Linux Mint 14 Nadia

Clement Lefebvre con un post sul blog ufficiale ha annunciato il nuovo codename della nuova Linux Mint 14 che sarà NADIA.
Il codename Nadia arriva dalla trilogia di Marte di Kim Stanley Robinson dove Nadezhda Chernyshevski “Nadia” è la migliore amica di Maya. Ecco quindi il motivo della scelta del nuovo codename (come al solito tratto da un nome di donna) che avrà la nuova Linux Mint 14 la versione basata sul nuovo Ubuntu 12.10 Quantal.
Linux Mint 14 “Nadia” verrà rilasciata con Cinnamon e Mate e successivamente nelle versioni con ambiente desktop KDE e Xfce.
In questa pagina troverete il post con l’annuncio del nuovo codename Nadia per Linux Mint 14.
  • Alessandro

    Io sono passato da poco a Linux Mint 13 e penso che sia la miglior distro che abbia provato, dopo Sabayon, Fedora, Ubuntu, Kubuntu, LMDE e qualcun’altra che ora non ricordo. E’ fantastica! Ora vediamo che combinano con la 14!

    • Uso Mint dalla versione 9 e fino ad oggi non mi ha mai tradito ne in fatto di aspettative ne in fatto di semplice installazione su qualsiasi tipo di pc. La trovo Fantastica in abbinamento a Cinnamon e per qualsiasi uso in ambiente familiare e in ambiente professionale.

  • Matteo

    Per pura curiosita: che desktop usi? Cinnamon o Mate?

    • io ho provato sia cinnamon che mate ma secondo me è meglio cinnamon

      • su mint 14 ci sarà il nuovo cinnamon 1.6 il quale porterà molti miglioramenti e sopratutto sarà ancora più veloce e stabile
        inoltre verrà aggiunta anche la versione 2D di cinnamon per pc datati la quale porta comunque la maggior parte delle funzionalità della versione di default compresi gli effetti
        cinnamon 1.6 ha tutte le carte in regola per diventare uno dei migliori DE per Linux

        • Concordo in pieno…

        • millalino

          quotone ++

      • Concordo anche se Mate lo trovo simpatico e molto usabile.

  • Alex

    Da quando hanno deciso di mandare a fondo Ubuntu con quella porcata di Unity, Mint rappresenta il punto di riferimento per quell’utenza che non usa Linux, ma prova ad avvicinarcisi (io sono fra quelli) e suppongo anche per chi usa Linux e vuole un sistema che sintetizzi usabilità e ampie possibilità. Trovo che il team di Mint lavori per venire incontro all’utenza, cosa rara in Linux, dove vedo prevalere quasi sempre fanatismo e scelte impopolari, causa del basso share di Linux. Mint ha già molti consensi e spero che col 14 possa migliorare ulteriormente, e spero che migliori per meriti propri e non solo per la fuga da Ubuntu.

No more articles