L’avvento di Gnome 3 / Gtk+3 e l’arrivo di Gnome Shell ha portato moltissime polemiche riguardanti lo sviluppo dell’ambiente desktop. Secondo alcuni utenti e sviluppatori era giusto ammodernare Gnome 2 ma non cambiarne drasticamente l’esperienza utente con Gnome Shell.

A queste critiche si sono aggiunte anche quelle di Benjamin Otte, un’ex sviluppatore di Gnome, il quale con un post nel proprio blog ha spiegato le motivazioni che hanno portato ad abbandonare lo sviluppo di Gnome.
Benjamin Otte ha indicato di essere stato l’unico sviluppatore a tempo pieno che si occupava dello sviluppo di Gtk+ mentre non c’era alcun sviluppatore che si occupava a tempo pieno ad altri progetti come ad esempio Glib. Secondo Otte attualmente lo sviluppo di Gnome è in mano a solo una ventina di sviluppatori oltre ad essere un progetto manipolato da Red Hat.

“GNOME attualmente non ha alcun obbiettivo”, dopo aver raggiunto nel lontano 2005 l’obbiettivo di offrire un’ambiente desktop completo, libero e completamene gratuito il team di sviluppo non ha più obiettivi da portare avanti. Gnome sta perdendo sempre più stima da parte dei propri utenti i quali stanno passando pian piano ad altri ambienti desktop. Le critiche di Linus Torvlads, l’arrivo di ambienti destkop come Unity e Cinnamon hanno fanno si che Gnome sia perdendo sempre più la leadership come il più utilizzato ambiente desktop per Linux.

In questa pagina potrete trovare il post di Benjamin Otte fonte dell’articolo.

Dal mio punto di vista penso che il progetto Gnome 3 possa ritornare agli allori della precedente versione, ci vuole tempo e sopratutto idee chiare. Gnome a mio avviso ha sbagliato a stravolgere quello che era un’ambiente desktop di successo come Gnome 2, si poteva lavorare da quelle basi magari introducendo il gestore delle estensioni, un nuovo window manager ma senza cambiare completamente l’esperienza utente.
Non è possibile dover utilizzare tool solo per poter operare in funzionalità basilari come la gestione dei temi, font ecc questo a mio avviso non è innovare è peggiorare.  Forse già con Gnome 3.6 si vedranno alcuni miglioramenti (alcune funzionalità rimosse sono state reintegrate) e pian piano a mio avviso ritorneremo a riavere il buon Gnome che tutti amavamo.
Secondo voi Otte ha ragione? Che cosa deve realmente fare Gnome, riprendere in mani Gnome 2 oppure continuare con Gnome Shell e suoi miglioramenti?
  • Caterpillar

    Ha dannatamente ragione, altro che. Infatti tutti quelli che si occupano di distribuzioni enterprise sono nel panico più totale perchè non possono far migrare tali computer a Gnome 3 perchè sarebbe un disastro per le persone che lo utilizzano. Vi immaginate un ufficio di polizia o quant’altro che passa da Gnome 2 a Gnome 3? “Ma come funziona, oooh, ma che è successo!!!” Dico questo perchè un giorno parlando su IRC con persone che si occupano di RHEL, gli ho chiesto se avrebbero mai permesso a Gnome 3 di entrare in RHEL e mi dicevano che era un bel dilemma e mi hanno esortato ad esporre le mie idee in un link pubblico dove ognuno può contribuire a mandare i propri pensieri circa la futura GUI di RHEL

    • Andrea

       xfce 😀

      • Androide

         Credo che concetti come usabilità e leggerezza siano andati a farsi benedire alla ricerca di ciò che può apparire bello e futuristico.E’ sopratutto la democrazia che comincia a venire meno da parte degli sviluppatori…imporre delle scelte alla comunità significa sottrarre anche collaborazione ed è per questo che sono nati i vari fork (meno male che ci sono).Oltre poi ad allontanare potenziali user dal mondo linux in generale.Viene meno la possibilità sicuramente di riciclare hardware vecchio con l’appesantirsi dei nuovi D.E.,e questo incide sopratutto in ambito aziendale.Desktop non equivale a Tablet e perseguire un’unificazione che non ci sarà mai è un pò da non lungimiranti.Oltretutto poi il mondo dei dispositivi mobile è dominato dal progetto Android ed è inutile stare lì a perder del tempo con qualcosa che già esiste.Viva quindi il buon desktop classico:Mate forever….

  • Benzo

    Gnome3 è un fallimento, quando si faceva vedere ad un utente Windows gnome2 la reazione era sempre positiva: semplicià, ordine e immediatezza conquistavano immediatamente i nuovi utenti.
    Oggi un utente Windows che avvia un pc  con Gnome3 non ha la più pallida idea di come funzioni il sistema, se non si prende la briga di leggere qualche blog è destinato a tornare a Windows.

    • gnumark

      Io l’ho installato a delle mie amiche che usavano windows e poi gnome2 e sono rimaste colpite dall’usabilità e dall’immediatezza. Tutti quelli a cui l’ho installato mi hanno detto che è quello con cui si trovano meglio. Spiegami dove sarebbe la difficoltà di imparare ad usare GnomeShell. Apri i programmi con uno o massimo 2 click, Passi da uno workspace ad un’altro senza neanche un click.. Dov’è la difficoltà? 
      Gnome Shell deve andare avanti perchè è il miglior DE mai creato a parer mio.

      • Finalmente qualcuno che la pensa come me!!! Condivido tutto appieno! Dicono tutti che fa schifo, che è inusabile, ma per me è semplice, intuitiva, ha il necessario. Ok, manca Compiz, alcune impostazioni essenziali devi installarle con il tweak-tool e sono d’accordissimo che andrebbero introdotte di default, ma l’idea base mi è sempre piaciuta. E’ da migliorare, ovvio, è molto giovane. Se la gente vuole la pappa pronta… Aggiungo: spero solo che questo progetto non fallisca davvero

        • RobertoCalabrese

          Premesso che sono gnomista (ma affascinato da kde), a me gnome-shell piace e lo uso come DE principale ma…sull’usabilità meglio stendere un velo pietoso… bisogna installare diverse estensioni, hackerare righe di codice, cambiare parametri con dconf e gconf, modificare il comportamento delle finestre, …. prima che l’usabilità di questo desktop risplenda alla grande… e non tutti hanno il tempo, la voglia, o le conoscenze per farle… Un esempio per tutti Il Riavvio che si ha solo premendo alt e suspend (a meno di estensioni terze), diverse persone mi hanno contattato durante il passaggio da gnome 3.2 a 3.4 perche’ l’estensione che sostituiva a sospendi il tasto spegni non gli funzionava piu’ e non sapeva piu’ come spegnere il pc… In generale come voto gli do’ 6,5, le potenzialità sono enormi ma devono darsi una sveglia sull’usabilità, diciamo che la loro idea di usabilità non coincide con quella del resto del mondo…

          • Benzo

            Stramegaquoto!
            Usare e amare un DE è diverso che scegliero per la sua reale usabilità!
            Quando uscì KDE4.0 si gridò allo scandalo ma si stava parlando di un DE, come dire, per amanti del bello.
            Con gnome le cose sono diverse, si parla di produttività, di uso aziendale, ecc…
            GNOME3 ha voluto fare il figo ma sta facendo la figura dello sfigato.
            Se fosse stata tutta ‘sta rivoluzione sono sicuro che quel volpone di Mr.Ubuntu l’avrebbe fatta sua ma così non è stato e non è.

            P.S. Come si spenge questo diavolo di pc con gnome3? 🙂

          • RobertoCalabrese

            Per spegnerlo vai in alto a destra e clicca sul nome che hai dato in fase di installazione, poosizionati col mouse sopra sospendi (senza cliccarci ancora), premi ALT, e vedrai che sospensione e’ diventato Spegni.
            Disqus ha scritto:

          • Benzo

             Ero ironico …

      • Benzo

          Come si esegue lo spegnimento in gnome3?

    • Brado

      Vedremo con windows 8 allora che succede….poi sinceramente tutta questa difficoltà di utilizzo non la riscontro, forse il problema sta sempre nel fatto che quando a qualcuno gli sposti un icona dall’angolo dx all’angolo sx del desktop va nel panicoe  non riesce più a capirci nulla, questo però è un problema di testa, ci vorrebbero menti più allenate alla dinamicità e ai cambiamenti, capaci di recepirli, se poi uno è un chiodo non ci si può fare nulla. Ci si doveva fermare con lo sviluppo delle interfacce a 25 anni fa e non andare oltre? Lamenti e i contro-lamenti ci sono sempre stati ad ogni cambiamento, dalla notte dei tempi. Sono passato da gnome 2 a gnome shell senza alcuna difficoltà e debbo dire che mi piace, si può sicuramente migliorare e deve migliorare ma io tutto questo disastro non lo riesco a vedere.

      • Benzo

         Come si esegue lo spegnimento in gnome3?

        • gnumark

          Io ho il tasto spegni. Basta aggiungere l’estensione alternate status menu. E Comunque bastava premere il pulsante di spegnimento per  visualizzare il menu delle varie scelte spegni sospendi ecc.. Invece dimmi.. Di default il DE che utilizzi ha scala finestre?

          • Benzo

             Sì, in PCLinuxOS KDE c’è lo scala finestre di default. angolo in alto a sinistra, altro?

            Il pulsante che uso per spegnere il pc è un plasmoide già presente in tutte le distro KDE e non mi servono estensioni.

          • gnumark

            Se la metti in questi termini e cioè prendi come riferimento una distro particolare posso dirti che ci sono distro come Deepin o PinguyOS che hanno incorporato il tasto spegni. E non vedo cosa ci sia di male tra l’altro nell’attivare un’estensione oltre al fatto che per farlo ci vuole un secondo.  In ogni caso torno al solito discorso. Anni fa usavo KDE poi ha cambiato troppo per i miei gusti e mi ha fatto e mi fa tutt’ora schifo. Non ho mai criticato la scelta degli sviluppatori. Sono passato felicemente a Gnome che ritengo superiore in tutto ciò che è indispensabile (e non ritengo indispensabili cazzate come il cubo) ma non ho mai perso tempo a continuare a criticare KDE. Non vedo perchè chi non si trova bene con Gnome debba continuamente insistere a denigralo invece di usare  il DE con cui si trova bene.

          • Benzo

            Se non capisci cosa c’è di sbagliato nel dover instalalre un’estensione per avere il pulsante di spegnimento non perdo altro tempo con questa discussione. Si critica quello che si conosce, non per forza ciò che si usa.
            Ripeto, lasciamo perdere e viviamo felici.
            Addio

          • gnumark

            Può darsi che io non capisca. Di sicuro ciò che non capisco è una cosa. L’accanimento continuo da parte di alcuni che sembra non aspettino altro notizie come queste per ribadire la loro posizione nei confronti di Gnome.  La risposta di oggi degli sviluppatori di Gnome a Otte mi sembra piuttosto esplicita e chiara. La strada è quella già segnata e a parere loro, come mio, è rosea. Ci sbagliamo? Sarà il tempo a dirlo. Io posso capire che i delusi critichino una scelta nel periodo immediatamente successivo a quando questa scelta viene fatta o per qualche tempo dopo ma ormai è quasi un’anno e mezzo. E mi sembra evidente che non c’è la minima intenzione di tornare al passato da parte di Gnome. E visto che è così, la critica che poteva essere costruttiva in un primo periodo ora non è più neanche una critica. E’ accanimento.. E’ una specie di guerra di religione senza senso. Quando tutti potrebbero vivere felici e tranquilli usando ciò che gli piace e che ritiene migliore.

    • rispondo qua

  • daves

    Che gnome 3 sarebbe stato un fallimento l’ho intuito subito dopo che hanno cambiato il design della shell, e nella mia valutazione non ho sbagliato più di tanto. Come è uscito gnome-shell io sono passato prima a unity (che anche su quel “coso” bisognerebbe riflettere un pochino, poi a kde, a cinnamon e mate, e infine xfce Chi prima dell’altro, xfce o mate, farà un porting decente alle gtk3 senza perdere troppo in semplicità d’utilizzo mi avrà come utente. Al momento sono su eOS e il loro “pantheon” mi garba parecchio.

  • Andrea

    bene bene non vedo l’ora che collassi, cosi almeno investiranno il tempo in qualcosa di piu utile…

  • Salvatore Scialo’

    io ormai sono passato a xfce. leggero e funzionale.

    • Er Chiappetta

      Anch’io ho riscoperto XFCE veramente semplice e funzionale a parte qualche bug nelle applets per i pannelli. Spero migliorino Thunar che sicuramente è inferiore a Nautilus

  • mapkino

    Gnome 3 non mi ha mai convinto.
    Il progetto é debole, anche per questo si aprono molte fork nel tentativo di migliorarlo.
    Ricordo che KDE 4 all’inizio era un pó pasticciato ma ha saputo riprendersi alla grande.
    Comunque per ora Xfce é il miglior compromesso prestazioni/peso.

  • antonio chiurazzi

    sempre detto che gnome3 fosse un enorme fallimento! regressi che neanche agli albori di gnome2. ci credo che tutti se ne vanno da quel progetto, chi ha voglia di sviluppare quella ca°°ata colossale. gnome-shell è un abominio e anche gnome3 stesso è uno schifo.
    mi dispiace perchè sono stato sempre uno gnomista, ma questo è quello che succede quando non si ascoltano le critiche e si fa spallucce. unity ancora campa, ma se muore gnome anch esso muore. di questo passo rimarremo solo con kde sui desktop nel giro di 2 o 3 anni.

  • Borgio3

    Delle nove distro presenti nel mio hard disk, non ce n’è una con Gnome 3. Non mi piace. Preferisco Unity alla grande, Xfce, Openbox e mi sto avvicinando ad IceWM e KDE.

    • gnumark

      Mi sembra giusto criticare una cosa che non si usa e che perciò probabilmente non si conosce molto bene. Io per esempio non uso Unity, KDE o XFCE perchè mi fanno schifo ma non sono mai entrato in nessun forum a criticarli. Non mi piacciono. Semplicemente non li uso. Adoro Gnome Shell e uso quello. Per me ogni sviluppatore è libero di seguire la propria strada mentre mi sembra che per alcuni non sia così.

  • Francesco Muriana

    Che esagerati. Cosa ci sarebbe di difficile in gnome shell?

    Se hanno imparato quella schifezza di Unity…

  • Red/

     Mi interessa questo ragionamento che ho letto altrove a riguardo:
    “a prescindere da GNOME. Se le Gtk+ non fossero più mantenute, andrebbero in crisi tutti i desktop environment da Aura di Chrome OS a Unity di Canonical passando per Xfce ed LXDE”
    Se non ci fossero salvataggi dello sviluppo delle Gtk (scongiuri!) che dovrebbero fare gli altri windows manager per sopravvivere… cambiare drasticamente impostazione e adattarsi ad altre librerie?
    La Canonical cosa fa col suo “progetto di punta”, Unity? Già che deve fare i conti col fatto che Compiz window manager non é più supportato -se non da Canonical stessa?

  • scienzedellevanghe

    il team di Gnome deve cambiare radicalmente testa.
    Anche se si può fare a meno della taskbar non trovo giusto che si obblighi l’utente a farne a meno. Basterebbe inserire un pannello di controllo che permetta un minimo di personalizzazione del DE senza delegare tutto alle estensioni di terze parti che possono smettere di funzionare domani. Non dico una cosa completa come KDE, ma l’abc non puoi toglierlo.

  • magnet magneto

    Ringrazierei a nome di molti Gnome3 che ci ha fatto riscoprire come è bello avere la possibilità di sceglire altri DE (che non sono lui).
    Il Re è morto…evviva il RE!!!!!!!

  • Vellerofonte

    Non leggo alcun commento e rispondo di getto, mi scuso se ripeto cose già dette quindi:

    l’articolo mi sembra anzitutto alquanto isterico, il titolo campeggia: “Gnome ormai è un progetto di Red Hat ed è prossimo al collasso!”, mentre l’articolo si conclude con un ragionevole “pian piano a mio avviso ritorneremo a riavere il buon Gnome che tutti amavamo.”

    Molto strana la parte: “Benjamin Otte ha indicato di essere stato l’unico sviluppatore a tempo pieno che si occupava dello sviluppo di Gtk+ mentre non c’era alcun sviluppatore che si occupava a tempo pieno ad altri progetti come ad esempio Glib.”

    I progetti open sono portati avanti da volontari, chiaramente queste persone dovranno sostenersi in qualche modo, il sig. Benjamin ha sentito parlare di lavoro? bollette? qualcuno lo informi al più presto, magari ricordando che progetti come Gimp sono sviluppati da qualcosa come 3 persone.

    Incredibile il passaggio: “l’arrivo di ambienti destkop come Unity e Cinnamon hanno fanno si che Gnome sia perdendo sempre più la leadership come il più utilizzato ambiente desktop per Linux.”

    Capisco che su ubuntu.it si continui a confondere Unity con un DE ma che lo faccia un ex sviluppatore di Gnome mi pare alquanto bizzarro.

    Detto questo, gnome ha virato come altre soluzioni al mondo tablet che se si rivelasse una moda passeggera o un punto di transizione lascerà molte vittime alle spalle.

    Altri ambienti si stanno comportando più razionalmente come XFCE che migliora al punto di divenire superiore a Gnome 2.x (il che rende palesemente inutili progetti quali Mate o Cinnamon), o KDE che divide nettamente l’interfaccia tablet da quella desktop concettualmente opposte.

    Il tempo ed il mercato porteranno a sentenza l’operato di tutti.

  • Ilgard

    Sono dell’idea che i tempi del menù con i programmi e delle barre con le finestre aperte siano finiti ed è un bene, perchè le interfacce simili a quelle di Gnome 3 (come anche quella di Unity) sono sicuramente più efficienti.
    D’altro canto, come detto anche nell’articolo, sia Gnome 3 sia Unity (che comunque lo preferisco a Gnome 3) hanno la pecca di essere scarni se non si installano tool di terze parti.
    Credo che il supporto della comunità col tempo abbia fatto impigrire le aziende che si sono abituate a vedere i loro progetti migliorati gratuitamente da altri.

    • magnet magneto

      Son talmente finiti che ho cambiato distro e DE con l’arrivo dei nuovi obrobri.
      Ci sono funboys di Gnome3 e Unity solo perche sono i main DE delle due distro al momento più blasonate (ma neanche troppo).
      Non voglio alimentare flame ma mi sembra ridicolo e offensivo per l’intelletto umano definirli “piu’ efficenti” qualsiasi cosa tu voglia sia programmare per l’utilizzo quotidiano che utilizzare meramente risulta più macchinosa e meno user-friendly  . Per spostare una barra da sopra/sinistra a sotto non puoi o devi scaricare l’addon…ma siam matti??
      piu’ che effi-cenza mi sembra defi-cenza. IMHO.

      • Ilgard

        Avere una visualizzazione tabellare con le icone delle applicazioni e poter eseguire ricerche immediate tra file ed applicazioni è scandalosamente più efficiente dell’avere barre con menù a tendina che a loro volta aprono altri menù a tendina. Questo lo capirebbe anche una scimmia, salvo quelle che si lamentano ora perchè M$, ad esempio, ha tolto il pulsante Start, quando non si rendono conto che un menù simile è talmente inutile che hanno sempre usato dockbar o simili.
        Che poi i DE siano troppo poco personalizzabili sono d’accordo: sono nettamente migliori come interfacce a livello teorico, peccato poi magari lascino un po’ a desiderare come realizzazione pratica.

        • magnet magneto

           Mettiamola cosi : voglio una barra di menu in alto con tutti i pulsanti che mi servono per startare le mie applicazioni preferite.
          Ne voglio una in basso del colore che voglio io e dell’ampiezza che voglio io..anzi la voglio solo in un angolo espandibile..
          Ecco se riesci ad ottenere tutto questo con il tuo DE senza scaricare nulla in meno di quanto ci metta io con gnome 2 mate xfce xlde e mi sbilancio anche in icewm allora mi rimangero’ quanto sopra detto…..
          (a che serve la ricerca se le applicazioni che si usano in media sono una decina di applicazioni e per le altre che “sono imboscate” mentre con la sinistra mi sorseggio una bibita con la destra clikko??)
          A) Se volevo un mac ed adeguarmi alla massa di coloro che think-different-but-all-in-one-in-the-same-interface me lo compravo,anzi lo emulavo…ghgh
          B) E’ inutile i due obrobri sono indifendibili!!!!

          • Telperion

             Come non essere totalmente in accordo con magnet.

          • fabietto gas gas

            opensuse con desktop kde,in un lampo fai tutto.

          • Ilgard

             Se vuoi quelle cose usa Gnome 2, c’è già, non serve farne uno nuovo. Se devi fare un DE nuovo mettici qualcosa di diverso, altrimenti con l’ennesima copia non ci fai nulla.
            Per le solite applicazioni ci sono le barre laterali, usare due pannelli è solo un inutile spreco di spazio. Inoltre a me rompe girarmi dieci menù diversi per trovare l’applicazione appena installata quando mi basta scrivere il suo nome e la trovo al volo.
            A)Non è una questione di emulazione del mac (anche perchè il launchpad l’ha messo prima Unity se non ricordo male), è semplicemente più efficiente.
            B)Ti sbagli, è il continuare a criticarli per le motivazioni sbagliate che non ha senso. Di sicuro li si possono criticare perchè troppo poco personalizzabili, ma criticarli perchè non funzionano come i DE di 10 anni fa è ridicolo.

  • domenico

    gnome shell non mi è mai andato giù, ma gnome 3 non è solo questo…
    MATE ad esempio (è uscita la versione 1.4, lo sapevate?) somiglia moltissimo a gnome2.

    Bisognerebbe imparare da apple: osx ha sempre più successo, ma non ha niente di  rivoluzionario, anzi, assomiglia moltissimo al vecchio gnome2…

    xfce lxde e17 sono solo dei poveri surrugati a mio parere; vabbè, se uno si accontenta vanno benissimo, ma andavano bene anche qualche anno fa, prima che arrivasse gnome3, se è per quello.

    Personalmente vedrei  MATE il migliore candidato per chi è allergico alle nuove interfacce

    • Davide Depau

      Infatti mettendo un pannello di MATE e una dock, come Cairo Dock o Docky, si ottiene lo stesso aspetto. Identico.

    • Gabriele Castagneti

      Poveri surrogati? Concordo con tutto il resto del commento, ma… XFCE ed E17 poveri surrogati?
      Acciderbolina, avranno anche copiato da Gnome per l’interfaccia utente (cosa assolutamente non vera se si guarda E17 – ad essere sincero), ma lo sviluppo è partito da poco più di zero! E così, XFCE batte ampiamente Gnome 2 nelle prestazioni anche con tanti effetti abilitati. Non ci avevi fatto caso, vero?

      • domenico

        mai usato nessun effetto…
        comunque ho scritto appunto che vanno bene, ma restano tutti un po’ rozzi rispetto a g2: da qui il paragone…

        • Gabriele Castagneti

          “Rozzi”? Non capisco questo passaggio…

  • Striplexterzo

    Gnome 3 ha ucciso tutto quello che di buono è bello c’era in gnome 2.32. Io sono rimasto profondamente deluso da quest ultima versione di gnome , ho provato in tutti i modi a farmelo piacere ,gnome shell, unty ,mate,cinnamon,gnome classic, gnome panel ecc. li ho provati veramente tutti ma non c’è niente da fare l’usabilità e le prestazioni sono diminuite , rispetto a qeusto xfce ,lxde e kde presentano una maturità e un usabilità maggiori. Invece di andare avanti si è tornati indietro. Non nego che un rinnovamento fosse necessario ma non si può per questo passare da un ambiente desktop stabile e leggero in nuove interfaccie grafiche pesanti e macchinose.
    Sembra quasi che gli sviluppatori di gnome abbiano voluto darsi una zappa sui piedi e favorire gli altri ambienti desktop. Da essere il migliore ambiente desktop è diventato di gran lunga il peggiore. :…………………..(

  • Davide Depau

    Sono d’accordo con te: estensioni, temi, anche l’interfaccia rivoluzionaria, ma attivabile con un’estensione, così chi non la vuole non la usa. Proverò anch’io MATE prima o poi: i vecchi dialoghi di impostazioni, sostituiti ora dal rinnovato control-center (evidentemente copiato da Apple), non li batte nessuno…

  • gianluca

    gnome 3 è stata la peggior cosa mai apparsa, naturalmente dopo unity
    gnome 2,2 era una ventata d’aria fresca…. bello  leggero esaltante ….divertente
    spero che tre collassi al piu presto e che 2.2 rinasca con maggior vigore
    un’azienda seria e libera avrebbe chiesto agli utenti…… o no?
    gianluca

  • LudJ

    che manica di pecoroni….. 
    – quando qualcuno incominciò a dire che unity era brutto tutti in coro: “UNITY E’ BRUTTO, GNOME SHELL E’ STUPENDA!”
    – quando qualcun’altro ha incoominciato a criticare GNOME SHELL (come sto banfone d’un benjamin), tutti in coro cme i pappagallini: “GNOME SHELL E’ ORRIBILE UN DISASTRO!!!”
    – quando qualcuno ha incominciato ad elogiare KDE…tutti in coro: “E’ IL DE PEFETTO!!”

    …………poi ritorna la risacoperta di xfce… santo subito e tutti dietro a pappagallo…..

    Ma sapete pensare e scrivere con la vostra testa, o bastano 3-4 comenti di fila simili, che cantano uno stesso concetto e via…tutti dietro.

    Andrebbe fatta una prova, solo per vedere se sta “teoria dei linuxuiani pappagallari” è veritiera.

    LOL!!!

    • Striplexterzo

      sul mio netbook comprato nel gennaio del 2012 ubutnu 10.10 veloce e stabile, una favola , xfce ed lxde veloci e stabili ,gnome 3 lento e impacciato …non c’è da dire altro. Forse sei tu che non hai provato altri de e parli così, oppure hai un pc potente e non hai notato le molte imperfezioni che sono giunte con l avvento di gnome 3.
      Quello che hai detto tu è già stato detto da altri ,la storia dei pappagalli ,allora anche tu sei un pappagallo. Critica insensata ,a mio giudizio ,poi va be ognuno è libero di dire ciò che pensa 🙂

      • Er Chiappetta

        Gnome Shell è lento perchè è in parte sviluppato in Javascript e per questo non potrà mai essere reattivo su macchine simil Atom. Ho il tuo stesso problema con il mio netbook del 2008. Mint + Mate o Xubuntu girano perfettamente in stile “classic desktop”.

    • Gabriele Castagneti

      Personalmente, mi pare di aver sempre sostenuto Unity fino a quando non mi sono accorto che si bloccava ogni cinque minuti. Sostengo Firefox da sempre, ancor prima che nascesse Chrome, e lo continuo ad usare. Non permetterei a nessuno di sostituirmi al mio cervello, finche funziona egregiamente.

  • Greg Slamba

    io personalmente preferisco gnome 3, ci sono un paio di cose da sistemare, ma è nettemante più piacevole e funzionale della versione 2, ci sono cose molto peggiori rispetto gnome in ambiente linux…

    • Gabriele Castagneti

      Se lo dici tu…

  • ChicoMD

    Apparte il fatto che Red Hat mi sta pesantemente sulle palle.
    La più grande boiata è stata non mantenere GNOME2 come progetto a sè stante, poiché completamente diverso. Se voi guardate GNOME2 e GNOME3 sembrano due desktop diversi, nessuno direbbe che uno è l’evoluzione dell’altro. Spero tornino sui loro passi, anche se è impossibile, ormai GNOME2 è morto. Menomale che c’è Xfce.

    • Facce

      Il progetto a sè stante basato su Gnome 2 esiste e si chiama Mate.

  • Gabriele Castagneti

    Gnome è inutile. Punto.
    Gnome Shell non è poi così rivoluzionaria né piace.
    Gnome OS è destinato ad essere un flop (considerati i risultati ottenuti da Canonical rubando il lavoro agli sviluppatori di DE).
    Ci sono XFCE e KDE che fanno più che degnamente il loro sporco lavoro.

  • Brado

    È sempre la stessa cosa, gli articoli sul blog più discussi sono sempre quelli che trattano il derby, la partita, i temi che fanno scattare la sindrome del tifoso gnome vs kde o ubuntu vs gli altri…potreste scrivere in turco e ovunque….vi riconoscerei comunque! Che 00

  • “Dal mio punto di vista penso che il progetto Gnome 3 possa ritornare agli ALLORI della precedente versione”

    ALLORI???!!! ma santo cielo a tutto c’è un limite. sto blog già è scritto da cani, ma cerchiamo di darci una regolata e che diamine!!!

    • devo darmi una regolata? sei obbligato a leggere lffl? se non ti piace come è scritto non leggerlo
      Il giorno 28/lug/2012 22:29, “Disqus” ha scritto:

    • Dedema87

      ma scusami… che cos’ha la parola “allori” di cosi sconvolgente? è un modo di dire abbastanza comune, soprattutto in ambiente giornalistico… e poi su quale base critichi il modo di scrivere di uno dei pochi siti che,  completamente a titolo gratuito, dà questo tipo di informazioni e notizie???

      che gente….

      • ma sei scemo?! l’alloro è una pianta c***o!!! ambito giornalistico?! casomai “ALBORI” è un termine comune! poi lasciare li l’errore dopo che l’ho fatto notare è da ignoranti totali!!! ma robe da pazzi…

        • magnet magneto

           Casomai comunque ignorante sei tu!
          Cerca poi “corona di alloro” e vedrai che il senso della frase era correttissimo .I migliori dei giochi romani erano incoronati con una corona di alloro (pianta cara agli dei) da allora sinonimo di trionfo-vittoria.Da li “non sedersi sugli allori” significa non mollare dopo aver vinto.
          Detto questo compimenti per la figura di mmmenta!!!!!!

  • Marco Galli

    Dalla mia prospettiva Gnome 3 rappresenta la naturale conseguenza all’esperienza che l’utente medio linux dovrebbe avere acquisito.
    Non è razzismo,ma non c’è progresso se non c’è trasformazione .

  • Telperion

    che sono impazziti, non c’è dubbio
    http://www.phoronix.com/scan.php?page=news_item&px=MTE0ODg
    vogliono gnome al 20% del market share nel 2020 ….
    lol

  • SalvaJu29ro

    Potrebbe tornare a Gnome 2 per i desktop e usare Gnome Shell solo per i tablet

  • Signori perchè tutto questo nervosismo rispetto a Gnome 3 o 2 o shell o altro. Io penso che Gnome sia un buon progetto e che come sempre può incontrare un momento di flessione sia in termini di idee che in termini di usabilità.
    Posso dire che Linux ha la fortuna di avere una miriade di ambienti grafici basta guardarli e stabilire quale sia più indicato per ognuno di noi. Attualmente io uso Cinnamon e lo reputo un buon manager più usabile del Gnome 3 pur essendo nato come fork di Gnome 3, magari domani salta fuori un Gnome 3 che ridiventa stupendo e supera tutti. Basta con le polemiche o con gli schieramenti guardiamo cosa serve a noi per lavorare bene.

  • Fedefigo92

    ciao a tutti
    io sono passato da opensuse con kde 4.6 a ubuntu con unity e mi trovo davvero bene ho messo la docky sotto ed è molto funzionale…certo ubuntu le funzioni di kde e di yast se le sogna ma anke i crash di sistema o di kde…quindi meglio meno funzioni ma che funzionino…cmq gnome shell provata è inutilizzabile forse andrebbe bene su un tablet ma non su un pc…cmq forza linux!

  • Enrico Galli

    Gnome 3 è inusabile così come unity.
    Forse vanno bene per tablet o altri dispositivi touch.
    Per il momento mi sono salvato con Cinnamon (grazie clement)

  • Francesco Manghi

    anche a me piace davvero gnome 3.

    Vero che purtroppo gnome shell è usabile solo con alcune etensioni installate, ma a me piace molto.

    Poco personalizzabile (è difficile trovare temi ben integrati) ma per il resto fà assolutamente lo scorco lavoro che deve fare: desktop pulito, tasto “win” e clicc sull’applicazione da usare….easy.

    Piuttosto bisognerebbe integrare la ricerca nei file di sistema da shell come per unity.

    PS: mi piace anche unity, l’ho iniziata ad apprezzare in ubuntu 12.04

No more articles