Netbook Asus

Il 2013 sancirà la fine dei netbook, a confermarlo è l’annuncio da parte di Asus e Acer nel voler terminare la produzione e vendita di netbook.
Dopo Sony e HP anche Asus e Acer hanno detto stop alla produzione di netbook dai primi mesi del 2013, il tutto per puntare a nuovi dispositivi come tablet e pc portatili / ultrabook con schermo da 11.6 / 12.0 pollici.

Per Linux questo sarà un brutto colpo dato che alcuni modelli venivano rilasciati proprio con una distribuzione Linux preinstallata. Inoltre molti utenti hanno scoperto Linux proprio grazie ai netbook dato che le poche risorse disponibili richiedevano in sistema operativo molto più leggero di Microsoft Windows 7 Starter o Xp e Linux era la scelta più azzeccata.

Il 2012 si è chiuso con pochissime vendite di netbook causate anche dal calo di prezzi dei tablet Android e dall’arrivo degli ultrabook con ottime performance e portabilità.

vendite netbook in USA
I netbook hanno comunque aperto il mercato del pc low cost offendo ottimi sistemi a basso costo, è anche grazie a loro che abbiamo visto un calo dei prezzi dei pc portatili in questi anni.
E’ ora di cambiare quindi?
In questa pagina troverete il post di guardian fonte dell’articolo.
  • Ilgard

    IMHO, i netbook non hanno più senso di esistere. Se si vuole un sistema con schermo da 8″ ci si uò accontentare di un Nexus 7 che costa poco e quello che ci si fa è lo stesso. Se invece si accettano anche schermi più grandi ci sono gli ultraportatili.
    Sinceramente ho sempre trovato i netbook inutili per le mie esigenze visto che 8″ pollici secondo me vanno bene per ben poche cose.

    • io ho un netbook da 10 pollici e un tablet x86 sempre da 10 pollici e utilizzo molto dipiù il netbook
      il tablet è comodo fin che vuoi ma la tastiera fisica a volte è indispensabile oltre al fatto che a parte plasma active le rimenanti distro sono inutilizzabili con dispositivi touch
      con il tablet ad esempio è un casino lavorare con testi (nel mio caso scrivere articoli per lffl) ecc

      • Ilgard

        Su questo sono d’accordo: per me la tastiera è fondamentale. Infatti non ho mai preso un tablet perché lo vedo come poco più che un giocattolo.
        Per me i “killer” e successori dei netbook in ambito semi-professionale saranno i notebook ultraslim (ne hai anche pubblicizzato qualcuno in post passati).

    • Marco Pagliaro

      Perchè secondo te “non hanno senso di esistere”? Sono la giusta via di mezzo tra un portatile grande e un tablet. Con un notebook normale non si può avere quella portabilità dei netbook e con un tablet non si possono fare alcune cosa prettamente “da pc”. I tablet servono solo per youtube/youporn Facebook/twitter e fare i fighetti con la mela Apple dietro. Con un netbook ci si può anche scrivere, lavorare, produrre. E poi ci si possono installare tutte le distro, mentre sui tablet, almeno fino ad oggi la vedo dura, tranne qualche smanettamento e esperimento che si vede in rete…

      • Ilgard

        Per i tablet ci sono le tastiere. Tutto al più i due problemi maggiori dei tablet sono:
        1)Il sistema operativo (Android non consente di fare cose professionali) ma si può comunque rootare il dispositivo.
        2)Il costo non proprio economico, soprattutto in funzione dell’hardware.
        Per i notebook invece ci sono gli ultraslim: hanno schermi tra gli 11 ed i 13 pollici ed offrono hardware decente a prezzo contenuto. Paghi un po’ più di un netbook certo, ma hai anche qualche vantaggio.

  • Fabio

    Per me è un peccato, questi giocattolini sono i veri pc portatili: portatili perché pesano un kg o poco più e sono di dimensioni veramente contenute; pc perché, a differenza dei tablet, permettono veramente di lavorare (ho provato a battere una relazione con testi, foto e tabelle con l’ipad della mia compagna, un incubo!). E soprattutto costavano veramente poco. Vabbé, speriamo nelle liquidazioni allora…

  • Sortospino

    viene fatto per chiudere l’unico mercato che frena i tablet…
    peccato ..

    io spero di comprarne uno con gli scontoni.. i 12 pollici per lavorare e prendere appunti all’università rasentano la perfezione!

    • Alexander83

      Effettivamente la congiura contro i netbook potrebbe essere vera, i produttori si stanno buttando tutti sui tablet solo perchè lì si guadagna molto di più!

  • felix

    Le statistiche si utilizzano per “giustificare” talune scelte e/o comportamenti.
    Ritengo che il sig. Sortino abbia ragione: “viene fatto per chiudere l’unico mercato che frena i tablet…”.
    Se, ad esempio, di 1000 persone abitante in un palazzo 900 di esse hanno necessità di acquistare un netbook e un pc e acquistano 800 un netbook e altri 100 un pc, chiaramente una volta “esaurito”” il potenziale mercato, in quel palazzo, non si acquisteranno più netbook ne pc. Logicamente se alle altre 100 persone occorrerà un netbook lo acquisteranno in numero complessivo di 100 pezzi (1 ciascuno). Statisticamente il mercato non tiene.
    Ecco allora subentrare per motivi prettamente commerciale la commercializzazione di un nuovo prodotto, il tablet.
    Ma vogliamo mettere il touch con la tastiera? Personalmente non piace.

    • Ilgard

      Ne dubito: i tablet sono di moda, i netbook sono esteticamente un pugno in un occhio e quindi sul mercato di massa hanno potenzialità 0 (infatti non sono mai andati davvero forte).
      I netbook sono realmente obsoleti come tipologia di dispositivo. Al massimo avrebbero potuto frenare le vendite dei notebook.

      • Ho avuto per un certo periodo (12 anni circa) un punto di vendita informatico.
        La gente nuova (i ragazzi/e) sà scegliere, perchè ben conosce la differenza tra i vari prodotti (PC desk, notebook, netbook, tablet) e sceglie il prodotto secondo le proprie esigenze.
        Qualcuno per essere alla ‘moda’ comprava i tablet, altri per comodità (solo internet) i netbook, altri a seconda dell’uso destinato ( e delle disponibilità economiche!) comprava notobook o PC Desk.
        Personalmente, utilizzando il PC per lavoro non sono stato mai attratto dai netbook (anche si i miei ragazzi ne fanno uso), ma a denigrare un mini pc (perchè tale è il netbook) perchè un colpo nell’occhio e un vero “sacrilegio” :D. Il loro dovere lo fanno e se non si pretende troppo anche bene.
        I tempi cambiano, l’elettronica si evolve, l’informatica anche. Bisogna abituarsi, quel che è attuale oggi diventerà obsoleto domani.
        Addio, ‘vecchio’ netbook?

        • Ilgard

          Non li denigro perché sono brutti, di quello a me personalmente me ne frega poco (anche il mio notebook è brutto, come tutti i notebook economici) e sono altri i motivi che mi portano a non sceglierli, ma per il mercato l’essere brutto conta eccome. Non per nulla i netbook non sono mai andati davvero forte ed ormai la tecnologia e le produzioni delle aziende sono abbastanza avanzati da consentire la produzione di prodotti simili ai netbook ma, a mio avviso, migliori (gli ultraslim).
          Che poi la gente sappia scegliere ho i miei dubbi: i tablet vanno fortissimo e, per come la vedo io, sono solo giocattoli costosi. Anche i prodotti Apple vanno fortissimo e, per il 90% degli acquirenti, è solo un giocattolo costoso (anche perché quel 90% degli acquirenti va su facebook e poco più).

  • Alessandro

    I netbook classici con schermo da 10 pollici sono arrivati al capolinea per il semplice fatto che, in quanto tali, si sono poco evoluti dal momento in cui sono apparsi: per troppo tempo sono rimasti dispositivi limitati nella diagonale dello schermo, nella risoluzione (1024×600 è una risoluzione ridicola e pure fuori standard) e nella potenza di calcolo (sempre i soliti e limitatissimi Atom, non importa se single o dual core). Nel frattempo, si sono resi disponibili prodotti alternativi che sono o ancora più portabili (i tablet) o più potenti (piccoli portatili da 11,6 pollici con processori classe Celeron o AMD serie E, sia con windows che con linux, o anche gli Ultrabook,peraltro ancora molto costosi). Avevano senso quando erano praticamente l’unica scelta a disposizione per chi cercava l’informatica relativamente economica in alta mobilità (e comunque, ai loro tempi partivano dai 300 euro in su, quindi non proprio regalati), ma ormai i tempi sono cambiati.

    • TopoRuggente

      il problema della risoluzione è relativo, cambi matrice (usi quelle dei tablet 10″ e gia sei a posto.

      Il punto principale secondo me è proprio spingere gli ultrabook.

  • TopoRuggente

    Credo che l’idea del netbook fosse legata al concetto di cloud computing, che in molte nazioni tarda ad affermarsi.

    Per una ditta produttrice dover offrire, notebook, netbook, ultrabook e tablet, sicuramente significa dover investire molte risorse in progettazione con notevoli rischi di non avere rientri che le giustifichino.

    Comunque sicuramente l’alternativa ai netbook saranno gli ultrfabook.

    • andreazube

      Alternativa che costa il quadruplo però

      • TopoRuggente

        Infatti secondo me la morte del netbook non è per spingere i tablet, ma per spingere gli ultrabook.

        In fin dei conti se cerchi leggerezza compri un netbook, se cerchi prestazioni compri un notebook … l’ultrabook lo compri per?

        Ho sempre considerato
        i tablet la versione informatica di un libro, valido per consultare
        i netbook la versione digitale delle moleskin, ottimo per prendere piccoli appunti, per lavori che non implichino molto tempo
        i notebook piccoli desktop portatili

        Continuo a non spiegarmi gli ultrabook.

        • McLoy81

          quoto!

  • Salvatore Colombo

    Concordo con chi trova un peccato questa decisione. Il netbook è al momento un vero PC portatile, leggero, pratico e completo. Senza contare che costa davvero poco e garantisce, anche con Linux, una buona autonomia. Molti tablet sono sicuramente potenti e versatili ma non so quanti hanno una porta LAN, che a volte è molto utile nel lavoro, ad esempio per collegarsi a dispositivi che non hanno una connessione wifi.

    Con Xubuntu ho “rivitalizzato” un netbook Olivetti, assolutamente inutilizzabile con il sistema operativo preinstallato, che ora mi è molto utile!

  • garuax

    hanno venduto le stesse cose per troppo tempo. Avevano un po’ stufato. Non hanno investito su una categoria che poteva crescere moltissimo. Questo perchè la gente preferisce il megacellulare con whatssup.

  • lorenzo s.

    Un tablet non può sostituire un netbook. Saremo costretti quindi ad acquistare gli ultrabook che però costano il triplo :(
    Speriamo si abbassino rapidamente i prezzi…

    • Alexander83

      Purtroppo ne dubito… :/

    • McLoy81

      mah, diciamo che se ci metti tastiera e mouse + un OS decente anche si….. tralasciando uscite svg e porte usb….

  • floriano

    Window8 ha il limite della risoluzione che forse con alcune modifiche si può superare..
    gli eredi dei netbook sono i nuovi portatili asus da 12″ con processore celeron e 2gb di ram che vengono venduti sui 300e..
    attualmente mi tengo stretto il mio pb dots con kubuntu, magari in futuro i fantasiosi cinesi tireranno fuori qualche netbook con una cpu arm interessante :)

  • silvio

    aggiungo che viene fatto per far impennare il cloud computing. fortissimamente voluto dalle Majors , specialmente ora che vanno per la maggiore os closed come android e Ios

    • TopoRuggente

      Android non è closed, il codice è libero e disponibile.

      Se non ricordo male solo la serie 3 il codice non fu rilasciato, ma perchè aveva un sacco di problemi, infatti difficilmente si vedono dispositivi con Android 3.X sono tutti o 2.X o 4.X.

  • franz1789

    che vergogna.. fossero poi i tablet dei veri computer, potrei capire, ma sono dei giocattoli, non hanno nulla a che fare con i netbook..

  • Marco

    Lo scarso successo dei netbook a mio parere e’ dato principalmente dal fatto che, oltre al prezzo, rimasto fondamentalmente sempre lo stesso dal 2007 ad oggi, son rimaste praticamente invariate le prestazioni, mentre dall’altra parte passavamo dai Merom agli attuali Ivy Bridge con un discreto salto prestazionale. Ed e’ rimasto spesso invariato quell’anacronistico display 1024×600.
    Tanti amici, che con computer fanno poco piu’ di leggere mail e scrivere documenti di testo, dopo il primo netbook mi chiedevano di consigliargli un portatile “vero” per quanto si erano trovati male con le prestazioni.

  • TMZ

    Da fan dei netbook non posso che essere dispiaciuto. Qual è il netbook più performante al momento? cercherò di prendermene uno prima che spariscano.

  • McLoy81

    Peccato davvero! ho scoperto il mondo gnu/linux proprio grazie all’ asus eee 900

  • ricciolo

    non riesco ad installare eclipse, mi dice:

    sudo apt-get install eclipse eclipse-cdt eclipse-jdt