Dopo un’avvio fallimentare il progetto Chrome OS / Chromebook comincia a prendere forma e con esso anche le richieste dei nuovi pc portatili targati Google.
Google ha recentemente annunciato che Chromebooks sviluppati da Samsung, Acer e HP saranno disponibili in 6 nuovi paesi quali Australia, Canada, Francia, Germania, Irlanda e Olanda.
In Italia quindi dovremo anche aspettare alcuni mesi per poter acquistare i nuovi modelli di Chromebooks i quali sopratutto nei mercati statunitensi ed inglesi stanno riscuotendo un notevole successo di vendite.
Notare che nel 2012  Chromebook è stato il portatile più venduto su Amazon tutto questo successo è dovuto principalmente all’abbassamento dei costi e la possibilità d’installare anche Ubuntu o altra distribuzione Linux in dual boot.
Aspettando che arrivi anche dai ci sarà da chiedersi se anche in Italia avrà un successo come all’estero oppure il mercato rimarrà concentrato sui classico netbook / notebook con Windows o Linux?

Leggendo alcuni blog esteri la maggior parte degli utenti che acquista un Chromebook lo utilizza come secondo pc principalmente per navigare in internet visto le sue limitazioni, inoltre il più venduto è il modello più economico con processore ARM in grado di offrire un’ottima autonomia.
In Italia sarà un successo o rimarrà nei magazzini dei vari store?

In Italia a mio avviso può essere un’ottimo acquisto per il semplice fatto di poter installare Ubuntu o altra distribuzione Linux in dual boot.
Il problema sarà il prezzo se verrà venduto a 250 Euro dato che  il Chromebook ARM (in USA costa 249 dollari) potrà davvero essere un’ottimo acquisto.
No more articles