La navigazione anonima (o privata) è una funzionalità attraverso la quale possiamo navigare senza lasciare nessuna traccia del nostro passaggio.
Durante la navigazione anonima il browser non registra la cronologia del browser, delle ricerche, download, cookies, file temporanei ecc in modo da non lasciare nessuna traccia nel nostro pc.
Firefox offre già questa funzionalità di default nella versione stabile solo che quando avviamo la navigazione anonima il browser impone all’utente di chiudere tutte le finestre aperte di Firefox.
Non possiamo quindi utilizzare sia la normale navigazione che quella anonima insieme nelle stessa istanza come accade ad esempio di Google Chrome.
Nella versione 20 di Firefox (attualmente nel canale NIGHTLY) gli sviluppatori Mozilla hanno rilasciato la nuova finestra per la navigazione anonima la quale permette di utilizzare sia la normale navigazione che quella privata nella stessa istanza.

Firefox 20 permetterà di avviare la navigazione anonima lasciando avviate le altre schede / finestre come accade in Google Chrome / Chromium.
Una funzionalità che può sembrare semplice a prima vista che però ha richiesto ben 19 mesi di sviluppo da parte degli sviluppatori Mozilla.
Per avviare la navigazione privata basta semplicemente andare nel menu File – New Private Window oppure possiamo avviarla attraverso la scorciatoia da tastiera Ctrl+Shift+P.
Possiamo già testare Firefox 20 su Linux, Windows e Mac collegandoci alla pagina dedicata del portale Mozilla.

  • ATTENZIONE: “in modo da non lasciare nessuna traccia nel sul web che nel nostro pc” se si intendeva “nè sul web nè sul nostro pc” non è corretto. La navigazione anonima non registra appunto cookies, file temporanei ecc… ed è quindi efficace SOLO in locale. Sul web le tracce si lasciano eccome! Solo la navigazione tramite proxy (o reti TORrificate) può PARZIALMENTE fornire garanzie in questo senso 😉

    • corretto

      Il giorno 01 dicembre 2012 10:59, Disqus ha scritto:

      • Ok, scusa se sono sembrato pignolo, ma su questi argomenti secondo me è importante cercare di essere precisi, perchè possono essere ‘sensibili’ 😉 Buona giornata a chi se la godrà, io vado a lavoro 🙁

        • TopoRuggente

          Propriamente nessun tipo di rete offre una navigazione senza tracce.

          Ney proxy lasci i log e nel tor i server che fanno da interfaccia fra rete normale e rete TOR possono facilmente loggare le utenze.

          • Infatti ho scritto parzialmente (pure in maiuscolo) 😉

  • claudio

    Per quanto mi riguara, la migliore implementazione della navigazione privata la offre opera che consente di avere schede pubbliche e schede private nella stessa finestra

    • abral

      E’ estremamente confusionario avere schede pubbliche e schede private nella stessa finestra, secondo me.

      • claudio

        evidentemente non hai visto come funziona opera perché ogni scheda privata ha il simbolo di riconoscimento senza contare che potresti raggruppare tutte le schede private e tutte le schede pubbliche

        • abral

          Ho visto come funziona Opera, non mi piace. Ognuno ha i propri gusti, sai com’è. Io preferisco avere una divisione più che netta tra schede private e schede pubbliche.

      • GordonFreeman96

        non sono d’accordo, io mi trovo infinitamente bene con la gestione di opera, se non fosse per il fatto che mi va lento su alcuni siti lo userei come primario.

        • abral

          Ripeto che è questione di gusti…

          • TopoRuggente

            Ok, ma se dopo aver aperto la finestra navigazione anonima la trascini fuori dal browser ti apre una nuova “sessione” di firefox, dove puoi avere le finestre anomine, mentre sulla precedente hai solo le “normali”.

    • Opera e Chrome PER ME sono davvero inusabili; come dice qualcuno è davvero una questione di gusti. Di certo però apprezzo il fatto che lì si chiami “navigazione privata” e non ‘anonima’, che invece è un termine che porta a facili (e potenzialmente pericolosi) fraintendimenti. Sinceramente non so perchè in Firefox abbiano deciso di utilizzare un termine così ambiguamente

No more articles