A distanza di pochi giorni ecco il rilascio della nuova versione 1.30 di Wine. Per chi non lo conoscesse (penso ormai pochi) Wine è un’applicazione che ci viene in aiuto per lanciare i programmi di Windows su un sistema operativo, Linux, diverso da quello richiesto dal programma che stiamo lanciando, Windows. Wine non richiede Microsoft Windows installato sul computer che stiamo usando ed è una valida, e soprattutto libera, alternativa all’uso delle Windows API. Esso è caratterizzato dal 100% di codice non-Microsoft. Solo in alcuni casi, Wine, può fare uso delle DLL di Windows. 

Le novità introdotte nel tempo sono state tantissime, ed è stato migliorato notevolmente il supporto ad ogni genere di software. Il database  dei software supportati, infatti, è diventato molto vasto, e permette di soddisfare le esigenze praticamente di tutti, e la configurazione dell’ambiente di lavoro risulta essere piuttosto semplificato grazie a “winecfg”. Wine 1.30 permette l’avvio di una interfaccia utente per il built-in di Internet Explorer, supporta OLE cross-process drag & drop, introduce un nuovo built-in wscript.exe (Uindoos Script Host) ed ora consente di memorizzare l’ultima directory utilizzata. Sono state aggiornate le traduzioni e fixati oltre 113 bug rendendo l’applicazione molto ancor più stabile.

L’applicazione (in data odierna non è ancora disponibile nei repository ufficiali) mentre è già pronta sui repository Linux Freedom for Live.

Per installare / aggiornare la nuova versione 1.3.0 di Wine su Ubuntu 10.04 Lucid basta avviare il terminale e scrivere:

sudo add-apt-repository ppa:ferramroberto/linuxfreedomlucid && sudo apt-get update

sudo apt-get install wine1.2

e avremo il nostro Wine Installato / Aggiornato

  • Anonimo

    Attenzione perché si tratta di una versione in sviluppo; i bug sono in agguato.

  • ~Anonimo
    bisogna specificare che i bug sono davvero limitati.
    Personalmente non utilizzo wine, lo installato oggi per provare la nuova versione e perché mi serviva picasa e non ho rilevato alcun problema. Logicamente ci possono essere dei problemi ma penso davvero minimi

No more articles