L’introduzione di tecniche atte a verificare l’autenticità di un file è stato un grande passo avanti. Oggi, in alcuni siti web, troviamo spesso l’indicazione dell’hash MD5 del file che stiamo andando a scaricare.

Ma perché questo? L’hash MD5 permette di generare un’impronta univoca di un file (fingerprint o checksum in gergo). Dopo avere l’hash del file originale, possiamo confrontarlo con un altro eventuale file, magari spacciato per l’originale, e vedere se effettivamente coincidono.

Un’ottima applicazione specifica per verificare l’hash MD5SHA1 di un file è  GtkHash.

GtkHash è in grado non soltanto di generare / verificare hash MD5 e SHA1,  ma basta andare su Edit -> Preference e potremo, spuntando le varie caselle, chiedere altri hash del file.

Recentemente è stata rilasciata la versione portable di GtkHash, la quale possiamo utilizzare su Ubuntu  – Debian o altra Distribuzione senza doverla installare.

GtkHash Portable per Linux e scaricabile da QUI, una volta scaricato occorre consentire l’esecuzione, per farlo basta cliccare con il tasto destro del mouse su proprietà andiamo al tab permessi e selezioniamo Consentire l’esecuzione del file come programma

home GtkHash

No more articles