Di solito parlo poco di temi e personalizzazioni, un pò perché a me piace la Distro come mamma canonical o redhat ecc la distribuisce e un’altro perché lo sviluppo è talmente grande che bisognerebbe aprire un blog appositamente per temi, icone ecc. Quello che oggi però vorrei proporvi è un progetto veramente ben curato nei particolari e, per chi piace, un’ottima alternativa ai classico Ambiance e Radiance.
Elegant Gnome Pack è un tema perfetto di tutto (in stile Bisigi), tutto è perfettamente ricercato anche nei dettagli, ad iniziare dalle icone AwOken (completamente personalizzabili). Altra caratteristica, da non sottovalutare, l’installazione. Il tema è disponibile su repository quindi ci facilita di molto l’installazione (utile anche per i nuovi utenti).

Ecco come installare il tema su Ubuntu Lucid basta avviare il terminale e scrivere:

sudo add-apt-repository ppa:elegant-gnome/ppa && sudo add-apt-repository ppa:elementaryart/ppa && sudo apt-get update && sudo apt-get install elegant-gnome  gtk2-engines-equinox ttf-droid

e confermare.

E’ disponibile inoltre il tema anche per Linux Mint per installarlo basta scrivere:

sudo add-apt-repository ppa:elegant-gnome/ppa && sudo add-apt-repository ppa:elementaryart/ppa && sudo apt-get update && sudo apt-get install elegant-gnome-mint gtk2-engines-equinox ttf-droid

e confermare

Ringrazio Fausto per la segnalazione

  • Il tema è veramente notevole, in qualche modo espande l'idea di ciò che accade già nel pannello superiore di Ubuntu.
    Il set di icone utilizzato prevede infatti solo icone monocromatiche, e affida colori puri ai controlli come il rosso e il verde.L'installazione come dice Roberto è semplificato dalla presenza di un repo dedicato che si occuperà anche dei futuri aggiornamenti.
    In fase di installazione in modo automatico verrà creato il backup della configurazione attualmente usata, quindi in caso di ripensamenti si potrà tornare indietro molto semplicemente.
    Il punto di forza del tema è a mio parere la pulizia e il non cadere nell'errore tipico di molti temi di voler assomigliare a qualcosa. Alcuni piccoli problemi esistono non è cosa facile tener conto di tutte le applicazioni che vengono installate e del loro comportamento nei confronti dell'engine usato. Alcuni di questi problemi sono stati risolti con i suggerimenti che si trovano sul sito relativo al tema, altri purtroppo non lo sono ancora.
    Tra questi in particolar modo la maggior parte delle applicazioni che si basano su Qt ad es. minitunes non riesce a trovare le icone del tema della giusta dimensione e i suoi controlli sono completamente incomprensibili. In alcune applicazioni che prevedono la funzione "cerca" si ritrovano con lo sfondo di un colore su cui i caratteri sono invisibili, se qualcuno utilizza come gestore di foto shotwell la barra laterale di nevigazione non presenta più il menù leggibile.
    Se qualcuno utilizza un dock può accadere di ritrovarsi le icone ufficiali e non le monocromatiche.
    Il mio personale suggerimento è quello di crearsi una cartella nascosta nella home (cartella preceduta dal punto ) reperire le icone delle applicazioni usate aprire gimp importarle e sottoporre le singole icone a desaturazione.
    Una volta importata l'icona da menu superiore o tasto sinistro si apre la voce "colori" quindi tasto destro "desaturazione" quindi salva come png senza comprimere. Tutte le icone si spostano nella cartella creata ad es .icomonocrom .
    Con Alacarte il gestore del menù si associano le icone delle applicazioni a quelle contenute nella cartella creata da noi e un pò di armonia viene ricreata.
    Grazie a Roberto per la puntualità con cui ci tiene aggiornati.
    Invito tutti i lettori ad esprimere un giudizio (il mio è indubbiamente positivo )ai post che ogni tanto inserisce e che si discostano dal genere solito per lunghezza, riflessioni,attenzione ad argomenti generali.
    Questi post potrebbero costituire per tutti noi lettori un motivo di dialogo e scambio di punti di vista, io spero che in futuro lo diventino.
    Grazie per lo spazio Fausto

No more articles