Il 2011 è stato per Linux un anno pieno zeppo di novità dall’arrivo del nuovo Kernel 3.x, al nuovo Gnome 3 a Unity per Ubuntu fino ad arrivare al successo di Linux Mint.
Linux Journal è uno dei più conosciuti magazine del settore in questi anni ha realizzato un sondaggio per premiare i progetti più apprezzati nel 2011 dai lettori suddivisi in varie categorie.
Linux Journal ha incoronato (per il settimo anno consecutivo) Ubuntu come Distribuzione Linux dell’anno, al secondo posto troviamo Debian che con il rilascio della nuova 6.0 Squeeze ha sicuramente portato molte novità e un maggiore interesse da parte degli utenti.
Come Distribuzione per Netbook troviamo Ubuntu Netbook Remix seguita da Android e Debian, a dire il vero già la versione desktop di Ubuntu offre un’interfaccia dedicata ai netbook.
Come migliore sistema operativo mobile troviamo Android, qui penso che non ci sia molto da dire, al secondo posto troviamo MeeGo.

Come migliore ambiente desktop del 2011 troviamo GNOME, l’arrivo della terza versione non ha portato via l’affetto dei molti estimatori, i nuovi aggiornamenti e le nuove funzionalità stanno pian piano portando dei netti miglioramenti al nuovo DE. Al secondo posto troviamo KDE il quale in questo anno ha saputo ridare maggiore stabilità all’ambiente desktop, al terzo posto si classifica Xfce.
Come miglior Browser troviamo Firefox seguito da Chrome / Chromium, un’anno di molte novità per il Browser di Mozilla che ha portato il nuovo supporto in canali e il browser di Google che sta avendo sempre più popolarità e utilizzatori. Come miglior client email troviamo Thunderbird anche per lui è stato un’anno di rinnovamenti, inoltre è approdato come client email di default su Ubuntu anche se ha ancora qualche lacuna da migliorare. La miglior suite per l’ufficio secondo i lettori di Linux Journal è LibreOffice, Pidgin si candida come migliore Client IM e IRC, Gwibber come miglior Microblogging Client. Per conoscere in dettaglio tutti i risultati della classifica di Linux Journal basta consultare questa pagina.
No more articles