Wayland 1.0 Rilasciato

Il nuovo server grafico Wayland è finalmente disponibile nella nuova versione 1.0 Stabile.
Kristian Høgsberg, sviluppatore del progetto Wayland, grazie anche al contributo di Red Hat ha finalmente annunciato l’attesa versione 1.0 stabile la quale introduce molte novità e apre le porte del nuovo server grafico all’integrazione nelle principali distribuzioni Linux.
Wayland 1.0 include tutte le funzionalità essenziali per introdurre il server grafico nei vari window manager come Kwin, Compiz e Mutter, come pure il toolkit GTK +, Qt e EFL. Wayland è progettato per semplificare lo stack grafico di Linux permettendo di far interagire il compositor attraverso il backend di Wayland delle librerie UI, che a sua volta accederanno a Mesa,ai  driver grafici e ai  moduli del kernel.

Il nuovo server grafico Wayland 1.0 interagisce con il kernel offrendo alcune funzionalità come DRM (Direct Rendering Manager), KMS (Kernel Mode Settings) e GEM (Graphics Execution Manager).
A differenza di X11 il nuovo Wayland offre maggiori performance oltre ad offrire molte estensioni del protocollo X11 le quali vengono implementate nelle API di Wayland.
Per il buon vecchio X.org è quasi ora di pensione quindi, anche se il passaggio verso il nuovo Wayland non sarà molto rapido dato che gli sviluppatori e manteiner vogliono far si che il passaggio al nuovo server grafico porti meno problemi possibili.
Le applicazioni KDE dovrebbero essere in grado di passare a lavorare in modo nativo con Wayland con il rilascio delle Qt 5, il cui rilascio è previsto per dicembre 2012.
Anche gli sviluppatori Gnome stanno lavorando da mesi per portare il supporto Wayland in Gtk+3. Per vedere le prime distribuzioni con Wayland di default ci vorranno ancora alcuni mesi, tra le prime distribuzioni a portare Wayland troviamo Fedora successivamente verrà integrato anche su Ubuntu (oltre a poterlo utilizzare già dai prossimi mesi anche su Arch Linux, Gentoo ecc).
Per maggiori informazioni sul nuovo Wayland 1.0 consiglio di consultare la home page del progetto.
No more articles