Commodore 64 Ritorna!

Ritorna il Mito, ritorna il Commodore 64 il computer che ha spopolato negli anni 80 con la stessa, indimenticabile, forma ma con le specifiche tecniche al passo coi tempi. Fu uno dei miei primi pc (il primo fu Zx Spectrum) per caricare un gioco dovevamo mettere la cassetta, dare un bel load uscire a fumarsi una sigaretta e poi, se tutto andava bene, il gioco era caricato. Ricordo le liti con gli amici in edicola per accaparrarsi le cassette contenute nelle riviste (comprate appositamente per la cassetta non per quello scritto nella rivista) per poi segnarsi a penna i numeri del contatore di giri per passare da un gioco all’altro altrimenti erano cavoli amari.
Si giocava con il Joystic e 1 solo bottone i giochi per quell’epoca erano fantastici (dal BubbleBobble e PacLand). I programmi erano pochi e molto semplici da utilizzare, ricordo un software per facilitarci le schedine del totocalcio, gestione delle spese (che poi i dati erano salvati in una cassetta normale e come il solito utilizzata anche dalla sorella per registrare le canzoni dalla radio).
Per la Commodore passato il mito dei C64 e C128 fu solo una morte straziante e lenta causata dai pc e dai software di casa Windows ( e poi fortunatamente Linux). Ma il mito finalmente sembra tornato. Stesso forma ma se si gira attorno si accorge della modernità difatti sono presenti  porte Usb, Ethernet, un lettore Dvd, lettore di memorie Sd ecc e altri accessori. Sotto “il cofano” o meglio la tastiera troviamo un hardware con caratteristiche di un netbook da fascia medio alta, difatti troviamo un processore Intel Atom Dual core e Nvidia Ion 2 per video in Full Hd, 2 GB di Ram, dischi fissi da 160 GB a 1 TB. Come optional troviamo il lettore DVD, o BluRay, e il modulo WiFi b/g/n e Bluetooth.Come Sistema Operativo troviamo Ubuntu 10.04 Lts e come dal sito potremo giocare ancora con i vecchi game utilizzando un emulatore (naturalmente non potremo più utilizzare le cassette) per C64 denominato Commodore Operating System.

Commodore 64

Il nuovo Commodore 64, a differenza del mito che ne aveva una sola, offre 4 configurazioni con prezzi che vanno da 595 a 895 dollari.
Il problema è chi andrà a comprarsi nel 2011 il Commodore 64? Visto i prezzi (secondo me eccessivi) penso ben pochi.

Home New Commodore 64

  • Che bello! Mi ricorda il mio primo computer in assoluto. Avevo 12 anni 😀
    Cmq hai ragione, i prezzi sono esagerati.

  • Falabrak

    ok, ma non dimentichiamoci che chi come me lo comprò nel lontano 1983 lo pagò 650.000 £ con il registratore, e non venitemi a dire che non erano bei soldi per quei tempi…
    quindi…

    • si ma non puoi confrontare dal 1983 al 2011
      sicuramente erano molti 650000 lire ma allora i pc erano pochi la scelta era limitata in poche parole era un’altro mondo

  • tempi mitici, io all’epoca avevo il C16 :o)

    mi permetto di dissentire su questo “Per la Commodore passato il mito dei C64 e C128 fu solo una morte straziante”
    come possessore del MITICO Amiga, che oltre ad essere il personal computer più innovativo della storia (per i suoi tempi) fu anche un ottimo successo commerciale.
    l’amiga 500 sbancò il mercato dell’home computer con caratteristiche mai viste prima, e superiorità schiacciante in grafica e applicazioni videoludiche.
    all’epoca amiga suonava musica polifonica (disponeva di ottimi sequencer midi ecc…) grafica innovativa (4096 colori) multitasking prelativo interfaccia grafica contro a dei PC con MSDOS o win3.11 che emettevano qualche orrido BEEP su schermi poco più che monocromatici senza multitasking prelativo e più costosi.
    le difficoltà arrivarono poi, e modelli come amiga 600 – A4000 cdtv32 avviarono ad una lenta agonia la commodore.
    ciauuuu

    • asd

      eh beh si’ dimenticarsi dell’amiga e’ un po’ grave…

      Se pero’ vogliamo ricordarla diciamo anche che l’amiga per il primo anno andava in guru meditation solo a guardarla storta. Per la musica andava quindi meglio l’atari (ottima gestione midi) e per i chip audio l’ensoniq di serie sugli appleIIgs, mai sfruttato come si deve. Comunque il mercato home era in mano a commodore sia col c64 che coll’amiga, gli altri si prendevano le briciole. Potenza dei giochini. Poi sono arrivate le schedine 3d sui wintel, e gli amighisti pian piano si sono sottomessi, sempre rimpiangendo la commodore.

No more articles