compagnia balleranno con wayland e quello che rimarrebbe di utile in xorg. Ma quanti soldi buttati con questa tiritera dello sviluppo? Prima qt dopo gtk, salvo poi ritornare indietro, compiz, unity, gnome 3 e le folli patch non in upstream. Insomma…

    • Leonardo Mazzone

      Purtroppo hai ragione anche se i motivi per la scelta di creare Mir al posto di passare a Wayland sono ampiamente descritti nel wiki

    • Secondo Robert Ancell MIR già oggi è supportato da molti driver closed e stanno lavorando a stretto contatto con i produttori.
      Canonical ha investito molto su un buon supporto a Steam, vedrai che ci hanno pensato!

      • Simone Dedo

        Ma chi? Canonical ha investito molto per un buon supporto a Steam? Valve ha fatto il 99% di lavoro, dove l’1% del lavoro di Canonical è stato mettere sull’Ubuntu software center l’applicazione Steam.

        Chi supporta MIR? AMD? AMD non riesce dopo anni nemmeno a far sfruttare come Dio comanda l’accelerazione grafica per i contenuti multimediali e ora supporta un ‘altro hardware?

        Mi citi qualche dichiarazione da parte dei produttori (generici) che stai riportando?

        Grazie

        • Tutti i troll tirano sempre fuori questo argomento. Canoincal non ha fatto nulla sono stati gli altri.
          Però mi spieghi perchè Valve ha scelto per steambox Ubuntu?
          Mi spieghi perchè Google ha scleto Ubuntu come base per chromeos?
          Davvero pensi che in tutto questo Canonical non abbia fatto 2 chiacchiere con i partner? La scelta di crearsi suoi progetti dipende PREVALENTEMENTE dalla possibilità di poter garantire meglio le necesistà dei partner!

          • chromeos non ha niente a che vedere con ubu se non il kernel
            il motivo della scelta di valve è per il semplice fatto che ubuntu è la più diffusa

          • Simone Dedo

            Quoto

          • Veramente in Canonical c’è un team che lavora a stretto contatto con Google. E valve (parole loro) hanno scelto Canonical per l’ottimo supporto…

          • “Veramente in Canonical c’è un team che lavora a stretto contatto con Google” tanto stretto che dicevano che usano ubuntu nei loro uffici e che avevano già il client google drive pronto per linux
            google usa windows e mac e linux nei propri server e basta la versione di ubuntu realizzata da google si parla che sia presente in pochissimi pc solo per testare lo sviluppo di chrome e basta

            valve ha scelto ubuntu perchè è la distro più diffusa
            steambox sarà basata su ubuntu anche se alla fine avrà un’interfaccia sviluppata da valve e non unity quindi direi che valve ha scelto più precisamente le qualità di debian e non ubuntu

          • giusto un paio di giorni fa sono stati quantificati i “pochissimi pc”: un migliaio di postazioni (fonte: omgubuntu, se ne è parlato all’uds). Comunque io parlavo di altro: Google è cliente Canonical per lo sviluppo di ChromeOS e questo è un dato ufficiale: http://blog.canonical.com/2009/11/19/google-chrome-os-and-canonical/

            Anche per Valve i fatti stanno diversamente: http://www.oneopensource.it/30/04/2012/valve-e-canonical-insieme-per-steam-su-linux/
            http://news.softpedia.com/news/Canonical-Is-in-a-Partnership-With-Valve-and-Unity-Technologies-304013.shtml

          • i componenti di base è il kernel
            prendi il codice sorgente di chromium os e vedi che c’è solo il kernel di similitudine con ubuntu
            anche fedora, opensuse ecc hanno quind nell’anima chrome os
            canonical con valve ha fatto solo patti ma alla fine chi si è rimboccata le maniche è valve con le collaborazioni con intel nvidia e ati
            a parte segnalare bug canonical ha introdotto migliorie in unity solo perché sviluppate da valve

          • Carissimo, limitiamoci ai fatti dimostrabili, dal link qui sopra: “In the interest of transparency, we should declare that Canonical is contributing engineering to Google under contract.”

            Il resto sono chiacchiere…. Google paga Canonical per contribuire allo sviluppo di chromeos. Gli curano il kernel e basta? no perchè pure upstrart è sviluppato congiuntamente (Scott James Remnant ora lavora per google e continua il suo lavoro su upstart di cui 2 gg fa è uscita una nuova release).

            Sul blog di Valve trovi invece numerosi riferimenti che smentiscono le tue affermazioni.

          • Simone Dedo

            A parte che non sono un troll, ma un semplice ragazzo che sta parlando e discutendo con te. Detto questo, tu ora stai portando il discorso fuori dal centro della discussione e cioè Mir.

            Canonical ha contribuito a diffondere Linux ma non è mica stata l’unica (sicuramente quella che è riuscita di più nell’intento).

            Potrei dirti anche: Perchè usare QT e QML quando Google usa GTK e la maggior parte dei programmi su Linux sono scritti in GTK?

            Perchè usare KDE quando GNOME ha alle spalle aziende che lo supportano?

            Ma ora il discorso è fuoriluogo, io ti sto semplicemente chiedendo: Chi sono questi produttori che supportano Mir? Perchè dovrebbe essere una scelta sensata Mir piuttosto che Wayland che verrà adottato da tutto l’ecosistema delle distribuzioni Linux (con conseguente riduzione della frammentazione) anzichè mettere in gioco un’altro server grafico che va ULTERIORMENTE a frammentare le distribuzioni Linux?

            Rispondi alla domanda, non girarla su cose che non centrano nulla.

    • Mir è sviluppato in accordo con le case hardware produttrici non solo del pezzo di ferro ma dei driver, wayland no… Per intenderci wayland dovrebbe funzionare meglio sui driver opensource visto che stanno utilizzando quelli come base, mentre mir sui closed, quindi per fare un 2+2 o wayland si sbriga o a breve wayland sarà l’alternativa solo per chi usa i driver opensource o per i puristi…

      • Destiel123

        Guarda che wayland ha una backend per lavorare nativamnte con i closed source. Oltretutto su phoronix sono citati innumerevoli sviluppatori di mesa/xorg che non comprendono le motivazione della wiki, che sembrano al quanto ridicoli, c’è tra l’altro un log su irc dove parlano i vari devs, compreso uno di ubuntu.

        • Sì ma utilizzano i driver proprietari forniti attualmente dalle case produttrici che come ben sai sono lontani anni luce dai driver proprietari che le stesse case forniscono per microsoft, mentre da quel che avevo letto in giro sembra che mir sia stato creato proprio per arginare questa disparità non so come ma così avevo letto, anche se ad ora parlarne è prematuro visto che ne wayland ne tantomeno mir sono ancora funzionali al 100%.

          • Destiel123

            Anche Wayland è natoi per un moglior supporto, infatti non solo hanno pensdato ad una modalità di fallback per i vecchi driver, problema siprattutto per le vga legacy, ma anche per le nuove implementazioni native in wayland. Quindi qual è di fatto la differenza?

          • Pier Luigi Fiorini

            anche con wayland, basti vedere il brcm_egl di qtwayland

      • Pier Luigi Fiorini

        libhybris (libreria per utilizzare i driver android) nasce per wayland.
        ragazzi informatevi bene e in maniera non superficiale. mir nasce dall’esigenza di canonical di fare tutto con il proprio brand e dalla scarsa comprensione del sistema grafico linux da parte degli sviluppatori di canonical.

      • TopoRuggente

        Infatti, MIR funziona solo con i driver opensource per ora, Intel e Radeon solamente.

  • Ocelot

    Che magnifica notizia…… quanto ci sono rimasto male che unity2d (scritta in qt) era stata abbandonata!!! Era l’unica che mi andava perfettamentissimamente bene XD ma poi hanno lasciato solo unity 3D T_T

    • a questo punto mi chiedo perché si è lavorato in questi anni su compiz non era meglio lavorare subito su qt, ricevere meno critiche e sopratutto avere un sistema molto più decente confronto compiz?
      comunque meglio tardi che mai

      • lordronk

        Forse aspettavano qt5??

      • matteo81

        dai roberto mi meraviglio che parli di lavorare…. lo vogliamo chiamare lavoro quello fatto sù unity? dai non scherziamo…. hanno preso gnome e ci hanno appiccicato una versione fatta come le scimmie di compiz… salvo poi rendersi conto ( dopo 2 anni) che c’era ancora qualcuno che fortunatamente non campa solo di ubuntu e che provando altri de aveva notato una certa differenza….. in questo blog ho sentito addirittura dire che unity fosse migliore di kde…. sì…. forse la notte dopo aver chiuso gli occhi…..

        • Dario · 753 a.C. .

          cosa ne pensi invece di cinnamon?

          • matteo81

            l’ho provata quando era appena nata quindi se dovessi giudicare ora non saprei dire… l’unica cosa che posso dire con certezza è che non esiste l’ambiente desktop perfetto per chiunque perchè alla fine resta sempre un fatto soggettivo…. esistono invece i de che funzionano, che portano funzioni nuove, che ampiano la scelta in favore dell’utenza…. in definitiva non importa come funzionino…. l’importante è che facciano il loro dovere per quello che è il loro scopo e unity non c’è mai andato vicino… perchè non ha un’anima propria….. è una via di mezzo di cose che già esistevano oltretutto realizzata davvero coi piedi e piena di mezze scelte fra il casual e il commerciale….. questo non è un parere ma un dato di fatto….. confermato ormai anche dalle scelte di canonical….

          • $26315458

            Cit.
            “…mi meraviglio che ci fosse ancora qualcuno che difendesse quella porcheria”
            “…non ha un’anima propria….. è una via di mezzo di cose che già esistevano oltretutto realizzata davvero coi piedi e piena di mezze scelte fra il casual e il commerciale”

            Hai detto tante di quelle c*****e in questi tuoi post da farmi venire l’angoscia… Ti dico solo che grazie a Ubuntu (sì, con Unity) ho convinto e sto convincendo un sacco di persone a passare a Linux. Ti basta questo per capire del perchè difendo questa “porcheria” come dici te?
            Non dico che Unity sia perfetto, anzi.. c’è ancora tanto lavoro da fare, soprattutto sul lato dei consumi… ma a me personalmente piace e sono fiducioso perchè è sulla buona strada e, al contrario di come dici te, lo trovo innovativo, originale e con una forte identità… aspetta ancora un pò e vedrai quanti miglioramenti ci saranno e che grande DE diventerà…

          • Simone Dedo

            Forte identità è esagerato, cominciamo a dire che GNOME sta copiando da OSX e Unity lo fa in modo ancora più spudorato.

            Se hai convinto un sacco di persone con Unity, evidentemente sono quelle persone che accendono il pc e hanno tutto sulla barra a sinistra, un pò come OSX, ma ce l’ha sotto e in orizzontale.

            Il problema qui è un’altro ed è serio: Ubuntu sta passando per un altro server grafico di cui non sapevo nemmeno l’esistenza sinceramente, quindi ora abbiamo 3 scenari: x.org, Wayland e Mir.

            I produttori di dispositivi e hardware però, prendono in considerazione il 90% delle volte solo Ubuntu, così come software commerciali (incluso Steam).

            Ora nVIDIA e AMD cosa dovranno fare? Supportare X.org, supportare Wayland e supportare Mir? Per cosa poi? Per 1% di utenza desktop?

            Canonical ci ha aiutato a crescere, ma ora comincia ad ostacolarci.

            E non pensate che nVIDIA e AMD supporteranno tutti e 3 i server grafici, perchè non è proponibile, è solo da malati mentali farlo.

            Ed ecco dove sistemi come Windows e OSX hanno carte vincenti e dove Linux è scadente.

          • Matteo

            Quoto le tue sagge parole… Se RedHat, Suse e Canonical si sedessero a tavolino e si facessero una bella chiacchierata per unificare un po’ di cose sarebbe meglio (anche per gli sviluppatori “amatoriali”; non ci sono più programmi buoni su linux, cambiano desktop e librerie ogni 5 min., la gente deve farci qualcosa col pc non guardare il desktop!)… Ma non credo lo faranno, Canonical sembra voler correre da sola e creare il suo universo…

          • Simone Dedo

            Oh finalmente qualcuno che ragiona e capisce che per uno sviluppatore, il panorama desktop di Linux è follia e poi la gente si meraviglia che Windows e OSX hanno mercato, è ovvio che hanno mercato, non si fanno seghe mentali ogni giorno senza concretizzare qualcosa.

            Il punto è proprio questo, qualcuno deve poterci lavorare e non guardare il desktop appena acceso il pc.

            Sotto questo punto di vista, potrei dire che Canonical perlomeno sta mettendo delle basi su cui valutare se sviluppare o meno per quella piattaforma, ma proprio per questo motivo avrei raccolto RedHat e Suse (che loro 3 rappresentano esattamente le maggiori distribuzioni Linux) e avrei messo dei paletti come appunto usare Wayland in tutti gli ambiti anzichè che di 50 gatti su una piazza dove ce ne sono 1.000.000 ognuno se ne va per conto proprio.

            Ed è proprio vero, ai tempi di Ubuntu 8.04 i programmi riuscivano a coprire quasi tutti gli usi di quell’anno, invece negli ultimi anni la bontà dei programmi è calata drasticamente.

          • giocitta

            Caro jejeeg74, grazie del tuo intervento in merito a quanto scritto da matteo81. Condivido in pieno quanto tu dici e corroboro con l’esperienza personale di molti viraggi verso Linux indotti su windowsisti attraverso la presentazione di Ubuntu con Unity. La verità è che nel nostro Paese ove tutti sono sapienti, se qualcuno non ha tempo per dire immeritatamente male di qualcosa c’è ne è sempre uno che – fortuna sua – ha il tempo per farlo.

          • matteo81

            io ho spiegato in modo chiaro il mio punto di vista… se non sei d’accordo ne parliamo ma per favore scendi dal trono e lascia perdere inutili luoghi comuni….. non ho mai detto che ubuntu non sia stato importante nè tantomeno che non si possa usare…. ho solo detto che unity è stato realizzato male e in modo approssimativo….

          • Ubuntu era nata con buoni ideali che sono scemati nel tempo, per chi non se lo ricordo le versioni arcaiche portavano patch che venivano allora applicate su gnome, poi hanno deciso di prendere una strada diversa di inpuntarsi su compiz etc… il problema non è solo compiz è unity che fino all’ultima release (dove molto codice è stato riscritto guarda caso) era fatto con i piedi ovvero prendendo funzioni qua e la e mettendole insieme in un mare di righe di codice ripetitive, devo ammettere però che la riscrittura parziale in qt aveva portato i suoi pregi, ma portava anche molti difetti, peccato che il progetto fosse stato abbandonato, ma almeno ora capisco perché, se hanno intenzione di riscriverlo in qml/qt5 beh visto il numero di programmatori che hanno preso forse vale la pena dargli una possibilità…

          • matteo81

            il fatto che tu sia riuscito a convincere tanta gente a usare linux grazie ad ubuntu non centra nulla con quello che ho detto…. la mia non è una critica ad ubuntu ma una critica a unity che, mi dispiace ma resta la sacrosanta verità, dal punto di vista delle prestazioni, delle funzionalità, personalizzazione e codice resta una schifezza….. hai fatto male a fargli vedere ubuntu….. se gli facevi vedere xubuntu oppure mint mate (lasciamo perdere il “complesso” kde) forse ne avresti convinti anche di più…..
            unity NON è sulla buona strada dal momento che verrà riscritto completamente….. inoltre vorrei che mi spiegassi quale sarebbero le innovazioni che ha portato….. hai mai usato davvero un’altro de oltre a unity?

        • simone

          no, di kde no, ma di Gnome 3 di sicuro, ad occhi chiusi.

      • i motivi erano tanti: Canonical 2 anni fa era più piccola (escluso Robert Ancell quanti di quelli che stanno lavorando su Unity oggi erano in canonical 2 anni fa?), cercava un “punto di incontro” con Gnome (ricordi le discussioni per i commit rifiutati “perchè non servivano a gnome-shell”?) e stava facendo maturare tutto quello che di unity c’è ma non si vede: specifiche, librerie (indicatori, appmenu, libunity, HUD ecc).
        Se vedi tutte queste tecnologie sono alla base anche di ubuntu touch.

        QT5 è poi per alcuni versi davvero un grande passo in avanti (qtquick soprattutto grazie a V8)!

      • Dopo che il dev di Compiz ha mollato si saranno ritrovati con le spalle al muro. Non avendo una persona fissa che lo sviluppa si sono resi conto che il tutto era troppo complicato.
        Infatti avevano annunciato che Wayland non sarebbe stato supportato da Compiz, così come era chiaro che con Compiz non potevano andare avanti per sempre.

      • DeeoK

        Perché probabilmente facevano prima.
        Nel senso che volevano dare subito un refresh estetico all’interfaccia utente e con compiz facevano prima che con una riscrittura in qt. Magari anche perché inizialmente lo vedevano come un esperimento e stavano sondando le acque.
        Probabilmente in parallelo avevano un team che si occupava della scrittura in qt.

    • Unity2d non era 100% QT, anzi…
      Launcher e Dash lo erano ma il resto (barra superiore ecc) erano roba GTK. Inoltre il codice era C++.

      Questo nuovo unity dovrebbe essere 100% QTquick2.0 (quindi js+V8). Sinceramente non vedo l’ora di testarlo 😀

      • floriano

        uhm spero che il passaggi oda c++ a js non lo renda più lento…

        • Ho letto una chiacchierata tra 2 ex sviluppatori meego. Uno chiedeva la stessa cosa e l’altro gli rispose che aveva fatto qualche test e poteva stare tranquillo perchè V8 lavora talmente bene che non si noterà la differenza.

  • alessandro

    Penso che canonical non rimarrà affatto indietro dal punto di vista dei driver, se steam ha scelto ubuntu un motivo ci sarà, magari già stanno tutti (canonical, steam, nvidia, intel, ati) lavorando al supporto per questo mir… Per il fatto che sia tutto pronto per la 14.04 ho i miei dubbi, voglio dire la 14.04 è una lts, qui parliamo di un cambio epocale delle tecnologie che stanno alla base del sistema operativo, secondo me più probabile che arrivi con la 14.10…

    • fedefigo92

      Guarda che canonical ci lavora da tempo a mir…di ubuntu touch si era già detto che aveva un nuovo server grafico e infatti utilizza mir….saranno già al lavoro per integrarlo in ubuntu desktop..magari già in maniera instabile nella 13.10 per poi arrivare alla perfezione con la 14.04lts.

      • Destiel123

        ubuntu touch utilizza il display server di android.

        • ale2695

          Per ora, il piano è per portare Mir su qualsiasi versione di Ubuntu per la release 14.04. Infatti Mir ha il supporto nativo ai driver di Android 🙂

      • simone

        Tutte le aziende lavorano a lungo termine. Se oggi lo dicono, lo hanno già fatto e il tutto è pronto al 95%.

    • Pier Luigi Fiorini

      lo sai vero che intel sviluppa wayland?

  • Davide Depau

    Finalmente una buona notizia, non se ne può più di Compiz che impiega due anni a partire… Non che mi piacesse Unity 2D, e tantomeno Qt4, ma Qt5 sembra promettere bene. Tuttavia, da amante di Gtk, spero che continuino a sviluppare applicazioni col toolkit di GIMP… e spero anche che implementino una funzionalità simile alle “finestre tremolanti” di Compiz… come farò senza?? 😀

    • con qt si possono riavere gii stessi effetti di compiz se non meglio vedi kde che permette perfino di crearli tu e poi condividerli 😀 quindi non ti preoccupare che gli effetti ci saranno anche nel nuovo unity solo che sarà più veloce e reattivo grazie a qt/qml

      • Davide Depau

        L’effetto delle finestre tremolanti di KDE è veramente orribile, mentre su Unity sembra che si muove un pezzo di caucciù, su KDE sembra che muovi una gelatina ultrarigida…
        Spero più che altro nella reattività, e nella compatibilità con GTK (esempio GTK che assomiglia a Qt5 con un tema o delle patch o viceversa); non penso assolutamente che GTK vada abbandonato perché è molto più semplice di Qt: Qt è molto astruso, così come le interfacce di Windows e Mac. Gtk invece è molto più immediato: crei una finestra, ci metti un box (una sorta di griglia), in questa casella del box metti una scritta, in quest’altra un pulsante che avvia tale funzione e nell’altra ancora una pagina web con WebKit… In Qt è tutto più incasinato, anche se è molto più potente…

        • Darkat

          GTK può sembrare più semplice inizialmente ma in realtà pian piano che ci si sviluppa diventa una chimera, un mostroso ammasso di codice ingestibile, dovuto principalmente alla sua veneranda età e al fatto che non sia mai stato modernizzato, ma anche buona parte al fatto che utilizzi il C come linguaggio base. Per dimostrare ciò che dico basta prendere qualsiasi progetto grande scritto in gtk e vedere lo stato di stallo in cui si trova, prendiamo ad esempio GIMP per il quale le librerie sono state scritte, si trova in uno stato pachidermico in cui non riesce più ad andare avanti tranquillamente e anche la più piccola aggiunta o modifica richiede mesi di lavoro. Queste sono le GTK. QT può avere una curva di apprendimento più lenta ma poi sono molto più efficenti e sopratutto ti danno molte più possibilità. Questa scelta Canonical la doveva fare circa 4 anni fa.
          E in ogni caso se preferisci la semplicità basta usare QML e non c’è toolkit che regga il confronto.

          • Davide Depau

            Sono comunque d’accordo. Quando iniziai con Python scelsi GTK perché ancora non ero all’altezza di Qt… GTK era semplicissimo e comprensibile. Ma poi ho scritto un’interfaccia per un programma di Karaoke (Bash!Karaoke). Proprio qualche giorno fa ne ho abbandonato lo sviluppo perché andava in crash per niente, troppi sigsegv inutilmente… Ho deciso di dedicarmi così al backend di questo programma…
            Forse prima o poi imparerò Qt5/QML…
            Tuttavia adoro l’aspetto di GTK, sempre bello e elegante… Qt mi ricorda Windows/Mac…

  • angy

    senza finestre tremolanti e senza effetti 🙁

    • Ocelot

      E vabbe dai, ora hai steam se vuoi giocare invece dei “giochini” di Compiz. (Cmq KDE li ha gli effetti ed è scritto in Qt…. mmm)

      • kde 4.10 permette di aggiungere anche effetti di terze parti
        di default bene o male ha gli stessi effetti di compiz compreso cubo finestre tremolanti ecc
        completamente personalizzabili

    • Ocelot

      vai sul tubo e metti watch?v=vhWS_bN-T3k e guarda gli effetti particellari :S

  • matteo81

    capisco la bella notizia ma andiamo piano a sbavare sù dove cammina canonical…. compiz per quel che è stato sviluppato (poco) funzionava fin troppo bene…. non è un caso che con xfce funzioni alla grande… idem dicasi per il vecchio gnome 2… il problema era dovuto al lavoraccio fatto coi piedi dal team (sempre che si possa chiamare team…) di canonical…. per mia esperienza con xfce e compiz+emerald pieni di effetti i problemi non esistevano mentre con unity sembrava di guidare un camion sul ghiaccio… questa non è colpa di compiz ma di chi lo ha integrato come il porco all’interno di una sottospecie di de….. semmai questa scelta rappresenta la prima grande sconfitta da parte di canonical dal punto di vista dello sviluppo… avessero fatto scelte furbe probabilmente oggi avremo già quello di cui l’articolo parla…. mi meraviglio che ci fosse ancora qualcuno che difendesse quella porcheria….

  • TopoRuggente

    Sono molto curioso, ma ho anche molti dubbi.

    Wayland sfrutta la tecnologia l’input handling di Xorg, non perchè sia buono, ma perchè riscrivere quella parte di codice sarebbe ormai un suicidio, buona parte dei driver di imput si basano su quelle specifiche.

    Ora Canonical si butta in una direzione dove Ubuntu sarebbe
    Uno Gnome customizzato eseguito su server Mir eseguendo codice QML, JS, GTK e python allo stesso tempo?

    Oltretutto customizzando Gnome dovrebbe farne un fork, e farlo anche delle GTK.

    In breve buona parte del lavoro di Xorg e Gnome, si aggiungerebbe al normale carico di Canonical!

    Potrebbe funzionare, se e solo se Ubuntu diventasse tipo MacOs, ovvero supportasse solo una ristretta lista di hardware (telefonini, notebook e pc).

    • chi ha detto che ci sarà lo gnomo? Gli applicati che svilupperanno per ubuntu phone potrebbero sostituire i corrispondenti presenti oggi (e immagino che quando sarà sostituito Nautilus saranno in tanti a festeggiare!)

      Certo si potranno eseguire applicativi GTK ma non è lo stesso pure su KDE (dove pure li girano python, gtk, js ecc)

      • TopoRuggente

        Ok, se non è lo gnomo, sarà KDE, o quello che vuoi tu.
        L’esempio di Gnome era solo perchè è la attuale situazione.

        Comunque sicuramente nessuno dei DE investirà risorse per girare su Ubuntu, se Canonical vuole un DE o modifica un preesistente o ne scrive uno nuovo, ma lo fa lei.

        • Beh la strada intrapresa da Canonical è quella. Unity sta diventando sempre più un DE indipendente….
          Se sarà portabile o meno altrove lo scopriremo presto…

  • asuspro1985

    Credo che linux mint e ubuntu stiano facendo di gran lunga le scelte migliori in prospettiva…aspetto la risposta di kde …sopratutto in ambito touch.Gnome shell è un progetto schizofrenico per vari aspetti.

  • DeeoK

    Era ora.

  • Simone Dedo

    Perchè i miei commenti non vengono pubblicati?

  • Andrea

    Esistono altre distro debian-based con un buon supporto per kde? direi che è ora di abbandonare kubuntu, visto che canonical continua a fare scelte discutibili dopo upstart ecco sta fuffa di mir

  • rigobot

    Qui un dibattito tra sviluppatori Wayland e un esponente del team Ubuntu.

    http://pastebin.com/KjRm3be1

    Forse, come sostengono nella discussione, Canonical doveva annunciare la sua scelta e considerare la quasi maturità di Wayland. Certo ci sono delle ragioni tecniche per cui Canonical vuole scrivere il proprio display server, ma dalla discussione si evince che Wayland, volendo, sarebbe pronto a soddisfare le loro richieste. Di nuovo, se questa scelta fosse stata precedentemente annunciata, magari ora avremo un colosso dell’ “open source” che collabora a un vero progetto OpenSource per un bene comune, quello di pensionare migliaia di righe di codice vecchie di 30anni. Anche perché il futuro non è roseo con 3 server disponibili che **dovrebbero** essere supportati da tutti i vendor…

    Se Steam ha scelto Ubuntu? Piuttosto Steam ha scelto X, poi dovrà scegliere ancora, Wayland o Mir?

  • Dario Grillo

    Alleluia, si son resi conto che mantere compiz era un idiozia, però perchè appoggiarsi ancora su gnome? perchè non passare a kde come base desktop?

    • passare a kde la vedo dura
      già la rimozione di compiz a mio avviso è un’ottima notizia 😀

  • ” Canonical per il futuro ha scelto MirSpec un nuovo display server ” il display server si chiama mir, non mirspec, quello è solo il nome della pagina wiki….

  • Io credo che ognuno debba usare ciò che ritiene opportuno e adatto alle proprie esigenze.

No more articles