Novità in arrivo con la prossima Ubuntu 11.10, difatti il patron “mr.miliardo” Mark Shuttleworth intervenendo all’ Answers di Launchpad su Unity, ha indicato che mentre Ubuntu/Natty permette d’avviare una sessione standard di GNOME priva sia di Unity sia di Unity 2D, la prossima release non offrirà questa possibilità. In parole povere GNOME resterà soltanto un ricordo!!!!
Già da Ubuntu 11.04 Natty Narwhal, le versioni successive mutueranno da GNOME tanto le Gtk+, quanto i componenti essenziali del desktop: dal pannello al centro di controllo. La domanda che mi vien da dire è dalla prossima Ubuntu 11.10 chi non vorrà utilizzare Unity cosa dovrà fare?
Rimango perplesso per le scelte che sta prendendo mr.miliardo, personalmente ho già da tempo optato per Kde, per chi ama Gnome mal che vada arriva dietro l’angolo Linux Mint distro che sta sempre più “snobbando” le scelte prese dal miliardario spaziale, ascoltando le richieste della comunità e non prendendo iniziative solo da chi a ha i “$”.

VIA | ossblog / webupd

  • Diego

    Beh… se Mint sarà ancora basata su Ubuntu ma con Gnome 3 non credo sia impossibile che ci sarà un repository Gnome 3 per Ubuntu

    • quello che non capisco perché non lasciare tutto com’è una distro gnome e una unity per netbook
      unity non è male se usata su portatili ma per pc normali non è il massimo!

      • Diego

        No no… la sto provando su un fisso… Unity non è male! Odio dal profondo il menu di Unity perchè è quasi impossibile sfogliarlo col mouse ma già dopo un giorno è già più familiare.
        Molto valida invece la dock laterale!

        • prova a cercare un’applicazione? se non scrivi il nome devi cercarla tra tutte quelle installate!
          il dock laterale non è personalizzabile a meno che non si cominci a smanettarci su!
          se hai due finestre della stessa applicazione minimizzate nello stesso desktop devi fare 3/4 passaggi, se metti docky a lato è molto meglio!
          altra nota negativa l’app menu o global menu per applicazione come gimp è un disastro lavorare su una finestra senza menu!

          • Giulio

            Non l’ho ancora provato, ma penso allora di passare alla versione Kde di Ubuntu

          • kde is good! personalmente lo considero il miglio ambiente desktop per linux

          • Bino

            KDE può essere anche un buon ambiente (anche se non mi ci sono mai trovato come con Gnome), ma a mio parere Kubuntu è da sempre molto meno curata di Ubuntu

          • ripeto il bello di linux è anche la libertà di scegliere e personalizzare il proprio ambiente desktop, io ho dato solo il mio parere poi il mio consiglio è di provare magari i vari kde. xfce, lxde e poi scegliere quello che ti piace. l’importante è rimanere con linux!

          • Hai pienamente ragione… la bellezza è che te lo configuri come vuoi… Anche se devi sbattere la testa per tutto… quando a differenza su Windows basta un driver e il gioco è fatto (per le stampanti ad esempio)… ma per ottenere qualcosa di significativo bisogna pagare…

            Se windows minacciasse di non accettare più pacchetti driver di nvidia a meno che nvidia non faccia uno splash screen con scritto “windows è il più figherrimo del mondo” il giorno dopo ci sarebbero nuovi driver nvidia, se mr.miliardo dice “nvidia dacci i sorgenti che ci pensiamo noi” nvidia fa l’ombrello e saluta col dito medio alzato…

            Questa è la realtà e non credo che il DE usato la possa cambiare… cmq ripeto per tutti coloro che adorano gnome… esiste xfce che nella versione 4 sembra più uno gnome classic anziché light!

            Per chi volesse provare l’ebrezza del semi-compiz like c’è xcompmgr che aggiunge gli effettini stupidi alle finestre e al desktop…

            Kde è bello e esteticamente funzionale (almeno fino alla release 3, la 4 l’ho battezzata inutile dopo la prima release 4.0.1 ma ammetto che forse sono stato frettoloso… son gusti!) per gli altri de (leggasi lxde, jwm, icewm (lo so son windows manager ma fanno anche troppo per un wm) mi sembra un inutile spreco di energie, focalizzatevi su una cosa, fatela non bene ma ECCELLENTE ed ecco che otterrete un gradino di preferenze…

            Risolvete la compatibilità hardware e software ed ecco che linux sarà il sistema numero 1 e ci sarà anche gente disposta a pagare per averlo installato sul proprio personal computer…

            ^_^

          • grazie per il supporto
            l’hardware è fondamentale
            agoi utenti non interessa un soundmenu figo se poi l’audio non funziona
            non interessano gli effetti, dock ecc quando la scheda video mi da solo risoluzione 800×600″

          • drake762001

            Vero. P.es. ancora c’e’ da sbattersi in modo incredibile per chi, come me, in ufficio ha un proxy con autenticazione e a casa no. Con windows posso portare il pc al lavoro o a casa e tutto va, su ubuntu (ma anche sulle altre la situazione e’ analoga) devi configurare 2700 cose per far funzionare tutto, e poi sconfigurare tutto al rientro a casa, con annesso il dovuto logout-login per fargli prendere le impostazioni. E’ assurdo, e questi pensano agli indicator o a unity, ma lasciassero fare il desktop al progetto gnome o al team di kde, e pensassero a rendere l’esperienza dell’utente piu’ semplice.

          • Alessandro _

            Bhè non esiste solo Kubuntu

          • NOP

            Anche io uso KDE da oltre un anno e più il tempo passa più sono contento della scelta!

          • finalemente c’è qualcuno che utilizza anche kde”!!!

          • drake762001

            Sto cercando anche io di spostarmi su kde (che ho sempre apprezzato), ma non trovo una distro che lo configuri come si deve. Kubuntu 10.10 mi ha dato problemi e beveva ram a go-go. Ora sto provando la opensuse 11.4, ma sto avendo qualche problemino con flash e i driver nvidia (come al solito). Debian ancora e’ ferma alla 4.4 (tranne usare repo altamente sperimentali). chakra e’ un bel progetto, ma e’ ancora troppo alpha.

          • per debian il mio consiglio è squeeze poi ci installi i repo testing

          • drake762001

            Sia testing che unstable sono ancora fermi alla 4.4.5

          • non ti preoccupare che tra un po saranno aggiornati

  • Fabio

    Se le future modifiche apporteranno reali benefici, verranno adottati da tutti, altrimenti no: non ci fasciamo la testa prima del tempo!

  • Supervarenne

    Io mi porto avanti con i lavori e già da adesso esperimento distro alternative…purtroppo Mint nel mio pc è sempre buggata. voglio rimanere nell’ambito .deb e di conseguenza. ci scommetto un formaggio, alla fine debian Xfce sarà la scelta, sperando di riuscire ad installare i codecs. Kde non me lo posso permettere causa pc vecchio, che oltretutto non digerisce l’accellerazione grafica.

    Ciao

    • stanno arrivando le guide per debian (anche se promesse all’uscita di squeeze) un paio di settimane che mi sistemo con il trasloco (divento un milanese e ad agosto anche papà) e poi si comincia a parlare anche di debian!

      • LordMax _

        Grandissimo.
        UN novello papà. Augurissimissimi.
        ^___^

        A fine mese devo traslocare anch’Io (Torino) ma l’avventura papà ancora no. ^__^

        • diciamo che subito ho preso un colpo ora invece sono felicissimo di vivere questa esperienza, di sicuro utilizzerà linux (speriamo anche a scuola) e poi se tifa chievo ancora meglio (e non milan come la mamma) grazie ancora per gli auguri

          • Alessandro _

            Bella, ho iniziato or ora a scaricarla. Penso sia ora di provare qualche distro nuova 😉
            Almeno ci sarà spazio per qualche guida in più.

  • Aniello Luongo

    Una pessima scelta fatta da Mark Shuttleworth di usare unity fisso, secondo me la scelta vincente è quella di linux mint con gnome 3.

    • ti do ragione, spero che mr miliardo veda del flop e forse cominci ad ascoltare la comunità linux! e cominci anche a vedere anche kde!

  • Esistono tante distribuzioni, perchè lamentarsi se UNA di queste prende una strada differente rispetto agli “standard” (anche se ad oggi unity supporta gli standard meglio di gnome3, es: notifiche)
    E’ recentemente uscita elementary e nessuno si è lamentato del fatto che stravolge la user experience di gnome!
    Inoltre gnome-shell sarà presente nei repository di ubuntu (non in questa release), semplicemente non sarà supportato da Canonical!

    • confermo quello che tu dici, unica cosa che secondo me non piace è parlare di linux, comunità ecc quando le decisioni le prende solo chi caccia i soldi.
      Ubuntu ha fatto tanto per linux ma ultimamente non condivido certe scelte…

  • Mi spiace ma mi trovo in accordo con tutti quelli che stanno iniziando a snoobare ubuntu. Mi piace l’idea di “dover cercare di fare qualcosa che venga conosciuto come linux piuttosto che come imitazione di sistemi già accreditati” ma a tal fine non riesco a trovare logica nelle scelte che stanno facendo:
    – Menu alla OsX (sì sul netbook è comodo ma sul desktop?)
    – LaunchBar (o come si chiama alla osx… ma è osx o ubuntu?!)

    D’altra parte non stimo per nulla linux mint, nonostante le loro scelte siano “azzeccate” tirare fuori una distro che è del tutto simile a ubuntu se non per l’aspetto fino ad ora non ha un gran senso… adesso potrebbe averne, ma a questo punto come evolverà? Diventerà totalmente Debian dipendente?! Tanto vale usare Debian allora!

    Il vero problema del mondo linux non è l’interfaccia o il de, bensì è l’usabilità.
    Quante persone continuano a dire “osx e apple in genere è migliore per chi deve fare editing video/grafico/audio” oppure “windows è perfetto per i giochi e per la semplicità di gestione degli applicativi”.

    Ecco su questo si dovrebbero spendere risorse! Cavolo aumentiamo il numero di programmi per l’editing grafico, lavoriamo sulle compatibilità e sui porting di applicazioni windows in linux, iniziamo a considerare il lavoro sporco di wine in termini di “integrazione” sostanziale col sistema sottostante, iniziamo a dire “basta con la ricerca del pacchetto nel formato che meglio si addice alla distribuzione (rpm, deb, tgz)” che due maroni, la gente deve andare su internet trovare quello che vuole, sia esso un exe, un deb, un rpm o qualsiasi altro formato e farlo andare su linux!

    Se questo divenisse possibile (e attualmente per molti formati/applicazioni lo è) l’utente medio che usa il pc principalmente per lavorare e passare un pò di tempo libero non avrebbe più la scusa di dire “ah ma il programma x non va su linux” oppure “il gioco y non gira bene su wine” oppure “con apple e il programma z ci metto un secondo a fare quello che con linux devo fare con i programmi w e q”…

    Io suggerirei a mr.miliardo di analizzare queste cose invece che sprecare energie inutili in bagianate del genere unity etc…

    E cmq, io rimarrei fedele ad ubuntu, tanto uso xfce :Pprrrrrr

    • hai ragiono su tutto quello che dici anche se io prima comincerei a lavorare su tutti i problemi hardware che ci sono ancora. Basta andare sui forum e vedere quanti hanno problemi di stampanti non riconosciute, video che ha problemi, ecc poi comincerei a lavorare si software (anche proprietari) per linux
      agli utenti non frega se il boot ci mette 10 secondi al posto di 15 ma cercano di avere una distribuzione funzionale da subito.

  • Mi spiace ma mi trovo in accordo con tutti quelli che stanno iniziando a snoobare ubuntu. Mi piace l’idea di “dover cercare di fare qualcosa che venga conosciuto come linux piuttosto che come imitazione di sistemi già accreditati” ma a tal fine non riesco a trovare logica nelle scelte che stanno facendo:
    – Menu alla OsX (sì sul netbook è comodo ma sul desktop?)
    – LaunchBar (o come si chiama alla osx… ma è osx o ubuntu?!)

    D’altra parte non stimo per nulla linux mint, nonostante le loro scelte siano “azzeccate” tirare fuori una distro che è del tutto simile a ubuntu se non per l’aspetto fino ad ora non ha un gran senso… adesso potrebbe averne, ma a questo punto come evolverà? Diventerà totalmente Debian dipendente?! Tanto vale usare Debian allora!

    Il vero problema del mondo linux non è l’interfaccia o il de, bensì è l’usabilità.
    Quante persone continuano a dire “osx e apple in genere è migliore per chi deve fare editing video/grafico/audio” oppure “windows è perfetto per i giochi e per la semplicità di gestione degli applicativi”.

    Ecco su questo si dovrebbero spendere risorse! Cavolo aumentiamo il numero di programmi per l’editing grafico, lavoriamo sulle compatibilità e sui porting di applicazioni windows in linux, iniziamo a considerare il lavoro sporco di wine in termini di “integrazione” sostanziale col sistema sottostante, iniziamo a dire “basta con la ricerca del pacchetto nel formato che meglio si addice alla distribuzione (rpm, deb, tgz)” che due maroni, la gente deve andare su internet trovare quello che vuole, sia esso un exe, un deb, un rpm o qualsiasi altro formato e farlo andare su linux!

    Se questo divenisse possibile (e attualmente per molti formati/applicazioni lo è) l’utente medio che usa il pc principalmente per lavorare e passare un pò di tempo libero non avrebbe più la scusa di dire “ah ma il programma x non va su linux” oppure “il gioco y non gira bene su wine” oppure “con apple e il programma z ci metto un secondo a fare quello che con linux devo fare con i programmi w e q”…

    Io suggerirei a mr.miliardo di analizzare queste cose invece che sprecare energie inutili in bagianate del genere unity etc…

    E cmq, io rimarrei fedele ad ubuntu, tanto uso xfce :Pprrrrrr

  • Mi spiace ma mi trovo in accordo con tutti quelli che stanno iniziando a snoobare ubuntu. Mi piace l’idea di “dover cercare di fare qualcosa che venga conosciuto come linux piuttosto che come imitazione di sistemi già accreditati” ma a tal fine non riesco a trovare logica nelle scelte che stanno facendo:
    – Menu alla OsX (sì sul netbook è comodo ma sul desktop?)
    – LaunchBar (o come si chiama alla osx… ma è osx o ubuntu?!)

    D’altra parte non stimo per nulla linux mint, nonostante le loro scelte siano “azzeccate” tirare fuori una distro che è del tutto simile a ubuntu se non per l’aspetto fino ad ora non ha un gran senso… adesso potrebbe averne, ma a questo punto come evolverà? Diventerà totalmente Debian dipendente?! Tanto vale usare Debian allora!

    Il vero problema del mondo linux non è l’interfaccia o il de, bensì è l’usabilità.
    Quante persone continuano a dire “osx e apple in genere è migliore per chi deve fare editing video/grafico/audio” oppure “windows è perfetto per i giochi e per la semplicità di gestione degli applicativi”.

    Ecco su questo si dovrebbero spendere risorse! Cavolo aumentiamo il numero di programmi per l’editing grafico, lavoriamo sulle compatibilità e sui porting di applicazioni windows in linux, iniziamo a considerare il lavoro sporco di wine in termini di “integrazione” sostanziale col sistema sottostante, iniziamo a dire “basta con la ricerca del pacchetto nel formato che meglio si addice alla distribuzione (rpm, deb, tgz)” che due maroni, la gente deve andare su internet trovare quello che vuole, sia esso un exe, un deb, un rpm o qualsiasi altro formato e farlo andare su linux!

    Se questo divenisse possibile (e attualmente per molti formati/applicazioni lo è) l’utente medio che usa il pc principalmente per lavorare e passare un pò di tempo libero non avrebbe più la scusa di dire “ah ma il programma x non va su linux” oppure “il gioco y non gira bene su wine” oppure “con apple e il programma z ci metto un secondo a fare quello che con linux devo fare con i programmi w e q”…

    Io suggerirei a mr.miliardo di analizzare queste cose invece che sprecare energie inutili in bagianate del genere unity etc…

    E cmq, io rimarrei fedele ad ubuntu, tanto uso xfce :Pprrrrrr

  • Mah……… Ubuntu è stata una bella distro fino alla 9.10, piu andiamo avanti e piu fa scelte che fanno molto discutere, a me sembra che si stia allontanando molto da quello che è una vera distro Gnu/Linux.

    Con quest’ultima scelta sicuramente perderà una buona fetta d’utenza……….. me compreso.

    Da ricordare anche che tuttora con i driver nouveau di default rende difficile ad un newbie installare i driver proprietari e non capisco come fanno a lasciare ancora il tool di installazione se in realtà non disabilita i nouveau che ovviamente vanno in conflitto con i NVidia proprietari lasciando così un sistema inutilizzabile……………… Arrivederci Ubuntu continua così e rimarrai solo un ricordo, un percorso che un pò mi ricorda la favolosa Mandrake ( la mia prima distro Linux V 8.2) che una volta diventata Mandriva ha perso tantissimo.

    • confermo dopo la hardy non è stata più ubuntu se va come mandrake tra un paio di versioni troveremo la ubuntu power a 50 euro solo perché ha codec installati e li sarà la fine
      speriamo di no, ma l’andazzo è questo!!

      • Di mandriva esiste LA VERSIONE FREE, ed è quella maggiormente usata. Un minimo di informazione non guasterebbe.
        Nicola

        • hai capito male, sul commento è indicato che mandriva ha anche la versione a pagamento non ha solo la versione a pagamento. Mandriva inoltre la conosco molto bene lo utilizzata dal 2003 (quando era ancora mandrake) fino alla versione 2009 quando con il Kde 4.0 ho optato per kubuntu e fedora. Ho ancora su un pc mandriva con Gnome nell’articolo
          http://www.lffl.org/2009/06/menu-trasparenti-grazie-compiz_27.html
          del 2009 le immagini sono proprio della mia mandriva 2009 gnome
          grazie comunque per la segnalazione

          • Allora chiedo venia! 😀
            Ti consiglio allora di tornare a seguire mandriva, ci sono moltissime novità in arrivo per la 2011 prevista per giugno. Hanno iniziato un restiling completo e devo dire che sono sulla strada giusta. Sul mio blog ne parlo molto spesso! 😀
            Ciao ciao!!
            Nicola

          • non ti preoccupare il primo amore non si scorda mai!!!!
            se ho tempo voglio riprovarla inoltre spero che esca la versione con xfce
            non so le ultime versioni (dato che la xfce esce sempre un paio di mesi dopo e se non ricordo male e non è una distro ufficiale mandrake) ma fino alla 2009 consumava 40 / 50 mb in meno che non la versione debian xfce (quindi prova a pensare con xubuntu).
            il team mandriva lavora molto bene è stata una delle prime (se non la prima) a supportare senza problemi le fantomatiche chiavette internet quando che per ubuntu e altre per connettersi erano guerre!!! complimenti a mandriva…

          • dimenticavo Mandriva offre il miglior supporto hardware ineguagliabile con nessun’altra distro, e questo è una delle qualità fondamentali, inoltre offre un’installer eccezzionale semplice e molto completo (parlo della versione dvd naturalmente) unica pecca (secondo me) urpmi che secondo non è completo come i vari yast o apt. per il resto tanto di cappello a mandrake / mandriva

          • francecso

            Mi può fregare più di tanto,se ubuntu prenderà una brutta piega ossia abolendo completamente il progetto gnome per “Unity” scelta migliore per il sottoscritto sara’ ritornare all’insostituibile “Windows” saluti francesco

  • Max Franco

    spezzo una lancia in favore di ubuntu.
    premetto che ancora non ho provato Natty Narval e non so come Unity si comporterà; se raggiungerà il suo obiettivo e mi darà il senso di aumentare l’usabilità del mio ambiente di lavoro, la userò. In caso contrario userò Gnome Shell, o se non mi piacerà nemmeno quello me ne resterò con un desktop Gnome Classico.

    Deatto questo, se parliamo di scelte tecniche, non vedo perché una società che produce una distribuzione open source non possa fare delle scelte che si scostano da quelle dei programmatori che rilasciano un certo software. Canonical paga i propri programmatori e con i soldi che spende ha il diritto di ricercare di ottenere risultati che desidera.
    Ricordiamo che si parla di software libero, e se la comunità di Gnome riesce a continuare a rilasciare Gnome, saremo tutti felici. Se Canonical vorrà continuare a produrre Unity, ben venga, il software libero avrà oltra ai già tanti DE presenti, anche un altro DE, Gnome, a cui volendo chi vorrà potrà integrare Unity. Personalmente non vedo il motivo di denigrare una società solo perché fa delle scelte commerciali che non piacciono ad alcuni utenti.

    Tutti criticano Canonical perché non segue i dettami della comunità; qualcuno mi sa dire se redhat scegli i software solo sempre seguendo la comunità? e Suse? certo, non sono open e la versione open è tutta comunità in quelle distribuzioni. Ma avete mai visto la distro open source non seguire le scelte della parte ‘commerciale’? E allora Canonical che invece fa un lavoro meritorio rimanendo completamente free dovrebbe essere criticata per questo, quando poi comunque lascia nei repository tutto il software che non sarà supportato ma viene ricompilato sicuramente dagli sviluppatori pagati da Canonical?

    insomma, non sono un fan aprioristico di Canonical. userò ubuntu sinché mi darà quello che mi ha sempre dato, cioè una ambiente con la migliore compatibilità hardware, la migliore usabilità e i minori problemi. sino a che non chiuderà i sorgenti, non vedo perché criticare: Canonical non è una comunità open source ma una impresa commerciale. Quindi aspettarsi una conduzione comunitaria e democratica dell’impresa, sino a che non si trasformerà in cooperativa, creso sia abbastanza ingenuo 🙂

  • Thetall82

    Linux Mint non è solo Ubuntu verde, ma è più veloce, risolve subito alcuni bug fix delle release su cui poggia, ha codec proprietari preinstallati (se ne può discutere ma al di là delle filosofia è una cosa utile), ha sviluppato tool autonomi che migliorano l’esperienza utente (mintMenu, mintControlCenter ecc) ed ascolta il feedback degli utenti. Il discorso debian è legato alla rolling release che è una prospettiva secondo me affascinante ma non ancora matura.

    Ciao ciao
    G

  • Amtrix1492

    viva linux mint

  • Ubuntu secondo me con Unity finalmente ha fatto il GRANDE SALTO mentre le altre distro NO. Mi sembra esagerato veramente che le persone se nè vadano da questa immensa distro. Pero’ per carità….

  • carlo coppa

    Oneiric sembra veramente molto bella e funzionale, ottima la scelta di Canonical, per quanto riguarda Gnome 2 non è Canonical che lo dismette ma Gnome con la nuova Gnome 3, e le distro come Mint che ancora lo utilizzano lo potranno fare fino a quando ci sarà il supporto ovvero fino a quando Debian e Ubuntu non finiranno il supporto delle loro versioni. Il team di Gnome ha fatto sapere che la scelta si è resa necessaria a causa dell’ingestibilità del codice sorgente di Gnome 2. Quindi mettetevi l’anima in pace Gnome 2 va in pensione Mint o non Mint !!!!

    • il supporto rimane per gnome 2 finchè gnome lo rilascierà
      non dipende ne da debian ne fa ubuntu (esistono molte altre distribuzioni che usano ancora gnome 2)
      inoltre gnome 2 va in pensione ma non il suo classico ambiente a 2 pannelli applet ecc
      dato che sono ancora presenti in gnome 3 e perfettamente aggiornati
      gnome non ha abbandonato gnome 2 dato che lo ha riproposto con gtk3 denominandolo gnome fallback il quale assieme a gnome shell offrono 2 alternative
      proprio come ha fatto canonical con unity 2D e 3D

      • carlo coppa

        Non intendevo dire che decide Ubuntu e Debian quando finirà il supporto a Gnome 2.– ma leggevo qualche giorno fa un post di uno sviluppatore di Gnome che a domanda ha risposto che quando terminerà il supporto delle release di Ubuntu e Debian che ancora utilizzano Gnome 2.–, Gnome terminerà il supporto a Gnome 2.–. Cosa intendesse dire, lascio a voi…
        Unity a mio parere è un ottimo progetto se non piace è possibile installare la Shell di Gnome 3 e addirittura gnome fallback , per cui chi abbandona Ubuntu non l’ho fa certo a causa di Unity. Ho letto di Mandriva osannata da molti utenti e non capisco, l’ho provata qualche giorno fa e lasciamo perdere….stendiamo un velo pietoso, non capisco come fa chi odia Unity a piacergli Mandriva ???? Aiuto !

  • carlo coppa

    Ho letto un post del team di Gnome che diceva che quando saranno terminati i supporti alle versioni di Debian e Ubuntu che ancora utilizzano Gnome 2, Gnome terminerà il supporto a Gnome 2.  Questo è quanto !

    • per quel che ne so non dipende da debian e ubuntu ma da quando gnome sarà pronto per essere utilizzato completamente con gnome 3

  • carlo coppa

    Comunque sempre e solo UBUNTU !!!

  • carlo coppa

    Io devo dire di avere provato numerose distribuzioni da Mandriva a Fedora da Mint a Pclinux ecc. ma poi alla fine sono sempre tornato a Ubuntu in quanto è quello che da meno problemi, tutta questa avversione contro Canonical nasce dal fatto che la comunità vicino a Gnome si è risentita della scelta di Ubuntu di adottare Unity, ma è un comportamento da bambini dell’asilo che piangono quando gli si porta via il gelato. Certo Unity vista in Natty non è il massimo, ha molti difetti ma quella che vedremo in Oneiric è molto meglio, ma dal mio punto di vista occorrerà aspettare la LTS 12.04 per vedere le reali potenzialità di Unity. Dopotutto è un’interfaccia in più che noi utenti abbiamo a disposizione. Ben venga ! Sempre e solo UBUNTU !!!

    • sicuramente sarà migliore unico rimpianto che lo sarà solo nell’estetica e non per esempio nella reale funzionalità della distribuzione, un nuovo utente si troverà sicuramente impacciato con un’ambiente desktop del genere per non parlare dei molti problemi del kernel che se usato per esempio su un pc portatile oltre ad avere temperature altissime la batteria durerà la metà, però il desktop sarà bello da vedere!

No more articles