Windows 8 - Gnome Shell

In questi mesi abbiamo visto un cambio radicale dell’esperienza utente da parte sia di Gnome con il nuovo Gnome Shell che Microsoft con il nuovo Windows 8.
Gli sviluppatori Gnome e Microsoft si sono concentrati nel portare un’esperienza utente in grado di offrire un’ottimo supporto per schermi touch cercando di dare più spazio alle applicazioni rendendole con un’interfaccia minimale semplice e funzionale.
Tutti questi cambiamenti “innovativi” hanno portato non poche polemiche da parte degli utenti, tra questi anche Steven J. Vaughan-Nichols noto esperto di tecnologie informatiche e progetti open source.
Steven J. Vaughan-Nichols ha indicato come l’interfaccia grafica proposta da Gnome e Microsoft sia ottima su tablet ma inutile su pc desktop o pc portatili.

Difatti lavorare su uno schermo touch quando questo è quasi orizzontale come pc desktop o portatili da problemi al braccio dopo pochi minuti d’utilizzo ecco che è consigliato l’utilizzo di tastiere e mouse fisici.
Vaughan-Nichols ha fatto notare come gli utenti cerchino di riproporre le utili funzionalità rimosse dagli sviluppatori, in Gnome si cerca di aggiungere nuove estensioni per riproporre un’esperienza utente che possa assomigliare a Gnome 2, in Microsoft si installa il menu di Windows 7 si cerca di far avviare il sistema direttamente dal desktop ecc.

Altri utenti delusi di Gnome e Windows 8 cercando di trovare alternative come Cinnamon e Mate per Linux, reinstallando Windows 7 per gli utenti Microsoft.
Se gli utenti Gnome e Microsoft sono un po delusi anche gli utenti Apple non stanno molto meglio.
Visto le varie critiche approdate nei mesi scorsi verso il nuovo OS X, Apple ha licenziato Scott Forstall sviluppatore dell’interfaccia di iOS e Mac OS X, al suo posto arriva Jonathan Ive noto designer dell’azienda di Cupertino.
Secondo voi ha ragione Steven J. Vaughan-Nichols?

  • A me è successo, invece, che dopo aver aggiornato i guest additions da 4.0.2 a 4.0.4, la VM XP si bloccasse al momento del login. Visto che avevo appena aggiornato il kernel alla 2.6.38.2 ho pensato di dare “sudo /etc/init.d/vboxdrv setup” e tutto è andato a posto.
    Non sono certo,però, che fosse quello il motivo del blocco …

    • si comunque è un problema che succede spesso
      dato che molti lo utilizzano ho pensato di fare l’articolo

      • Lang

        dopo l’aggiornamento a natty a me non funziona più (vbox 3.2); provato la guida sopra ma risponde:
        sudo /etc/init.d/vboxdrv setup
        * Stopping VirtualBox kernel modules * done.
        * Uninstalling old VirtualBox DKMS kernel modules * done.
        * Trying to register the VirtualBox kernel modules using DKMS
        Error! Bad return status for module build on kernel: 2.6.38-8-generic (x86_64)
        Consult the make.log in the build directory
        /var/lib/dkms/vboxhost/3.2.12/build/ for more information.

        * Failed, trying without DKMS
        * Recompiling VirtualBox kernel modules
        * Look at /var/log/vbox-insta

        • il mio consiglio è di disinstallarlo e reinstallarlo e vedrai che funziona
          ricordo che non si perdono le macchine virtuali precedentemente create
          fammi sapere

  • drake762001

    Solo due precisazioni. Prima di lanciare il secondo comando è necessario aver chiuso la schermata d’errore di virtualbox (altrimenti fallisce, testato su lucid). Secondo con Virtualbox il mac non si puo’ mettere per motivi legali dovuti alla licenza di apple, se non la versione server (che neanche sapevo esistesse)

    • hai ragione
      personalmente non ho mai emulato il mac
      in rete ho letto guide per emularlo anche tramite le famose ideneb ecc

      • ajkain

        ideneb funziona perfettamente su virtualbox 4

  • D’accordo al mille %!!! In particolare in Gnome si sta confondendo la “minimalizzazione” con la “scarnificazione” e le interfacce dei programmi proposti ultimamente mi fanno personalmente sospettare che siano pensate da designer che il computer lo usano solo per photoshop.
    Mi ricordano i piatti da nouvelle-cousine: un rettangolo gigante con tre ravioli miseri al centro: una tristezza… XD

    • Er Chiappetta

      Infatti vorrei proprio vederli gli sviluppatori Gnome ad usare GNome Shell…

      • TopoRuggente

        Infatti lo usano.

  • ma da un articolo intero solo una proposizione tradotta male? 🙂

  • hermes14

    Windows 8 non l’ho mai provato, quindi mi astengo.

    Gnome-Shell l’ho usato fino alla 3.4 su un portatile da 13 pollici e devo dire che non era male come interfaccia. Col touchpad raggiungevo bene ogni parte dello schermo, l’hot corner mi è sempre sembrata una buona idea e con le scorciatoie da tastiera facevo quello che volevo con facilità. L’ho abbandonato solo perché non mi piaceva la direzione troppo minimale dell’interfaccia, che a mio avviso va a limitare troppo la configurabilità. Infatti la maggior parte delle estensioni che installavo erano per aggiungere opzioni di configurazione.

    • TopoRuggente

      Ovviamente è una questione di priorità, prima la stabilità poi l’abbellimento.

      Purtroppo l’esempio di KDE 4 partito full optionals, ma che ci ha messo anni a diventare “stabile”.

      Sono d’accordo per l’uso della tastiera e del mouse per usi tecnici (disegnare in cad col touch screen la vedo dura), ma per l’uso normale? È veramente così differente usare un trackpad ed un touchscreen?

      • hermes14

        Non è una questione di abbellimento, mi sembra che continuino a togliere roba 🙁 Sono d’accordo su KDE, fino alla 4.5 era pressoché inutilizzabile.

        Ora sono su KDE perché in Gnome Shell troppe funzioni che dovrebbero essere upstream sono invece affidate ad estensioni, che non sempre vengono aggiornate in concomitanza coi rilasci di Gnome. Poi trovo che certe impostazioni non dovrebbero essere hard coded e non mi piace gconf/dconf. Questione di gusti 🙂

        Per il resto l’interfaccia la trovo usabilissima, per certi aspetti molto più del paradigma desktop tradizionale. Ho addirittura personalizzato KDE in modo da replicare alcune funzioni di Gnome.
        Non capisco cosa intendi con le ultime due domande, comunque uso la tastiera regolarmente, anche al posto del mouse/touchpad.

        • TopoRuggente

          che l’uso del touchscreen e del touchpad è similare.

          Sono daccordo che la tastiera invece rimane “necessaria”, non ha caso surface la monta ancora.

  • DeeoK

    Quoto.
    Sono ottime interfaccie se si vuole usare la stessa applicazione per un po’ di tempo (come accade generalmente nei dispositivi mobili, non per nulla solo ora sta arrivando il multitasking), ma se si cambia spesso finestra lasciano molto a desiderare (Win 8 soprattutto).
    Gnome Shell l’ho provato fino alla 3.6 ma lo trovo troppo lento, pesante e, a volte, confusionario (soprattutto per la gestione dei desktop e per più finestre della stessa applicazione). Inoltre la personalizzazione è molto carente.
    Le estensioni sono una bella idea ma mal gestite trovandosi a dover scorrere pagine e pagine di estensioni non suddivise per tipologia che, tutt’ora, non vengono nemmeno aggiornate in automatico.

  • Marcantonio Manicone

    Dire che Gnome 3 è per i tablet, bhe, su questo non ha ragione. Ha ragione sul dire che Windows 8 e Gnome Shell non hanno più in integrazione nei loro sistemi, però tirare in ballo OS X dicendo che è sulla stessa via, bha, un altro errore da parte mia.

  • TopoRuggente

    A costo di ripetermi, ma purtroppo le abitudini sono dure da morire.

    A casa uso gnome-shell, in ditta Windows, mi sono dovuto installare Launchy e innumerevoli volte cerco l’hot-corner.

    • N-Di

      anche io quando ho preso il portatile nuovo con windows quante volte che ho schiantato il cursore nel angolo in alto, ho risolto spostando il pannello lateralmente

      comunque io con il GNOME3 vaddo parecchio d’accordo passo molte ore davanti le mie macchine spesso mi capita di passarci giorni con il GNOME3 trovo comodo la gestione delle aree di lavoro magari se lo alleggeriscono un po sarebbe meglio
      io su fedora ho ancora la versione vecchia, quello che non mi piace del GNOME3 sono le ultime cose che sono state aggiunte ricerche allinterno dei contatti allinterno dei proprio dati, per me sono queste le cose che non mi piacciono molto per il resto anche iltema grafico non e` poi cosi male

    • Io ho letteralmente rimosso windows ghettizzandolo del tutto in virtuale e finalizzato solo ai test dei software per windows. Pensa che sviluppo versioni del mio software linux, windows direttamente da linux…

  • T-Bag

    Ha ragione, e la prova sta appunto nel fatto che tutti cercano di ripristinare le funzionalità che gli sviluppatori hanno tolto

    • TopoRuggente

      Tipo quali funzionalità?

      • d4n1x

        Tipo basta aprire gnome applet per scoprirlo è pieno di plugin per ripristinare tante e vecchie funzioni presenti in gnome2, come ad esempio la barra con i processi aperti, il menù, spostare l’orologio sul lato destro.

        • TopoRuggente

          Quelle non sono funzionalità.

          Il menu esiste, si chiama Attività e ti permette di accedere alle applicazioni.
          La barra dei processi esiste è nella dash.

          Spostare l’orologio a destra? Beh oddio non spreco manco un secondo per scrivere del codice per spostare un orologio.
          Preferisco la stabilità all’orologio …

          • d4n1x

            Non parlo di quello parlo del fatto che sulla barra superiore è visibile solo il processo che è in primo piano e ci sono applet per far si che invece mostri tutti i processi attivi. Per fare la stessa cosa bisogna mettere il mouse sul lato sinistro dello schermo, e guardare le applicazioni aperte spostarsi su una e clickarci, mentre con una barra sopra che le mostra sempre tutte, uno guarda si sposta sopra a quella che vuole mettere in primo piano e ci clicka, ovvero hanno peggiorato l’usabilità a favore di applicazioni “a tutto shcermo” che su un monitor 15″ fullhd sono ridicole ed inutili.

  • striplex

    Sinceramente non concordo, sto provando in qeusti giorni windows 8 e all inizio ero molto scettico ( non so su fisso con il mouse ma ), però ho notato che su netbook e le scorciatoie con il tachpad è veramente comodo , anzi mi sto trovando meglio rispetto a windows 7 , poi per ricercare qualsiasi file o app basta premere tasto windows e scrivere il nome all interno delle categorie.
    Sono in disaccordo anche su gnome 3 , risulta intuitivo e rapido , in quanto anche in quest ultimo è possibile ricercare app facilmente sia con scorciatoie da tastiera che tramite il mouse.
    Gnome 3 vince su windows perchè ottimizza meglio il lavoro e velocizza le operazioni .
    Entrambi peccano in bruttezza . Ma questi sono gusti.
    Forse vi stupirà ma a questi preferisco unity che trovo comodo ,veloce e bello …ahimè scartato a causa delle prestazioni scadenti.

    Cmq Kde è di certo superiore a tutti questi 🙂

    Cmq alla fin dei conti è questione di abitudini……..

    • d4n1x

      kde è superiore certamente, però tieni presente una cosa, Windows 8 è progettato per schermi piccoli quindi è normale che vada bene sul netbook, gnome invece è il peggiore della serie. Dopo vari studi che ho fatto gnome-shell è risultato meno usabile di gnome2 su schermi normali e pc.

  • trovo che windows 8 sia il meglio della microsoft e gnome 3 di linux.
    belli entrambi e molto innovativi. al contrario di unity che fa schifo

    • TopoRuggente

      Anche a me Gnome-Shell piace e molto, c’è del lavoro da fare, ma ribadisco che dopo lo stesso tempo di sviluppo KDE era ancora a livello disastro.

      Unity è differente punta all’eye-candy, senza troppo preoccuparsi delle prestazioni.

      • alien321

        E ti ripeto che KDE ha avuto 10 volete + lavoro di GNOME, ripeto, le differenze tra GTK2 e GTK3 sono nulla se le confronti con le differenze tra qt3 e qt4. Oltretutto Gnome ha 1/30 delle funzioni di KDE, meno funzioni meno codice meno BUG. Infatti devi installarti 30 estensioni (che danno un sacco di problemi) per avere un minimo di usabilità!!!

  • magnet magneto

    Mi sembrano entrambi due forzature.Non capico il motivo per cui dover cambiare le mie abitudini perchè qualcuno una mattina si è svegliato e ha pensato “oggi lo faccio starno”.(qualcuno ne sentiva VERAMENTE l’esigenza????)
    Per quanto riguarda la “mossa” tablet non ne ho visto uno ancora che monti gnome3 ( ma anche quelli con unity sono una rarità/forzatura, tipo bicicletta con due ruote motrici); ho provato pc con w8 touch..( e per provato intendo almente 3/4 orette di smanettamnti) e a parte le ditate che veramente sono inguardabili ti trovi sempre a cercare il deskop e per tutte le configurazioni alla fine ti ritrovi sul pannello di controllo di w7.ah…provate ad aggiornare un notebook con sistema preinstallato e carico di applicazioni date dal produttore…vedrete che bel miscuglione la zona app dopo l’update…Per chi dice basta cominciare a scrivere per vedere l’app comparire rispondo : si se ti ricordi il nome corretto.. se no hai voglia a scrivere…e poi se sul mio bel mate o xfce mi faccio un bel pulsantino mi basta un clik.

  • F.Daniele

    Sarà 5 o 6 anni che uso Linux, la prima versione fù una Mandrake, versione 8.2 che usavo in dual-boot con Win Xp, poi da qualche anno ho solo Linux, le ho provate un pò tutte, adesso sul portatile ho Mint con Cinnamon. La settimana scorsa ho avuto modo di provare Windows 8 sul mio pc, nemmeno troppo recente; un Intel Core 2 Quad 2,40 GHz, con 3 Gb di ram. Son rimasto sorpreso: l’ho trovato molto più veloce e reattivo di qualsiasi distro unix-like, mi ha dato anche l’impressione di robustezza e stabilità. Io uso quasi esclusivamente il desktop, anche con Window 8, e l’unico svantaggio rispetto le precedenti versioni, è che non cè il menù Start. Per il resto lo trovo ottimo. Unity e Gnome shell, secondo mè avrebbero dovuto mantenere, come priorità, l’ottimizzazione sui sistemi desktop. Essendo Linux, un prodotto di “nicchia” cercare di fare un’interfaccia che soddisfi i sistemi touch ed i sistemi desktop, si rischia di fare, come poi è successo, un’ibrido

    che, di fatto, rende la vita più complicata sui desktop, ed è quasi inutilizzabili sui tablet. Se pensiamo che Linux non arriva al 3% sui pc, sui tablet a che % arriverà mai? Per dire che si poteva ignorare l’interfaccia tachabile e non perder di vista l’obiettivo d’aumentare l’usabilità dei desktop.. come Kde, per capirci, anche se passare a Windows 8, sembra difare un paio di passi nel futuro..!! E ve lo dice un Gnome/Linux Fan !!

    Ciao

  • salvo

    non sono daccordo ne sull’articolo e neanche sui commenti….uso Gnome3 e lo preferisco al vecchio Gnome 2 a meno che non metta una Dock…esattamente come faccio se uso Mint, Mate o Phantheon.

    • Maudit

      ma il problema non è mica la dock… è l’intero environment di gome3/unity ad essere progettato ad minchiam.

      • Er Chiappetta

        Verissimo

  • Er Chiappetta

    Per quanto mi riguarda Gnome Shell ha voluto investire nel DE per tablets non capendo che la maggior parte degli utenti sono power users e non la ragazzina che deve postare le foto su FB.
    Ho provato Gnome Shell più volte, è pesante, poco configurabile, ergonomia ne ha davvero poca, non posso gestire i pannelli come voglio, il pulsante di attività mi è scomodissimo, non cè una cosa che mi piace. Non lo posso mettere sul netbook perchè è poco reattivo. Hanno anche rovinato Nautilus.

    Uso GNU/Linux per lo sviluppo embedded da 10 anni e l’ergonomia che mi serve è quello di gestire un sacco di finestre su due monitors ed i pannelli con i plugins che mi permettono di capire cosa sta facendo la mia macchina. XFCE copre tutte queste esigenze, per cui al lavoro ed a casa uso Xubuntu, sul netbook, e per i miei genitori di 60 anni hanno Mint Mate che usano in maniera veloce ed intuitiva.

    Anche Unity è davvero deludente, funzionalità come i Lens mi sono inutili. Cercare un’applicazione (se non ne sai il nome) ci si mette un sacco di tempo e clicks. Il global menù puo’ funzionare sui notebooks e netbooks ma non di certo su un desktop per lo sviluppo software. Ho tipicamente aperti almeno 4 terminali, con il global menu’ dovrei letteralmente fare Km con il mouse per accedere ai singoli menu con un continuo spostamente della vista.
    Inoltre è significativo che Unity non è stato adottato da nessuna altra distribuzione, almeno da quanto ne so.

    Grandissimo Mint con Mate e Cinnamon. Mate sul mio netbook gira velocissimo. Ringrazio anche XFCE che con i pochi umili sviluppatori rappresenta il Classic Desktop che molti cercano ancora.

    • domenico

      Quoto in tutto. Quelli di shell si sono veramente bevuti (o fumato?) il cervello…

      Aggiungo poi che la navigazione a schede tutti ce l’hanno sul proprio internet browser. gnome2, xfce, mate, cinnamon etc… riprendono semplicemente questo concetto: barra+lista finestre(o schede).

      Non si capisce perchè in un caso va bene, nell’altro no…

    • scienzedellevanghe

      Guarda, onestamente non sono d’accordo, con gnome shell mi sono trovato molto bene su desktop. Ma l’ho dovuto abbandonare perché con due monitor non so perché il focus delle finestre al cambio di desktop andava sull’ultima finestra che sarebbe stato logico evidenziare. Al ciquantesimo ctrl+s sbagliato mi sono arreso.

    • Grandissimo Mint, uso la Mate e la Cinnamon e sono ambedue al top… Dovremmo ringraziare queste distribuzioni se permettono ad utenti non linux di avvicinarsi a linux.

  • Krava

    Sì ha ragione!

  • Devo dire la verità io windows 8 l’ho provato solamente in beta e rc non nella definitiva ma dubito che sia cambiato molto… Comunque nonostante tutto era interessante. L’interfaccia forse un pò troppo minimale ma con qualche trucco ridiventa funzionale, poi si parla di gusti c’è chi ha detto “hanno levato le trasparenze” come se le trasparenza facessero bello o meno bello un OS, io sinceramente meno fronzoli grafici ho e meglio mi trovo preferisco un wm che usa la metà della ram e rinuncio alle trasparenze.
    Gnome-Shell, sono stato un suo antifan-boy fin dall’inizio per lo stesso motivo di unity, secondo me vogliono forzare l’esperienza utente rendendo difficili le operazioni più stupide… Poi entriamo nel dettaglio, la loro idea di interfaccia minimale è la stessa che ha mio figlio di 3 anni, minimale? E ti strappa il foglio ecco ora hai meno fronzoli, no ho semplicemente meno dati! Poteva essere bella l’idea di avere un menu in un pulsante per quei software dove il menu sarebbe anche superfluo, che ne so un riproduttore musicale, tanto si usano sempre i stessi comandi buttali in un solo menu e fine, ma su applicazioni complicate non ne vedo la validità, e ci arriveranno a ipotizzare menu giganteschi in forma minimale me lo sento… Poi diciamo che ormai ti levano anche delle voci e abbiamo la ciliegina sulla torta…

    Comunque non voglio scatenare flame però su una cosa ha ragione, Apple ha provato a introdurre un pezzo dell’interfaccia di ios su OSX e ha licenziato quello che l’ha pensata perché gli utenti si sono lamentati… questo dovrebbe far riflettere… siete tutti a rischio bagordi! 😛 ^_^ Pace e bene!

  • se solo valve si desse una mossa. utilizzatore di windows e di linux da molti anni. principalmente mint e fedora ma qualcosina anche di chakra. win8 l’ho acquistato. 2 giorni dopo ho formattato e rimesso il vecchio. Che se lo tengano. lato linux, sinderamente, siamo ad un livello simile. Ammiro mint per Cinnamon e stocominciando a guardare KDE, molto interessante 🙂
    il mio desiderio piú grande é potermi liberare di windows ma sono un giocatore e non posso (e non pnominatemi le console :p)

    • cerash

      Ecco la ns sfiga! Come ti capisco…

  • andreazube

    Non sono completamente d’accordo.
    Windows 8 non l’ho mai provato quindi mi astengo,ma GNOME 3 ultimamente sta migliorando, non è più il disastro che era all’inizio.
    Dategli ancora un anno e diventerà un DE coi fiocchi a mio parere.
    Mac OS X sinceramente non so cosa c’entri.

  • Dioniso

    Ma perché non fanno delle intefaccie multiple come kde? Non avrebbero un maggio numero di utenti? Gnome-shell appare come interfaccia per tablet ma vorrei sapere quante persone la usano su questa, e se invece non spopoli di più sui desktop. In particolare considerando che si basano sul “digita per trovare” mi pare più comodo farlo su una tastiera fisica che su una virtuale, un tastiera vera e propria è molto più comoda per scrivere, e temo che questo sia il vero problema dei tablet. Sono “fighi” per leggere il giornale o guardare un video, ma se ti ci deve mettere a scrivere anche solo una mail diventano un’agonia, soprattutto su quelli piccoli. Quindi mi sa che l’unica soluzione possibile sia quella multipla.

    • ihaveadrin

      È inesatto. I tablet spariranno se verranno rimpiazzati da qualche altra buzzword. Attualmente, per lavori in mobilità non-informatici, una macchina touch (tablet o smartphone) con 3 o 4g interfacciabile ad un sistema informativo centrale è un ausilio incredibile, stando a chi lo utilizza.

      • TopoRuggente

        Confermo. I netbook non sono spariti.
        L’obiettivo dei netbook era essere più leggeri dei notebook, nel processo di alleggerimento hanno perso la tastiera e li chiamiamo tablet.

        • Er Chiappetta

          Vorrei pero’ vedere in mobilità a dover scrivere molte emails e lunghi documenti usando il touch. Io personalmente non ci riuscirei.

    • TopoRuggente

      Come sopra l’interfaccia KDE per tablet (Plasma active) è un disastro, più pesante di android e non adatta all’uso in “verticale” (portrait).

      L’opzione attualmente proposta e di far sparire il panel in verticale (non nascondere), quindi per accedere al panel dovrai sempre girare il tablet in orizzontale.

      • alien321

        Non dire stupidaggini, l’interfaccia Touch va abbastanza bene, è giovane ma ha ampi margini di miglioramento. Oltretutto a differenza di Gnome, KDE ha già un tablet ufficiale in cui fare i test e lo sviluppo.

  • d4n1x

    Vorrei far notare a tutti quelli che sostengono che gnome non è pensato per i tablet, che dal menù non è possibile spegnere il computer se non premendo il tasto CTRL. Questo perchè? perchè su un tablet per spegnerlo si usa il tasto fisico e non un tasto software, idem su windows8 il menù riavvia, arresta, iberna è stato nascosto contro ogni logica in impostazioni proprio perchè su i tablet quelle operazioni non si compiono e se si fa l’arresto lo si fa sempre tramite tasto fisico.

    Anni fa dicevo che i netbook erano inutili e che passata la moda sarebbero spariti, e infatti così è stato, e ora faccio la seconda “profezia” i tablet faranno la stessa fine, quindi non capisco quale sia il senso di crare un interfaccia usabile al 200% su tablet e usabile al 50% su un sistema desktop se poi quelli che vivranno sempre sono gli ultimi. La cosa migliore da fare è quello che ha fatto KDE e aimè apple, la seconda ha due interfaccie una per smatphone/tablet un’altra per pc, mentre KDE ha creato interfacce multiple che a seconda di dove sono usate si adattano allo schermo automaticamente, quindi se installo il DE sul tablet avrà un aspetto se lo installo sullo smartphone un’altro e per il pc ha il suo aspetto classico ottmizzato per essere usato con mouse e tastiera.

    • TopoRuggente

      Veramente lo shutdown da menu è stato reinserito nella 3.6.

      KDE per table è geniale, talmente geniale che è stato sviluppato per la modalità landscape, quando il primo produttore ha girato il tablet, il monitor ha cambiato configurazione, ma il panel si mangia il 30% della larghezza del monitor.
      Per ora fanno gli gnorry e lo mostrano sempre in landscape.

    • Er Chiappetta

      Troppo d’accordo d4nix!! E poi di tablets in giro non ne ho visti molti, diciamo un pochino di piu in aeroporto. Mannaggia a chi l’ha inventato il tablet. Tablets con Gnome Shell??? Neanche uno. Tablets con Unity?? Mai visto uno.

    • uburic

      Non sono daccordo con la tua profezia: i tablet soddisfano le esigenze della maggior parte degli utenti domestici che usa il computer solo per navigare, accedere a facebook e alla posta e in genere per fruire contenuti ma non produrli!
      Il problema sarà per chi vuole produrre qualche cosa con il computer (francamente senza una tastiera fisica non ci vedo uno studente scrivere anche solo una ricerca scolastica figuriamoci una tesi di laurea), e non vedo come si possa usare Windows 8 in ambito professionale!

  • Jerome

    Fintanto che lasciano gnome-fallback, rigorosamente senza effetti, nessun problema. Altrimenti XFCE e LXDE vanno più che bene. Mai utilizzati né Gnome Shell, né Unity. Quanto a Windows…eliminato al lavoro dal 2005, a casa dal 1999. Lo zio Fester può saltare e ballare quanto vuole, per quanto mi riguarda. Di sicuro non grazie ai miei soldi.

    • TopoRuggente

      Brutte notizie Gnome 3.8 abbandona gnome-fallback definitivamente.

      • Jerome

        È un problema per Gnome, non certo per me. XFCE, già ora, è in grado di sostituirlo, alla grande! E pure LXDE.

    • Er Chiappetta

      Zio Fester non avra’ neanche me e la mia famiglia sotto la dittatura di Redmond.
      Abbiamo 6 computers su cui gira Xubuntu e Mint Mate.

  • Alberto Grasso

    Ricordo il debutto di Windows 95: tutti a cercare il Program Manager…
    Io uso Windows 8 e Gnome 3 da circa un anno e non tornerei mai indietro 🙂

  • Finalmente qualcuno che l’ha detto!:D…Unity è l’unico DE ad avere potenzialita’ impressionanti..IMHO..

  • Lorenzo s.

    Se notate ogni volta che si parla di ambiente desktop ci si trova di fronte a pareri molto differenti – spesso contrastanti – perché ognuno di noi ha le proprie preferenze.
    Da ciò deduco che, secondo me, il miglior ambiente desktop sarà quello che consentirà la massima personalizzazione. Gnome Shell mi sembra sulla buona strada visto che punta molto sulle estensioni.

    • TopoRuggente

      Credo sia esattamente il contrario.
      KDE il più personalizzabile ci ha messo più di 4 anni a diventare usabile.

      L’eccesso di codice per emerite minchiate aumenta la possibilità di errori e conflitti.
      L’ultima volta che ho provato KDE (4.8 mi pare) uno dei temi forniti aveva problemi.

      Io apprezzo il punto di vista di Gnome 3, volete i fiocchetti, fateveli, i pochi sviluppatori li usiamo per rilasciare un prodotto stabile.

      • alien321

        Non cia ha messo 4 anni ci ha messo 24 mesi KDE 4.4. Basta denigrare KDE. Poi non so quanto sia meglio avere delle estensioni che ad ogni passaggio di versione smettono di funzionare.
        Oltretutto fra un po con kde 4.10 ne vedremo delle belle. un primo assaggio di KDE5

        • TopoRuggente

          Guarda un altro utente ha marcato la 4.5 che anche secondo la timeline ufficiale è una release di cleaning and fixing.
          La 4.5 è di agosto 2010, quindi sarebbero almeno 30mesi partendo da gennaio 2008.

          Le estensioni smettono di funzionare perchè cambiano alcune funzioni.
          Alcune le ho corrette io stesso che non conosco Javascript …

          KDE5 porterà poche novità rispetto alla serie 4, sarà una transizione in attesa del KDE 6 che dovrebbe spostarsi sotto Weiland.
          Le principali novità saranno nascoste, specialmente pulizia del codice per facilitare il passaggio.

          Infine, lo ripeto KDE ora è un ottimo DE, 2 anni fa non si poteva dire lo stesso, vediamo fra due anni cosa sarà gnome-shell o unity.

          • alien321

            io lo uso dalla versione 4.4 e non ho avuto grandi problemi.

            Le novità di KDE 5 saranno un uso massiccio di QT Quick e una netta distinzione tra sviluppo del FrontEnd (QT Quick) e BackEnd (QT4/5). Questo avra innumerevoli vantaggi.

            Per Weiland, il passaggio si fara gia dalla versione 5 kwin è in fase di transizione. NON DALLA VERSIONE 6.

            Kde è gia molto avanti nel supporto di Weiland al contrario di altri ambienti.

  • borgio3

    Ero un utente Unity, ma avendo riscoperto Xfce, semplicemente non mi interessa ne Gnome 3 (che non ho mai avuto in simpatia), ne Windows 8 (ho lasciato Windows nel 2003, quindi non me ne frega una fava). Unity è ancora li, ma per adesso non lo uso.
    L’interfaccia utente va dove vanno tutte le altre cose toccate dal denaro, dove va il denaro!

  • CF

    Bhà! Winzoz 8 è inusabile ed inguardabile su un monitor 24″ che non sia touch. E sotto linux basta usare Cairo dock a schermo pulito….. l’ho messo a un sacco di gente con vecchi pc e tutti hanno l’impressione di usare un mac, stereotipo di funzionalità!

  • kenshiro

    il problema di questi 2 desktop è alla base, cercano di far piacere qualcosa che moltissimi utenti rifiutano, tale forzatura li spinge a migrare su altri desktop, il fatto che vengano rilasciate molte estensioni per offrire una miglior esperienza su gnome mi lascia pensare che chi nasce monco non gli rispunterà mai la sua mano, un desktop dovrebbe averle già integrate, bisognerebbe farsi una cultura per imparare tutte le estensioni per un completo uso del desktop, e questo mi suona ridicolo, uno dovrebbe solo preoccuparsi a reperire applicazioni per il suo uso pc quotidiano anziche andare alla ricerca di un puzzle intricato come gnome shell.
    Riguardo windows 8, se non si sentiva il bisogno di vista o windows 7 figuriamoci dell’8, nato con il solito pretesto di offrire un prodotto innovativo ma che non fa più cose di xp. solite trovate commerciali che sicuramente ci cascheranno in tanti.

    • Er Chiappetta

      Completamente d’accordo.

    • Il tuo ragionamento lo trovo sensato.

  • Gianpiero Bizzarri

    Secondo mè una buona interfaccia potrebbe essere quella di Elementary Os.
    Cosa ne pensate?

  • js3

    per me kde è il migliore in assoluto. ci sono ritornato dopo anni proprio grazie a unity (che mi piace, ma con ubuntu 12.10 è diventato molto più pesante nel mio pc). ora ho un openSUSE con kde 4.9 e spiccioli 🙂 e va che è una bellezza! non si blocca mai, trovi qualsiasi cosa facilmente (sia digitando il nome del programma che frugando nel menu principale), è molto, molto, molto personalizzabile. questo non vuol dire “che bello, mi metto le finestre tremolanti!”, ma vuol dire che posso mettere in qualsiasi parte dello schermo ed in qualsiasi parte di qualsiasi pannello tutto ciò che voglio: un collegamento ad un programma, ad un file, un plasmoide qualsiasi, insomma quello che voglio. cosa impossibile in gnome 3 (che mi è piaciuto tantissimo quando è uscito, ma dopo un po’ mi ha stancato per la sua chiusura): se voglio l’orologio a sinistra, non si può, se lo voglio tra un lanciatore ed il tasto di spegnimento, non si può… non si può fare una mazza! salvo cercare tra le “millemila” estensioni, vedere, fra tutte, quelle che mi possono servire, installarle e sperare che non vadano in conflitto se fanno cose simili! per me questo è un approccio totalmente sbagliato. uno deve fornire un desktop completo e personalizzabile, almeno per le funzioni essenziali. sta poi all’utente renderlo più usabile per i suoi scopi ed abitudini. e se si deve aggiungere qualcosa di particolare, ok, via con le estensioni. ma non deve essere necessario installare un’estensione per rendere il pannello superiore a scomparsa o per avere il tasto di spegnimento…! e dai!

  • psylockeer

    Tanto per fare la voce fuori dal coro, di Pantheon che ne pensate? Per chi non lo sapesse è il DE di elementary os luna. Io lo trovo un buon compromesso tra i DE storici e quelli innovativi…A prima vista ricorda molto mac osx, ma non da troppo fastidio….o comunque va a gusti…io mi ci sto trovando bene.

  • Elia Notarangelo

    ho provato un pelino windows8 in un centro commerciale, ignobile. Sto per comprare un nuovo notebook per lo studio ed ho già chiesto al mio tecnico di acquistare uno con windows7. Purtroppo non posso fare a meno di tenere una partizione (anzi tre…) con winzozz, per via di un unico programma del processo telematico, che non riesco a virtualizzare in alcun modo. Tra un anno mi scade la licenza e passo a Giuffrè che opera con java, così posso disinfettare tutte le mie macchine da MS.
    Per il resto, da amministratore di xfce-italia, non posso che sponsorizzare il topolino: semplice, veloce ed altamente personalizzabile (ora con xfce 4.10 abbiamo raggiunto dei livelli eccezionali).
    Gnome shell l’ho usato un paio di mesi all’inizio, ma non mi convinceva proprio per l’eccessivo uso di estensioni da settare, per la scarsa o nulla impossibilità di usare un desktop ed un paio di pannelli. Insomma, deludente anche per l’uso di risorse.

  • js3

    io ho provato win8 e, sinceramente, è una porcheria! innovativo a vedersi, senz’altro, ma terribile da usare. una volta aperte, le applicazioni non si chiudono se non dal task manager (ma si può???). clicchi da una parte e ti porta al “vecchio” desktop, con finestre classiche, icone e quant’altro. torni alle mattonelle e qualche applicazione parte a tutto schermo, ma altre si propongono nelle “vecchie” finestre. insomma, un miscuglio decisamente poco organico e poco funzionale. ti disorienta, ecco. se tutto fosse in stile metro, ok, può piacere o no, può essere più orientato ad un tablet, va bene; ma un ibrido win7/metro che sembra un’anteprima di un sistema operativo che sarà pronto fra un paio d’anni è veramente una schifezza!

  • paolo

    gnome-shell e’ usabilissimo, windows 8 invece… e’ un’ibrido insignificate.

  • Luca

    Dopo aver fatto la procedura non funziona, penso di avere qualche problema con la versione del kernel mi puoi aiutare a risolvere?

No more articles