Molto spesso quando parliamo di Linux o pensiamo ad Ubuntu oppure semplicemente pensiamo al mitico Kernel e il monto OpenSource che gli ruota attorno. 
Tra i molti sviluppatori Linux apprezzati in tutto il mondo troviamo  Fabio Erculiani, il patron di Sabayon, la famosa Distribuzione apprezzata in tutto il mondo. Recentemente Fabio Erculiani ha rilasciato alcune impressioni su come lo sviluppo di alcuni progetti non sia al quanto migliorato ma sia peggiorato.
Secondo Fabio Erculiani possiamo considerare un fallimento lo sviluppo di Gnome 3, KDE e Grub 2.

I nuovi Ambienti Destkop sono molto più complicati delle release precedenti e anziché semplificarne l’utilizzo all’utente lo lasciano quasi incapaci di utilizzare un  qualcosa che dovrebbe essere il più semplice possibile.

Come possiamo leggere in questo post il patron di Sabayon giudica il Grub 2 per passare da una semplice configurazione con la quale bene o male  anche un utente con poca esperienza riusciva a risolvere alcuni problemi o personalizzarlo in un sistema molto complesso difficile da configurare.
KDE4 invece, sempre secondo Erculiani, sarebbe rovinato dai continui cambi di API/ABI, inoltre i rilasci non vengono testati e quando si va a creare i pacchetti son sempre cavoli amari. Per anche per Gnome 3 che si sono allontanati dallo standard “naturale realizzando un Desktop poco intuibile e sopratutto non vogliono trovarsi nel desktop un ambiente per dispositivi mobili. 
L’utente cerca la semplicità la classica icona nel desktop un click e l’applicazione si avvia senza dover passare da vari menu o ricerche per avviarla. 
Inoltre per finire ha indicato anche il nuovo sistema di numerazione introdotto da Firefox che lo rende molto difficile da pacchettizzare per le varie Distribuzioni Linux.
Personalmente tranne per  quel menzionato per KDE quoto perfettamente quanto detto. L’impressione che alcuni sviluppi siano davvero impazziti è assolutamente reale e la possiamo toccar con mano testando Grub 2 o meglio ancora Unity e Gnome 3
E voi concordate alle considerazioni poste da Erculiani?
  • Antonio G. Perrotti

    concordo in pieno. e continuo a chiedermi il perchè di tutto questo. kde non l’ho mai usato, ma riguardo a gnome veramente non si capisce la ragione di essere di gnome 3. soprattutto, come unity, costringe a “cercare” risorse e applicazioni e veramente non vedo il senso, neanche sugli schermi da 10′ o giù di lì. comunque spero che a questo punto qualcuno provi a sviluppare qualcosa che possa sostituirsi a interfacce che sembrano studiate per far perdere tempo e provocare bestemmie alla Mosconi 🙂

    • ha il buon mosconi e pensare che lo guardo ancora (ora lavora per telearena non più per telenuovo causa bestemmie) 🙂
      per il resto lo già detto più volte
      separiamoli in 2 ambienti diversi mobile e desktop
      personalmente uso gnome 3 e con un po di estensione di riesce anche ad utilizzare egregiamente mentre unity lo tolto completamente dai miei pc lasciando solo una partizione con oneiric per testare lo sviluppo e i pacchetti

      • Mik

        la rivoluzione di gnome…. bastava integrare una dock ben fatta…. ma forse qualcuno ci ha già pensato…. si rischiava di C O P I A R E!!!

        • be insomma ormai penso che si fa qualcosa si rischia di copiare sempre o avvicinandoci ad un progetto
          molte innovazioni presenti su mac e windows sono già da anni presenti in linux vedi l’expose ecc

  • Samuele Dell’Aquila

    ci sono delle estensioni su gnome 3 che lo rendono perfettamente fruibile e, apparte l’impatto iniziale, risulta facilmente utilizzabile.

    • è vero anch’io con qualche estensione ha cominciato ad essere almeno utilizzabile
      solo che esser abituati al vecchio gnome 2 semplice, veloce e personalizzabile è stato davvero un trauma

  • Magog

    è da quando ho installato la Ubuntu 11.04 che mi domando il perchè di tale scempio!!!

    uso (per farci l’abitudine) Unity , ho usato anche gnome 3 ma mi è sembrato ancora peggio!!!

    un tempo era “Linux per esseri umani” non per umanoidi!!!

    • unity è ancora molto instabile anche se ogni volta che lo provo lo trovo sempre più un ambiente desktop per notebook che desktop
      gnome 3 secondo me pian piano può migliorare

  • fabiogiu

    Sono daccordo con Fabio,non se ne può più.

  • Finché c’è…. Gnome 2! Poi passo ad altro. Sarò “antico” ma Fabio e te avete completamente ragione. Tutte le volte che ho provato le varie interfacce nuove mi è sembrato di usare un cellulare con lo scomodo mouse. Ho il OneTwo A5100 di Packard Bell ma quello resta con winzoz 7. Ho l’impressione siano andati troppo avanti, quando tutti avranno computer col monitor touch avranno un senso…..

    • non è che si va troppo avanti non si va da nessuna parte se non sempre più con ambienti desktop pensati per portatili
      inoltre ubuntu con unity ha perso anche il fascino di dire funziona su pc datati finchè continua ad utilizzare compiz e tutte i vari memenu sound menu tra poco supererà windows7 per consumo di risorse
      solo natty con unity 3d se non hai 1gb di ram diventa un chiodo

  • Io sono d’accordo, soprattutto per quanto riguarda Unity e Gnome3; quest’ultimo – quando l’ho provato su Ubuntu 11.04 – mi ha lasciato basito: sebbene sia più pratico di Unity, è molto meno intuitivo e la personalizzazione con i vari plug-in è ostica e comunque non soddisfacente. Aspetto di vedere come si evolverà. 

    • si evolveranno sicuramente anche se la semplicità di gnome2 non la troveremo per avviare un’applicazione dovremo sempre avviare il dash e fare una ricerca
      alla faccia dell’innovazione

  • erpupo

    io ho provato di tutto (in tutti i sensi )e di piu con tutte le distro,ma la meglio e comunque ubuntu 10.04 lts amd64. il KDE di ubuntu e una vera rogna da primo al ultimo(da evitare)non va! ieri ho provato chakra di cui mi dispiace di aver sprecato il cd ,purtroppo la curiosità e il desiderio sono piu forte di me. se posso dare un consiglio a chiunque voglia linux per qualsiasi cosa debba fare il migliore e UBUNTU ! poi unity non e cosi male ma gnome 3 (secondo me !) e più impegnativo di gnome 2(parecchio)che preferisco in assoluto ! poi ognuno fa quello che ritiene meglio per le sue esigenze  !

    • ubuntu è ottima per la semplicità e perché in mezzora hai una distro completa
      kde che problemi ti ha dato?

  • Salvatore Colombo

    Ero indeciso se commentare questo post… le “note negative” suonate in questi ultimi mesi su l’evoluzione di KDE, Gnome o Ubuntu in rete si sprecano. Vorrei comunque portarvi la mia esperienza. Uso ormai stabilmente Ubuntu dal 2006 e sebbene mi sia spiaciuto un po’ rinunciare a compiz… uso gnome 3 e gnome shell da quando è stato possibile integrarlo nella distribuzione. A parte qualche frizione iniziale, ho trovato un ambiente ergonomico, facile, usabile. L’unica “pecca”, la mancanza di quelle personalizzazioni estreme che stanno arrivando pian piano con tutorial ed estensioni… ma il sistema stesso delle estensioni è spettacolare: basta guardare i sorgenti delle estensioni più note per rendersi conto di cosa può diventare questo ambiente, di quanto sia “elastico”.
    Non posso parlare per KDE: non lo uso e non lo conosco. Ho apprezzato poco Unity: mi sembra che non sia tanto innovativa come vorrebbe apparire.
    Ma parlare di fallimenti o pazzie, solo perché si prova a fare qualcosa di diverso, mi pare davvero eccessivo e inutile. Chi ha detto che la strada “naturale” sia quella più vecchia? Chi ha stabilito che la vecchia maniera sia necessariamente la migliore? Rispetto a quali parametri? A mio avviso, basterebbe leggere quali sono gli obiettivi che hanno ispirato Gnome Shell, per giudicare in modo corretto e critico. Sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati? L’ambiente sviluppato è coerente con le premesse?
    Poi chiaramente, tutto si può migliorare…

    • Sono d’accordo su una cosa: la strada vecchia non è per forza la migliore e, se si può, si deve innovare. Ma tutte le ultime “innovazioni” mi sembrano solo apparenza fine a se stessa, un bell’incarto atto a far apparire figo e rivoluzionario ambienti desktop giovani e poco sviluppati, con ben poca sostanza sotto. 
      Non so che farmene delle notifiche fighe dei messaggi direttamente in basso nello schermo quando il resto dell’ambiente non va e crasha ogni 2×3; oppure che bello doverci mettere cinque minuti a trovare un’applicazione in quell’oscenità di Unity.

      • io aggiungere anche a che serve avere un soundmenu con le cover playlist se poi l’audio su un pc su 5 non va
        al posto di sviluppare bellezza sarebbe meglio ritornare ai vecchi tempi quando si sviluppava per la stabilità e la funzionalità di un sistema operativo

        • Purtroppo hai ragione. Io non ho ancora trovato una distro che mi soddisfi appieno e che non necessiti di una vita per essere configurata al meglio. 

    • come indicato anch’io utilizzo gnome 3 e con un paio di estensioni sicuramente migliora
      per il resto io dico se gnome 2 è stato un successo perché non seguire la linea che ti ha portato a questo.
      alla fine perché gnome 2 è valido come ambiente desktop?
      perché è semplice hai il menu semplice che qualsiasi applicazione con estrema facilità tutto è ordinato ossia vuoi gestire il sistema ecco il menu dedicato al sistema
      la personalizzazione è impressionante (anche se kde secondo me è il n.1 per personalizzazione) tutto in gnome 2 è semplice e ordinato. su gnome3 e unity tutto questo non c’è si è cercato di dare più stazio di lavoro rimuovendo il pannello sotto e sopratutto ubuntu portato perfino il menu integrato nel pannello e perfino inserendo le barrette overlay che serve un mirino per beccarle saranno belle ma poco utili
      secondo me per aumentare spazio di lavoro si è perso in usabilità del sistema che forse era questo che chiedeva l’utente.

  • Borgio3

    A parte KDE che non sopporto, non sono affatto d’accordo con Erculiani. Io trovo i nuovi desktop molto ben architettiati e facili da usare.
    Grub 2 quale peccato ha commesso? Di fare il suo dovere?
    Se ho avuto problemi li ho avuti con Legacy

    • perché i precedenti non erano facili
      anzi forse erano più facili,
      anche il grub1 faceva il suo dovere e anche molto bene sopratutto le ultime versioni solamente che era molto più semplice da configurare

  • Personalmente ho usato ubuntu, kubuntu e fedora e su ubuntu ho usato unity, gnome2 gnome 3 e kde. Le mie esperienze di usabilità mettono all’ultimo posto unity che ritengo ancora acerbo e labirintico, al penultimo gnome 3 che ho trovato molto scomodo da usare e le personalizzazioni per quanto stiano venendo ancora non lo rendono per me un desktop gestibile. Gnome 2 ottimo, ma bisogna pure rendersi conto che è morto ormai. Al contrario di molti non appena ho installato kubuntu con il kde mi sono trovato benissimo e gli ultimi aggiornamenti me l’hanno reso stabile e comodo. Concordo con Erculiani che un utente vuole praticità e semplicità e ritengo che kubuntu sia l’ideale: tutto a portata di un click senza labirinto, tutto personalizzabile e se si fanno errori si rimedia in pochissimo tempo, senza nemmeno dover cercare online le soluzioni. Giusto oggi in un attacco di nostalgia in meno di 1 minuto ho sistemato kubuntu con un’interfaccia che richiama gnome 2. Per rispondere alla domanda dell’articolo ritengo gnome 3 e unity ancora troppo labirintici: è vero, prima o poi ci si abitua, ma prima o poi, mentre con kde mi ci sono trovato subito e non sono d’accordo nemmeno con chi dice che assomiglia a windows. E’ talmente configurabile che in poco tempo l’aspetto di windows lo perdi subito. Aggiungo che con gli altri desktop dopo un bel pò di personalizzazioni sono stato spesso costretto a reinstallare ubuntu, ora è quasi un mese che nonostante le mie torture quotidiane kubuntu non si destabilizza minimamente!

    • aggiungo che kde è anche il top sui netbook difatti la stessa versione ci permette di avere con 1 click un ambiente desktop per netbook anche con desktop di dimensioni ridotte e grazie alla funzione di raggruppare le finestre in gruppi (su gnome se la segnano una funzione del genere) con una finestra posso gestire tutte le applicazione che voglio questa è innovazione non unity
      inoltre è già pronto ( o quasi) per i tablet!

    • cerash

      aggiungo: kde sembra windows nell’estetica, gnome nelle funzioni! ubunty a mac!

      anche io riformatai dopo il primo utilizzo di kde, ora sono strippatissimo! ed hai ragione: tiene meglio le personalizzazioni, non mi è ancora capitato di avere problemi (il primo era un ritardo noioso nell’apertura del menù).

      e le attività? rendono quasi obsoleto il page wiever!

      • è vero che kde assomiglia a windows, anche mint allora? se assomigliare vuol dire avere il pannello in basso e l’ora a sinistra sai quante distro assomigliano a windows?

  • mapkino

    Erculiani per me ha ragione da vendere.
    KDE non l’ho mai digerito e quindi non posso dire niente, ma Gnome 3 e’ indubbiamente un passo indietro, forse adatto ai mobili ma non ai desktop.
    Per fortuna esistono altri, Xfce per fare solo un esempio …

  • Joif

    sono sempre del parere che le critiche siano sacrosante ma solo se costruttive. apprezzo tutti i punti di vista ma vi esorto a far presente i vostri pensieri, le vostre critiche e i vostri desideri a chi questi software li sviluppa. criticare questo o quell’altro senza dare un adeguato feedback serve a ben poco. vi invito a tener sempre a mente di come i software evolvano, soprattutto se trattasi di FLOSS: quello più nuovo è anche quello più instabile, e il feedback dell’utente è di grande importanza.
    pertanto, se siete degli utenti che ricercano piattaforme stabili e pronti all’uso scordatevi di usare i software più nuovi, perché per forza di cose non risulteranno adeguati a soddisfare le vostre esigenze, detto in altre parole: inutile lagnarsi di gnome3 o unity (dovreste sapere della loro immaturità, anche se non ve lo dicono) 😉
    ma se invece siete dei curiosi “tester” ricordatevi sempre di riportare la vostra esperienza, il vostro contributo è importante! detto in altre parole: lagnatevi quanto volete ma date il vostro contributo per far migliorare ciò che usate!
    e se non apprezzate questa filosofia ci sono sempre microsoft ed apple a cui rivolgersi 😛

    • Antonio G. Perrotti

      condivido. personalmente non è che mi “lagni”, devo ammettere che semplicemente certe soluzioni non mi soddisfano, il che non significa criticare aprioristicamente le scelte di sviluppatori sicuramente competenti. a me piace gnome 2 più di qualsiasi altro ambiente grafico? allora semplicemente mi tengo lucid e ogni tanto provo qualcos’altro, se troverò qualcosa che mi soddisferà di più,  allora cambierò. non ho assolutamente la presunzione di dare indicazioni a nessuno. mi limito a seguire lo sviluppo delle cose e a provarle.

      • Joif

        e invece no, dovremmo essere tutti un po’ più presuntuosi! 🙂 presunzione a parte, ribadisco l’importanza di fornire feedback. in quanto utenti è praticamente un nostro diritto far presente le nostre esigenze e fornire indicazioni, in base alla nostra esperienza, su come soddisfarle in maniera ottimale. che poi siano utili o meno poco importa, certamente non producono danni ma anzi forniscono una visione più ampia di quello che può essere il teatro di impiego del software che si sta usando. ben inteso, nessuno è obbligato a fornire la propria opinione, ma male non fa 😉

        • Benissimo. Allora, Roberto, un appello. Puoi creare una petizione da sottoscrivere e mandare a Canonical, perchè nelle prossime distro renda ancora disponibile la modalità Classic?
          Chi vuole il nuovo se lo ritrova e noi “vecchioni” ci teniamo il caro Gnome 2…….

          • ubuntu classic purtroppo non sarà disponibile per il semplice motivo che ubuntu è passata a gtk3 mal che vada potrebbero mettere gnome3 fallback anche se non ha niente a che vedere con gnome 2 tranne qualche somiglianza,

          • Antonio G. Perrotti

            scusa la domanda scema, ma non è proprio tecnicamente possibile rendere gnome 2 compatibile con gtk 3? o andrebbe riscritto da capo e quindi diventerebbe un lavoro eccessivo? mi pare che sarebbe una cosa gradita a molti “vecchioni” come dice CarloF…

          • gtk3 è compatibile con le applicazioni gtk2
            il contrario invece è impossibile.
            il classico gnome2 tra un po dovremo dimenticarcelo

          • Gabriele Castagneti

            Non è proprio esatto…
            In realtà Ambiance e Radiance (i temi Ubuntu) sono stati portati su Gtk+ 3.
            Come si dice, “la speranza è l’ultima a morire”… Ma solo se hai Ubuntu!

          • sono portati grazie sopratutto a unico
            la vedo comunque non dura dipiù
            rimarranno i ppa con gnome 2 per i fans un po come il progetto trinity per gli affezionati di kde 3 sono disponibili le iso o repo con kde 3 (c’è anche per arch) http://www.trinitydesktop.org/

        • io personalmente lo fatto un paio di volte poi ho smesso per il semplice motivo che non conosco l’inglese e o invio pareri sensati perché tradotti con un traduttore online oppure devo sempre andar a rompere dalla mia ragazza!

          • Antonio G. Perrotti

            se ti serve un traduttore non metterti problemi, modestamente il mio inglese è quasi perfetto. non ti posso garantire tempi tecnici, ma se hai bisogno di tradurre qualcosa contattami via mail e vedo cosa posso fare.

          • ottimo a sapersi a dir la verità settimana prossima (se puoi e senza impegno) ti invio un file da tradurre sono una 26 o 28 comandi (in teoria sono avvio / play ecc)che vanno nel menu di una nuova applicazione che sto realizzando con altri 3 miei colleghi in poche parole mi servirebbe la traduzione da italiano ad inglese del menu cosi la possono usare anche gli utenti non italiani se puoi farmelo ne sarei grato
            penso che per martedì/mercoledì prossimo potrei giù inviartelo (naturalmente sui crediti del progetto varrai aggiunto anche te)

          • Antonio G. Perrotti

            ok. poi te lo rimando e dai un’occhiata, se sono comandi magari sbaglio qualche spazio o roba così e poi non funzionano. purtroppo la scarsa conoscenza dell’inglese è un problema nazionale, e ci vorranno generazioni per migliorare la situazione.

          • non ti preoccupare sono semplici comandi avvia chiudi spegni ecc

    • sicuramente se tutti gli utenti segnalassero ogni problema molto probabilmente le applicazioni e ambienti desktop avrebbero meno problemi
      ma qua non parliamo di problemi sulle
      ma nell’articolo non parliamo di problemi ma come sono stati strutturati gnome 3 e Unity sono rilasciati come stabile e sono presenti nelle principali distribuzioni linux.
      Personalmente non so quanti diano il contributo da parte mia penso di fare il possibile per diffondere linux, realizzo qualche pacchetto segnalo vari bug,
      ognuno in linux direttamente o indirettamente fa la sua parte

  • Non credo siano impazziti, credo faccia parte dell’evoluzione del mondo Linux. Ho avuto esperienze con Gnome 3 e Unity che ritengo essere due buoni concetti di “desktop”, diversi da ciò a cui si è solitamente abituati ma che riescono a sfoggiare la propria potenza dopo un po’ di pratica. Ritengo Unity un po’ meno brillante di Gnome 3 (non vedo l’ora che sia stabile per Ubuntu, almeno per la 11.10) anche se con i giusti aggiornamenti e le giuste accortezze potrebbe superarlo. Il tentativo di rendere i menù più adatti anche ad uno schermo touch non mi hanno infastidito particolarmente, anche se a livello di “numero di click” si potrebbe fare di meglio, magari sfruttando maggiormente i roll over. Considerate le prime immagini/prove di Windows 8, credo che Gnome sia molto più avanti.

    I vantaggi, almeno per me, ci sono. Ad esempio, il sistema di gestione degli spazi di lavoro di Gnome 3 mi permette di organizzare le applicazioni in maniera decisamente migliore, come anche la barra dei preferiti e i sistemi di ricerca. Anche Unity non è male, peccato che sia sfruttata a metà imho. Ciò che più mi dispiace è l’aver perso potenti strumenti di personalizzazione, ma confido nel fatto che con il tempo ne nascano di nuovi e, perché no, di migliori. Personalmente sono felice che si sperimentino nuove tipologie di desktop environment, senza un’evoluzione “propria” si rimarrebbe sempre e comunque legati a ciò che dettano le maggiori software house. Credo che a caldo a nessuno piaccia il cambiamento, specialmente se radicale come in questo caso. La vera bontà di queste modifiche verrà a galla (se c’è, s’intende) con il tempo. D’altronde, se ripenso a quando sono migrato da Widnows ad Ubuntu, sorrido quando mi viene in mente il disagio di non avere i .exe pronti all’uso o il Dreamweaver di turno che con due click mi faceva tutto.

    • confermo della qualità nel migliorare gli spazi di lavoro
      sicuramente ci sarà da aspettare (anche kde 4 non piaceva a nessuno ora secondo me è il miglior ambiente desktop sia per pc fissi che portatili)

  • Mrkengine

    Se non cambiano i grandi chi deve cambiare? all’inizio io odiavo Unity pensavo fossero impazziti, ma ora? ora non ne posso fare a meno trovo unity di una comodità impressionante. Tralasciando il fatto che si può avviare anche in modalità classica.

    Per quanto mi rigurada l’unica pecca di queste nuove interfacce è la pesantezza, molti utenti usavano Ubuntu o Fedora (mi riferisco a questi due poichè sono indubbiamente i più usati) pensando di poter utilizzare vecchi PC. Ora invece se non sei un utente con una buona conoscenza di base non riesci a ottenere buoni risultati.

    Dico questo da utilizzatore di Ubuntu Unity 11.4, Mint 11 (con interfaccia di casa), Arch Linux con Gnome3 su un netbook con 256mb di ram che non è mai stato più veloce.

    • la modalità classica su 11.10 non ci sarà
      unity tra i nuovi ambienti desktop è quello che richiede più risorse
      personalmente si sta pensando di migliorare lo spazio di lavoro
      tra questi ambienti desktop quello che secondo me è il più innovativo è kde sopratutto con l’opzione di aggiungere le finestre in gruppi

  • mik

    secondo me sono impazziti e continuano ad esserlo ma di un bel pò… ormai il delirio che imperversa nel mondo linux è incomprensibile… 
    prendete una distribuzione stupenda  tipo arch… pensate che in quanti sapranno semplicemente istallarla e farla lavorare a dovere???
    perchè per usufruire di distribuzioni linux di un certo spessore un utente deve essere per forza uno SMANETTONE? 
    le vere distro rivoluzionarie sono quelle che si rendono disponibili a tutti… poi l’esperto ne fara’ un uso più appropriato, forse l’unica cosa ottima nelle distro linux è stata introdotta da ubuntu con il suo software center…. MA TANTISSIMO RESTA ANCORA DA FARE, mentre invece le distro linux continuano ad auto ghettizzarsi….
    P E C C A TO.

    • arch è una distribuzione che segue un’etica ossia quella di installare solo i pacchetti necessari per poi procedere all’installazione ad hoc dell’utente
      per questo non vuol dire che sia antica o utilizzabile da smanettoni
      io conosco utenti appena passati a linux che dopo una settimana avevano arch installata
      basta non aver fretta di essere maestri subito leggersi la guida e vedrai che l’installazione è più semplice di quanto pensi
      non possiamo paragonare linux (che poi non è ubuntu) a windows

  • Attix

    Ma di che innovazione stiamo parlando.Unity&Gnome3 non sono nient’altro che una scoppiazzatura di mac.
    Se ci pensate bene la barra a sx e’ una semplice dock,mac l’ha posizionata in basso,ubuntu di fianco.Il menu della finestra sulla barra superiore idem.
    Quando devi cercare un’applicazione e’ un delirio..questa e’ innovazione?
    Il pc deve essere fruibile,deve servire a “fare”,non e’ un soprammobile da guardare ed ammirare.Se io devo lavorare con 10 finestre aperte ed ho bisogno di richiamare diversi programmi in esecuzione,con le nuove interfacce e’ un casino.Ci si mette il doppio del tempo.
    Senza contare che l’implementazione delle nuove interfacce richiedono risorse del pc impensabili solo 1 anno fa.Questa e’ innovazione?
    Ubuntu non faceva un vanto quello di impiegare poca cpu e ram,di andare in pc non proprio di nuovissima generazione?
    A me sembra che si indirizzino troppe risorse nello sviluppo di interfacce “innovative”(sic) e meno sulla sostanza della distro.

    • unity forse è una scopiazzata di mac ma gnome 3 no
      gnome 3 per esempio ha l’integrazione delle applicazioni nelle notifiche
      il bello di gnome 3 secondo me deve ancora arrivare lasciamoli spazio
      unity invece ha copiato da mac dal glibal menu ai pulsanti a destra dalla dock ecc
      innovazione invece secondo me la porta kde
      il quale ci permette di personalizzare completamente il nostro ambiente desktop aggiungere windget senza scaricare avviare alcun browser
      innovazione è la gestione delle finestre in gruppi innovazione è un click ed hai l’ambiente desktop pronto per pc portatili

      • Antonio G. Perrotti

        mi sta facendo venire voglia di riprovarlo, kde (ho fatto una prova tempo fa, ma ci ho capito poco). però le applicazioni basate su gtk? (tipo il mio amato aqualung)? e poi nel caso sarebbe da scaricare kubuntu 10.04, credo, visto che l’11.04 è comunque basato su natty. usare uck immagino che sia possibile, no?

        • si puoi usare uck anche con kubuntu

          • cerash

            ma infatti… roberto, non puoi fare un post con le conversioni da gtk a qt? tipo gimp-krita?

  • Io da gnomista quoto le parole del CEO di Sabayon.
    gnome3 è stata rilasciata troppo presto, è un totale sfracello per non dire peggio.
    kde4 adesso è completa, ma non diciamo che è totalmente configurabile perchè non è vero, è il caos fatto DE. per trovare una cosa devi uscire pazzo, ma al momento è nettamente superiore a gnome3.
    unity ha una visione diversa. la dock sta a sinistra perchè apple detiene un copyright sulla dock in basso e nessn OS può averla di default in basso. le lens sono buone, ma gestite in malo modo. non è configurabile (anche gnome3), non si può rimuovere zeitgeist senza workaround, stessa cosa per le app suggerite (ma che nessuno ha mai sentito nominare 😀 ).

    grub2 è strutturato male anch’esso, ma funziona piuttosto bene.

    per concludere fin quando non vedrò configurabili unity e sopratutto gnome3/gnome-shell come gnome2 o almeno come kde4 per me sono progetti ancora in beta e non consigliabili ai neo utenti, cosa che farà perdere molta strada a diverse distro e al mondo linux.

    io per primo ammetto che sono grossi sbagli questi, io che difendo a spada tratta linux e ubuntu

    • kde ti posso confermare che è completamente personalizzabile e mooooolto più che gnome 2 fidati e tutto senza sbatterci a girare per i siti
      la dock la puoi mettere dove vuoi mac ha diritti sul suo sistema operativo e non negli altri
      la dock in basso si può mettere eccome (vedi elementary os) mettendola a sinistra è per il discorso di aumentare lo spazio di lavoro disponibile

      • kde lo uso da un paio di mesi e per trovare le cose ci si deve sbattere non poco.
        lo trovo molto incasinato, sarò abituato troppo a gnome forse, ma non mi è mai andato a genio kde.
        ancora non sono riuscito a customizzarlo come facevo con gnome2. probabilmente deriva dal fatto che quando non mi piaceva un tema lo modificavo secondo i miei gusti, oppure semplicemente ne ho creato qualcuno che poi ho anche rilasciato, in kde invece non so neanche da dove incominciare perchè mi sembrano un pò tutti uguali cambiando solo colore.

        per quanto riguarda la dock invece ti sbagli. zio steve ha fatto richiesta del brevetto il 20 dicembre del 99 e se l’è visto accordare solo il 7 ottobre 2008.

        http://tinyurl.com/3uhjyv     <— è questo

        visto che zio steve l'aveva tirata fuori già con nextstep e poi portata anche su osx. da quello che mi ricordo della notizia dovrebbe essere associata solo al basso se non sbaglio, ma di questo non ne sono sicuro.

        quindi se a zio steve li girano elementary os passa un brutto quarto d'ora.
        se elementaty era un WIN o una distro più diffusa tipo red hat o ubuntu credo che già si sarebbero viste cause legali.

        che poi in ubuntu è a sinistra per aumentare lo spazio di lavoro è un altro discorso.

        • i temi oltre a scaricarli li puoi anche modificare direttamente sia nei colori ecc
          il pannello è completamente personalizzabile per esempio può farne un dock che il mac se la sogna
          le note legali sono per il dock identico al mac e su mac no su sistemi operativi LIBERI
          qui parliamo di sistemi operativi liberi e applicazioni libere cui posso oltre ad utilizzarle dove e quando voglio modificarle e redistribuirle come voglio
          tutte le dock presenti il link le posso mettere dove voglio
          inoltre molti progetti presenti in mac vengono da linux expose per esempio

        • cerash

          impara a conoscerlo meglio! anche io la pensavo come te, ma ora mi sono ricreduto. si, è leggermente più ostica di gnome, ma quando la conosci…

          la prima volta, kubuntu, la riformattai subito!non mi piaceva! ora l’ho installata anche sul netbook, minimizzandola con le guide di canonical e di questo sito. pesa di più, ma è arrivata a poco di più di gnome.

          nono: figa, kde! è 

  • Divc

    Scusate la digressione ma pensate alle varie aziende che vorrebbero sostituire Windows con Linux,una azienda chiede subito  SEMPLICITA’ e OPERATIVITA’
    e questo pochi lo notano…..Grazie

    • l’azienda chiede sopratutto sicurezza cosa che linux riesce a dare, windows no
      sarà per questo che le principali aziende usano linux sia per i server che per la gestione aziendale.

      2011/7/30 Disqus

    • linux è cosi sicuro che perfino la microsoft lo usa sui server
      bing il motore di ricerca windows per esempio è su server linux http://uptime.netcraft.com/up/graph?site=www.bing.com

  • Thetall82

    I contenuti degli articoli sono sempre interessanti, ma l’autore dovrebbe tornare alle elementari per ripassare un po’ di grammatica e ortografia.. se leggi per più di 10 right ti viene il mal di testa 😛

    “Per anche per Gnome 3 che si sono allontanati dallo standard “naturale” realizzando un Desktop poco intuibile e sopratutto non vogliono trovarsi nel desktop un ambiente per dispositivi mobili. ”  …ehh??!!

    • lo già detto più volte non sono ne un blogger e in italiano avevo 5
      portate pazienza

      • cerash

        si, ma come fai a dare i comandi su terminale senza sbagliare sintassi??
        va la, smettila di scrivere sul blog da mezzanotte alle 4 di mattina ; )!

  • Wyatt LandWalker

    A parte alcuni errori di ortografia, si, concordo in pieno con erculiani, lo dico dopo aver testato i vari Desktop Environment tra cui Unity che ha soppiantato il vecchio caro Gnome 2, Kde fluxbox e vari, a mio avviso uno dei più semplici ed intuitivi è Gnome 2 che mantiene flessibilità, possibilità d’estensione e personalizzazione e velocità allo stesso tempo…

  • Giovanni Bertoli

    Sono un neofita di Linux e Ubuntu perciò non saprei dire. Ma siccome Roberto ha accennato anche a Unity come a un fallimento, voglio osservare che per me, senza una storia consolidata nel mondo Linux, è un fallimento incomprensibile. Ho provato diverse interfacce grafiche, ma, per Ubuntu, Unity è quella che preferisco, forse perché lavoro con un fisso dotato di schermo 22 pollici e trovo molto pratica e gradevole la pulsantiera a sinistra, magari con dimensioni ridotte a 40 px .

No more articles