Ed ecco un (spero) gradito ritorno su Lffl: A tu per Tux.
Oggi voglio parlare con voi di un argomento che mi sta particolarmente a cuore e sul quale sicuramente anche voi avete più volte rivolto le vostre riflessioni: Linux e PC datati.

Quanti di noi hanno utilizzato Linux su pc datati sia per passione ma anche per ridar loro nuova vita?

Una delle domande più frequenti che ci si pone in tal caso è: “Ma che sistema operativo posso utilizzare per avere il meglio da questo computer?”
La risposta è sicuramente difficile da dare. Un user può preferire la resa grafica a quella puramente prestazionale e preferire dunque una distribuzione più pesante rispetto ad un’altra. Questo user dunque potrà consigliare detta distro anche ad altri users ma il risultato potrebbe essere non adeguatamente soddisfacente per tanti motivi. Vediamone alcuni:

  • Utilizzo differente della macchina.
    Un distribuzione può essere adatta ad un utilizzo esclusivamente casalingo mentre magari a noi ci serve anche per lavorare.
  • Preferenze personali.
    Come detto prima infatti c’è chi può preferire l’aspetto estetico a discapito delle massime prestazioni e c’è chi invece vuole il massimo delle prestazioni sacrificando la resa visiva.
  • Hardware della macchina differenti.
    Questo credo non abbia bisogno di spiegazioni. Ci tengo a precisare che con ciò intendo sia dal punto di vista “numerico” (512mb di ram contro 1Gb di ram), sia dal punto di vista della compatibilità dei driver.
  • Tipologia della distro. Pacchetti a disposizione e aggiornamento di essi.
    Qui ho preferito riunire in unico punto due motivi.
    Una distro può essere scartata o scelta già partendo dalla tipologia (rolling o no?) e dal numero di pacchetti presenti nei repo.
Come potete vedere i dubbi possono essere tanti e dare una risposta universale è impossibile. Ma….qui entrate in gioco voi.
Ho deciso di scrivere questo articolo non per rispondere alla domanda iniziale ma per discutere assieme a voi grazie alle vostre opinioni ed esperienze in merito.
Per questo motivo cari lettori di Lffl vi chiedo: Qual è la vostra esperienza con Linux sui pc datati?Per rispondere vi chiedo la cortesia di dare un perchè seguendo i punti precedenti così dal capire come funziona una certa distribuzione su un certo hardware e con quali preferenze.

Vi aspetto…e come dico sempre:

A voi la parola!
  • VincenzoBaz

    per un pc datato consiglio sempre lxde o xfce con una rolling, linux mint lmde, o una lts di ubuntu

  • Io su pc datati suggerisco sempre debian, i pacchetti base girano bene su hw datati essendo “vecchiotti” (leggasi versione del kernel) e se si ha bisogno di software più recente basta aggiungere un parametro a apt-get install per farglielo buscare dal repo testing o unstable…
    Per quanto riguarda il de è molto soggettivo su pc datati soluzioni ad hoc a volte sono d’obbligo (openbox + tint2 + pcmanfm ad esempio) oppure accontentarsi di lxde (meglio xfce a questo punto senza effetti).

    • francesco qci

      Quale distro debian? grazie

      • andreazube

        probabilmente intendeva proprio debian,non le sue derivate

      • Intendevo debian puro, la release è de gustibus, su pc particolarmente datati ad esempio squeeze è ancora un’ottima opzione (kernel 2.6 che rende parecchio su ferraglia vecia) ma se si vuole la rolling release allora sid…

  • Twentyone

    Io personalmente uso Arch su PC datati, ma se dovesse dare un consiglio a un utente medio direi lubuntu..

  • Nicola Fiorillo

    Bè, penso che chi fà da sè fà per tre, quindi a mio avviso non c’è niente di meglio che ricorrere a debootstrap e poi scegliersi con cura cosa installare, dal window manager ad altri pacchetti al fine di ottenere un sistema cucito addosso all’hardware da far funzionare 🙂

  • francesco qci

    Dicono sia ottimo Bodhi. Chi lo usa?

    • dongongo

      L’ho usato a lungo. È una distribuzione davvero eccezionale. Effetti da far invidia a compiz, launcher stile potente come synapse o dash, gesti del mouse, personalizzazione massima. Il tutto circa 80mb di ram. Fantastico, davvero.

  • non ci sono dubbi: lubuntu, funziona con pochissima ram e hai a disposizione tutti i pacchetti di ubuntu, inoltre tutta la documentazione in rete fatta per ubuntu, in linea di massima, va bene anche per lubuntu

  • Marco

    anche puppy linux non è da scartare per un utilizzo su sistemi datati e con poche pretese , minimale ma completa

  • Kiko_fire_ram

    Personalmente su PC non potentissimi ma di cui voglio anche pacchetti decentemente aggiornati mi sono trovato alla grande con Debian + lxde + minori come web browser. Magari passando ai rami testing o instable per ulteriori avanzamenti di pacchetti. Una macchina così configurata all’avvio senza nessuna ulteriore configurazione occupa in ram 140 mb. Va benissimo per qualunque uso sia server che client avendo sia assoluta stabilità che pacchetti recenti. Esteticamente poi è accettabile già così o se si vogliono effetti e leggerezza basta istallare qualche tema e usare compiz mantenendo comunque un ottima leggerezza. La compatibilità hardware e Rolling poi si ottengono facilmente anche con hardware datato o recente abilitato i repository non-free, contrib e usando la tipologia del ramo anziché il nome della distribuzione nel sources.list. (stable, testing, unstable). Uso Debian anche per l’assoluta completezza di pacchetti precompilati usando il formato deb e la comodita/efficacia di apt-get/aptitude. Una soluzione ottima per qualunque uso, qualunque hardware anche recente senza sprecare risorse e quasi qualunque livello di conoscenza non essendo Debian impossibile da gestire anche per un principiante. Il massimo poi lo ottenni riportando in vita un pentium 133 Mhz con 32 mb di ram e 2 gb di disco usando semplicemente una dsl linux e facendogli fare da firewall, gateway condivisione stampante, dhcp, dns e recupero email da da web mail da spedire ai client in rete. Andava alla grande e occupava soli una ventina di mb in ram. Fantastico

  • poetagrigio

    se il pc datato non è preistorico si può anche osare. proprio ieri ho installato mint 13 kde su un pentium4 con 512md ram e apparte l’avvio un po’ lento ma sempre meglio di windows, tutto andava benissimo. per situazioni più complicate, consiglio puppy se non si hanno pretes di software, e xubuntu (secondo me meglio di lubuntu). per casi disperati invece consiglio una distro che monta kde 3 slax è veramente formidabile e si può creare con facilità la propria distro personalizzata dal sito, è leggerissima gira alla grande anche da usb da provare.

  • Ubuntu minimal per poi installare il pacchetto luntu-core per poi installare i pacchetti necessari

  • hermes14

    Iniziai a usare Linux nel 2003, su un computer di pochi mesi, con CPU Athlon XP e 512 MB di RAM. Allora era una discreta macchina. Fino ad allora avevo usato Windows, poi decisi di passare a Linux e da allora, fin quando se n’è andata (l’anno scorso), quel PC ha visto diverse distro.
    Iniziai con Slackware e Xfce, poi Gnome, poi KDE. Fu una bella gavetta e ho imparato davvero molto da quella fantastica distro. Nel 2005, se non sbaglio, volli provare Kubuntu, con il glorioso KDE 3.5, ma durò poco. Quindi misi Debian, soprattutto per imparare il suo ecosistema. Era ancora un PC decente, ma, mano a mano che le applicazioni (soprattutto i DE) cominciavano a diventare sempre più avidi di risorse, ritornai a DE più leggeri (Xfce).

    Nel 2009 iniziava a diventare vecchiotta, quindi ci installai Arch, che ha durato fino alla fine. Mi piacque la possibilità che offriva, come Slackware, di costruire il sistema secondo le proprie esigenze, senza DE predefiniti o roba del genere, e la comunità molto viva. Quindi avevo la possibilità di avere un sistema leggero e ritagliato su misura. In più ha un fantastico gestore dei pacchetti e un’ottima documentazione. Scelsi Openbox come WM e devo dire che l’esperienza utente è sempre stata eccellente, nel senso che ci facevo veramente tutto quello di cui avevo bisogno, oltre ad avere un aspetto grafico decisamente carino, pur essendo sempre la stessa macchina con 512 MB di RAM. Quindi ci lavoravo senza troppi rimpianti e lo farei tuttora se non mi fosse partita la scheda madre…

    Ora, su una macchina datata, metterei un’Arch fatta su misura, perché avrei tutto quello che una distro ‘leggera’ può offrire, con in più la possibilità di costruirla come piace a me e con tutto il software di cui ho bisogno a portata di pacman 😉

  • Io sto usando Xubuntu 12.04 su un Asus eee PC e ci faccio davvero tutto
    quello che mi serve (musica, documenti, internet, film, studio e
    quant’altro). Lo preferisco a Lubuntu perché mi sembra più facilmente
    personalizzabile e continua comunque ad avere un aspetto grafico molto
    piacevole con ottime prestazioni. Al contrario, nonostante Lubuntu non
    sia orribile, mi sembra più scarno e personalizzarlo per bene richiede più conoscenze riguardo il mondo Linux.
    Mi piacerebbe saper configurare ArchLinux per avere un sistema rolling
    efficiente e dotato solamente delle cose che mi servono, ma
    probabilmente ciò accadrà solo quando avrò parecchio tempo libero per
    prendere dimestichezza con pacman e le altre componenti del sistema.
    Stando a quanto dicono gli utenti, è la migliore distribuzione Linux per
    efficienza, velocità e stabilità, ma ovviamente bisogna lavorarci molto prima.

  • Steve

    Ho un vecchio pc assemblato, del 2003, con processore Amd Athlon xp 2400 e 2 gb di ram. Funziona perfettamente con Ubuntu 12.04 LTS. Lo stesso dicasi per un notebook Asus A6000VM del 2006, anch’esso con 2gb di ram. Li uso entrambi in modalità Gnome Classic, per puro gusto personale. Uso Linux dal 1997 e, come unico sistema operativo per i miei computer, dal 1999 (all’epoca Red Hat 6.2). Ho usato, in questi anni, sia per diletto che per lavoro Slackware, Debian, Mandrake, SuSE, Red Hat, Fedora, CentOS, Ubuntu, Archlinux, OpenSuSE, Linux Mint, ma anche FreeBSD, OpenBSD e NetBSD. Se posso dire la mia, una distribuzione vale l’altra, dipende solo dal gusto personale. Per uso domestico io userei sempre e solo Ubuntu o Mint, anche su macchine datate. Al lavoro, come postazione in una rete, magari Active Directory, per la sua facilità d’integrazione non avrei alcun dubbio per OpenSuSE. Su un server sicuramente CentOS, o Debian, o FreeBSD, a seconda, anche qui, delle proprie preferenze e dell’hardware disponibile.

  • Caterpillar
  • Debian, ambiente grafico xfce.
    Esempio:

    Pc Acer aspire 3610;

    Celeron M, 1,6 GHz;

    Ram DDr2 512 + 512.

    Gira tranquillamente anche con i giochini (pesantissimi) xVille di fb. :p

  • Fabio De Falco

    Per esigenze personali e non potendo usare la lan ma solo la wlan la mia scelta è stata diversa da tanti altri utenti.. Uso linux da non più di tre anni e sempre con Debian e le sue derivate e cmq sempre per per uso domestico.

    Mi sono trovato bene con Mint ma la mia distro preferita era ubuntu 9.04LTS

    fino a quando non mi sono trovato a corto di risorse.. e con il passare del tempo e per puro spirito di curiosità, ho provato Watt OS in pratica e come usare ubuntu con lxde ma diversamente a lubuntu ha già tutto quello che serve per un uso casalingo Flashplayer, ffmpeg, gdebi, e tante piccole chicche tra cui Openbox come gestore delle finestre che rende piacevolissima la personalizzazione del sistema..

    L’unica pecca e che per istallarlo occorono 256mb di ram non uno di meno ma vi assicuro che tutto va alla grande dopo.. l’ho uso su un pentium 4 con 256 mb di ram alla fine sotto il cofano si ha ubuntu 12.04.1 con kernel 3.2.0-32-generic
    Bhe che volete da me rispetto a xp sistema originario della macchina si avvia in una 40 secondi già on line e pronto a l’uso ci navigo e vedo i film in striming controllo la mia posta e ogni tanto scrivo qualche riga di codice per il mio blog o mi creo qualche piccolo programino con Lazarus.

    Effettivamente questo pentium sta vivendo una seconda vita ed io mi sono trovato cosi soddisfatto e appagato che ho istallato wattOS anche su un toshiba satellite.. devo dire che non ho mai usato i miei computer con tanta serenità prima…

  • jackladen

    bhe, raccogliendo e vivisezionando vecchi portatili posso dire che le ho provate tutte o quasi.

    l’ultima esperienza ( da cui sto scrivendo) riguarda un eeepc 1001 ha. Al contrario dell’anagrafe della macchina non è una palla di cannone in quanto a velocità.

    Stanamente, sul pc fisso (carroarmato da combattimento) tengo arch+Kde. Milioni di anni luce da Kubuntu (ovviamente questi sono pareri personali) mentre sul piccolino ho rinunciato ad arch+lxde perchè graficamente molto brutto rispetto a lubuntu.

    Devo dire che lubuntu mi ha sorpreso tanto, è un ottimo compromesso tra estetica e prestazioni.

    Ovvio che si può personalizzare tutto ma non mi andava di perdere un sacco di tempo con arch su di una macchina “che non lo merita”,

    ovviamente rientriamo sempre nei parei personali, ma prima di impelagarsi su distro tipo arch una capatina su qualcosa di pronto come lubuntu penso sia doveroso…..non sempre vale la pena spremere i limoni secchi.

    ciao

  • nicola

    Io un vecchio asus del 2002 ho installato Lubuntu 11.10 che non và affatto male considerando i 256 Mb di ram, con Firefox o Cromium si “impicca”, ma usando Epiphany è utilizzabile.
    Lo usa la mia donna per Facebook, qualche documento di testo, ascoltare musica, a vuoto gira con 80mb, purtroppo è restia ai cambiamenti sennò Puppy sarebbe la morte sua

    • Kiko_fire_ram

      Prova midori. è il più completo dei browser leggeri. Non gli manca davvero nulla. Lo sto usando da un pò e personalmente mi ci trovo molto bene. Per farti un esempio con debian xfce e 4 pagine aperte su midori sono ad appena 360 mb di ram in uso

  • Marco Missere

    Io ho installato Linux Mint 13 XFCE su un PC di un mio amico, un Pentium IV con 512 MB di RAM, e nel passaggio da Windows XP a Mint è rinato. Ho installato Linux Mint 13 sostituendo XFCE con LXDE su tre Pentium IV stavolta con 256 MB di RAM, e anch’essi sono rinati. Ultimamente sono alle prese con un Pentium II (400 MHz) con soli 64 MB di RAM. Le ho provate tutte: Damn Small Linux lo trovo orrendo, non riesco a installare Puppy Linux a causa dell’assenza della scheda di rete, Deli Linux non parte, Slitaz non parte, Lubuntu alternate e Mint Fluxbox non partono, sono riuscito a installare Debian 6 e Crunchbang 10 ma vanno lentissimi, e Crunchbang 8 non parte. Prima di mandare tutto all’aria proverò Debian 5 LXDE, ma ormai ho perso le speranze. Per il resto, tutte le altre esperienze di installazione di Linux su PC datati e non è sempre andata a gonfie vele!

    • Marco Missere

      Per rendere più chiara l’ultima frase, la riscrivo con le virgole xD
      Per il resto, tutte le altre esperienze di installazione di Linux su PC, datati e non, è sempre andata a gonfie vele!

    • Kiko_fire_ram

      considera che debian 5 se ti funziona è ancora mantenuta come old stable quindi tutt’ora usabile e per diversi aggiornamenti di versione ci sono i repo backports

  • Agno

    Secondo voi per un pc con 200MB di ram si può usare Lubuntu, disabilitando qualche avvio automatico e usando Midori come browser.

    • Kiko_fire_ram

      Non sono granchè pratico di lubuntu ma da ciò che leggo potrebbe andare tranquillamente se si limitano i servizi all’avvio e non si aprono troppe pagine su midori. Probabilmente andrà in swap ma non esagerando un pc linux rimane comunque usabile sotto lieve swap

  • Il fattore PC datati è un argomento molto rilevante nel mondo Linux e non solo. Secondo me la cosa importante è la conoscenza di chi usa il pc, un esperto con linux ha gia la possibilita di adattare il sistema all’ HW, un utente medio puo ricorrere a una minidistro.
    Credo che superato il problema installazione e configurazione i pc datati possano essere usati anche da utenti inesperti.
    Nel mio caso tempo fa provai Tinycorelinux riuscendo ad avviare un pc relativamente recente che per un problema usava solo 32 mg di ram e devo dire che tutto sommato funzionava ma ho avuto difficolta proprio nell’installazione.
    Di solito uso Xubuntu e a volte Puppy e DSL.

  • Claudette

    La mia macchina è del 2009 ed è un Intel(R) Pentium(R) Dual CPU E2200 @ 2.20GHz, ci ho fatto girare Ubuntu 10.10 (perfetto, l’ho tolto quando non era più supportato), poi ho testato e installato Mint 13 (durato pochissimo, non mi soddisfacevano tanto i vari DE tutti assieme, Mate/Cinnamon/Gnome Shell, e soprattutto non avevo voglia di perderci dietro del tempo), ho testato da live ElementaryOS (non ricordo quale versione) ma non mi riconosceva bene il modem di AliceADSL, infine ho testato e installato Xubuntu 12.04 e mi trovo bene. Ho installato da poco anche Compiz e con Emerald ho graficamente quello che avevo con Ubuntu 10.10 e questa è una gran soddisfazione.

  • Cesare Stefano Di Simone

    Secondo voi un pentium IV con 2gb di ram va bene xubuntu 12.10

    • Kiko_fire_ram

      Non c’è alcun problema nell’uso di qualunque distro in linea di massima con un tale hardware. L’unica limitazione potrebbe essere l’accelerazione data dalla scheda video per alcune interfaccie come unity o gnome ma con xfce nessun problema generalmente

    • Kryohi

      Io lo uso su un netbook con 1GB di ram e uno stupidissimo Atom e va benissimo, però per essere certo che non ci siano problemi di driver devi provare 🙂

    • Davide Depau

      Secondo me Lubuntu è più veloce, però Xubuntu si avvicina di più, come grafica e funzioni, al vecchio GNOME…

  • Davide Depau

    Ieri volevo usare l’emulatore della Wii nel portatile (di 3 anni). Ho da subito rinunciato a usarlo con Unity, dato che ogni tanto chromium si suicida dicendo che ha finito la memoria… Così ho installato Lubuntu Precise (a 32 bit) e ci ho messo su il kernel Optimus e i driver grafici Intel dal ppa di xorg-edgers. Va che una meraviglia, ci mette circa 15 sec a caricare il kernel (forse è un po’ troppo…) e soltanto due secondi (forse di meno) per avere un’ambiente desktop usabile!
    Ma tralasciando il laptop, ho un portatile/macigno degli anni ’90, che veniva venduto con Windows 95 ma che ora ha Windows 98, architettura della CPU MMX, qualche decina di MB di RAM (forse 64, forse di meno) e 2 GB di hard disk. Miracolosamente ha una USB, ma ha anche un lettore CD un po’ malandato e un lettore floppy, una porta PS2 per il mouse, porta VGA, seriale e parallela e un pessimo display LCD, con il regolatore del contrasto come nei minicomputer per bambini piccoli. Qualcuno mi sa consigliare una distro ultraleggera, possibilmente basata su Debian, NON live (quindi con GParted o analogo, deve restringermi la partizione di Win perché, essendo un pezzo d’epoca non lo voglio togliere) da installarci?

    Thanks 😉

    • puppy o dsl
      debian con quell’hardware lo puoi installare ma senza nessun DE

      • Davide Depau

        DSL non ero riuscito a installarlo, solo come Live. Inoltre vorrei farci funzionare la chiavetta Wifi e provare a collegarmi a internet… in teoria debian dovrebbe riuscirci dato che la scheda richiede il driver rt73 che debian ha… forse con il nuovo puppy basato su Debian ci riuscirò, ma ho paura che il kernel 3 non supporti più quell’architettura…

        • ho un pc un po più potente del tuo amd k6-2 da 400 mhz e 64 mb di ram e ho installato arch con i3wm
          per installarlo ho impiegato 7/8 ore funziona tutto ma alla fine è li solo per far vedere che ci gira linux per il normale utilizzo logicamente utilizzo i pc attuali

          • Davide Depau

            Beh anch’io vorrei fare una cosa del genere. Proverò Puppy, dato che, come ti ho detto, con Arch non siamo in buoni rapporti in questo periodo 😛

          • io che ne istallo una ventina a settimana ho messo 7/8 con un hardware come il tuo ci vorranno 7/8 ore solo per il sistema base 😀

          • Davide Depau

            Da suicidio! Avevo fatto una copia dell’hard disk con dd, usando un’adattatore USB per dischi IDE portatili, IDE e sata e ci sono voluti almeno 20 minuti… Lo stesso tanto ha impiegato l’HDD del portatile di mio fratello, ma con connessione Sata e con 320 GB di capienza (molto piccola la differenza di velocità… 😉 ). Il più lento però è stato un vecchio PC fisso, mi pare fosse Olivetti, con MS-DOS 5, con hard disk IDE (non ricordo la dimensione, era comunque compresa tra 700 MB e 2 GB), ci ha impiegato mezz’ora a copiare la metà…
            Comunque, tornando al blocco di granito portatile, il tutto sarà ulteriormente rallentato dall’età del lettore CD e dalla porta USB 25.0… sempre che riesca a trovare un driver compilato per quell’architettura…

            O.T.: il tuo script per pulire la memoria sta dando frutti col pf-kernel: appena acceso sono pieni 1,5 su 2 GB, dopo averli ripuliti con lo script, solo 1 GB… Se non ci fossi tu a fornire queste utili guide come farei… 😉

  • Alessandro

    Io ho installato solo una volta Zorin 5, che si basava su Lubuntu, su un Pentium 2 400 Mhz di un mio amico. La dotazione originale di 384 Mb lo rendeva piuttosto lento, ho dovuto portarla a 512 Mb per renderlo usabile, ma ora il mio amico è abbastanza soddisfatto. Comunque, ne fa un uso estremamente limitato, praticamente solo per scrivere i testi delle canzoni che compone

  • Guest

    io mi sono definitivamente “convertito” a mate. sono praticamente costretto a usare ubuntu per i classici problemi di driver (ati…), ma ora con precise “travestito da lucid” con mate sono piuttosto soddisfatto. allego uno screen.

No more articles