OpenPhoenux 2804

Una parte del successo di Android è sicuramente dovuta al fatto che si basa su Linux e ad un progetto open source (difatti Google ne rilascia i sorgenti).
Ma se oltre ad un sistema operativo open source avessimo l’intero smartphone open? Ecco quindi l’idea del nuovo smartphone OpenPhoenux 2804.
OpenPhoenux 2804 è il nuovo smartphone che punta a riportare in vita (in parte) il progetto OpenMoko, si basa su una scheda madre GTA04 open hardware basata su processore ARM TI OMAP3 da 1000 MHz con 3D Graphics Accelerator e Digital Signal Processor. Inoltre OpenPhoenux 2804 viene rilasciato con 512 MB RAM e 512 MB Flash che possiamo estendere fino a 32 Gb tramite Micro-SD, dispone anche di GPS, Wireless, Accelerometro, Giroscopio, Bussola digitale, Bluetooth, USB 2.0 e UMTS in grado di navigare fino a 14 MBit/s.

Come schermo troviamo un touchscreen da 2.8 pollici VGA resolution in grado di offire una risoluzione di 480×640 pixel(285ppi), batteria da 1200 mAh, misura 19 x 63 x 121 mm e pesa 136 g.
Come sistema operativo preinstallato troviamo Debian 6.0 Squeeze LXDE con attiva l’interfaccia grafica e applicazioni varie del progetto QtMoko.

Debian LXDE (nella versione ARM logicamente) unito all’interfaccia mobile del progetto QtMoko ci permette di avere un semplice smartphone, con un’ottimo hardware e sopratutto completamente libero.
Il prezzo non è allettante come ci si potrebbe aspettare dato che OpenPhoenux 2804 costa ben €.749.00 più spese di spedizione.
A mio avviso se cominciassero a ragionare in questa maniera anche aziende di spessore come Alcatel, NGM ecc potrebbero offrire un’ottimo smartphone completamente libero sul quale l’utente Linux può installarsi la propria distribuzione.
Tutto questo porterebbe anche l’avvio di nuovi progetti come QtMoko o una versione di Plasma Active per Smartphone ecc.
Per maggiori informazioni su OpenPhoenux 2804 basta collegarci in questa pagina.
  • alfr3do

    749 euro….AHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAH

  • Luca Cavallaro

    brutto, piccolo e scarso… 749 €? Ok, è Open D: ma bisogna avere problemi per spendere 749 € per questo cosino ignorato da tutti.

    • Youth Crew

      Straquoto…ho pensato la stessa cosa 🙂

  • daaai siamo seri, ho comprato il moko (gta02) ed è stato un progetto carino ma fallimentare, pensato male e portato avanti peggio. Lato hw ci sono stati problemi serissimi (gpu che accelera una finestra di 480×480 ma lo schermo è a 640×480, e gli altri 240 che cazz fanno?? gps fix, buzz fix, bass fix,…. ah e non ho citato il reverse engineering del firmware della parte gsm per patcharlo….) in più lato sw è stato portato avanti malissimo, tanto è vero che per “telefonare” o almeno sperare di telefonare l’unica distro decente rimane la qtmoko portata avanti dal miticissimo e irriducibile Radek (spero di ricordare bene il suo nome) che però altro non è che la distro fatta per il telefono di trolltech (acquisita da nokia la quale ha segato il progetto). Le altre non ci sono mai riuscite, ed è triste vedere che in pochi italiani ci siamo messi e abbiamo tirato fuori dal cappello una distro veramente figa e quasi usabile in 2-3 mesi di coding, bastava avere un minimo di organizzazione.
    Non comprerò il gta04 prima di tutto per il prezzo (non prendiamoci in giro, a moolto meno mi prendo un s3) e poi per il supporto…..

    Bah purtroppo non penso vedremo molto presto un progetto così promettente come il moko e magari anche gestito bene.
    For more info http://forum.telefoninux.org/

  • lillo

    Sarebbe pure interessante come progetto, ma il mio telefono Android costa un terzo ed ha le medesime caratteristiche… Non riesco a capire, il perché di un simile prezzo. Alla fine la componentistica non mi sembra di qualità così elevata, e sicuramente non si devono pagare le licenze software…

    • TopoRuggente

      Produrre pochi pezzi spesso è più caro che produrre in massa.

      • Krokko

        D’accordo, è vero, ma a quel prezzo lì se la possono scordare già in partenza una produzione non solo di massa, ma anche in piccola serie… E’ il serpente che si morde la coda…

        • TopoRuggente

          Purtroppo è il “problema” della produzione industriale.
          Per questo soluzioni come il kickstart stanno avendo una certa diffusione per permettere alle idee di potersi realizzare.

          Nessuno si azzarderebbe (e in pochi ci riuscirebbero) ad ottenere da una banca un prestito di qualche milione di euri per iniziare una attività di produzione hardware.

          Anche il Raspberry PI (la cui produzione in massa è terzerizzata) agli inizi aveva tremendi problemi di disponibilità proprio perchè i fondi erano pochi.

          Ora con la produzione a regime ci sono i fondi e i prezzi si sono abbassati permettendo di implementare l’hw senza ritoccare il prezzo.

  • ihaveadrin

    Ad ordinare gli attrezzi e la componentistica, con quei soldi ne monto dieci.

  • matteo

    Esteticamente è un pugno nell’occhio. Evito di parlare del prezzo….

  • Prodotto osceno. Prezzo improponibile.
    Credo non occorra aggiungere altro.
    Per un prodotto simile ho già speso troppe parole.

  • andreazube

    Quando fallirà,ovviamente,sarà colpa di linux…
    Ma che hanno in testa?
    Avrebbe senso a un quinto del prezzo,al massimo

  • Ilgard

    Non capisco perché un’azienda dovrebbe abbandonare Android per passare a Linux che non offre comunque ciò che offre Android per schermi di piccole dimensioni.
    Inoltre, è un’impressione mia o tutte le volte che c’è l’open di mezzo in un prodotto il prezzo schizza alle stelle? Credo che cerchino fin troppo spesso di fregare gli appassionati ed i fanboy.

    • Joif

      Il kernel android è basato sul kernel linux, sistemi linux based hanno tutte le stesse potenzialità sui dispositivi mobile. Il software open source solitamente non aumenta il prezzo di un prodotto, semmai lo abbassa drasticamente, ma in questo caso i costi elevati sono dovuti al modesto volume di dispositivi mandato in produzione.

      Nessuno vuole fragre nessuno, gli intenti sono dei migliori, basta seguire la community (forum, ML, IRC) per averne conferma.

      • Ilgard

        Il kernel Android è il kernel Linux, né più né meno.
        Il problema è ciò che va oltre al kernel: Android è leggero e consente di avere un supporto completo con architetture mobili e sistemi touch, oltre ad avere un parco software pensato per questo. Debian no: è un sistema pensato per desktop ed anche le applicazioni sono pensate per uno schermo di grande dimensione.
        È una scelta illogica a mio avviso. Al massimo potevano fare una rom personalizzata di Android.

  • Non lo dico per cattiveria, perchè il progetto merita, ma per quel prezzo preferirei di gran lunga un Galaxy S 3…

  • bhaga

    ma…solo una piccola dritta a un neofita
    è tanto dificile da bucare un qualsiasi tablet
    economico con cortex?

  • Joif

    Basterebbe documentarsi un po’ di più per avere le idee chiare.

    1) Il GTA04 viene fornito con Debian LXDE -oppure- con QtMoko (una distro debian based). Gli screenshots postati fanno riferimento a delle vecchie versioni di QtMoko, screenshots più nuovi li trovate qui: http://www.openphoenux.org/swi/showdetail.php?app=14

    2) Ma lo sapete vero che il kernel Android si basa sul kernel Linux? Parlare quindi di sistemi operativi che usano kernel Linux come se fossero “castrati” sui dispositivi mobile non ha senso. Hanno le medesime potenzialità.

    3) Il prezzo elevato è dettato dal fatto che l’azienda che porta avanti il progetto è piccola se confrontata con colossi come Samsung. Poiché piccola i tempi ed i costi di sviluppo sono elevati. Inoltre il nuovo device è noto per lo più alla ristretta comunità che girava intorno ad OpenMoko (non esiste una campagna pubblicitaria se non quella del passaparola degli utenti) e quindi le richieste per il GTA04 sono basse. I costi di produzione di centinaia, e non centinaia di migliaia, di unità sono elevatissimi. Mettete tutto questo insieme e capirete perché il prezzo arriva alle stelle.

    Gli sviluppatori portano avanti il progetto non senza difficoltà ma con dedizione e cercano in ogni modo di ridurre il prezzo del dispositivo. Vi è sufficiente scrivere in IRC o nelle mailing list del progetto e della comunità per parlare direttamente con gli sviluppatori e avere conferma di quanto fanno.
    I pensieri maliziosi, sul costo del software o sul fatto che qualcuno vi voglia fregare, risparmiateveli per altre (note) aziende (che sono tante).

  • Nicola

    L’iphone così sembra anche meno caro ……
    Sti ca@@i

  • Marco

    Il prezzo e’ alto come era alto quello dell’openmoko (questo ha lo stesso case-accessori con scheda logica nuova) ma e’ un prezzo per sviluppatori, per finanziare il progetto e soprattutto e’ perche’ questo telefono e’ progettato e assemblato interamente in Germania in numero molto ridotto di pezzi.

  • Alessandro

    A quel prezzo e con quelle caratteristiche hardware, non è nulla di più di un interessante esperimento. E pensare che c’è chi propone smartphone con Android a 60 euro (sessanta)!

  • Srell al Masri

    Piuttosto mi compro un àifon. Non scherzo.

  • Quelle icone paccioccose mi sembrano del mio vecchio nokia 7650 /:

  • Andrea Annunziata

    prodotto scarso e parecchio brutto, il prezzo è meglio non guardarlo nemmeno… applicazioni disponibili???

    la cosa ineressante é la sua completa natura open, magari questo esperimento potrà servire come inizio per qualcosa di più abbordabile ed efficiente, sinceramente era meglio che rimanesse un semplice prototipo

    • Joif

      applicazioni disponibili? l’intero repository debian, non mi sembra poco…

      • Luca Cavallaro

        sì, ma applicazioni realmente utilizzabili? Non mi ci vedo proprio a utilizzare LibreOffice su un 2.8″

  • TopoRuggente

    Raramente ho visto un case così brutto.

    Era un prodotto interessante prima che Android e FOS (spero) entrassero pesantemente nel mercato.

  • magnet magneto

    Con cosa l’hanno fatto?Con i componenti di Jeeg Robot ??

  • Gleb Golov

    Con uno schermo da 2.8 pollici ditemi come potrei digitare su quella tastiera nello screenshot…

No more articles