Ubuntu - pulsanti a destra

In questi anni Canonical ha lavorato molto per dare una propria identità ad Ubuntu realizzando un tema dedicato, font, ambiente desktop e molto altro ancora.
Particolarità del tema Ambiance di default è quello di avere i pulsanti delle finestre alla sinistra e non a destra come gli altri ambienti desktop e distribuzioni Linux.
Se utilizziamo un tema di terze parti o semplicemente non amiamo avere i pulsanti delle finestre in stile Mac OS X è possibile portarli a destra con molta facilità.
Per farlo possiamo utilizzare un’applicazione dedicata alla personalizzazione di Ubuntu come Ubuntu Tweak, Unsettings, Unity Tweak Tools ecc oppure possiamo farlo senza installare nessuana applicazione operando da Dconf Editor tool già presente di default in Ubuntu.

Per avviare Dconf Editor basta cercarlo nel Dash o Menu di Ubuntu e andare in org -> gnome -> desktop -> vm -> preferences e cliccare su value in “button-layout e sostituiamo

:minimize,maximize,close
con
menu:minimize,maximize,close

immediatamente avremo i pulsanti delle finestre a destra, fatto questo basta solamente chiudere Dconf.

Per ripristinare i pulsanti della finestra come da default basta digitare:
gsettings set org.gnome.desktop.wm.preferences button-layout ':minimize,maximize,close'

e riavremo i pulsanti delle finestre sulla sinistra come da default.

  • Ubuntiano84

    credo sarebbe cosa buona e giusta mettere le fonti dal quale ricavi molti, ma molti dei tuoi articoli 🙁

    • perché?che fonte dovrei mettere?

      2011/8/2, Disqus :

  • Ubuntiano84

    Sai bene di che parlo….. A questo punto faresti bene a trasformare il blog in un aggregatore….. avrebbe di certo più senso.
    Ciao, alla prossima.

    • non lo so che fonte dovrei mettere dimmelo cosi la metto!

  • l’invidia è una brutta bestia!!! 😉

  • Claudiopalumbo

    ahahahache gente!!!!
    Roberto meglio perdere questi personaggi
    molto probabile che sia uno con un blog del cavolo!
    W lffl 

    • L’articolo l’ho scritto io… Non per vantarmi ma non ho bisogno di copiare articoli da nessun blog!

  • sinapsi77

    ma che senso ha
    scrivere: “basta avviare il terminale e digitare quanto scritto sotto:
    sudo add-apt-repository ppa:kubuntu-ppa/backports
    sudo apt-get update
    sudo apt-get dist-upgrade”

    e poi aggiungere: “In data odierna non è ancora presente nei PPA”

    allora non lo mettere

    • l’articolo è stato scritto dopo aver testato il nuovo amarok su arck
      ho aggiunto i ppa per ubuntu per non ripetere l’articolo tra un paio di giorni (spero)
      tutto qua
      non esiste solo ubuntu per fortuna esistono anche altre ottime distribuzione che aggiornano immediatamente senza dover aggiungere ppa o aspettare che altri le fanno

  • Max Deliquio

    in effetti fin che non rendono disponibile la versione 2.4.3 nei PPA non ha molto senso anche perché dopo aver lanciato quei comandi vengono aggiornati dei pacchetti che non permettono di installare l’attuale versione di Amarok

    • l’articolo è stato realizzato dopo che la nuova versione è stata aggiornata su arch
      come vedi le immagini e i ringraziamenti in fondo all’articolo
      ho aggiunto i ppa per ubuntu tutto qua se poi gli aggiornano oggi o tra un mese non lo so ho aggiunto il collegamento al ppa per verificare
      tutto qua

  • Giulio

    La nuova versione e’ nei ppa

  • Umbesca04

    ciao seguita la guida ma dopo aggiornamento di amarok se lo avvio ho un rallentamento pazzesco del pc ed ora mi succede lo stesso problema avviando anche virtualbox. Qualsiasi cosa aprà dopo aver aperto uno dei 2 citati sopra devo forzare la chiusura del programma lanciato e devo riavviare il pc per far tornare tutto alla normalità e purtroppo monitor di sistema non va per capire cosa crea il problema. E’ possibile far tornare tutto come prima. Uso natty

    • si con ppa-purge puoi ripristinare la versione di default

      • Umbesca04

        fatto diciamo che ho risolto il problema. però mi sono accorto che i rallentamenti sono rimasti e quando lancio monitor di sistema (almeno adesso vedo qualcosa) ci sono un bel pò di programmini aperti che stressano la cpu ed ecco i rallentamenti, il problema è che non so cosa posso chiudere di quei processi aperti e come non farli riattivare se non mi servono

  • Kiko_fire_ram

    Segnalo che ha funzionato anche su ubuntu 16.04 LTS

No more articles