GIMP si presenta come una delle uniche alternative libere a soluzioni popolari proprietarie per l’edizione e il ritocco di fotografie, comprende ottime caratteristiche e funzionalità che agevolano molto il lavoro degli utenti, lavora con strati, filtri e supporto per l’implementazione di script, tra tante altre opzioni comprese in questa applicazione.
 La versione portable  ha la caratteristica, rispetto alla versione “classica”, di poter essere installata e fatta partire da una pen drive (o qualsiasi altro supporto di memoria mobile), quindi poter partire da qualsiasi PC con le principali Distribuzioni Linux come Ubuntu, Fedora e openSUSE. Utile per chi è costretto a cambiare continuamente PC e vorrebbe le proprie impostazioni salvate. Inoltre, il progetto è supportato dalla comunità, ottenere documentazione, manuali ed esempi è molto semplice, nuove versioni vengono frequentemente liberate ed è disponibile in una grande varietà di lingue, senza dubbi un’ottima alternativa al momento di scegliere un editor potente, flessibile e pratico.
NB per attivare single-window mode ossia singola finestra basta portarci nel menu
finestre e li potremo attivare o disattivare la “Single-window mode”
cosi da accontentare tutti.

Ci basterà scaricare QUESTO file e salvarlo dove vogliamo.
Per avviarlo basta fare un doppio click sul file e avremo il nostro Gimp 2.7.2 avviato.
In caso non si avviasse avviamo il terminale e scriviamo

sudo chmod +x GIMP 2.7.2

e cliccarci sopra.

No more articles