Xubuntu e i biscotti della Fortuna

0
131

Molti di voi conosceranno la distribuzione Crunchbang, e si è parlato spesso del suo indiscutibile successo sulle pagine di LffL, chi ha avuto la fortuna di provarla ne avrà subito il fascino che deriva dalla sua velocità e dalla sua veste grafica basata su un tema dalle tonalità scure.
I nomi assegnati sia al precedente che all’attuale rilascio, Statler e Waldorf, derivano da due anziani personaggi che condividono un posto in galleria al Muppet Show. Criticoni per natura, non condividono le battute di Fozzie Bear. Hanno sempre l’ultima parola, con un commento finale al termine di ogni episodio (cit.Wikipedia).
Philip Newborough “Corenominal”, il solitario sviluppatore di Crunchbang, oltre a dedicare le distribuzioni ai suddetti personaggi, ha riesumato dai repository di Debian una dimenticata applicazione “Fortune”.

Il nome deriva dai biscotti della fortuna che al loro interno contengono un messaggio, in Crunchbang dopo due minuti dall’avvio appare sotto forma di notifica uno di questi messaggi “biscotti” che vengono da archivi disponibili in molte lingue. Le citazioni più “spinte” sono contenute in archivi separati “-off”. L’immagine che vedete sotto il titolo del post ne è un esempio.
L’applicazione è disponibile naturalmente anche per Ubuntu e derivate, quello che non è disponibile è la visualizzazione in notifica. Una volta installata basta digitare nel terminale “fortune” e subito verrà visualizzato il messaggio.

Come vedete la situazione è molto diversa da quello che accade in Crunchbang, dove il messaggio è correlato dell’immagine di Stalter (il personaggio dei Muppet) con a fianco la scritta “Statler says…” (Statler dice…) e sotto il “biscottino del giorno”.
Fino a poco tempo fa, grazie ad uno sviluppatore italiano era disponibile un pacchetto che permetteva di controllare “Fortune” attraverso un comodo applet “Fortune Indicator”, che tra i controlli aveva anche la temporizzazione delle notifiche.
Ma il pacchetto è scomparso e così anche il PPA (Andrea “arlecchino” Azzarone ) da cui si installava.
Quelle notifiche scanzonate ed impertinenti mi mancavano ed avevo voglia di leggerle ancora su Xubuntu.
Visto che la cosa è stata possibile, illustro i passaggi per i lettori di LffL che vogliono provare.
È il caso di dire che mai come in questo caso “La strada più dritta non sempre è la più corta” la guida non mi attribuisce nessun merito ed attribuisce molti “grazie” soprattutto a Philip Newborough “Corenominal” autore dell’idea.
Per prima cosa da Synaptic bisogna installare i pacchetti che vedete nell’immagine.

I pacchetti sono: fortune-mod, fortunes-min, fortunes-it e se volete, fortunes-it-off.
Potete anche installarli da terminale digitando:

sudo apt-get install fortune-mod fortunes-min fortunes-it fortunes-it-off

La visualizzazione dei messaggi è affidata ad uno script Python, avevo bisogno di quello script, e per recuperarlo mi sono recato al sito GitHub dove è archiviato “cb-fortune” quello presente in Crunchbang, ho “vergognosamente copiato” lo script, l’ho reso eseguibile e messo dentro una cartella nascosta chiamata “.fortune”. In rete ho “vergognosamente copiato” un’immagine di un biscotto della fortuna predisposto per farne un icona e dopo averla elaborata con GIMP l’ho trasformata in un icona vera e propria; ed anche lei è stata messa dentro la cartella “.fortune”, ma è logico si può optare per l’icona che più preferite.
Nello script ho modificato il rigo “Statler says…” con “Fausto dice…”, ( lo so è poco onorevole!!!) questo solo per dire che potete modificare il rigo come desiderate ho poi modificato il percorso dell’icona associata.

Ed infine ne ho fatto un collegamento nel menù sotto “Accessori”.

Ora basta dare invio sul collegamento ed apparirà la notifica.
Attraverso “Impostazioni” ho aggiunto tra le applicazioni di “Avvio automatico”, “Fortune” riferendomi allo script della cartella nascosta.
Nel comando ho dato “bash -c “sleep 120 ; /home/fausto/.fortune/cb-fortune” la prima parte prima dello slash “ / ” fa in modo che lo script si avvii dopo 120 secondi, altrettanto logico è che voi dovete dare il vostro percorso.

Avevo alla fine ottenuto il risultato voluto, ma non mi andava bene il sapore “Machiavellico” della cosa così, con un po’ di presunzione, a “il fine giustifica i mezzi” ho preferito Pablo Picasso con “I bravi artisti copiano, i grandi artisti rubano.”

Fausto