Alpaca su Arch Linux

Oggi vi vogliamo presentare un utile package manager per Arch Linux che coniuga la semplicità con la leggerezza, parliamo di Alpaca.
Alpaca è un nuovo progetto sviluppato da alcuni utenti di Arch Linux che punta ad offrire un semplice package manager a riga di comando utile per distribuzioni leggere con poche risorse disponibili o in vari dispositivi ARM.
Con Alpaca potremo aggiornare la distribuzione oppure installare e rimuovere facilmente pacchetti ed applicazioni, particolarità del progetto è quella di fondere yaourt e pacman in modo tale da poter installare le applicazioni presenti nei repository ufficiali oppure presenti in AUR.
Ecco alcuni immagini di Alpaca in funzione:

Per installare un pacchetto / applicazione utilizzando Alpaca basta solo inserire 1 e poi il nome (anche parziale del pacchetto) l’applicazione effettuerà una ricerca sia nei repository ufficiali che in Aur e offrirà come risultato un’elenco dei pacchetti, basta indicare il numero correlato e premere invio per avviare l’installazione.

Alpaca è un’utile package manager dedicato sopratutto per nuovi utenti che si avvicinano ad Arch Linux ad esempio con una derivata come Bridge Linux, Manjaro o Cinnarch.
Alpaca è disponibile attraverso AUR digitando da terminale
yaourt -S alpaca

Home Alpaca

  • Supervarenne

    Forse iniziano a capire che ho un pc e non un server!

    • be i repo son da diversi anni attivi

      • Supervarenne

        Anche i multimedia? Quindi con debian posso vedere i podcast-streaming  rai e compagnia bella?

        • Mte90Net

          rai usa silverlight…

          ci sono degli hack con mplayer per poterlo vedere o programmi particolari per linux che risolvono.

          • Supervarenne

            Radio rai podcast spiegami come lo senti con Debian, così è la volta buona che lascio Ubu

          • si domani trovi la guida
            io ascolto la rai tranquillamente con radio tray che ora va anche su kde 4.6

  • google stà chiudendo in questi giorni molti siti / blog che parlano di pirateria / straming 
    questo secondo me è un bel segnale per linux
    meno pirati e meno gente utilizza winzoz 
    forse porta nuovi utenti ad usare linux e sopratutto debian 
    linux avrà google come alleato?

    • non saprei se possa essere positivo per linux 
      se magari non esistesse la pirateria forse l’utente al posto di installarli windows craccato si installa linux 
      comunque può essere un’arma a doppio taglio per google rimuovere dal motore di ricerca i siti streaming o pirata dato che se un’utente non lo trova in google può sempre utilizzare un’altro motore di ricerca.
      io spero comunque che molti utenti insoddisfatti di ubuntu si avvicinino pian piano a mamma debian
      far capire algli utenti che le stesse cose che puoi avere con ubuntu

  • Alexander

    Non serve metterne due

    deb http://www.debian-multimedia.org/ lenny main

    deb http://www.debian-multimedia.org lenny main non-free
    basta
    deb http://www.debian-multimedia.org/ lenny main non-free
    (tra l’altro mancava la / dopo .org)
    anche perché sarebbe segnalato da apt come doppio.

    • dai repo main normali al non free son diversi i non free contengono applicazioni proprietarie mentre i main normali contengono applicazioni libere

      • Alexander

        Chiaro che sono diversi, ma allora se li vuoi separare metti
        .. .org/ lenny main
        .. .org/ lenny non-free
        altrimenti il main è doppio.
        Oppure come ti stavo dicendo visto che li devi fare abilitare entrambi basta accorparli e mettere
        .. .org/ lenny main non-free

        • superlex

          Non ne sei convinto?
          Prova a metterli nel file sources.list sia
          .. .org/ lenny main
          che
          .. .org/ lenny main non-free
          e vedrai che ti dirà quando farai apt-get update che il main è doppio 🙂

          • domani sera provo e poi ti so dire

          • Alexander

            Dunque? 😀

          • devo ancora provare
            sono ancora a milano
            domani torno a verona (dove ho i pc con debian) e ci provo
            non ti preoccupare che te lo segnalo appena lo provo

          • Alexander

            Ok 🙂

          • Alexander

            Novità? 🙂

          • te lo segnalato ieri
            se do su apt-get update non da errori se do sudo apt-get update si

          • Alexander

            Strano, perché io gli errori li ottengo proprio con su. Comunque che l’errore sia segnalato o meno il repository sempre doppio è, vale lo stesso per i repository di Ubuntu: se metti per esempio
            …/ubuntu natty main
            …/ubuntu natty main universe
            il main è doppio.
            Se poi non mi credi pazienza 🙂

          • corretto l’articolo

  • E alla fine ho provato a vedere se mi da l’errore ecco il risultato

    se vado da root ossia 
    su 
    apt-get update

    nessun errore

    se vado con sudo

    sudo apt-get update

    mi dice di rifare apt-get update perché repository doppi
    perché anche qua con root va e con sudo no?
    ricominciamo come per cancellare il cestino da terminale?!? 

    • Alexander

      Ah eccolo, ieri mi era sfuggito.
      Come ti dicevo, io gli errori li ottengo proprio con su.
      Comunque che
      l’errore sia segnalato o meno il repository sempre doppio è, vale lo
      stesso per i repository di Ubuntu: se metti per esempio
      …/ubuntu natty main
      …/ubuntu natty main universe
      il main è doppio.

      • corretto l’articolo anche se mi sembra strano che a me dava l’errore solo son sudo e non con su

        • Alexander

          Su questo non so che dirti.. Ripeto, io la segnalazione del duplicato ce l’ho anche se uso su…

          • ok ora ho corretto
            grazie ancora x la segnalazione

          • Alexander

            Di nulla figurati, mi fa piacere 🙂

  • cioma3

    bello, ma continuo a preferire yaourt-gui, impostato in modo che non chieda mai conferma all’installazione / aggiornamento….. un pò rischioso, lo so, ma una volta dato il comando 2 fa tutto da solo….

    • Elia Notarangelo

      quoto! anche perché yaourt-gui lo ha programmato il mio amico e maestro alexiobash, quindi si tratta di un tool tutto italiano!

      • Grazie Amico mio….

        • Elia Notarangelo

          grazie a te per avermi insegnato tante cose e per avermi aiutato con arch

    • Guest

      Ecco… Più che la conferma di installazione/aggiornamento sapresti dirmi se c’è un modo di evitare di dover sempre dire di NO alla richiesta di modifica con editor per i pacchetti AUR? Te ne sarei grato…

      • Ciao! @5dea5f019e1fe6bcf4dcb866b14580f3:disqus grazie mille per usare Yaourt-GUI, @b5612faaa2ee22fda03262e4f73e3930:disqus dovresti usare il comando yaourt -S nome_pkg –noconfirm

No more articles