E’ disponibile overGrive 3, il miglior client di Google Drive per Linux.

overGrive in Ubuntu
Dal sviluppatori del team The Fan Club arriva il nuovo progetto overGrive, un’evoluzione di Grive Tools famoso client non ufficiale di Google Drive.
overGrive è un client (non ufficiale) di Google Drive, che ci consente di utilizzare al meglio il famoso servizio di cloud storage targato BigG in Linux. Il client supporta i principali ambienti desktop Linux come ad esempio Unity, Gnome Shell, KDE, XFCE, Cinnamon ecc e fornisce le stesse funzionalità incluse nel client ufficiale di Google Drive per Windows o Mac. Tra le principali caratteristiche di overGrive troviamo il supporto per più account Google, la possibilità di sincronizzare le nostre cartelle preferite su più pc e device mobili, possiamo inoltre sincronizzare file Google come ad esempio documenti, fogli di calcolo ecc di Google Docs i quali verranno automaticamente convertiti per poterli elaborare o visualizzare con LibreOffice anche offline.

overGrive è un progetto ancora in fase di sviluppo che risulta comunque già molto stabile e funzionale. Attenzione però che overGrive è un progetto a pagamento, possiamo testare il software prima di acquistarne la licenza d’uso (il costo è di 5 dollari, soldi che consentiranno di supportare lo sviluppo del progetto).

overGrive 3 Info

overGrive viene rilasciato per Debian, Ubuntu e derivate, Fedora e openSUSE tramite pacchetti deb o rpm disponibili nella home del progetto.

Home overGrive

Per sostenere lo staff nella creazione di nuovi contenuti
Dona in Bitcoin 1EerWf67XJXj8JGzGtyRruUavkAMstKxTt
  • Tomoms

    A dire il vero BTRFS è gia di default nella 19

    • è disponibile btrfs (come anche in ubuntu e molte altre distro)
      ma di default f19 c’è ext4

      • Tomoms

        No. L’ho installata senza fare caso al file system e solo dopo mi sono accorto che è BTRFS.

  • Thomas Cercato

    Fossi in loro darei una bella sistemata ad Anaconda. La disposizione dei menù nell’avanzamento dell’installazione è davvero poco intuitiva rispetto ad Ubuntu o altre distro. E sistemate i font santo iddio che siamo nel 2013.

    • Ermy_sti

      si anche secondo me i font sono orrendi

    • N-Di

      e` propio li il probblema, Anaconda non ha un avanzamento, gran parte delle distro hanno una procedura di installazione che assomiglia a una corsa ad ostacoli, dunque e` un percorso con un inizzio ed una fine ad ogni step ti ritrovi dei quesisti da risolvere, invece in Anaconda hanno pensato di creare una pagina hub che concentrasse i vari quesiti da risolvere, dunque devi entrare nella sezione che ti interessa per poi uscire e tornare nel hub e andare al argomento successivo;

      es. devo partizionare il disco, dunque clicco sul campo storage entro e li dovrei trovare tutto cio che riguarda il partizionamento del disco, una volta ch eho partizionado il disco assegnato i punti di mount definito quali FS utilizzare confermo e vengo rimandato nel hub, li poi clicchero su qualche altro argomento per procedere con la configurazione.

      e` un metodo nuovo, secondo me potrebbe anche funzionare ma andrebbe rivista intera disposizione della GUI, perche` cosi aparte non essere completa ma poi e` confusionaria e` pesante
      questa era la mia proposta https://dl.dropboxusercontent.com/u/69096531/SITH%23117/mda/biscia.png

      i font, i font sono piccolezze, ciosno cose ben piu importanti da aggiustare e rendere piu` stabili

      • garuax

        ma che sei matto? Anaconda è perfetta. E’ elementare. E’ la stessa cosa che installare altre distro… La gente è pazza.

        Cmq davvero ottima proposta. Bravo. Sono d’accordo con te in tutto.

  • Lamanna

    quanto è utilizzata in proporzione fedora rispetto ad ubuntu? (+ o -)

    • N-Di

      /* un parere mio poi scivete cosa volete non riceverete risposta */ confronto inutile, e ce anche il suo perche:
      ubuntu sta diventando un marchio come apple, con tanto di fan che farebbero qualsiasi cosa per COMPRARE un oggetto con su il logo Ubuntu che sia un telefono o che sia l’asse del cesso e` indifferente, Ubuntu e` il prodotto di una azienda dunque e` pubblicizzato e sponsorizzato e ogni cosa vine studiata nel dettaglio;
      Fedora no,e` ancora un qualcosa di libero dove un gruppo di persone fanno un qualcosa che pensano che possa andare bene, non fanno indagini di marketing o altro, lo fanno e basta se poi vabene ok se non va` pazienza.

      • Lamanna

        Non voglio fare confronti…. non me ne frega niente di chi ce l’ha più lungo o come le gare a quale è meglio tra un processore intel o amd……..per giocare….. o lascheda più veloce e performante ecc ecc

        Non è un confronto di quel tipo, quelli li fanno gente che sta a pensare a quelle cose lì… io no.

        E’ una domanda semplicissima, per farmi un’idea.

        grazie

        • Jacopo Ben Quatrini

          considerando che tutti i sistemi linux si aggirano sull’1-2% di diffusione (sui desktop ) non credo abbia molto senso chiedere se viene usata di più Ubuntu o Fedora… Ubuntu è di sicuro quella più pubblicizzata e per questo motivo penso che chiunque usi linux almeno una volta ci ha avuto a che fare.
          Più di questo non so dirti.

      • garuax

        Ho capito. Mangi più pasta Barilla o pasta del Discount? Non puoi rispondere perchè c’è un marchio di mezzo? Fa più benzina alla ERG o ai NoLogo? Niente, pure qua non puoi rispondere, scommetto. Sono due beni destinati al medesimo utilizzo. Un confronto è ovvio. No? 🙂

        • TopoRuggente

          Mangio la pasta migliore, non scelgo Barilla per il marchio e distro meglio di Ubuntu ce ne sono ….

          • garuax

            esatto. Quindi è una domanda a cui si può benissimo rispondere: quella del nostro utente.

    • garuax

      E’ usata meno.

      1) Musica. Fedora non gestisce le virtualizzazioni.

      2) Campo Medico Professionale. In tutto il mondo usano Red Hat.

      3) Grafica. Che fai, un video con una distro che privilegia i nouveau e non ti fa virtualizzare degli strumenti musicali per problemi con steinberg e wine?

      4) Grafica. Se ti serve la quadricromia, ti serve Ps. Almeno il CS2. E stiamo a 10 anni fa… Wine non regge Photoshop con un driver nvidia a 64bit. Su Ubuntu non ha mai problemi.

      5) MatLab. Ricerche statistiche e varie altre cose. Servono macchine stabili. Nei laboratori si usa molto Debian o ancora Red Hat.

      6) Per tutto il resto, con Ubuntu, Mint, ecc… parlano le statistiche, opinabili, ma di cui tener conto. Fedora non è la preferita. Certi aspetti sono poco curati e i .deb vanno per la maggiore.

      7) Supporto. Fedora meno vasto e competente. Per un semplice motivo. Se non hanno mai a che fare con problemtatiche legate alla grafica, alla musica, al laboratorio, alla medicina, ecc… cosa puoi aspettarti.

      La mia idea. In mondo destinato a rimanere paradossalmente closed, più che free… Troppo esasperati.

      Punto forte: distro stabile e veloce.

      Occhio che la gente è matta…

      • TopoRuggente

        Dimentichi l’ambiente server dove fedora ha un discreto successo come alternativa economica a Red Hat.

        Comunque Musica e Video nemmeno ubuntu è usata non avendo il kenrel configurato per la bassa latenza.
        Nelle facoltà di informatica si usa molto Debian, ma in moltre altre Fedora è usatissimo.

    • TopoRuggente

      Ubuntu è più utilizzata, ma oggettivamente non riscuote grandissimi favori fra gli utenti esperti.
      Diciamo che Ubuntu è più in voga fra i nuovi utenti, Fedora fra gli utenti medi, altre (Slackware, Arch, Debian, Gentoo) fra gli utenti esperti.

      Per forza di cose capirai che i numeri hanno uno sviluppo piramidale.

      Non è un giudizio sulla qualità, quanto su aspetti di possibilità di customizzare la propria distribuzione.
      Più ci sai smanettare più scegli prodotti che ti permettano di farlo.

      • Salvatore Furnò

        GIUSTO.. io uso kali linux perchè mi piace smanettare dalla mattina a sera… è la uso cm os principale…

    • Paolo Inaudi

      Cerca distrowatch. C’è una classifica di distro per utilizzo, però credo che si contino quelle che visitano quel sito. La mia impressione al di là della classifica è che Ubuntu sia largamente la distro più utilizzata, ma che Fedora sia comunque una distro abbastanza diffusa, non di nicchia ecco.

  • Jacopo Ben Quatrini

    “la nuova versione potrebbe avere di default il file system BTRFS” questo mi sembra un po’ un ritornello che fanno ad ogni nuova versione di Fedora XD

    • PatrisX

      dai, non dire così……. solo perchè sono almeno quattro release che promettono questo benedetto file system ??

      • Jacopo Ben Quatrini

        scusami ma mi è venuta spontanea XD

  • garuax

    I Font fanno cacare. Anaconda: ma Fedora non dovrebbe essere una distro per tutti? Sfido chiunque a dire che installare Fedora sia più facile che installare qualsiasi altra distro ( a parte le solite note per smanettoni ).
    Wine: non si può installare Ps Cs2, a meno di non usare una scheda nvidia. E non venitemi a dire che nouveau sono meglio. Anzi anzi che finalmente si puo’ usare “sudo nautilus”…

    Gestore pacchetti: lentissimo e brutto. Ma una cosa tipo synaptic, se proprio si vuole guardare al sodo? una specie di yum extender un po’ più dinamico.

    • Torno Nel Mio Limbo

      Chiunque può dirti che installare Fedora è elementare.

      • GioGio

        Installare Fedora anche con il nuovo anaconda non è certamente difficile tuttavia l’interfaccia di installazione è più complicata e meno intuitiva rispetto ad ubuntu.

      • garuax

        Proposte per la 20: ANACONDA è fatto male. Si puo’ migliorare.
        Graficamente non è intuitivo. No eh….
        Li uno tocca le partizioni… Dovrebbe essere una cosa alla Gparted per intenderci. Anaconda sembra fatta da uno col mal di testa.

        • Torno Nel Mio Limbo

          Ma LOL! Mi ha fatto ridere ‘sta cosa del mal di testa.
          Installare Fedora son 4 cose in croce, basta leggere n’ attimo. :p

    • L-avazz-A

      è facile come installare qualsiasi altra distro.

      • PatrisX

        non direi, è più semplice installare debian. Il nuovo installatore può avere anche un aspetto piacevole, ma è poco chiaro e intuitivo. Io in fase di installazione non sono riuscito a creare un punto di montaggio per una partizione che uso come archivio, che non sta sull’hard disk che ospita l’OS; cosa che faccio sempre quando installo una qualsiasi distro. E soprattutto, apper fa veramente schifo

      • garuax

        ma dai, ma caspita… stai fuori. Aho’ ma mica uno offende una madre! 🙂 ma dai!!! E’ fatto male su! Ma ovunque è più immediato gestire una partizione. Assurdo…

    • varennikov

      Fedora ha come obiettivo quello di creare una distro 100% opensource (fonts compresi, anche se poi ti puoi installare a mano i fonts microsoft), che sia abbastanza facile da installare. Viene privilegiato il driver Nouveau non perchè sia migliore di quelli proprietari, ma perché è opensource e gestisce dignitosamente un numero notevole di schede video. Il gestore pacchetti di GNOME è da migliorare, ma Yumex e Apper (KDE) sono già decenti. Se vuoi installare quello che manca (Chromium/Chrome, codecs multimediali closed, VLC, Lame, Fonts, eccetera):
      http://www.mjmwired.net/resources/mjm-fedora-f19.html

      • garuax

        no, ma a me va bene tutto. Solo per me

        Wine

        Anaconda

        Estetica

        possono essere migliorate. Io sto in tema: proposte per la 20.

        Wine non va solo in Fedora… a me sembra studiato a posta… Allora lo levassero direttamente: altra proposta. Altrimenti uno ci perde tempo.
        thk per il link.

    • ale

      I font sono quelli predefiniti di gnome che trovi su tutte le distro,è ubuntu che li cambia con dei suoi,che comuqnue puoi sempre scaricare ed installare se proprio non ti piacciono quelli li (tanto quando ci hai fatto l’ abitudine non ci fai più caso dei font)

      L’ installer di fedora è molto semplice,non ha niente di difficile,installare qualunque altra distro che non sia ubuntu (e derivate) e debian è più complesso
      E soprattutto… funziona ! oggi ho installato ubuntu 13.04 sul mio vecchio desktop,l’ installer ci ha messo 5 minuti per superare la prima schermata,poi si è bloccato sullo scaricamento pacchetti inspiegabilmente (le rete c’era),e ho duvuto fare skip così non ha installato la lingua,riavvio,installo la lingua con l’ apposito tool,driver nvidia col prestigioso tool di ubuntu,riavvio e unity non parte più,allora ho dovuto installare gnome shell da console,a si fra l’ altro i pacchetti per la lingua gli ha installati mezzi si e mezzi no,semplice installare ubuntu,mica tanto poi farlo funzionare

      Il package manager grafico non ti serve a nulla,quando hai uno dei migliori gestori di pacchetti di riga di comando

      Poi i driver nvidia si possono installare senza problemi,o ti scarichi il driver direttamente dal sito della nvidia,oppure lo installa dai repository rpm fusion,a parte che poi con le nuove schede e i nuovi kernel i nouveau vanno più che bene,ma se uno ha una scheda vecchia può installare quelli nvidia

      Riguardo a wine è la cosa più inutile che esista,perchè dovrei usare linux per poi avviare applicazioni windows e avere mille problemi,ci si fa una partizione windows o una macchina virtuale,non è un gran problema,wine l’ ho provato una volta e non l’ ho più installato

      • Jag

        La realtà è che la riga di comando…. sono ben pochi che la sanno usare, tra tutti quelli che qui dentro sparano sentenze, se non copiando ed incollando i comandi, c’è poco da dire. Yum è un’applicazione eccellente, seppur la vogliono cambiare col suo fork. Putroppo questa è la tendenza attuale….. “ci vuole il pulsantino per tutto”….

        • Torno Nel Mio Limbo

          Vero, però usare Linux comprende anche studiarsi quattro comandi e un minimo di documentazione, almeno per riuscir ad installarla. Leggere persone che si lamentano (e non propriamente nei commenti di questo articolo) perché l’ installer di Fedora, Ubuntu e Debian è poco intuitivo o difficile… mi fa specie. Insomma basta leggere. 😐

          • TopoRuggente

            Ultimamente se passo a qualcuno un comando devo prima specificare “apri un terminale” !!!!

          • ale

            Esatto,che poi installare una qualsiasi distribuzione non è chissà che difficile,ma certi non riescono nemmeno a fare il boot da chiavetta…
            Per installare archlinux bisogna dare 10 comandi,non 100 mila,e c’è anche una guida che più completa non la potavano fare,con descritto passo a passo come fare,eppure qualcuno dice che è compilcato
            Fra l’a altro se uno non vuole usare la linea di comando mi chiedo perchè usa linux che è un sistema nativo a riga di comando con interfaccia grafica aggiuntiva e non necessaria,basta che usa windows che è a interfaccia grafica ed è a posto

        • garuax

          yum è una cazzata da usare. Ma una interfaccià puo’ essere utile. Dai… ma smettetela di fare i fichetti… Il pulsantino è comodo in diverse circostanze. Serve che te lo dimostri?Su…

      • garuax

        cazzo ma un po’ di obiettività.
        Wine serve per photoshop. Mi serve la quadricromia per stampare. Su virtuale è lento. Con Nvidia semplicemente non va.

        Sul resto vedo frustrazione, neanche rispondo. E’ questione di obiettività.
        Come quello schifo che si vede nel multiboot… ma dai, cose da 10 anni fa.
        Bhà…

  • angelo busillo

    Fedora è bellissima ed elegante e veloce mi ci sono trovato divinamente ma dawero!!….
    Ma arch linux è arch linux:)

    • Simone Picciau

      Fedora è unica, la mia preferita!

      • Gabriele Castagneti

        Mah, sto scrivendo da Fedora ma devo ammettere che preferirei un po’ più di rolling e di coraggio.
        Col senno di poi, installerei Sabayon.

  • SeaPatrol

    Sapete se esiste la possibilità di limitare la banda in invio ?
    Quando ho file di molti mega, devo ricordarmi di inviarli prima di uscire, altrimenti la navigazione rallenta parecchio.

    • Io lo setterei

      nel QoS del router.

  • Leonardo Rava

    Niente male, molto utile per chi necessita di avere drive a portata di click!!!

  • mircozorzo

    L’ho provato funziona, ma non con una cartella condivisa che per me è molto importante, a qualcuno dà questo stesso problema?

  • lostinjericho

    è possibile scegliere come cartella sul pc una cartella nella partizione dati e non sulla partizione dove è installato il tool?

No more articles