Nei giorni scorsi è apparso su un post di Mike Gualtieri, famoso analista di Forrester, che indica che il progetto Linux con l’arrivo dei Tablet e di Sistemi dedicati come iOS e Android hanno sancito il fallimento del progetto Linux. Difatti solo il 2% dei pc desktop utilizza Linux una percentuale “ridicola”, inoltre l’arrivo di Android ha praticamente ucciso le speranze che un giorno Linux possa far parte di una buona parte del mercato desktop e mobile. Resta il fatto che proprio Android utilizza il Kernel Linux però il progetto come proprionil partron del Software Libero Richard Stallman ha dichiarato poco “libero”.

Inoltre Mike Gualtieri indica che l’open source sia sia affatto innovatore anzi andrebbe a distruggere il “pricing power” (ossia la capacità alzare il prezzo senza far correr via i clienti) delle tecnologie già affermate.
Personalmente anch’io sono convinto che Linux mai sfonderà il mercato anche se indicare che sia un progetto morto mi sembra una cosa impossibile.

Da anni ad ogni rilascio di Ubuntu si sentiva dire che era quella che porterà Linux al successo cosa che non è mai stata. Inoltre dalle ultime release di Ubuntu sono molti gli utenti che son ritornati a Windows dato che risulta più stabile e sicuramente con meno problemi che ha Unity
Il futuro non sarà esclusivamente dei tablet penso che rimarranno ancora i desktop anche se per pochi utenti. Il problema secondo me arriva anche dall’errore che stanno facendo molte Distribuzioni di voler cercare di portare Linux nei tablet o altri dispositivi mobile non sviluppando più per rendere un’ambiente desktop semplice, leggero veloce e sicuro  i valori che (a parte la sicurezza) negli ultimi anni si son persi.
Sarà ma purtroppo un po di verità nel post di Mike Gualtieri c’è e purtroppo dovremo accettarla.
E voi cosa ne pensate?
Il post di Mike Gualtieri lo potete consultare da questa pagina.
No more articles