a Blizzard non piace Windows 8 e sta pensando a Linux per il futuro

La notizia dello sviluppo di Steam per Linux e anche le notizie alquanto favorevoli nello sviluppo stanno facendo molto parlare non solo gli utenti ma anche le case produttrice di videogiochi che ora vedono il Linux con un’occhio diverso confronto il passato.
A dar una mano a tutto questo arriva anche Windows 8 il nuovo sistema operativo di Microsoft che introduce moltissime novità come la nuova interfaccia Metro (se si chiama ancora cosi) e il nuovo Windows Store il quale sembra non piacere a molte aziende.
Proprio il fondatore di Valve, Gabe Logan Newell ha parlato dello sviluppo del nuovo sistema operativo di Microsoft definendolo una catastrofe, ed indicando in Linux la principale alternativa.
Windows Store difatti prenderà il posto di Steam in Microsoft dato che lo store permetterà di l’acquisto diretto di giochi PC facendo perdere moltissimi utenti a Valve/Steam.
Ma non solo Valve, a quanto pare anche Rob Pardo, vicepresidente di Blizzard il nuovo sistema operativo di Microsoft sembra non piacere.

Secondo Rob Pardo nei prossimi anni molti produttori di PC (OEM) saranno costretti ad abbandonare il mercato a causa dei pochi margini di guadagno, la stessa cosa potrebbe accadere anche per le aziende produttrici di videogiochi.
Pardo ha espresse molto interesse per Linux  definendolo un mondo in continuo fermento. E’ anche giusto ricordare che  Blizzard negli anni scorsi ha già lavorato con Ati per lo sviluppo dei driver Catalyst per Linux e anche per un client nativo per Linux dell’MMORPG World of Warcraft ma purtroppo non è stato mai rilasciato.
Blizzard potrebbe quindi ben presto rilasciare i propri game anche per Linux, questa non è sono un’ipotesi per alcuni è davvero questione di tempo.
  • Sanzo

    Non sono solito giocare al pc…preferisco le console per divertirmi senza problemi e smanettamenti, ma la notizia si può dire che è ottima. Più aziende vanno su Linux maggiore sarà il supporto hardware per tutte le periferiche, magari è la volta buona che si smette di smoccolare per qualunque cosa che non è configurata a dovere per mancanza di drivers!

    • DeeoK

      Sì, infatti. A prescindere che si sia interessati o meno ai giochi tutti ne gioveranno grazie al miglioramento del supporto hardware che ne conseguirà.

    • Sì, quoto.

  • Brau

    Non è che vedono male Windows 8 non tanto per le prestazioni o l’interfaccia, ma lo facciano soltanto per andare contro il Windows Store? Non è che vedono il suddetto come una minaccia al loro monopolio sul campo del gaming? Io ho sempre vissuto con la convinzione che nessuno fa niente per niente, e fino ad ora non ho visto il contrario…

    • Sanzo

      dal punto delle prestazioni a quanto pare win 8 è molto superiore al 7…ciò che non va giù, oltre all’interfaccia assurda per molti, è il pizzo del 30% che la MS chiede appunto per il suo windows store!

    • Agno

      Penso anche che windows 8 sia un sistema più portato a dispositivi con touch e che questo non piaccia ad aziende che producono giochi per desktop

    • cerash

      ah, conflitti su interessi materiali opposti tra vari gruppi della borghesia… come godo!

  • magnet magneto

    10 milioni di utenti wow tutti su linux!!!!!!yehaaa!!!!
    La gente si stuferà di pagare windows e annessi prima o poi!

    • Giuseppe Lomurno

      Personalmente sarei entusiasta se le software house sviluppassero giochi anche per Linux, però c’è anche un’altra faccia della medaglia, più utenti ci saranno su linux e maggiore sarà l’attenzione dei cracker e inizieremo a vedere molti più virus per il pinguino. Perchè oggi come oggi, basta una piccola falla in una libreria per mettere a repentaglio la sicurezza dei nostri pc. Basti pensare che Chrome disattiva le WebGL per tutte le schede ATI, perchè i driver sono bacati e permettono l’inserimento di codice malevolo all’interno della GPU per via di un problema delle WebGL.

  • Ziltoid

    Sono quasi contento che sia uscito Win8 visti i risultati… XD

  • Ferik

    Windows 8 non piace a nessuno a quanto pare, nemmeno a me che l’ho provato (1GB di ram all’avvio e 20 GB per l’installazione e scomparsa del menu start), ma sarà IMPOSTO alla gente che acquisterà un nuovo pc, magari per Natale, facendogli credere non ci sono alternative migliori…………tutto questo ricorda molto le dittature.

    • E’ tutto vero ma vedrai che si ritroveranno costretti a valutare altri orizzonti, quello sarà il momento buono per Ubuntu e le altre distribuzioni.
      Anzi, secondo me Zio Mark ha fiutato qualcosa quando già parlava di milioni di utenti in pochi anni, quel tizio è una volpe.
      C’è qualcosa sotto che si muove.

      • Ferik

        ma speriamo perchè davvero non se ne può più……fosse un sistema sicuro almeno ahahahahahahahahaha….ridiamoci su se no……..

    • silvio

      come obbligare la gente a convivere coi virus.. facendogli credere che sia una cosa normale!! speriamo sia la volta buona che i produttori hw si ribellino.sopratutto se la m$ non avrà piu la potenza economica di riempirli di mazzette per farsi installare sui loro pc

      • Io sono invece contento dei risultati che sto ottenendo nel far passare i clienti a Ubuntu o Linux Mint.

        Non tornerebbero a Windows per nessun motivo. 😉
        Che i produttori hardware si ribellino penso ormai che possa senz’altro accadere perché sono tutte prigioniere di Microsoft.

        Liberarsi per loro sarebbe molto conveniente sotto ogni aspetto e penso che accadrà molto presto.

  • Fabio

    Per un giocatore incallito di Starcraft 2 come me… figuriamoci, non potrebbe esserci notizia migliore…
    Ma chissà…

  • Angelo Mosca

    Sicuramente positiva come cosa. Tra l’altro, sembra anche che molti giochi girino in modo più leggero su Linux, meno pretenzioso di richieste hardware rispetto a Windows o iOS.

No more articles