La scorsa settimana abbiamo parlato del nuovo aggiornamento ad Unity 3D su Ubuntu 11.10 Oneiric sopratutto abbiamo visto il nuovo  tasto Home nel Launcher per accedere al Dash dalla barra laterale e il nuovo Dash con integrato i Lens per la ricerca.

Ma arriva un’importante aggiornamento anche per Unity 2D l’ambiente desktop di default su Ubuntu che prende il posto di Ubuntu Classic.
Unity 2D è un’ambiente desktop che non richiede Compiz e lo possiamo utilizzare anche su pc con poche risorse disponibili e con schede grafiche datate che non supportano la versione 3D di Unity.

Particolarità che abbiamo visto nella scorsa settimana è l’arrivo anche per Unity 2D del supporto per le QuickList funzione che ci permette di aggiungere alcune funzionalità che migliorano l’utilizzo del nostro Launcher.

Come per Unity 3D anche sulla versione 2D arriva il tasto Home per accedere al Dash anche se diverso nello stile (personalmente mi sembra molto più bello questo) la funzione rimane invariata, basta un semplice click per accedere al Dash.
Il Dash è stato rimodernato difatti sul Launcher sono stati rimossi i 2 Lens per la ricerca delle applicazioni e dei file e ora sono integrati nel nuovo Dash (novità presente anche nella versione 3D).

La funzione di ricerca è stata migliorata integrando le famose Lans nel parte sottostante della finestra appariranno i collegamenti con dove possiamo effettuare ricerche su file, applicazioni e ora anche su brani musicali tramite  Music Lens.

Il nuovo Dash in Unity 2D offre una nuova trasparenza nello sfondo e migliora sia in velocità di ricerca ma sopratutto anche l’avvio è stato notevolmente migliorato.

Personalmente sono molto soddisfatto del lavoro svolto in Unity 2D sopratutto in prestazioni anche se il problema secondo me rimane come il solito la ricerca delle applicazioni ancora notevolmente complessa.

Inoltre a differenza della versione 3D dove grazie al plugin in CCSM possiamo personalizzare il Launcher e alcune funzioni qui invece fin’ora non è disponibile alcuna personalizzazione.

  • Scusa mi potresti spiegare le principali differenze tra unity 2d e 3d? perchè io non ne vedo molte

    • unity 2d è una versione scritta in qt dedicata a chi per problemi di scheda grafica non supporta unity 3d
      anche se possono sembrare simili unity 3d permette di configurarlo e sopratutto grazie a compiz possiamo aggiungere effetti al nostro desktop
      unity 2d è stato migliorato dato che dalla prossima oneiric lo troveremo di default al posto di classic in poche parole ubuntu 11.10 avrà solo unity

  • Dav

    e per le icone faenza quelle si possono ancora modificare giusto?

  • A1398473

    Ma perchè dobbiamo continuare a lamentarci della ricerca complessa delle applicazioni?? Non è mai stata così facile!

    Basta un po’di allenamento a scrivere con 10 dita e….
    1. mignolo sul tasto super
    2. scrivere le prime tre lettere dell’app
    3. freccia giù
    4. invio

    tutto questo è molto più veloce dei menù a tendina.

    • aggiungerei anche più click in caso non si ricordasse il nome dell’applicazione
      inoltre se non utilizzata la devi ricercare su tutte quelle installate quindi con le freccette dovremo smanettarci un bel po per trovarla
      ma questa si chiama innovazione!

    • il 90% degli utenti usa sempre i soliti 4 o 5 programmi, 10/15 per gli utenti più evoluti (noi nerd).
      Questi programmi DEVONO andare sulla dock, gli altri, usati occasionalmente, restano nella ricerca.

    • aaa

      Esatto.
      Ho iniziato ad utilizzare Ubuntu appena un amico mi ha mostrato Gnome-Do.

    • bal000

      si bravo genio! secondo te mia madre si ricorda TUTTI i nomi delle applicazioni?
      io nn dico che il sistema è fico e funzionale, qundo ci lavori a pacchi, ma se sei un utente occasionale diventa un casino! il vecchio menù applicazioni che si auto-inserivano in categoria era moolto piu facile…non vedo perchè non integrarlo porca miseria!

      • 1- la vecchia organizzazione dei menu è ancora disponibile in unity
        2- tua madre difficilmente usa più di 6/7 programmi, strumenti che possono trovare il loro posto nel launcher.

      • io non so tutti gli utenti chiedono un miglioramento del menu ma sembra che canonical invece proceda per la strada contraria
        per fortuna non esiste solo ubuntu

  • stoddard

    Ne Natty, ne’ Oneiric per il sottoscritto.
    Ne’ mi presto ( Natty) a dover scegliere all’ avvio tra classic e Unity.
    Resto alla classica 10.10 finche’ dura, poi mollero’ Ubuntu per qualche derivata decente ( e credo di non essere l’ unico).
    So
    che e’ una vecchia diatriba, ma Unity e’ talmente arzigogolato che la
    nuova gnome shell e’ di una usabilita’ esagerata al confronto ( vedi
    Fedora).
    E vi segnalo per inciso le statistiche di consultazione delle distros su distrowatch.
    Negli ultimi 6 mesi Ubuntu e’ in calo e Mint in salita.
    Negli ultimi tre Mint e’ in testa.
    Sara’ un caso oppure l’ utenza non digerisce proprio Unity ?

    • Premesso che distrowatch non è certamente la fonte più attendibile per valutare la “salute” di una distro (chi scarica ubuntu da distrowatch quando il sito di ubuntu è molto più famoso e ha accessi centinaia di volte superiori?) guarda la cronologia di distrowatch, vedrai che succede ciclicamente più o meno ogni 6 mesi: boom di download con il rilascio di una nuova release e poi un graduale rallentamento fino alla release successiva.

      • stoddard

        Barra wrote:
        “Premesso che distrowatch non è certamente la fonte più attendibile per
        valutare la “salute” di una distro …..”

        E’ una opinione , ma con 322 distros recensite e 10 anni di vita avra’ un qualche peso nel valutare l’ interesse dei linuxari, oppure vogliamo negare anche l’ ovvio.

        Barra wrote:
        “…vedrai che
        succede ciclicamente più o meno ogni 6 mesi: boom di download con il
        rilascio di una nuova release e poi un graduale rallentamento fino alla
        release successiva. …”

        Nulla da obiettare, pero’ se guardi meglio le statistiche riportate ti accorgi che Ubu ha cominciato a scendere sei mesi fa e da tre mesi e’ dietro a mInt. E mint sale continuamente da dodici mesi.
        Sara’ perche’ usa ancora gnome classic con un sistema di catalogazione degli applicativi razionale, comprensibile e ordinato (come peraltro accade anche sulle distro in KDE) ? E lo fa anche sulla Katia che adotta il motore del narvalo.
        E guarda la crescita di Arch, altra distro semplice, ordinata e pulita.

        Se, come immagino, sei iscritto al forum di Ubuntu hai certamente visto le disapprovazioni all’ annuncio di Unity ancora molti mesi or sono, prima della release della 11.04.
        Una serie di utenti, prima fedeli, annunciavano l’ intenzione di abbandonare Gnome per KDE oppure di rivolgersi altrove.
        Il problema non sta nel numero degli “affiliati”, bada bene; sta nei test on the road, sta nei problemi riportati, sta nelle soluzioni proposte. Meno gente usa una distro, meno soluzioni emergono ai problemi che essa puo’ dare, alle modifiche e integrazioni che puoi proporre, ai tricks che possono spuntare.

        Comunque il bello di linux e’ proprio questo :
        – tu ti trovi bene con Unity
        – io non mi ci adatto
        Ognuno di noi segue la propria strada e il proprio gusto.
        E poi, per i nerd, c’ e’ sempre il terminale.

        stoddard

        • Che distrowatch non sia attendibile non lo dico solo, è stato detto più volte su blog come pollycoke, forum (hwupgrade ad esempio) ecc, proprio perchè conta solo i download eseguiti sul loro sito!

          Con questo non voglio dire che non ci sia stati utenti che sono scappati da Ubuntu, torneranno tutti, così come le migliaia di persone che volevano continuare ad usare KDE3.

          Non entro sul forum di ubuntu (italiano) da mesi ormai, pieno di sfigati (senza offesa). Difficilmente si riesce a generare una discussione intelligente!
          Seguo però il forum internazionale e vari blogger. Su Pollycoke le lamentele non certo mancate ma SI È ANCHE RAGIONATO IN TERMINI POSITIVI. Risultato? Andrea Azzarone, Trevino ed altri hanno sviluppato ottimi contributi.

          Non mi aspetto certo che unity piaccia a tutti, ma visto che le alternative non mancano perchè dannarsi tanto sulle scelte di Canonical (e questo non è una accusa a te)?
          Prima c’erano i temi (anni a lamentarsi per l’orribile marrone, fino all’arrivo dei light theme), poi i pulsanti a sx (che sono IMHO estremamente comodi, soprattutto su unity), passando per indicatori, patch varie ecc.
          Ieri ho letto anche lamentele per i nuovi font, tanto orrendi da essere inclusi nel webfont di Google…

          • non è lamentarsi è come dici te raccogliere le opinini della gente
            il problema del menu c’è e lo sara finché non si decederanno di cambiarlo

          • stoddard

            Con tutto il rispetto e , sinceramente , la massima stima  ti espongo la mia personale opinione.

            Sul fatto che gli utenti scappati da ubuntu tornino indietro ho dei seri dubbi. E ne scapperanno ancora.
            Il fatto e’ che quelli che scappano non sono i piu’ niubbi.
            E se li togli dalla comunita’ il supporto ne soffre parecchio.

            Il forum italiano e’ quello che offre la assitenza piu’ semplice e diretta ai nostri locali, per problemi linguistici. Che poi gli argomenti o i quesiti siano frutto di poca conoscenza, esperienza o magari poco interessanti per un geek e’ possibile.
            Se si e’ un poco piu’esperti non ci si ferma solo li’, come dici tu si gira. Pollycoke e’ un totem e lo sappiamo, ma esistono anche altri siti ( vedi questo) dove si possono trovare soluzioni o fare discussioni in ambito linux.
            Anche io leggo a volte il forum internazionale , oppure spesso quello francese che reputo ottimo.
            Concedi pero’ che non tutti sono alla altezza di discutere di moduli, modifiche al sistema , di usare con proprieta’ la console e quant’ altro, persino di proporre discussioni sensate, a volte. E quelli dove trovano assistenza?
            Quelli sono anche coloro che si avvicinano a Ubuntu perche’ e’ descritta come una distro user friendly.

            E qui si intersecano due discorsi:  friendship del sistema e tipo di desktop .
            Ubuntu e’ una ottima distro, stabile, solida e semplifica la vita anche agli esperti ( se voglio cose complicate mi prendo Gentoo, ma perche’ devo prendermi a martellate sugli zebedei ?)
            Approccio Ubuntu e poi mi impratichisco, inizio a studiare, uso il terminale, cerco di capire e migliorare, apprezzo la logica di linux, la sua flessibilita’ e personalizzazione possibile. La personalizzazione e’ il punto di forza : non ho mai usato Ubu cosi’ come si installa; ho sempre cambiato, modificato, tolto e aggiunto.
            A un certo punto i developers mi dicono : usiamo un nuovo desktop, perche’ e’ idiot proof.
            E no, ragazzi . Non mi dovete fare passare da idiota. Mi state rifilando una cosa che forse puo’ andare bene su un tablet o un touch screen, ma che mi complica la vita su una postazione fissa. Per fare la stessa cosa non solo devo cambiare habitus mentale ( nessuna difficolta’ a farlo :uso KDE, piuttosto che Gnome,o altro,  e varie distros di linux ormai) , devo soprattutto eseguire piu’ passaggi di prima e affrontando un processo di selezione piu’ confuso.
            Magari sara’ appunto ispiratrice per il perfettamente niubbo , per chi usa il touch degli smartphones – tocco qui, tocco la’, oh che bello !-, pero’ poi il newbie cadra’ al primo e banalissimo intoppo ( pensa solo ai codec per citare la cosa piu’ elementare e basilare) perche’ non ci sara’ il “pulsantone” del caso li’ nella barra laterale . Panico ! E tornera’ a mamma MS.
            Risultato : chi gia’ ci capisce qualcosa si scoccia e cambia ; chi non ne capisce niente al primo ostacolo mollera’ il colpo e dira’ peste e corna.
            Il tentativo di attirare nuovi utenti fallira’ miseramente.
            Peccato .

            In estrema sintesi : l’ utente linux e’ un utente  consapevole; invece ho l’ impressione che con unity mi vogliano trattare da idiota.

            Comunque il tutto detto con stima e tenendo presente che e’ una valutazione personale e non una lamentela.
            E come dici anche tu le alternative a Canonical nel mondo linux esistono.

            Chiedo venia per la prolissità.

        • quoto che molti utenti son passati a mint e molto probabilmente ad ottobre lo saranno ancor dipiù dato che se per natty c’era la possibilità di mantenere classic con oneiric devi per forza utilizzare unity a meno che non installi gnome shell.
          son curioso di vedere mint se manterrà la versione gnome 3 fallback o (speriamo di no) usi unity

    • basta guardare il sondaggio qui a destra per notare che la stragrande maggioranza usa classic e non unity

  • Gitik

    Mi preme togliermi un dubbio.
    Se oggi mi scarico ubuntu 11.10 e la installo nella sua partizione, con tutti gli aggiornamenti che di volta in volta mi arriveranno, avrò alla fine la versione definitiva? o mi toccherà (alla fine di ottobre 2011),scaricare e installare ex novo la versione definitiva che sarà rilasciata?

    • si arriverai alla versione definitiva

    • puoi aggiornare fino al rilascio ma ci potrebbero piccole differenze (soprattutto nei vari file di configurazione!)

No more articles