Fdupes

Molto spesso per errore o per altri motivi salviamo più volte lo stesso file su più cartelle, spesso accade con le foto e con le immagini. Il problema è che se i file sono abbastanza grandi avremo sprecato molto spazio inutilmente, ma provare a ricercare e cancellare manualmente tutti i file duplicati è un’impresa ardua. Ma in aiuto a tutto questo arriva una semplice utility a riga di comando denominata Fdupes.

Fdupes è  utility da riga di comando grazia alla quale identifica file duplicati nelle directory precedentemente specificate. La principale caratteristica di Fdupes è quella di utilizzare md5sum confrontando byte dopo byte per trovare file duplicati all’interno di un insieme di directory. Inoltre permette diverse opzioni utili inclusa una modalità ricorsiva.

Vediamo come utilizzare Fdupes nella nostra Distribuzione.
Per prima cosa installiamo Fdupes per farlo digitiamo da terminale:

Per Ubuntu e Debian

sudo apt-get install fdupes

Per Fedora

su
yum install fdupes

a questo punto ossiamo conoscere tutte le funzioni di Fdupes semplicemente digitando da terminale

fdupes –help

come possiamo notare il funzionamento è molto semplice basta dare

fdupes -opzione directory_da _controllare

per esempio

vogliamo trovare i file duplicati presenti nella nostra home basta digitare:

fdupes -r /home

se vogliamo rimuoverli automaticamente aggiungiamo l’opzione -d e il comando diventerà

fdupes -rd /home

Home Fdupes

  • Aniello Luongo

    C’è un errore nel titolo: diplicati

  • Maria Teresa Boessneck

    Non e’ chiarissimo il risultato, non sempre facile da capire. Inoltre temo che sia un po’ pericoloso dare il comando di cancellazione immediata: si potrebbe rischiare di cancellare files che invece devono essere duplicati in directories diverse. 

  • Marco

    fdupes -rd /home rimuove i duplicati INTERATTIVAMENTE: in altre parole chiede all’utente, un gruppo di files alla volta, quale mantenere (o se mantenerli tutti). Per rimuovere automaticamente i duplicati bisogna usare il comando fdupes -Ndr /home

No more articles