Al recente FOSDEM 2013 di Brussels oltre alla presentazione del nuovo LibreOffice 4.0 e i l’annuncio dell’arrivo di Microsoft Office per Linux, Ian Romanick ha parlato di come Intel sta cercando di migliorare l’esperienza di gioco in Linux grazie anche alla recente collaborazione con Valve.
Intel è una delle poche aziende che rilasciano i driver open souce per le schede grafiche, offrendo un’ottimo supporto (se non il migliore) per Linux.
Ma la maggior parte delle schede grafiche Intel sono principalmente sviluppate per offrire un basso consumo energetico offrendo ottime performance sopratutto le ultime versioni permettono un’ottimo supporto per tutti i game di Steam per Linux.
Intel inoltre sta migliorare alcune librerie dedicate al riconoscimento dell’hardware in Linux offrendo quindi diverse migliorie sopratutto per i giochi “out-of-the-box” oltre a lavorare nel rendere standard il sistema di report hardware in Linux.

Romanick ha inoltre ha parlato di come Intel sia alla ricerca di accordi con vari produttori di hardware tra questi anche Nvidia e AMD alla ricerca di portare uno standard del sistema di hardware reporting che potrebbe portare vantaggi sia alle aziende che ai vari sviluppatori di applicazioni e giochi.
  • giocitta

    A correzione del traduttore Google, credo si debba dire: “Intel punta a migliorare il supporto per i game in Linux”.

  • riccaficca

    ma tu guarda te intel offre già un ottimo supporto per i driver delle schede video e lo vuole milgiorare, ho una ati e ancora peno tutti i dolori possibili per non far partire una ventola:la mia ragazza con un vaio di 5 anni fa con scheda intel integrata non fa una piega io col vaio di una anno fa e una hd 6470 cuocio le uova sulle ventole…..continua così radeon!!maledetta ti

    • Simone Dedo

      Guarda che il problema si risolve facilmente sul tuo vaio, basta che installi i driver proprietari.

      Ho anche io un portatile con AMD (della ragazza) e non cuoce le uova con i driver proprietari (l’unica cosa buona che hanno fatto probabilmente).

No more articles