Canonical ha rilasciato la guida ufficiale per gli sviluppatori dedicata al porting di Ubuntu Phone in device Android.

Canonical - Ubuntu Phone Porting to a new device
L’arrivo di BQ Aquaris E4.5 Ubuntu Edition, il primo smartphone al mondo ad includere di default il nuovo sistema operativo mobile di Canonical, ha portato molte discussioni riguardanti l’arrivo o meno del supporto per nuovi device Android.
Per lo sviluppo di Ubuntu Phone, Canonical ha deciso di lavorare solo in due device di Google ossia lo smartphone Nexus 4 e tablet Nexus 7 2013 (oltre al nuovo BQ Aquaris e i futuri device di Meizu ecc) mentre è possibile installare il sistema operativo mobile anche in alcuni device Android grazie a ROM di terze parti. Per facilitare il porting di Ubuntu Phone, Canonical ha rilasciato una guida ufficiale, la quale consentirà agli sviluppatori di poter lavorare nello sviluppo di nuove ROM dedicate da includere in smartphone e tablet con preinstallato Android.

Il porting di Ubuntu Phone non sarà cosi semplice, Canonical punta comunque di incentivare gli sviluppatori a lavorare nel nuovo sistema operativo mobile grazie a guide dedicate ecc.
Da notare inoltre che le future ROM di Ubuntu Phone disporranno di aggiornamenti OTA (Over-The-Air) in maniera tale che gli utenti potranno avere nel proprio device la versione costantemente aggiornata del nuovo sistema operativo mobile targato Canonical.

Home GUIDA UFFICIALE Porting di Ubuntu Phone

  • matteo

    Unico appunto, da studente del Politecnico. Nei corsi di Informatica e calcolo numerico che bene o male ci sono nella maggior parte degli indirizzi di Ingegneria, si consiglia agli studenti di usare Octave,, software open, al posto di Matlab, che invece è proprietario, e non so nemmeno ci sia per Linux. Octave c’è per tutti i principali SO, per Linux ha una comodizzima interfaccia in Qt, non ha nulla da invidiare a Matlab, ed è perfettamente compatibile con esso. Tutti i prof che ho incontrato lo sostenevano e lo utilizzavano.

    • matteo

      *comodissima

      PS non riesco a inviare messaggi con la mia mail, devo cambiare l’ultime lettere (da .it a un altro indirizzo tipo .com o .uk, ma sono indirizzi non esistenti) per vedere comparire il mio messaggio. come mai?

  • EnricoD

    *enti statali… non statati

    Io lo uso! da quello che vedo nella mia Uni, alla maggior parte dei ricercatori o studenti non interessa la distribuzione che usano… l’importante è che sia linux e che possano compilarci in gfortran una volta configurato bene l’ambiente… forse sono l’unico in dip ad usare debian per compilare quantum espresso e fare conti di quantomeccanica…

  • Alessandro

    Insomma devo essere orgoglioso di studiare all’unipd! Aggiungo che al dipartimento di Matematica usiamo Ubuntu! 🙂

    • Alessandro

      e ovviamente per l’esame di Calcolo Numerico usiamo Octave, non MatLab!

    • Andrea

      Prima nell’aula informatica c’era Slackware in dual boot con Windows 2000. 🙂

      Ciao

  • teIperion

    gli idioti

    • telperion

      sei un fake

      • telperion

        anche tu

    • Dea1993

      no non credo che tu lo utilizzi debian.

      PS: perdonami ma te la meritavi tutta

    • Dario Grillo

      ma se telperion ha sempre detto di usare debian testing kde, si vede che sei un fake XD

      • telperion

        sid in realtà, sin dal 2007…

        • Dario Grillo

          Ah, ricordavo male 🙂

  • Stefano Contin

    Allora, se volete…
    http://www.dominascarl.com server Debian e client kbuntu
    http://www.geometanospa.it server Debian

  • Stefano Contin

    Allora, se volete….
    http://www.dominascarl.com server Debian e client kbuntu
    http://www.geometanospa.it server Debian

  • Stefano Contin

    Allora, se volete…
    Domina S.c.a.r.l., Milano, server Debian e client kubuntu
    Geometano S.p.A. , Milano, server Debian

  • dario

    unibo corso informatica usiamo matita con debian live cd..mentre nei laboratori usiamo xubuntu

    • Ansem

      correggo, si ha la scelta tra tipo 20 DE, solo che attualmente funzionano solo XFCE e unity (solo da qualche mese)

  • gyanny

    fastweb

  • salvatore

    Debian jessi lo uso anche io e tutte le mie colleghe di univ che volevano il mio stesso sistema operativo. Nell’univ trovo in qualche pc sempre qualche iso già salvata sul desktop di windwos, qualcuno lo scarica.

  • Jag

    IO

  • Davide Neri

    Mah secondo me, almeno le università, sono molte di più quelle che la usano, a Bologna di sicuro c’è in vari posti e per vari utilizzi. Dopotutto, quali motivi ci sono per non usare Debian? 😉

  • LelixSuper

    Vi siete scordati di me xD

  • Noi utilizziamo debian (proxmox) su tutti i server cluster/virtualizzatori 😛

    Se non sono cambiate le cose anche l’università degli studi di roma Tre utilizza debian su workstation e server (sulle work vi sono anche versioni di xp/seven)…

  • TopoRuggente

    Quello delle piadine è il numero uno !!!

    “apt-get install 2-col-prosciutto”

    • Antonio G. Perrotti

      beh, il mio portatile con GPU ATI 4250 se non installo i driver proprietari mi fa anche le bistecche ;D

  • Anonimo

    Aggiungiamo alla lista eBay Annunci Italia/Kijiji.

  • ev

    Il liceo scientifico Copernico, a Bologna. Debian c’è sul server dell’istituto e in due laboratori su tre… Mentre nell’altro c’è Windows XP…

  • Alessandro Giannini

    Per quanto ne so, nel mondo dell’astronomia professionale Linux, non solo Debian, è lo standard di fatto, sia sui computer asserviti ai telescopi che sui Pc dei singoli astronomi.

  • EliaBaragiola

    ben più della metà dei comuni italiani lo usa… debian è uno standard

  • Michele Isotti

    beh, dimenticate Endian, che oltre ad usare linux lo mette nei propri prodotti in tutto il mondo

  • Piripicchio

    Quando ero studente di Fisica all’università di Pisa nei laboratori usavamo Red Hat!

  • Daniele

    Ottimo direi, così vedremo Ubuntu phone espandersi a macchia d’olio, un po come successo con cyanogenmod.

    • EnricoD

      non credo sia cosi facile… si tratta di fare porting qua
      i cellulari android hanno driver che sebbene non siano compatibili con nuove versioni vengono comunque adattati (un es è il galaxy nexus con kitkat)… anche se molte volte non è possibile proprio ed escono fuori delle cose castrate…
      ma ubuntu touch…
      mica lo so se questo è vero, penso solo a mir
      non so poi se il kernel abbia bisogno di qualche modifica e apparmor e tutto il resto…
      secondo me non accadrà quanto hai detto o comunque ci vorrà tempo (vd nexus 5 che ancora non ha bluetooth e altro funzionanti) e dei mantainer disposti ad investirci del tempo …
      preferisco prendermi il bq piuttosto almeno è supportato ufficialmente

      • Daniele

        In parte condivido la cosa, ovvero non credo sia facile questo si, però è anche vero che come ci sono i porting di CM su una immensa vastità di smartphone , ci saranno anche i porting di UP , a livello driver vediamo se esce fuori qualche versione open source in grado di dar del filo da torcere ai proprietari, sono fiducioso sul lavoro della comunità ed anche di Canonical.
        Per il resto d’accordo con te, meglio un BQ poichè l momento è supportato ufficialmente, ma solo perchè è l’unico al momento.

      • Fabio Colella

        Beh, perlopiù i driver dovrebbero funzionare, le modifiche non sono di molto superiori a quelle di un porting di Android 😉

  • E così Canonical inizia a fare sul serio…
    Sono curioso di vedere cosa ne verrà fuori.

  • luca020400

    Peccato che non sia possibile scaricare i sorgenti lol ( almeno per me )

    • Fabio Colella

      Attendi un po’, a me all’inizio non scaricava ma poi è partito. 😉

      • luca020400

        Dopo un ora non era ancora partito quindi sono passato su cm12 …

  • Mirko185

    L’OTA c’era già da prima eh..

  • jboss

    sarà compatibile pure con i samsung?

  • Marco Gulino

    Sono utente Linux da quando nel 2002 in una rivista ci trovai Caldera Open Linux…. installarlo fu una scoperta allucinante, passai subito dopo a “Made in Linux” una dietro italiana nata e morta subito… ho scoperto poi Mandrake fino alla versione 8… era una meraviglia… e poi Ubuntu dato che non riuscivo a far partire Debian per colpa della mia scheda video… Cominciai seriamente a essere utente Ubuntu dalla 6.06 e la meraviglia delle meraviglie per me fu Lucid… che ho tenuto fino a Precise dove, per gusti personali, ho estirpato Unity in favore di Gnome 3. Mate mi ha lasciato piacevolmente colpito da amante di Lucid…. ora arriva Ubuntu Touch…. e si riapre il dilemma, perché effettivamente ritrovare la stessa interfaccia grafica sia su Desktop che su Mobile può essere davvero una buona cosa… voglio premettere che oltre a Linux uso stabilmente i sistemi Apple dal 2006 e ho in questo momento l’iPhone 6. Analizziamo le differenze: su Mac crei un account e hai tutto sincronizzato… file (tramite iCloud), acquisti multimediali, email, contatti, segnalibri… ecc ecc…. su Ubuntu invece per dirla in modo semplice hanno chiuso l’unica cosa che poteva integrare il tutto, ovvero, UbuntuOne…. se a livello software magari ci sono riusciti, a livello proprio pratico ancora non sono molto avanti.. ma spero bene su un futuro migliore… non voglio “creare un account ubuntu” voglio poter integrare ad esempio un sistema di posta personale… che ne so… ho un account di posta di un mio dominio del tipo posta @ mionome . it e tramite questo con un sistema personale avere la rubrica sincronizzata su tutti i dispositivi tipo CardDav e CalDav, la mail… non so se sono riuscito a farmi capire….

    • Carlo

      Chiarissimo e sono d’accordo con te. Gli investimenti sono scelti e discussi, evidentemente hanno politiche che non conosciamo. Per la cronaca, anche microsoft ha la sua sincronizzazione ben fatta e tanto altro su cui non mi dilungo. Chi ha linux la sincronizzazione se la deve fare da solo… e sarebbe bello avere una guida sul come.

      • -.-

        Anche a me non è piaciuta molto la scelta di chiudere Ubuntu One, sopratutto perchè a me ha sempre funzionato benissimo e mi tornava molto utile. Tuttavia, dando un’occhiata ai costi di gestione di un servizio di cloud di questo tipo, la scelta appare chiara: se sei Apple o MS puoi permetterti di frullare miliardi dalla finestra per un servizio di questo tipo, se sei Canonical no. E personalmente preferisco che abbiano dirottato i fondi su Ubuntu Phone, tanto per sincronizzare i file dropbox va benissimo. Mi chiedo solo come faranno in futuro, con la covergenza, a gestire le installazioni cross-device.

        • Stefano

          Di Ubuntu One è stato chiuso solo il servizio di storage.
          Il resto è ancora attivo, tanto è vero che per fare il login su Launchpad o Ask Ubuntu, o anche per poter accedere allo store su UTouch è necessario possedere un account Ubuntu One.

          Non solo, ma nella lista delle funzioni da implementare in U1DB (che sarebbe la libreria proposta da Ubuntu per creare database o salvare le impostazioni delle applicazioni in Ubuntu Touch – e in futuro desktop) vi è anche la sincronizzazione online dei database, usando proprio Ubuntu One.

          • -.-

            Non sapevo di U1DB, grazie dell’informazione!

  • eh ma non c’e whatzapp!!

    • EnricoD

      whatzthef***! vero!

      • è il whatsapp tedesco

  • EnricoD

    un pò off-topic
    ma siccome si parla di ubuntu one, del fatto che canonical non può permettersi di mantenerlo, e, dal momento che devono mandare avanti lo sviluppo di utouch insieme al desktop

    Io ho buttato giù una idea ed un logo ad essa associato.
    Vendere Hamburger di Chianina insieme ai cd di Ubuntu e accessori, gadget etc.
    Questo insieme ad altre mosse che sto valutando potrebbe permettere a Canonical di avere risorse a sufficienza per competere con le big!
    certo, all’inizio bisogna investire sulla Chianina e magari un allevamento in Toscana con bovini che però porterebbero il marchio Ubuntu!, ma Io frequento Siena nel periodo primaverile-estivo e potrei metterci una buona parola… xD

    • A sto punto io che sono vicino a Morro d’alba ci metterei anche una bella rivendita di “LAGRIMA DI MORRO D’ALBA”… vino corposo e sbornioso che tanto potrebbe piacere mentre si snaviga con l’ubuntu phone di Chianonical..:D

    • DigiDavidex

      se passi per Firenze dimmelo 😀