Uno dei blog più visitati in Italia è quello di Belle Grillo il famoso comico e politico genovese a capo de M5S attualmente il primo partitolo politico in Italia. In queste ore è apparso nel blog di Beppe Grillo un’interessante post su Richard Stallman e le qualità del software libero.
L’intervista mette in risalto le qualità del software libero sperando (visto i tanti lettori del blog di beppe grillo) possa avvicinare alcuni utenti al software libero e all’utilizzo di distribuzioni Linux.
Speriamo inoltre che il nuovo governo porti il software libero nelle pubbliche amministrazioni prendendo spunto dai tanti comuni italiani ed esteri che stanno passando all’uso di suite per l’ufficio open source e sistemi operativi liberi.

Già con il nuovo Decreto Sviluppo 2012 varato dal governo Monti si è iniziato a tener conto del software libero ma speriamo che con questo nuovo governo si faccia qualcosa dipiù.
  • Beppe Grillo arriva buon ultimo a parlare di software libero, Ad esempio

    https://it.wikipedia.org/wiki/Adozioni_di_software_libero

    ma molti altri casi

    • Lazy Lazy

      Cmq grillo, prima per promuovere le cose che dici, prima dovrebbe cercare di governare e non dire di no a qualsiasi accordo ed a discapito anche di battaglie che in teoria dovrebbe sostenere, lui vuol esolo riandare alle elezioni perchè per governare ci vogliono idee e lui pare non averne

    • Guest

      Mi permetto di puntualizzare su una piccola imprecisione nell’incipit dell’articolo: il M5S non è il primo partito politico in Italia, forse è il più chiacchierato, ma anche le chiappe di Formigoni lo sono abbastanza… 😉

  • Te pensa. Parla di Stallman e software libero ma nel frattempo usano Meetup, una piattaforma 2.0 chiusa e per giunta a pagamento…

    • Stefano Petroni

      Ho parlato di ciò con un noto(abbastanza) blogger su twitter dicendo appunto la stessa cosa.Per non parlare del fatto che le varie licenze del suo blog ma anche del movimento(sempre roba sua è) non sono classificabili come “libere”.
      Gli stessi commenti al post affermano le stesse cose.Si può parlare di software libero se poi non lo si usa?penso che quasi tutti usiamo anche software proprietario,per volontà o per dovere,ma almeno non cerchiamo di passare per “santerelli”.

      • la domanda che fai è interessante.

        Io credo che a livello personale uno può usare anche un mac, per ennesimi motivi personali. Ma almeno ciò che riguarda la sfera pubblica no.

        Grillo basa la sua politica sull’idea di copyright.

        Grillo possiede un copyright sul contrassegno e logo del movimento. (punto 3 del suo Statuto). Grazie a questo può impedirne l’uso a chi vuole, che nella pratica significa cacciare chi vuole dal M5S.

        Altroché libera diffusione della conoscenza.

        Il M5S è la Canonical della politica italiana.

        • Stefano Petroni

          iAlmeno l’astronauta nella presentazione di Ubuntu Touch non parla mai di software libero!Lui si che è coerente!ahahahah

        • lucio

          questa è la stronzata più grossa che ho sentito in vita mia. cioè, mi stai dicendo che il simbolo del M5S doveva essere open source? hahahaha o mamma mia, le devo sentire tutte 😀 prendetevi la pasticca della sera da bravi bambini ritiratevi nella vostra cameretta 😉

          • Stefano Petroni

            Nessuno ha detto questo.Se però parli di libertà dura e pura come quella intesa da Stallman non puoi avere il simbolo di tua proprietà coperto da copyright ,il blog,il sito del movimento coperte da license cc non libere e utilizzare piattaforme chiuse e a pagamento.

            La differenza sostanziale è che qualcuno parte in quarta come se gli avessero offeso una persona cara (per non dire capo) mentre altri cercano di ragionare e di criticare un post su un blog.

          • KatolaZ

            Chapeau caro Stefano. E’ proprio questo il punto. Non e’ possibile discutere di nulla. Si deve solo ripetere pedissequamente la parabola giornaliera propinata dal “leader” e dire “sissignore, sono d’accordo”. E se per caso ti azzardi a criticare, sei un idiota che non si informa, oppure un giornalista corrotto, o un rincoglionito che guarda solo la televisione e segue i media deviati. Questa non e’ democrazia. E’ fascismo. Pero’ se dici che e’ fascismo, allora subito giu’ a dire che non hai capito nulla del M5S, che devi toglierti il prosciutto dagli occhi e devi informarti meglio, e che sei un ignorante che guarda solo la televisione e segue i media deviati.
            Cioe’ che e’ sotto gli occhi di tutti, e cioe’ hhe il movimento cinque stelle fino a questo momento se ne sia sbattuto amabilmente del software libero, delle cultura libera e dei diritti digitali, sia nelle parole che nei fatti, come fai notare tu, non conta nulla, perche’ “il lider maximo” oggi ha detto il contrario, e guai a contraddirlo….

          • Simone

            Katolaz, io credo sia il problema della comunicazione 3.0, quella dei vari fb, Twitter e così via…vai a vedere tutti i gruppi, siano vegetariani/religiosi/sportivi/culturali: tutta gente che si riunisce a fare quadrato attorno ad una idea di base portata avanti da pochi abili comunicatori che la sviluppano e la diffondono bene. Il risultato è che se non sei con loro al 100% sei da eliminare…

          • Simone Sclavi

            Anche Mozilla strumentalizza il software libero!! Il logo di Firefox è sotto copyright! Orrore!! ROFL!!!!!

          • TopoRuggente

            Vero, ma può essere usato liberamente per qualsiasi scopo relativo a Firefox.
            La Mozilla Foundation non può negerti il diritto di uso se tu lo fai correttamente.

            Ad esempio, se sul tuo sito usi il logo dichiarando io uso Firefox, non potranno mai negarti il diritto d’uso, differentemente Grillo potrebbe impedirti di dichiarare su web che voti M5S usando il suo logo.

          • Perdonami Lucio… forse non vuoi capire o ti viene complicato. Si parla di partiti poltiici e il logo non è di proprietà di nessuno. In questo caso M5S è PROPRIETA’ dei soci (Grillo, Casaleggio…) e non degli eletti. Ciò vuol dire anche che un leader c’è nel movimento ed è un controsenso perchè LUI dice che non c’è bisogno di leader nelle forze politiche. Mi fermo qui…

          • TopoRuggente

            Creative Commons?
            Ci starebbe …

        • Simone

          Santiago, non offendere Canonical paragonandola ad un partito italiano, se Linux pian piano si diffonde al pubblico consumer è proprio merito loro. Premetto che Stallman mi sta sulle balle, e che il mio approccio al software è più quello professato da Linus (purché vi siano alternative, uno del proprio lavoro può fare ciò che vuole, regalarlo o venderlo, finché hai alternative nessuno ti obbliga a comprare nulla). Grillo non è un santo, anche se duole dire che il suo (purtroppo proprio SUO) movimento è forse l’unica speranza che abbiamo di rinnovare un pò il sangue della classe politica, ma io preferisco che se ne parli (bene) pur senza usarlo piuttosto che niente…io stesso ho conosciuto Linux grazie alle chiacchiere e a Canonical, altrimenti sarei rimasto alla leggenda del “è complicato”….

          • ilMistico

            E da quando lo scopo di Gnu/Linux è quello di attirare pubblico? Non riesco a comprendere perchè Gnu/Linux debba a tutti i costi conquistare utenza, manco fosse una società o se qualche utente ci guadagnasse qualche soldo. Per quanto riguarda Grillo, la politica e il rinnovamento…siamo proprio sicuri? Sicuri che un partito Fascista possa rinnovare (per il meglio) la politica italiana? Grillo gestisce il suo movimento un po come Steve gestiva la Apple o come Bill gestisce la Microsoft…comandare senza un minimo di confronto critico con gli avversari. Infine, il fatto di parlare del software libero e non usarlo è esattamente la stessa cosa di dire “ragazzi, usate il preservativo” e poi trombare a destra e manca senza profilattico. L’esempio è la prima cosa, le parole non sono nulla.

          • cerash

            d’accordissimo, a parte il primo punto: non trovi essere contro l’utilizzo del free software o dell’open source sia antitetico a dire che linux deve non deve necesariamente essere per tutti?

            per chi non usa linux rimarrebbero due opzioni:o non usare il computer, o sperare che apple e microsorrt diventino free…

            altrimenti l’open source usiamolo noi, ma poi non lamentiamoci se ci piazzano l’uefi, se gli oem sono fissi su una marca…

          • Simone

            Innanzitutto Linux ha conosciuto una crisi d’utenza senza precedenti con il migliorasmento costante degli ottimi sistemi proprietari. Costosi ma ottimi, purtroppo per Linux. A meno che non vogliano i programmatori puri arrogarsi l’esclusiva di Linux il fatto di conquistare utenza è l’unica ragione per cui delle aziende potrebbero investirci, e visto che molte lo fanno e con il beneplacito e l’appoggio della Linux Fund. che a sua volta riceve sovvenzioni in questo senso, è così che dev’essere. Il mercato è la perfetta dimostrazione di come funziona la legge di natura, e il migliore vince, chi non riesce a portare risultati scompare. Quanto al paragonare Grillo ai fascisti, si, sono stato tra i primi a dirlo, ma non sono un romantico, preferisco il termine “stronzo”. Però Grillo è il portavoce, proprietario del marchio finché vuoi ma non più dei suoi avversari, a conti fatti, e comunque ineliggibile. Ah, e non paragonare il povero Gates a gentaglia come Steve Jobs: lui ha fatto quel che avremmo fatto tutti noi riuscendo a rendere predominante un nostro prodotto, ma dal punto di vista etico aziendale è un esempio, a differenza dell’antisindacale/truffatore/evasore fiscale Jobs.
            Quanto a trombare, a patti chiari ognuno fa ciò che vuole, io lo dico e lo uso pure, tanto che a parte il pc aziendale, forzatamente Windows, uso XLMD e dal non uso Windows per ragioni non professionali.

        • cerash

          santiago… povera canonical…

    • lucio

      non vi sta bene mai niente. mi sembra interessante già solo il fatto che in un blog seguito come quello di Beppe se ne parli. in italia va di moda lamentarsi sempre di tutto, questo paese lo capisco sempre di meno.

      • Stefano Petroni

        Non è che che non ci sta bene niente!Cerchiamo di dire le cose come stanno!Si può criticare tutto e Grillo no?

      • e quindi? Cioè qual è la tua tesi?
        Io la penso così: bene, bello che se ne parli, ma ribadiamo il fatto che Grillo lo fa per strumentalizzazione.

        • Jacopo Ben Quatrini

          strumentalizzazione di cosa ? di quei quattro gatti che usano linux ?

          • Mi fermo qui va la, i flame di solito li faccio a casa mia.

            Scusa Roberto.

          • Stefano Petroni

            Strumentalizzare la cultura libera.

          • Jacopo Ben Quatrini

            Un conto è parlare di SOFTWARE libero un’altra è parlare di CULTURA. Credi veramente che questa sia una strumentalizzazione efficace (ammesso che lo sia ) ? No , non lo è anche perchè non ne ricaverebbe nulla.

          • Stefano Petroni

            Stallman rappresenta ANCHE la cultura libera e non solo il software.

          • Jacopo Ben Quatrini

            si va bene ma secondo te in quanti conoscono stallman ? se grillo volesse davvero strumentalizzare il software libero e la cultura libera non ne guadagnerebbe nulla in quanto è un’utenza molto ma molto ristretta. Quindi in base a cosa dite che è una strumentalizzazione ?

          • Stefano Petroni

            Non importa quanta gente strumentalizzi importa solo se lo fai.

          • ….i 4 gatti… tu saresti il topo?

      • ma che lamento è? si tratta di un dato di fatto..

    • ahahahahah i casi della vita…

    • xxx

      usano anche $kype

    • ihaveadrin

      Di libere ci sono giusto le parole e il server CentOS non aggiornato da una vita della macchina su cui girava il blog di Beppe, as far as i saw.
      Sfasciava i pc mentre Motif e Lesstif, GTK, Qt uscivano in versione stabile: cosa ti puoi aspettare da uno del genere?

      Ok, bello che promuova, magari qualche stronzo disposto a pagarmi per imparargli il free software lo troverò grazie a bebbe, ma nei fatti non ci crede assolutamente: usa proprietario, non ci crede.
      È un po’ come se lo vedessimo comprare il Dash al supermercato.

      • Caterpillar

        Qua la mano

  • ab

    al momento mi accontenterei che si formasse un governo.

    leggendo qua e la, qualcuno si chiedeva dove fosse la coerenza nell’avere un simbolo di partito (o movimento) ben coperto dal copyright e spingere all’utilizzo del software libero.

  • Stefano Petroni

    Shhh si offendono se li chiami partito! che poi sono il primo solo alla camera per la precisione! Ora non scateniamo guerre tra poveri! 😀

  • Gianfranco Colavolpe

    e comunque quello di Grillo non è un partito…

    • no certo hai ragione, è una associazione libera di idee che risiede nell’iperuranio platonico. Il copyright però ce l’ha Grillo & Casaleggio.

      • Kryohi

        hahahaha XD

      • GioGio

        Forse mi sfugge qualcosa ma credo che tutti i partiti nella stragrande maggioranza degli stati abbiano partiti con il nome/marchio registrato. Non posso andare in germania e fondare un partito che si chiama s.p.d o in Argentina Propuesta Republicana o Partido Socialista de Argentina.

        • cerash

          si, ma il titolare del simbolo è il partito stesso, non una persona…
          è ben diverso!

  • Utente A

    Va bè, è sempre pubblicità al mondo open, non penso vada bistrattata, come si dice… a caval donato non si guarda in bocca 😉

  • KatolaZ

    Strano che Grillo cominci a parlare di Software Libero solo adesso. Sette anni fa, quando il movimento cinque stelle non esisteva nemmeno, i Linux User Group e gli Hacklab siciliani mandarono una lettera aperta a Beppe Grillo, spiegando l’importanza di diffondere l’uso di Software Libero e la necessita’ di lottare per i diritti digitali, per una cultura davvero libera, accessibile, condivisa e basata su principi democratici. La lettera fu cestinata senza risposta. Ora arriva la tardiva captatio benevolentiatiae di chi vuole strumentalizzare la battaglia per il Software e la Cultura Liberi, nonostante non capisca nulla di software libero e non abbia assolutamente la piu’ pallida idea di cosa voglia dire “cultura libera”, essendo abituato a metodi fascisti che con Stallman e col suo pensiero non hanno nulla a che vedere. Vergogna.

    • lucio

      grillo ha sempre parlato di open source….SEMPRE….INFORMATI MEGLIO. per quanto riguarda il fascista, non hai nemmeno la più pallida idea di che cosa sia un vero fascita… ma perchè non ti pulisci la bocca prima di parlare?

      • Stefano Petroni

        ecco un altro che offende.Ma parlare tranquillamente no?KatolaZ ha esposto un fatto preciso se tu hai le prove del contrario puoi postarle e ne parliamo.

      • KatolaZ

        Non c’e’ nessuna ragione di urlare 🙂 Io ho detto che Grillo non ha mai parlato di Software e Cultura Liberi, che non l’Open Source c’entrano solo di striscio (per non dire che non c’entrano quasi nulla). Lo so che nell’onda qualunquista che caratterizza Grillo, Grillini e stellini si pensa piu’ a gridare piuttosto che a fare informazione, ma conviene sapere bene di cosa si parla prima di parlarne. Grillo non ha *mai* parlato di Software e Cultura Liberi, per il semplice motivo che la cultura libera non e’ una cosa *molto* pericolosa. E lui questo lo ha capito benissimo.

        • Io ho contribuito a parti del programma Lombardo M5S proprio per quanto riguarda Informazione & Connettività e guarda caso uno tra i punti principali è proprio il free software. Forse non sai un’emerita ceppa sul Movimento? Pare proprio di si… ! Informarsi non è reato!

          • KatolaZ

            Continuo a parlare di *fatti* e non di *parole*. Nel programma del movimento cinque stelle (https://s3-eu-west-1.amazonaws.com/materiali-bg/Programma-Movimento-5-Stelle.pdf, link presente sul sito ufficiale del movimento), che nonostante le tue perplessita’ ho letto da cima a fondo, non c’e’ nessun riferimento a software libero, cultura libera e diritti digitali. E nemmeno a open source, se vogliamo essere precisi. Sto ancora aspettando che qualcuno controbatta con un *fatto* alla mia affermazione precedente, e cioe’ che Beppe Grillo non e’ mai stato interessato a Software e Cultura Libera negli ultimi 20 anni. Non serve deviare il discorso su altro e dare del qualunquista e dell’ignorante a destra e a manca. Puo’ funzionare una volta, ma alla fine la gente si stanca di sentire la stessa solfa.

      • Simone Sclavi

        Il problema è che qui la gente ripete a macchinetta le fesserie che passa la televisione, dove si tenta continuamente di screditarlo perchè hanno paura di lui… spegnete la televisione ed accendete il cervello please. Mi aspetterei un maggior apertura mentale dagli utenti Linux

        • KatolaZ

          Io non parlo di cose riferite dalla televisione (che non accendo da 10 anni) o dai “media deviati” (che poi e’ solo un modo alternativo per etichettare quelli che ti criticano, non avendo altri argomenti per obiettare). Se rileggi il mio post con attenzione ti accorgerai che io parlo di *fatti*, di cui io stesso sono stato umile protagonista assieme a decine di altri attivisti siciliani che credono nel Software e nella Cultura Liberi. Grillo non ha mai mostrato nessun interesse per Software e Cultura Liberi negli ultimi 20 anni, e siete pregati di dimostrare il contrario con altri *fatti*, non con delle accuse qualunquiste e con insulti gratuiti.

          Mi insospettisce molto il *fatto* che Grillo cominci a citare Richard Stallman solo adesso. Parliamo di questo, anziche’ continuare a ripetere a pappagallo la solita pappa pronta dei media deviati e dei giornalisti corrotti. Io non posseggo una televisione e non sono un giornalista. Parliamo di Software e Cultura Liberi, e parliamo di chi vuole strumentalizzarli non sapendo *nulla* di cosa significano (per tacere del fatto che lo stesso Grillo fino al 1995 spaccava i computer in diretta televisiva….).

          • Simone Sclavi

            Ad esempio questo post del 2006 va bene come fatto?

            http://www.beppegrillo.it/2006/10/adotta_un_pinguino.html

          • ihaveadrin

            L’ha fatto fino al 2000, in realtà.
            Più che una cosa sospetta, cerca d’apparare lo GNU movement nel sincretismo fra troiate che perpetra da quando ha imparato a bloggare.

          • claudio

            non è grillo che ha cominciato a citare stallman, ma quest’ultimo che incuriosito dal fenomeno grillo ha chiesto di essere intervistato, informati meglio

      • fedefigo92

        Si giusto…anche nelle piazze dello tsunami tour diceva che i politici non capiscono niente gli parli di opensource e non sanno caso significhi.
        Detto questo far passare tutta l’italia le scuole gli ospedali,tutto lo stato a libreoffice e a linux farebbe risparmiare miliardi di euro…per non parlare di pc senza virus e problemi, e come diceva stallman del vantraggio di potersi modificare il sistema da solo per ogni esigenza.

        • daniele dragoni

          però quando mandavano i video e i contributi per esempio a san giovanni si vedeva benissimo che usavano winnozzo

      • GioGio

        Non diciamo mazzate, Grillo anni fa sfasciava letterealmente i computer sul palco dicendo che erano lo strumento per controllare le persone. Ovvio che tutti possono ricredersi ma almeno diciamo le cose con esattezza.

    • claudio

      informati meglio

  • Brau

    Interessante il fatto che, guardando quello che scrive Lucio, in Italia il M5S non solo è arrivato al Governo, ma ha scalzato il cattolicesimo come religione di Stato… Se fossi in Stallman mi starei già strizzando i maroni…

    • nakki

      correggo: non è arrivato al governo ma in parlamento. Poi, non lui ma i rappresentanti del movimento…

  • CP

    Il M5S non é un partito: é un organo della Casaleggio associati, sia giuridicamente che de facto. Detto questo la Casaleggio associati é vicina al software libero e all’open source tanto quanto io sono un cosacco.

    • ahahahahaha bella questa… hai ragione perfettamente ma chi li segue ha il prosciutto negli occhi…

    • claudio

      vero, ma non l’hanno mai nascosto, anzi sempre detto chiaramente, non c’e niente da nascondere

  • franz1789

    Quando leggo certi commenti da parte di alcuni utenti GNU/Linux penso che se ci fosse un Haiku funzionante come si deve a quest’ora non sarei nemmeno qui. Parli di software open source, stai strumentalizzando. Non parli di software open source, allora non hai a cuore il tema. Forse Grillo, che è leader fuori dal parlamento di un movimento che al parlamento c’è già, in questo momento se ne frega dei voti del 2% della popolazione (me compreso) che usa GNU/Linux, ma sta semplicemente elencando punti del programma da mettere in atto. Che cosa dovrebbe strumentalizzare? Ha preso il 25%, pensate che l’approvazione di quei 200K-500K che usano GNU/Linux gli interessino qualcosa?

  • Roby

    Ma che vi lamentate a fare dio mio…vi lamentate sempre…SEMPRE!!
    Uno dei blog piu visitati d’italia ha aggiunto un intervista stupenda che potrebbe portare sto benedetto paese a risparmiare qualcosa e voi che fate? vi lamentate!
    No ma mi pare corretto eh…complimenti!
    Comunque grandissimo Beppe,sono felice che un comico e presidente di un movimento politico in italia ne parli.

  • Dario · 753 a.C. .

    una maggiore diffusione di una distro linux potrebbe coincidere con lo sviluppo di virus che riescano ad eludere il sistema di permessi??

    non sarebbe meglio continuare ad usarlo in pochi??

    • Ocelot

      Assolutamente no. Anche io per pochissimo tempo la pensavo così, poi c’ho riflettuto su…

      • TopoRuggente

        Mezzo e mezzo.

        Ogni nuovo utente è il ben venuto, ma secondo me ci sono dei punti che dovrebbero rimanere fermi.

        Linux è uno splendido sistema operativo, con una spiccata capacita a fare il server e grandissime potenzialità educazionali.

        Per dare un esempio, negli ultimi anni (specie grazie ad Ubuntu) si sono aggiunti numerosi utenti al mondo linux, ma contemporaneamente non sono aumentati allo stesso modo gli sviluppatori.
        Non vorrei un linux peggiore, con miliardi di utenti e poche centinaia di sviluppatori.

      • Dario · 753 a.C. .

        ok.. ho sempre trovato pareri discordanti su questa tematica

  • nakki

    Non capisco proprio tutta questa polemica sul copyright sul logo del movimento. Mi sembra un dettaglio poco significativo. Come si fa a pensare che un movimento parlamentare nazionale, non registri il proprio simbolo? Perfino debian ha “liberato” solo ora il suo simbolo.
    In un mondo di unicorni, draghi e pioggia di caramelle potrebbe esistere un mondo completamente free ma per ora siamo in questo e non mi sembra un comportamento corretto demonizzare una delle poche persone che tratta apertamente l’argomento, solo perché ha questo o quell’altro. Se lo promuove per me è positivo a prescindere che lui usi un ipad o un mac.

    • daniele dragoni

      Per adesso che grillo e casaleggio sono proprietari del simbolo è una sicurezza. Per il futuro bisognerà rivederla questa cosa.

      • nakki

        Sono d’accordo e non sarebbe male rilasciasse anche il codice della piattaforma del programma di voto….ma ho i miei dubbi!

        • daniele dragoni

          Il programma di voto è sarà un fork di Liquid Feedback (del partito pirata) e quindi opensource. Stanno cercando dei prpgammatori Lua e fra poco si creerà su Facebook un gruppo di discussione.

          • nakki

            ottimo, non lo sapevo!

    • Ma infatti…non ci vedo nessuna ipocrisia, il blog di Grillo da sempre è per l’apertura delle informazioni e sarebbe stato strano che non supportasse GNU/Linux.
      A me pare che ci sia una tendenza a demonizzare cose inutili, un comportamento infantile altroché…

  • Sta di fatto che è comunque lodevole da parte di Beppe Grillo parlare del software Open, fermo restando che io sono politicamente neutrale e non sto dalla parte di nessuno.

    Una cosa che però mi ha fatto parecchio storcere il naso è vedere gente che, secondo loro, usano ubuntu o mint o altre distrubuzioni… dire che all’improvviso il sistema si blocca o menate varie.

    Personalmente non ho capito che razza di gente sia che sulla bacheca di Grillo fa commenti assurdi mostrando la solita ignoranza sconfinata.

    • claudio

      le persone serie non commentano piu sul blog perche ormai lo frequentano da anni e lo conoscono bene, quelli che commentano adesso in modo delirante sono “infiltrati” che stranamente dopo il risultato politico sono aumentati di dieci volte

      • Effettivamente è così.

        E’ la solita solfa, vogliono ostacolare chi (per una volta tanto nella storia italiana) cerca di fare veramente qualcosa.

  • Jackladen

    ho letto l’articolo…..si menziona la scuola, ma essendo insegnante nella scuola ci sto tutti i giorni. prima di poter utilizzare linux nelle scuole bisogna rottamare tutti quei dinosauri dei miei colleghi che non sanno manco che differenza c’è tra un software ed un pc…..dopo bisogna avere assistenti informatici qualificati ( ne conosco ben pochi) e pagarli come dio comanda per affrontare una transizione del genere. poi, ci sono alcune macchine che non possono migrare a linux ( penso al gascromatografo che ancora utilizza dos,secondo voi la ditta ti produce i driver per linux??? )oppure all’uso di un cad3d decente (in questo caso autocad non ha rivali).
    fatte queste premesse, credo che per il 2150 c’è loa faremo ad avere uno stato che utilizzi software libero

    • daniele dragoni

      Mi sembra che il Cad fino al liceo sia di vitale importanza. Gascromatografo mai utilizzati. Io non sono qualificato eppure ho convertito tutta la mia famiglia a linux. Per i dinosauri sono d’accordo con te. Non c’è niente da fare.

      • Jackladen

        si…il senso di quello che dico è questo:
        1) ci sono strumenti che necessariamente devono aver affiancato un pc con windows perchè le aziende che li costruiscono non rilasciano driver per linux e senza un pc questi strumenti sono solo degli armadi in grado di prendere polvere.
        2) l autocad è l’unico software che fa bene quello che fa e non esiste nessuna valida alternativa libera in 3d.
        3) dopo queste particolari esigenge, tutti i pc e server presenti nelle scuole possono migrare a linux.

  • Signori, perdonatemi ma il software libero non potrà mai eguagliare quello a pagamento perchè quando ci sono di mezzo gli interessi salta sempre l’intero banco…

  • AvvocatoDelDiavolo®

    Mi permetto di puntualizzare su una piccola imprecisione nell’incipit dell’articolo: il M5S non è il primo partito politico in Italia, forse è il più chiacchierato, ma anche le chiappe di Formigoni lo sono abbastanza… 😉

    • GioGio

      Quelle sono OPEN source.

  • Scusate, ma.. tanto per puntualizzare.. Quale governo??
    Non so se vivete fuori dal mondo, ma a me sembra che il Paese sia al momento ingovernabile, e che la Grillo&Casaleggio associati piuttosto che rimboccarsi le maniche e andare a proporre quei 4-5 punti che gli stanno a cuore stiano facendo di tutto per far si che ingovernabile resti.
    Così, per dire, eh..

    • claudio

      tocca al pd fare governo visto che ha vinto, il m5s sono 3 anni che fa proposte e fatti, tocca al pd rispondere

  • Comunque il fatto che se ne parli è buono (soprattuto in un blog cosi popolare nel bene e nel male) e forse in futuro avremo anche sei risultati concreti

  • Brau

    Non capisco come ogni critica che viene mossa contro Grillo o i suoi
    affiliati (sarebbe meglio dire i suoi succubi) venga tacciata di
    blasfemia, e invece di essere dibattuta (come sarebbe meglio fare), viene usata come
    scintilla per correre alla violenza (per ora solo verbale, ma non c’è mai limite al peggio)…

    Porcamiseria, sembra di essere sotto l’inquisizione spagnola…
    Gente,
    che vi sta succedendo?

    • claudio

      io sono disponibile a dibattere, chiedimi pure.

  • danialbi

    siete fantastici !! in ogni blog, in ogni sito, ovunque, quando compare la parola grillo, quel sito si popola all’inverosimile……
    ah ah, vi sta usando TUTTI , e non ve ne rendete conto, che grazie a voi fra un po avra’ il 50 % , altro che 25% !

    voi siete la nostra benzina, e per di piu’, GRATIS !! grazie

  • gunter69

    no, prego essere precisi: il blog di grillo è il più visitato d’Italia e forse d’Europa.

  • Davide_G

    Sicuramente
    con l’ipad non da il buon esempio. Ma rimango dell’idea che il singolo
    cittadino può permettersi ciò che vuole, mentre lo stato debba
    utilizzare/incentivare sw opensource.

  • Barabba

    Sono solito commentare su Blog e siti web vari di quanto il software libero sia importante, ma un po’ per esigenza un po’ per abitudine, tendo ad utilizzare windows il più delle volte piuttosto che usare Linux. Questo però non mi rende certamente un ipocrita… Con questo voglio dire che non ci vedo nulla di male e nessuna strumentalizzazione in quello che dice grillo, perché se sul suo Blog ha server o altro con licenza chiusa, e quindi a pagamento sono affari suoi, ma se negli uffici di enti pubblici c’è software libero c’è un risparmio per noi cittadini. Penso che il suo interesse per il software libero, non è sicuramente una sua passione, ma semplicemente un’iniziativa per cominciare a risparmiare da qualche parte.

  • Mario

    Qui come sul blog di grillo si fa l’errore di chiamare Linux il sistema GNU/Linux e si confonde libero con open source
    http://www.gnu.org/gnu/linux-and-gnu.it.html

  • cerash

    chissà quand’è che il buon grillo metterà una intervista a soros sul come fare rivoluzioni colorate e speculazioni finanziarie…

No more articles