Ubuntu Phone Os

Il 2013 si presenta come un’anno pieno di novità riguardanti sopratutto la telefonia mobile. Google sta cercando di migliorare Android rendendo il sistema operativo sempre più performante e completo grazie anche al kernel Linux sempre più sviluppato per offrire un miglior supporto per nuovi device mobili.
L’arrivo di Ubuntu Phone Os potrebbe offrire una valida alternativa ad Android offrendo un’esperienza utente simile a quella di Unity nella versione desktop di Ubuntu. Il 2013 inoltre dovrebbe portare l’arrivo di nuove device con Plasma Active il nuovo sistema operativo mobile sviluppato da KDE che punta a riproporre alcune caratteristiche dell’ambiente desktop in un dispositivo mobile con schermo touch.
Sia Ubuntu Phone OS che Plasma Active hanno una cosa in comune ossia l’utilizzo di Qt e QtQuick per la piattaforma e le applicazioni.
L’idea proposta da Johan Thelin (noto programmatore QT) è quella di unire le forze tra sviluppatori e discutere sullo sviluppo delle applicazioni Qt in modo tale da poter offrire un miglior supporto per i nuovi sistemi operativi mobili di KDE e Canonical.

Lo sviluppo di Plasma Active porta già interessanti applicazioni dalla suite per l’ufficio Calligra al file manager Dolphin ecc queste potrebbero essere supportate anche da Ubuntu Phone OS.
Vedremo se gli sviluppatori accetteranno di lavorare insieme tra loro in modo tale da fornire un’ottima piattaforma di sviluppo e applicazioni da poter utilizzare sui vari sistemi operativo mobile.
  • cerash

    io voglio vedere plasma… a tutti i costi. se mi gira, prenderò un nexus 7 apposta (usato…).

  • Dan

    Chissà che tutto sto uso di Qt non porti a alla definitiva morte di Unity 3d basato su compiz e riposti in auge Unity scritto in Qt magari sfruttando come compositor mutter o kwin…

  • Mario Busso

    io spero che non si prediliga questo progetto a firefox os
    questo è una scopiazzata del modello di business di android, il sistema di mozilla è un “chromeos ” mobile, porta una nuova concezione di pensare lo smartphone non più come dispositivo, ma come interfaccia di accesso ad internet ( everithing.me è una genialata, trovare app come se stessi cercando pagine web su google)
    mi dispiace dirlo, ma la politica di ubuntu da tempo si è avvicinata troppo alle idee di microsoft e apple( proporre un’interfaccia propria,servizi propri, applicazioni proprie)

  • Lazy Lazy

    Sinceramente credo, che questo sia uno dei momenti storicamente più importanti per quanto riguarda il futuro di linux, se i vari sviluppatori sapranno coglierlo al meglio!Hanno finalmente grazie a Qt che ormai tutti definiscono come superiore e privilegiano, la possibilità di collaborare fra loro creando una base comune!
    Spero davvero non lasceranno sfuggire questa possibilità!
    Se grazie al mobile anche il desktop si spostasse definitivamente e principalmente verso Qt ci guadagneremmo tutti

    • maniuz

      quoto in pieno. è quì che secondo me deve emergere lo spirito open

  • Davide Depau

    Devo dire che a Qt preferisco di gran lunga GTK+ 3, sia come utente che come sviluppatore. Ma sto vedendo che Qt è molto più versatile e “touch-friendly”, e forse è meglio che si limiti GTK al desktop… Spero che portino le Ayatana Scrollbars anche in Qt…

  • Gabriele Zucca

    @google-76fe6f964c35d2e7d23fc07a8a94ee23:disqus
    FF OS non credo sarà “chrome OS mobile” in quanto molte app non saranno cloud-based ma semplicemente in locale, solo che invece di essere scritte in C, Python, Java saranno siluppare in HTML5 e Javascript.

No more articles