Nautilus 3.6 su Ubuntu 12.10

Ubuntu 12.10 a differenze delle altre release precedenti introdurrà l’intero Gnome 3.6 comprese le applicazioni dedicate.
Tra i vari aggiornamenti troviamo anche Nautilus 3.6 con la nuova interfaccia completamente rivisitata che sta portando diverse controversie.
A questo il team Linux Mint ha già iniziato lo sviluppo di un nuovo fake di Nautilus con il progetto Nemo basato su Nautilus 3.4.x, la stessa cosa anche per il team elementary OS con il file manager Marlin.
Sebastein Bacher, uno sviluppatore di Canonical, ha segnalato il problema sia della nuova interfaccia che dei  bug rilevati  proponendo di ritornare a Nautilus 3.4 su Ubuntu 12.10.

Il team Canonical potrebbe anche prendere in considerazione di portare il file manager di default Marlin di default il quale attualmente risulta stabile e porta anche diverse funzionalità.

Nautilus 3.4 su Ubuntu 12.04

Su Ubuntu 12.10 avremo quindi molto probabilmente Nautilus nella versione 3.4.x con alcune correzioni all’interfaccia per portare una migliore integrazione con Gnome 3.6.
Staremo comunque a vedere nelle prossime settimane come si evolverà il progetto.

  • Gio

    scusate, non ho capito molto bene quale sarebbe il problema.

    • Leonardo Mazzone

      Il problema è che l’idea di gnome per lo sviluppo di nautilus consiste nel rimuovere sempre più funzioni per adeguare l’interfaccia ai dispositivi touch screen. Inoltre, per citare Sebastien Bacher “Il modo GNOME sta attualmente lavorando bene ma si sta facendo
      difficile per noi di Ubuntu prendere le giuste decisioni su cosa fare.
      Tradizionalmente abbiamo la conferenza Ubuntu Developer Summit
      all’inizio del nostro ciclo di sviluppo (che è l’inizio del ciclo di
      GNOME anche) e pianifichiamo il lavoro per la prossima release. Al
      momento dell’UDS nessuno dei cambiamenti che si sono verificati in
      nautilus erano stati annunciati, in questo modo non abbiamo potuto
      discutere di questo argomento, ma siamo rimasti piuttosto sorpresi dalla
      nuova direzione che sta prendendo nautilus (mentre eravamo già sul ramo
      3.5) e stiamo cercando di riflettere su cosa fare dopo. La
      lezione che abbiamo imparato da questo ciclo è che GNOME non prevede il
      suo lavoro abbastanza in anticipo o comunica abbastanza in tempo le
      modifiche , e per noi mantenere la nostra distribuzione basandoci sulle attuali versioni instabili di GNOME è davvero troppo.”

      Di conseguenza nautilus va abbandonato.

      • Paolo

        O forse l’intero progetto GNOME va abbandonato.

        E’ una questione di tempi: come tu dici giustamente, l’inizio del ciclo di sviluppo di GNOME coincide più o meno con l’inizio del ciclo di sviluppo di Ubuntu. Non puoi pretendere che il team di GNOME abbia già chiaro come procedere nello sviluppo. Entrambi i team hanno il ciclo di sviluppo instabile sovrapposto, il che evidentemente non può funzionare.

        A mio modo di vedere o Ubuntu si appoggia allo sviluppo di GNOME, lo accetta e rimane sincronizzata (come sempre più o meno successo fino a GNOME 3.0), o rimane indietro di 6 mesi e apporta tutte le modifiche che ritiene necessarie, a partire da una versione di cui conosce già tutto.

        • TopoRuggente

          Principalmente il problema verte su due visioni del desktop.

          In gnome-shell il desktop non è gestito da nautilus, mentre in unity si.
          Ora mi pare un assurdo che si gridi allo scandalo quando gnome rimuove dal nautilus funzioni che gnome-shell non usa più.

          Ho visto ridicolaggini tipo “Ero abituato a tasto destro cambia immagine di sfondo”.
          Quante volte al giorno viene cambiato il wallpaper?
          Inoltre varie funzionalità possono essere reimplementate usando script.

          Personalmente trovo che nautilus 3.6 sia in linea con il progetto base di gnome3.
          Gnome-shell nasce come progetto per rinnovare completamente il concetto di desktop e a mio avviso lo sta facendo egregiamente.

          • Gio

            il problema secondo me è che ci si dovrebbe render conto che le cose non possono sempre rimanere uguali a 10 anni fa…se un progetto vuole rinnovarsi o lo si accetta o lo si abbandona e si passa ad altro.

            vedo gli stessi problemi con metro ui su win8, tutti inorriditi così come lo erano per unity…mi spiace ma secondo me molte persone dovrebbero cominciare a capire che non si pò sempre restare ai bei tempi andati…ci si deve aggiornare come si fa sul lavoro, fine della storia.

          • Robertox

            Hai ragione nel dire che bisogna aggiornarsi e non restare sempre vincolati al passato. Ma se nel passato hai già trovato delle soluzioni perfette e vincenti, non si capisce perchè cambiarle e/o modifcarle.
            Se devi aggiornare devi farlo in meglio, progredendo e non regredendo. E’ appurato che alcune funzioni di gnome 2 sono ancora migliori di tutte quelle proposte dai nuovi DE in ambito Linux. Aggiornare non significa seguire il gregge (Tablet) Aggiornare significa migliorare l’esperienza User Desktop (PC) e creare una nuova versione per dispositivi Touch (Tablet), Non modificare Il (Pc) in (Tablet). Tu affermi “giustamente” che un progetto nuovo o lo si accetta o lo si abbandona; Chiaro, motivo per il quale molti utenti stanno abbandonando, e se a quelli dei piani alti cominciano a fischiargli le orecchie, cominciando a capire che loro non hanno la verità in bocca, ma ascoltando i feed degli utenti, allora sì che di miglioramenti effettivi se vedranno a palate. Ma fin quando “Quelli dei piani alti” 🙂 continuano a fare le prime donne o per meglio dire i nuovi Bill Gates, la vedo molto dura, e questi sono i risultati.

          • telperion

            Amen.
            Un user che ha abbandonato gnome dopo 10 anni di buona convivenza …

          • Gio

            il problema è che certe soluzioni sono perfette per te e per quelli che le hanno sempre usate…non per altri che invece le trovano vecchie e appunto puntano ad altro che ritengono piu funzionale e innovativo 😉

            per moltissimi qui dentro il perfetto è gnome con i tre menù sulla barra superiore, poi sempre qui trovi persone che adorano kde…altre che scelgono una via di mezzo.
            questo fa capire che la soluzione perfetta non esiste…

            aggiornare i meglio e non in peggio…giusto, chi dice però che quelle in meglio sarebbero quelle che proponi tu?

            è appurato da chi scusa? se fosse appurato che gnome 2 fosse il top non esisterebbero ne kde ne altri desk ne tantomeno unity.

            quello che tu e tanti altri sbagliate è nel pensare che quello che fanno la maggioranza delle persone sia sbagliato perchè loro sono il gregge…un modo stupido per credersi superiori e non voler invece capire cosa certe soluzioni possano portare di buono.
            un po la filosofia dietro a tanti estremisti linari che ancora combattono con la linea di comando quando potrebbero avere altre soluzioni piu facili da usare.
            cambia(te) atteggiamento altrimenti non andate avanti e ti(vi) estinguerai…lo dico sinceramente.

            aggiornare significa semplificare l’uso e unificare l’esperienza d’uso…cosa che unity o metro con tutte le sue lacune dovute alla giovane età stanno tentanto di fare…se per te invece aggiornare significa separare i due prodotti come succedeva un tempo e non accorgersi che ultimamente stanno convergendo…anche qui il problema è tutto tuo.
            ad oggi con un tablet android puoi fare molte delle cose che le persone fanno dei loro pc…ovvio che non sono pc, ma per molti aspetti l’uso che se ne fa è ideale, se una persona usa il tablet in movimento con l0interfaccia unity e ubuntu come os sotto e quando torna a casa lo collega a mouse e tastiera e usa programmi piu specifici per modificare foto e video, programmare e usare office senza dover usare due dispositivi diversi sarà tutto di guadagnato.

            molti utenti stanno abbandonando? probabile…ma ubuntu non perde enormi quote di mercato rispetto che so a mint, sai perchè? perchè l’interfaccia nuova è una delle cose di un os…una delle cose che si può imparare a usare se invece di essere chiusi sulle proprie idee si capisce cose canonical vuole fare…e vale anche per win8.

            fischiano? guarda capisco che con linux le fork sono cosa normale…ma se pensi che una compagnia come canonical o una come microsoft cambi idea su un progetto che ha portato avanti perchè ci sono gli integralisti delle icone e dei menù di gnome o di win xp, beh mi sa che non hai ben presente come lavorano certe compagnie.

            la cosa che tu non vuoi capire, leggendo quello che scrivi, è che la verità non ce l’hai neanche tu e quelli che la pensano come te…i feed degli utenti sono tantissimi, non si possono seguire tutti, come disse il capo di canonical, questa non è una democrazia, mi pare giusto come concetto.

            i risultati sono ottimi, peccato che tu (e tanti linari intransigenti delle icone e dei menù su due barre) non te ne sia accorto…pensando piuttosto di fare la guerra a quelli “dei piani alti”, capisco la voglia di combattere le multinazionali e chi vuole comandare e decidere e soliti discorsi sulla libertà, ma mi sembrate come i vecchi samurai o i comunisti che vogliono fare la rivoluzione e sanno fare solo quella…datevi una svegliata (in senso buono) e cominciate a valutare le offerte per quello che serve a voi considerando quello che canonical e altri propongono…altrimenti continuate a combattere e a lamentarvi, vi estinguerete prima o poi e oltre a non aver contribuito a nulla non sarete neanche rimpianti sopratutto se si considera che le nuove gen nascono con le interfacce tablet style in mente e di cose di 15 anni fa magari non sapranno che farsene tra qualche anno.

            my 2 cent

          • Er Chiappetta

            Hai mai provato a sviluppare software con un tablet? Con decine di finestre e terminali aperti?
            Uso Linux ai tempi di Mosaic, Pine, Lynx, …. ho provato ad usare Gnome Shell e per quelli che sono i miei scopi è un disastro di produttività. Sul mio netbook con Atom è pure fastidiosamente lento (proprio bella l’idea di usare javascript). Sono uno di quelli che adora i due pannelli proprio in stile ’90, pochi click per lanciare tutto, applets per sapere cosa sta facendo la macchina spostando la vista di poche decine di cm. E dovrei farmi piacere Gnome Shell con quella grandiosa idea perdi tempo delle Activities e le icone giganti da chattygirl o per pensionati messe alla rinfusa?
            E poi quanti tablets avete visto con Ubuntu o Gnome Shell in giro o sugli scaffali?
            Poi non ho capito perchè non potevano continuare Gnome 2 e differenziare le utenze tablets con quelle da workstations.

            Ma ben vengano XFCE, Mate e Cinnamon 🙂

          • Gio

            ho specificato nel post sopra che uno il tablet lo può collegare a tastiera e mouse e usarlo come un notebook…se poi vuoi visto gli attuali dispositivi con uscite multiple lo colleghi a piu monitor.

            il punto è che con l’hw che hanno certi tablet programmare o usare suite da ufficio è fattibile.

            il punto è che tu dai per scontato che le tue esigenze siano quelle di tutti e quindi gnome2 per te o per roberto, e per tutti deve essere perfetto…è come hanno detto, una sciocchezza.

            il fatto che non esistano tablet con ubuntu sugli scaffali non significa che il progetto ubuntu per tablet non esista…o che non sia utile unity o gnome shell.

            solo un ultima cosa…non sei figo quando parli di pensionati alla rinfusa, anzi dimostri esattamente quello che dicevo…sto snobismo da pseudo professionisti non serve a nulla.

          • Er Chiappetta

            Scusa ma secondo te io dovrei comprare un tablet e collegarci delle tastiere esterne e dei monitors per sviluppare software? Mi tengo i miei desktops da 24” che fanno egregiamente il loro lavoro e poi se volessi mettere una scheda raid sul tablet cosa faccio? Compro il raid usb?? Se volessi mettere una seconda scheda di rete, una scheda di acquisizione?

            Non do’ per scontato che le mie esigenze siano quelle di tutti, pero’ Linux è usato molto da chi è del settore IT, non dalla ragazzina che usa FB e non a caso basta che chiedi a zio Google, ci sono forums pieni di lamentele sul progetto Gnome Shell e su quanto sia improduttivo. Un vero successo è quando tutti ne parlano bene e non è questo proprio il caso.

            Non ho parlato di pensionati alla rinfusa ma di icone, sbaglio ho non cè la mega lista di icone giganti? Vogliamo poi parlare delle estensioni più banali per ripristinare funzionalità elementari?

            Siamo tutti qui a sperare in un futuro roseo di Linux, che possa avere la sua premiata gloria, non un emarginato OS da nerd e che possa finalmente comprare un notebook senza quella maledetta licenza di MS.
            Mi dispiace solo che il team di Gnome non abbia saputo continuare lo sviluppo di un DE semplice, produttivo e non rappresentare più un valido indiscutibile riferimento nell’environment Linux, ecco il team Gnome forse potrebbe farci vedere le foto di come sviluppano usando i tablets.

          • Gio

            i prossimi pc saranno tablet aio….non è che tu devi comprare un tablet, quando sostituirai il tuo pc se lo farai, prederai quello….altri lo prederanno adesso e continueranno a sviluppare anche con interfacce diverse.

            se hai esigenze di avere tower userai cmq un os che sarà unificato tra tutti i prodotti…non vedo il problema.

            linux deve essere usato da tutti, non solo da smanettoni, programmatori e sviluppatori…ognuno potrà avere esigenze specifiche ma la base dovrà essere linux come oggi è win…questo stanno tentanto di fare quelli di canonical.

            lascia perdere le lamentele dei forum…purtoppo per linux ci sono tanti talebani che hanno sempre azzoppato questo os a livello di diffusione per colpa delle loro vewdute ristrette.

            non ho capito il discorso icone e funzionalità.

            chi ti dice che gnome non sta andando nella direzione giusta? gnome shell non è male se miglioreranno da qui a 1 anno molte cose che hanno deciso di fare ma che non hanno ancora messo dentro…attendiamo.

          • Robertox

            Innanzitutto grazie per il monologo che mi hai dedicato 🙂 ammazza e il bello e che il mio commento non era nemmeno tanto una critica^^. Per il resto hai frainteso le mie parole, per soluzioni perfette intendo esempio banale il semplice avviare un terminale con solo click, bada so che si può fare anche con gli altri DE, è per farmi capire meglio con esempi terra-terra. Su gnome 2 magari ti bastava un click semplice no? Perché sugli altri devo farne 2 di click per avviarlo solo per far caricare la grafica “Fighettosa” da tablet? In questo senso era riferito il mio commento, che poi una soluzione migliore sarebbe avviare le app con la sola forza del pensiero ma qui si cade nella fantascienza come direbbe il caro Zichichi.

            Ti informo che non sono un Ubuntista o Ubuntuniano o quello che sia, nonostante abbia usato ubuntu per 5 anni. Ho provato gnome-shell per un’anno e unity è durato circa 2 mesi. Non c’è la faccio, ho provato di tutto, e grazie a linux sono abituato ai cambiamenti proprio come dicevi tu.
            Ma qui il problema è che questi nuovi DE, anche se non lo sono, meglio Layer, non sono per niente razionali, non li capisco poi magari sarò io ritardato, non che mi offenda^^. Mia nonna che non sa programmare riuscirebbe a fare un DE con più coerenza.

            Aggiungo pure, che troppo spesso leggo che questi DE aggiungono soluzioni “Innovative”. Ora, o mi sono letteralmente rimbambito – abbastanza probabile 🙂 – oppure siete voi che non sapete valutare, senza offesa, mi dovete spiegare quali sono queste soluzioni innovative, cavolo sembra di leggere commenti in salsa Apple quando sento la parola innovativo.

            @Telperion, grazie ti capisco. Posso solo dirti “Riposa in Pace” XD.

          • Gio

            perchè due click? che c’entra la grafica fighettosa? che vuol dire da tablet? il punto è tutto qui…se io con unity ho una barra a sinistra con le icone e quando apro ho il programma a tutto schermo…che c’entrano i tablet? associ tablet—>tuttoschermo?

            una soluzione migliore è non avere tantissimi sottomenù da sfogliare.

            che tu non li capisca ci può stare…che siano fatti male è cosa ben diversa.
            io uso ubuntu tweak per fare cose come la pulitura dei file cache e conf…c’è gente che usa la linea di comando, non li capisco ma non reputo sia stupidi…mi auguro solo che non tentino in tutti i modi di convincermi che è meglio la linea di comando.

            innovativo per me è quando con pochi passaggi e quindi senza andare alla ricerca di menù e sottomenù trovo quello che voglio o nel caso di metro ui le notifiche passando sopra le icone eccecc.

          • TopoRuggente

            Soluzioni perfette? Tu hai la chiave per dire se una soluzione sia perfetta, hai già immaginato tutte le possibili interfacce e sei giunto alla conclusione che meglio di gnome2 è impossibile?
            Ti invidio !!!

            Io (che uso Linux dal ’92) posso dirti che post come questi ne ho visti a bizzeffe, ancora adesso trovi quelli che si struggono nei ricordi di amarok 1.4, gli afficionados di Windows XP (ebbene si sono multi piattaforma).
            Sono sempre esistiti gli utenti che vedono la novità con difficoltà (ci ho messo un mesetto a prendere il controllo di gnome-shell), è naturale, il cambimento impone sempre un impegno maggiore.

            Trovo strano vedere questo in chi usa Linux, dove il cambiamento è abbastanza “continuo”.
            In questo trovo che Ubuntu abbia portato utenti, ma dall’altro lato non abbia creato utenti di Linux, ma solo utenti di Ubuntu.

            Mi spiace inoltre deluderti, ma chi sta facendo passi in direzione “tablet” è proprio Ubuntu che sta provando a sostituire XOrg con Wayland.

            Uso normalmente gnome-shell e grazie all’aggiunta di Synapse (il mio preferito, ma anche GnomeDo è ottimo) mi risulta molto più pratica e veloce di altre DE.

            Ieri ho installato KDE 4.9, esteticamente splendido, ma a mio avviso “coriandoloso”, ma mi piace l’idea di provarlo, come ho fatto con e17.

            Dopo anni che in Gnome2 sono state aggiunte funzionalità per accontentare tutti era ora di dare una pulitina.

          • Gio

            un esempio di quello che dicevo che il perfetto non esiste 🙂

            non sono d’accordo su ubuntu ma io sono uno di quelli che sogna una unica distro linux invece delle 600 che ci sono in giro…ma a parte questo noto come spesso si tenda a pensare che tablet e pc sono due cose che definiscono un tipo di utenza…da una parte i dementi che usano il tablet e dall’altro gli esperti che usano il pc.
            mi spiace ma non è così…quando si capirà che un prodotto è solo un prodotto e che la cosa importante è l’uso che con un os istallato in quel prodotto se ne può fare secondo me si passerà allo step successivo.

          • quali commenti parli e che articoli ti hanno rovinato il sistema?
            sei sicuro di quello che dici?

            Il giorno 09 agosto 2012 17:18, Disqus ha scritto:

          • Gio

            ma stai rispondendo a me? non ho capito.

          • TopoRuggente

            Io ero un utente KDE3, poi passato a Gnome2, talmente invischiato in Gnome da aver abbandonato Slackware quando ha scelto di tenere solo KDE (Gnome lo puoi installare, ma troppo farraginoso).
            Contento di Gnome sono passato a Ubuntu, poi è apparso Gnome-Shell e Unity, personalmente mi trovo meglio con Gnome-Shell (uso poco il mouse) e quindi ho lasciato Ubuntu per Arch Linux (credo che se avessi scoperto prima Arch forse non avrei usato Ubuntu).

            Su Arch uso Gnome-Shell come standard, ma mi sono installato E17 e KDE 4.9 per provarli (e anche per compararli con Gnome-Shell) e Awesome (splendida ma per ora molto hard per me).
            Gnome-Shell + Synapse secondo me è una accoppiata incredibile.

            Mi reputo un linaro 100%, uso linux, ma mi piace sperimentare le novità e poi scegliere secondo il mio gusto e le mie necessità.

          • Gio

            se ti trovi meglio con una rispetto a un altra va bene…l’importante è usare con soddisfazione quello che uno prova senza preconcetti per vedere se lo soddisfano.

            io mi riferivo piuttosto al discorso di ubuntu e “In questo trovo che Ubuntu abbia portato utenti, ma dall’altro lato non abbia creato utenti di Linux, ma solo utenti di Ubuntu.” con cui non sono d’accordo e a quello che diceva roberto per i tablet.

          • TopoRuggente

            Secondo te quanti utenti Ubuntu sanno usare le espressioni regolari su riga di comando … o sanno compilare un sorgente?
            Io credo che ci siano parecchi utenti Ubuntu che ignorano che molti configuratori grafici in realtà editano dei semplici file di testo nella directory /etc …

            Questo intendo, Ubuntu semplificando molto l’approcio con il mondo Linux ha portato un sacco di utenti, ma sanno usare Linux o sono incastrati nelle semplificazioni di Ubuntu?

            Ora quando hai imparato ad andare in bicicletta sicuramente le prime volte ci hai piantato dei voli, ma alla fine hai imparato, non ti sei abituato ad andare sempre e solo con le rotelle.
            Quando ti hanno tolto le rotelle, non ti sei impuntato dicendo “Ahh, no senza le rotelle non si può, cambio mezzo di trasporto”.

            Temo che talvolta l’eccessiva “semplificazione” non sia un bene, Ubuntu semplificando ha reso la parte “educativa” di Linux meno preponderante.

            Lo vedo anche su Arch (normalmente meno user-friendly di Ubuntu), dove l’eliminazione di AIF (installatore in formato testo) ha portato alla ribalta frasi tipo “Noooo devo creare le partizioni con fdisk !!!”

          • Gio

            mmm…scusa se te lo chiedo, per te il saper usare linea di comando significa essere un vero utilizzatore di linux e quindi “degno” di poterlo usare?
            io credo che se ho ubuntu tweak e posso usare linux senza sbattermi per fare cose che reputo io sceme…beh ben venga.
            io uso linux perchè mi piace (al pari di win e macosx) in alcuni ambiti, devo per forza imparare a usare linea di comando o compilare o conoscere come è fatto un sistema operativo? mi auguro di no.

            il paragone della bici non è corretto per tanti motivi, uno dei quali che senza rotelle se non sai stare in equilibrio cadi, mentre se hai un sw che ti gestisce al tuo posto le funzioni della shell (vedi ubuntu tweak) cmq usi e continui a sfruttare il pc…io direi piuttosto, quando hai preso la patente hai anche imparato come funziona il motore? a livello di progettazione? non credo,…quando guidi l’auto e ti hanno tolto il cambio meccanico e messo quello automatico non ti è importato cosa è “cambiato” fisicamente a livello di ingranaggi e riduttori, hai imparato di nuovo e l’hai usato con la stessa volia che usavi prima quello meccanico, perchè? semplice perchè di sapere come funziona o come è nato non ti interessa…importante è che la macchina acceleri e salga di velocità.

            io temo che la non semplificazione abbia rovinato il mondo linux, guarda che arrivo a dirti…il voler far sembrare linux come un prodotto per nerd o pro lo ha allontanato da quelle persone, donne in primis, che di roba tecnica non sanno e non vogliono sapere nulla…ma che hanno piacere a usare un pc con relativo os per farci le cose.
            l’ha cpaito per primo jobs, che secondo me è l’unica cosa buona che ha fatto…semplificare, gates invece ha capito un altra cosa…portare il pc semplificato nelle case di tutti.
            il papà di canonical lo ha capito e sta tentando di fare lo stesso con ubuntu, una base ottima come linux e un os per tutti.

            arch è già un discorso a parte…secondo me non è questione di semplificazione in quel caso, ma di abitudine, perchè è un os altamente meno user frendly di ubuntu quindi indirizzato a un certo tipo di utenza.

          • Leonardo Mazzone

            Premetto che parlo da amante di Unity e considero Gnome shell quantomeno interessante, e sono d’accordo col tuo ultimo commento, ma:
            1. Il bello dell’avere tante distro come dici tu è che non tutti devono fare lo stesso uso del computer e tutti quelli con esigenze diverse possono cercare ciò che fa per loro (“non sono d’accordo su ubuntu ma io sono uno di quelli che sogna una unica distro linux invece delle 600 che ci sono in giro”)
            2. Non è che il tablet è per “dementi” e il desktop per “esperti”. È che utilizzano strumenti di input diversi e hanno scopi diversi. Il primo serve per lo svago, il secondo per le cose più “serie” e per il lavoro. Per questo non può esistere che si usino entrambi con la stessa interfaccia ed è inaccettabile che quelli di gnome comincino a tagliare funzioni desktop a cavolo che sono sempre state utili per molti utenti che usavano distro, distro che si appoggiavano tutte su gnome, e in quanto tali gli sviluppatori di questo ambiente desktop avevano anche una certa responsabilità. Ma ora vogliono andare avanti con questa idea di Gnome Os… MA forse è meglio così. Adesso invece di esserci centinaia di distro praticamente identiche, ognuna prenderà una propria direzione più coerente, come hanno fatto ubuntu, linux mint e compagnia.

          • TopoRuggente

            Le uniche funzioni rimosse da nautilus riguardano il menu contestuale (quello col tasto dx).

            Ora impostare il wallpaper non è che lo fai ogni 5 minuti quidi anche se non hai il comando a portata di click …
            Gli altri sono ancora presenti nel menu di Nautilus …

            La spiegazione è semplice, il desktop di Unity è gestito dal file manager (è quindi una cartella a tutti gli effetti) quello di Gnome-Shell no, quindi le esigenze di Gnome-shell relative al tasto dx sono radicalmente differenti di quelle di Unity.

            Niente che non si possa comunque riattivare con un normalissimo script in python.

            L’obiettivo di Canonical è ben più ambizioso
            1) Nuova shell
            2) Nuovo filemanager
            3) Nuovo server grafico
            Ovvero la creazione di una distribuzione fortemente differenziata, non più caratterizzata come le altre da una finalità.
            Ovviamente più si abituano i propri utenti ad una soluzione “custom” più quelli rimangono fidelizzati a forza.

            La dimostrazione è sotto gli occhi di tutti, non potendo fare contemporaneamente la stessa operazione su tutte le altre “ubuntu” le ha abbandonate.
            Niente più Kubuntu.

            Perchè una distribuzione sempre aggiornata come Ubuntu avrebbe scelto di creare una shell (Unity) basandosi su Compiz (ultima versione stabile gennaio 2010), perchè passando a Wayland lo farebbe da sola senza tirarsi dietro “concorrenti”.
            Le distribuzioni con Gnome rimarrebbero con mutter e quelle con KDE rimarrebbero con Kwin.

          • Leonardo Mazzone

            Alcune features rimosse da Nautilus:
            Compact View (vista compatta) removed
            ‘Type Ahead Find’ (scrivi per trovare) removed
            ‘New file’ templates (crea documento da template) removed
            Application Menu (menu delle applicazioni) removed
            ‘Go’ menu (menu “vai a”) removed
            F3 split screen (dividi lo schermo) removed
            ‘tree’ view (vista ad albero) removed
            Bookmark menu items (oggetti dal menu dei segnalibri) removed
            Backspace shortcut to return to parent folder (Uso della barra spaziatrice per tornare alla cartella superiore) removed

            E sembra solo l’inizio. Nautilus finirà per essere una finestra bianca, nascondendo il file system, obiettivo tanto caro agli sviluppatori gnome a quanto pare dai loro commenti.

          • TopoRuggente

            ‘New file’ templates (crea documento da template) removed
            Don’t show New Document context menu when no Templates installed

            I bookmark li trovi nel menu del tasto “azioni” (quello con l’ingranaggio) o nella lista a sx.

            Backspace è solo disabilitato di default ma si riattiva nella configurazione.

            Application Menu appare nel pannello (nuovo standard di Gnome-Shell).
            Split screen è stato rimosso visto che 3.6 è multi tab

            Compact view rimossa per motivi “estetici”

            https://live.gnome.org/Nautilus/Roadmap/3.6

            Quì lo vedi in azione
            http://worldofgnome.org/nautilus-gets-view-options-directly-to-the-toolbar/

            Quì leggi tutto e a dire il vero molte delle giustificazioni sono plausibili.
            Direi che la meno plausibile è stata la treeview, opinabile che sia difficile da usare, ma verissimo che talvolta con lunghi percorsi di rete non sia “praticissima”

          • Gio

            pensa che schifo fare la stessa operazione su un prodotto unico come ubuntu che cambia solo per kde e relativi programmi…come hanno osato quelli di canonical.

            ma veramente pensi che sia giusto una cosa simile? avere 3 distro derivate da una sola che cambia solo nel de e deve cambiare anche nei comandi?

          • Gio

            1)avere tante esigenze diverse non significa avere 100 modi diversi per fare la medesima cosa…pensaci, se io per istallare un programma da terminale devo usare diversi comandi, se per scompattare e poi compilare un sorgente devo usare diversi comandi…a chi giova tutto ciò?
            avere libertà di scelta non significa crearsi la sua fork, significa poter dare la possibilità a chi usa “linux” di personalizzare l’os, non crearne uno diverso dalla distro di prima che differisce in comandi per funzioni “sceme” e poco altro a livello di DE.
            a te farebbe schifo poter usare tutti i programmi di tutte le distro attualmente esistenti? a me no…tanto hai sempre terminale e “2 click” ma ci si concentra su linee guida precise che migliorano o semplificano…non è che se è difficile è meglio.
            quelle sono stronzate che leggo da una vita su i forum dove cerco soluzioni a problemi….vuoi la pappa pronta? non vuoi spremerti le meningi? non vuoi soffrire? O_O ma che discorsi sono? se uno ha già fatto una cosa perchè quello nuovo deve sbattersi a leggere wiki e altro per rifare le stesse cose? perchè all’epoca si penso che chi usava linux doveva saper programmare? beh è passato del tempo…ringraziamo dio che hanno inventato ubuntu tweak che per fare quelle cose che a me non importa ripetere ogni volta sul terminale posso permettermi di spendere il mio tempo in altro…magari provare un altro programma trovato in rete..
            2)vero ad oggi su tablet e desk…ma pensa a cosa ci sarà domani con ubuntu e il progetto di portarlo su tablet e smartphone e con tastiera e mouse…già con windows 8 si stanno vedendo i primi prodotti come surface pro.
            è quello il futuro…sto in giro e uso ubuntu sul tablet…torno a casa e collego il tablet alla basecon tastiera e mouse e lo uso come pc…ms ha dimostrato che si può fare con surface, ubuntu ci sta lavorando…per me questo è una cosa positiva.

            io rimango dell’idea che se tutti si mettessero insieme e si impegnassero a migliorare una sola distro le risorse che hanno permetterebbero di avere un prodotto che può rivaleggiare con apple e ms…però se per arrivare a questo dobbiamo scremare tante centinaia di distro e averne di poche coerenti allora ben venga.

          • Gio

            ho un commento in moderazione.

          • lo visto adesso
            lo appena approvato
            scusa per il ritardo

            Il giorno 10 agosto 2012 11:16, Disqus ha scritto:

          • Gio

            figurati, li ho segnalati (ce n’è anche un altro) perchè altrove spesso quando sono troppo lunghi vanno in moderazione e passano giorni prima che riescano…quando la discussione è conclusa e non servono a nulla.

            da un po di tempo segnalo sempre, almeno per rispetto a chi mi ha risposto e non si vede ricevere risposta.

          • TopoRuggente

            Il mio era un tranello …

            Tu stesso stai dimostrando quello che dico.

            Non sai nemmeno cosa sia Linux o più correttamente GNU/Linux.

            GNU/Linux non ha ubuntu tweak e per essere usato devi fare quelle cose che reputi sceme.

            Tu sai usare Ubuntu.

            Sei talmente “chiuso” che nemmeno puoi dire di sapere usare Gnome2 o
            Gnome-Shell o KDE (almeno qualcosa di generico) ti sei incastrato in una
            distribuzione.

            Confermi a pieno il mio assunto che Ubuntu ha creato pochissimi utenti Linux.

            La strategia non è nuova.

            Moltissimi anni fa c’era il dos (anche li a sbattersi a fare cose sceme)
            poi hanno aggiunto Windows, che fino alla 3.11 e hanno creato schiere
            di utenti/dipendenti.

            Ovviamente gli utenti/dipendenti in ditta compravano Windows e ci hanno creato un impero economico.

            Vedrai che sarà lo stesso, che sia il cellulare ubuntu o ubuntu tv, o ubuntu tablet l’utente/dipendente sarà costretto a pagare.

            Comunque il tuo esempio del progettare un motore si applicherebbe se ti avessi chiesto se sai programmare.

            Io ti ho solo chiesto se sai usare Linux e mi hai dimostrato che nemmeno sai cosa sia …

          • Gio

            no il tuo era un esempio sbagliato…altro che tranello.

            considerando che uso linux da parecchio so di cosa parlo e non voglio “sapere” cosa sia linux come lo intendete “voi”, un inutile accozzaglia di proclami sula libertà che portano solo a fork ogni volta che qualcuno la pensa diversamente.
            troppe cazzate e poca concretezza…va bene il concetto di sw libero, anche quello di personalizzazione e uso differenziato del prodotto in base alle esigenze…molto meno l’idea che non debba esistere una linea guida.
            anche perchè poi non è neanche vero, ogni volta che uno sceglie una distro sceglie cmq di affidarsi a qualcuno per un idea di base.

            non devi farle solo con linea di comando per essere definito linux user…è qui che non capisci, linux non è usare la shell, è usare il “prodotto” linux per migliorarti la vita quando usi il pc.
            non la migliori, la vita e linux, perdendo tempo a riscrivere le stesse frasi per cancellare la cache ogni volta….non ce n’è motivo.

            io ho usato suse, ubuntu (mint) debian, mandriva (mandrake)…li ho usati e uso ubuntu oggi perchè mi sta bene alcune scelte fatte, non perchè non devo usare la shell.

            sarei chiuso IO? perchè uso ubuntu tewak? ahahah…cioè tu che vieni qui a dire che non c’è nulla di piu perfetto e uber strepitoso di gnome2 che è roba di 15 anni fa senza voler provare e migliorare l’esperienza d’uso con altre DE o peggio voler ancora stare a usare il terminale per funzioni ripetitive e sceme e dai a me del chiuso? ti prego su…

            tu confermi che i “combattenti” come te sono inutili a linux, siete inutili perchè chiusi in voi stessi e senza voler fare altro che le guerre a chi non vi sta simpatico…oggi è ubuntu, domani sarà lo stesso linux quando avranno eliminato le cose che non ti stanno bene.
            spero scompariate, solo così linux si prenderà quella fetta di mercato che gli spetta….e un esempio è android, per quanto non aperto completamente le quote di mercato dimostrano che quello che dico è valido.
            speriamo che una distro di linux (ubuntu, mint, suse…) prenda spunto…canonical pare sulla strada giusta.

            la strategia attulae è quella di android, ringraziamo dio che qualcuno ci ha pensato…se stavamo a pensare come te eravamo estinti a livello consumer e pro.

            ringraziamo windows per aver creato utenti dipendenti che per fare la stessa cosa non devono riscrivere la stessa cosa (non è anche qui una dipendenza? o lo è solo quando fa comodo a te?) sul terminale ogni volta e preferiscono usare ubuntu tweak…pensa che gentaccia.
            a seguire il tuo definiamolo ragionamento anche gli script sono il male…pensa come stai.

            volesse il cielo che esistesse ubuntu tv e cell e altro…il mio sogno sarebbe distro unificata tv, DU cell…una sola distro, comandi semplici e pro a seconda dei casi e delle scelte(visto che su ubuntu il terminale lo usi cmq) e non solo comandi per far vedere che sei figo.

            no, vedo che non hai capito l’esempio del motore…è semplice, per fare una cosa devo sapere per forza come funziona? no.

            tu invece non sai cosa significa andare avanti, sei rimasto a 20 anni fa e non hai guadagnato nulla da tutti questi anni di exp…pessima cosa.

            rimani con le tue idee, come dicevo rimarrai uno dei pochi e prima o poi scomparirai…magari quel giorno avremo guadagnato schiere di linari soddisfatti e linux avrà superato la soglia odierna.

          • TopoRuggente

            Magari tu usi “Linux” da molto tempo, io l’ho scaricato nel 1991 e iniziato ad usare nel 1992 (siamo nel 2012, quindi 20 anni)

            Linux è solo un kernel non è nemmeno un sistema operativo, informati.

            Io non uso solo il terminale, so usare
            1) L’interfaccia testo
            2) Kde
            3) Gnome2 e Gnome-Shell
            4) E17
            5) XFCE
            ….

            Non sono contro le interfacce grafiche, ma credo che siano una alternativa pratica, ma non l’unica via (come invece la vedi tu).

            Uso Linux non perchè sia “alternativo” o “gratis”, ma perchè mi permette un migliore controllo del sistema e di imparare come sfruttarlo a fondo.
            Io spero che scompiano (PS si scrive scompariate non scompaiate) quelli come te, che usano Linux per tendenza, ma che poco o niente sanno di cosa ci stia dietro, del lavoro ottimo di migliaia di persone che hanno iniziato proprio per la curiosità di sapere come funziona.

            Per fortuna difficilmente “scompariremo” visto che pochi amministratori di server farm usano ubuntu (ultima release 2 anni fa)

            Io comunque non combatto ubuntu, al contrario, tra i numerosi utenti sempre ce ne è qualcuno che vuole sapere e passa ad altre distribuzioni (con più valore educazionale).

            A differenza di te, io non sogno una interfaccia unica, sogno un Gnu/Linux sempre più libero e sempre più vario, dove ogni utente possa usare un computer (tablet o cellulare che sia), possa adattarlo come meglio crede.

          • Gio

            il fatto che tu l’abbia scaricato nel 1991 non ti da il diritto di credere che tu sappia come usare e cosa deve essere linux oggi..hai esperienza nel settore, complimenti ma questo cosa c’entra con la discussione? ti metti a fare precisazioni inutili per quel motivo scusa? per dimostrare che ne capisci a differenza mia che chiamo linux in senso generale le varie distribuzioni?…beh ti avverto che hanno capito tutti cosa intendo per “linux” da contrapporre agli altri os come windows, oltretutto ho parlato di varie distribuzioni…quindi se questo è il massimo che sai fare per portare argomenti alla discussione volendo dimostrare che tu ne capisci allora il discorso è già bello che concluso.

            io so usare il terminale, gli script e le interfacce e i programmi per semplificarmi la vita…e quindi? secondo te usare interfacce e programmi è una cosa pessima perchè si diventa dipendenti di qualcosa? da quello che hai detto mi viene da pensare che tu l’interfaccia grafica la usi pochissimo.

            deve essere l’unica via, l’interfaccia grafica e i programmi alla ubuntu tweak, per cose ritenute semplicemente una perdita di tempo se fatte con il terminale….se poi tu vuoi farle con il terminale libero di farlo, ma non venire a dirci che deve essere la base, perchè non è così fortunatamente.
            semplificare e sveltire funzionalità accessorie in modo tale che si possano avere benefici e un allargamento dell’utenza è una cosa prioritaria…il problema è che lo hanno capito in pochi e fino a pochi anni fa era addirittura impensabile porre il problema.
            mi ricordo i casini con mint, bollata perchè inseriva codec, l’ubuntu center e tanto altro…roba da matti.

            TU usi linux per sfruttare a fondo il sistema…TU usi una distro di linux per questi motivi…fai benissimo!!…IO però la uso perchè alcuni programmi che ci sono mi piacciono, IO la uso perchè ho ottimo sw gratis, IO la uso perchè ho pc adibiti a mediacenter e così via….PIPPO magari la userà per navigare sul web…TIZIO per la messaggistica…CAIO per i programmi di musica…ma TUTTI usano una distro di linux per trarre profitto dalle cose che ci girano su.
            (PS: non ti sei accorto che ci sono altri errori di ortografia? ho dimenticato una r in scompariate, sinceramente mi aspetto che ci si concentri sul contenuto di ciò che ho scritto e non su simili sciocchezze.)
            il tuo problema invece è che pensi che solo TU hai la giusta idea di cosa debba essere “linux”….mi spiace non è così.

            seriamente, non me ne frega nulla di cosa ci sia dietro, ne per linux ne per macosx ne per windows….non sono del ramo, anzi a livello universitario sono proprio all’opposto per studi fatti.
            io non lo uso per tendenza, altrimenti mi sarei preso un mac, ma per comodità…e questo vale anche per win e appunto mac.

            rimarrete giustamente a gestire server, mica è un problema…il punto casomai è che il mercato è globale e non esiste solo linux per server ma spero esisterà anche per i pc da casa in percentuali superiori all’1%…se l’idea ubuntu va in porto spero si arrivi a punte del 10%.
            però a questo punto restate nel vostro spazio e non impicciatevi se si userà unity o gnome 3 o se si semplificherà la vita a tanta gente che di sapere cosa c’è dietro non importa…ma che “guida la macchina” senza problemi e con gusto. 😉

            scusa tu sogni che alle miriade di distro se ne aggiungano altre nuove? beh tranquillo il tuo sogno s’è avverato…tra mille fork e distro sempre diverse partendo dalla stessa (come per ubuntu e derivate) sono anni che si va avanti così…un vantaggio per tutta la comunità direi.

            e tanto per dire, adattarlo come uno meglio crede non significa ogni volta dover reimparare i comandi quando si passa da una distro a un altra…fai, sia tu che tanti altri, confusione su questo, adattarla ai propri scopi non significa ripartire da zero, significa cambiare quello che hai…e puoi farlo anche con 1 sola distro a livello globale.

            la differenza tra me e te sta proprio qui…io sogno un prodotto unico da poter plasmare se ne ho voglia o usarlo senza sbattimenti se non ne ho…tu sogni mille prodotti che altri hanno plasmato (le mille fork) e che tu stesso riplasmerai per ricambiarlo ancora…il caos nel caos, fantastico direi.

          • Gio

            ho un commento in moderazione…spero sia visibile presto.

            ma disqus fa schifo ultimamente…avevo corretto un ORRORE ortografico e dopo il salvataggio mi è scomparso di nuovo il commento, ma che roba.

      • Gio

        perfetto grazie 🙂

  • lo sviluppo di un nuovo >>>fake<<< di Nautilus?? O_o

  • roberto mangherini

    segnalazione bug linguistici:

    “Il team Canonical potrebbe anche prendere in considerazione di portare il file manager di default Marlin di default il quale attualmente risulta stabile e porta anche diverse funzionalità.”

    due volte default, consiglio

    “Il team Canonical potrebbe anche prendere in considerazione di portare il file manager Marlin di default il quale attualmente risulta stabile e porta anche diverse funzionalità.”

    togliere il primo default

  • Jack O’Malley

    Va a finire che Gnome chiude i battenti.
    O peggio abbassa le braghe ed accetta i dettami del tiranno (Alis Mr. Canonical Mark Shuttelworth)

    • Pippo

      Gnome fa le sue scelte, sempre più team fanno scelte diverse quindi dare la colpa a Shuttelworth che senso ha?
      Mint si sta separando da Gnome 3, Debian probabilmente lo toglie di default e Canonical continua per la sua strada, che colpa avrebbe?
      Tranquillo che anche Gnome può andare avanti da solo visto che è un progetto Red Hat e quindi fino a che paga RH il progetto continua verso dove vogliono.

      • Jack O’Malley

        Guarda che se leggi quello che ho scritto non dico da nessuna parte che è colpa di M.S.
        Fatto stà che se Ubuntu ha forcato Gnome creando Unity è perché M.S. non apprezzava la strada intrapresa da Gnome3 con la sua Shell e soprattutto la lentezza e la mancanza di una precisa direzione all’inizio dello sviluppo.
        Quindi semmai la colpa è di Gnome se esiste Unity.

        • TopoRuggente

          Veramente Ubuntu ha creato Unity per tutt’altra ragione.

          Gnome-Shell fin dall’inizio ha abbandonato Compiz per sostituirlo con Mutter, questo avrebbe impedito a Ubuntu la possibilità di continuare col progetto di sostituire XOrg con Wayland.

          L’unica soluzione è stata la creazione di una shell ex novo.

          • Jack O’Malley

            Che poi è quello che ho detto:
            “perché M.S. non apprezzava la strada intrapresa da Gnome3”

      • TopoRuggente

        Mint si sta separando da Gnome-Shell ….

        Mint ha creato 2 fork Mate (Gnome2) e Cinnamon (Gnome3)

        Anche Unity è basato su Gnome3 è una alternativa a Gnome-shell.

        • Pippo

          Beh ha iniziato a “forkare” la shell creando la sua, poi ha forkato
          mutter con muffin, poi ha forkato nautilus con nemo. Non so te a me
          sembra che pian piano stia staccandosi da tutti i componenti base di
          Gnome.

          • Gio

            il punto è…porta vantaggi o creare ancora piu frammentazione inutile?

          • Pippo

            Secondo me no e infatti non la vedo così positivamente la cosa. Però mi sa che è un passaggio obbligato. Gnome ormai fa un po’ quello che vuole in base alla sua visione di DE, lecito ma ciò rende la vita quasi impossibile a chi non abbraccia del tutto il suo mondo. La conseguenza è che o perdi più tempo a mantenere patch per far adattare il progetto alla tua visione oppure più piano te ne stacchi.
            Poi si è in mezzo ad un passaggio abbastanza radicale iniziato con Unity e Gnome-Shell e quindi sul subito nasceranno sempre più fork fino a che quelli che avranno successo resteranno e gli altri termineranno lo sviluppo o resteranno di nicchia.

          • Gio

            esatto…il modo migliore per creare ancora più casini all’interno della comunità.
            ma oramai ci sono abituato, sembra siano masochisti questi qui.

  • carlo coppa

    Alla fine si torna sempre a parlare delle nuove shell…io credo che se non mi sarei abituato a Unity avrei installato Xubuntu che è un’ottimo SO e avrei risolto il problema. Fortunatamente con Unity riesco a fare tutto il lavoro che faccio solitamente, all’inizio non pensavo ma Unity sembra ben strutturata e non così rivoluzionaria ma innovativa, a mio parere c’è stata molta prevenzione anche ingiustificata, certe critiche lasciano il tempo che trovano, altre sembrano fatte da utenti che Unity non l’hanno mai utilizzata, purtroppo invece in Gnome Shell lavorare risulta anche a me un casino, quindi preferisco Unity.
    Per quanto riguarda il file manager questo è una nota dolente, sembra che con il passaggio a Gnome 3, gnome abbia fatto di tutto per rovinare Nautilus, quello che ora è in Quantal è orribile, quelle icone a sinistra sono da ricovero, Ubuntu deve trovare un’alternativa, hanno tolto i menù sopra e questo penso significhi niente integrazione con HUD, quindi meglio forse cambiare Marlin secondo me è ottimo !
    Ma poi c’è Gnome che forse dovrebbe spiegare cosa vuole fare da grande ! Se vuole continuare ad essere un desktop environmen o se invece vuole fare un proprio SO, fregandosi delle varie distribuzioni, è di poco la notizia che Debian abbandona Gnome, qualcosa vorrà pure dire, Debian storicamente è sempre stata legata a Debian. Il mio parere è che Gnome se non cambia si suicida, speriamo di sbagliarmi !

No more articles