domains for less than $1

L’arrivo di Unity come ambiente desktop di default su Ubuntu ha portato non poche critiche da parte di alcuni utenti compreso chi scrive questo articolo, la scelta di non portare Gnome Shell di defaut e puntare su un progetto tutto nuovo sicuramente non è stata apprezzata da molti utenti.
Molti utenti a cui non piace Unity o semplicemente non pensano che il progetto di Canonical sia da considerarsi stabile hanno puntato ad altre alternative, la principale è stata Linux Mint.
Difatti Clement Lefebvre il patron di Linux Mint ha indicato che dall’arrivo di Unity in un solo mese è cresciuta del bel 40% e ora sta raggiungendo Ubuntu come la più utilizzata Distribuzione Linux per desktop. Da notare che Ubuntu è stata di recente superata anche nella classifica di Distrowatch il famoso sito dedicato ai rilasci delle nuove Distribuzioni Linux il quale offre una classifica che si basa sugli interessi e visite degli utenti. In data odierna nella classifica dedicata agli interessi degli utenti negli ultimi 6 mesi troviamo al primo posto Linux Mint con ben 2133 H.P.D contro i 2112 di Ubuntu stessa cosa per l’ultimo mese (da notare che al 5 posto troviamo Arch Linux Distribuzione non indicata a nuovi utenti ma sempre più conosciuta e utilizzata).

Il problema di Unity e del nuovo Kernel Linux 3.0 sicuramente hanno inciso a questo calo di utenti ed inoltre c’è anche da indicare che la supremazia che negli scorsi anni ha dato il successo ad Ubuntu ormai non c’è più. Fedora, openSUSE e la stessa “mamma” Debian ormai sono diventate alquanto semplici da installare e configurare, nei prossimi mesi inoltre molto probabilmente vedremo entrare nella classifica anche Elementary Os altra Distribuzione che molti utenti stanno aspettando.
E’ finito ormai il tempo in cui Ubuntu era l’indiscussa regina delle Distribuzioni Linux.
Per sostenere lo staff nella creazione di nuovi contenuti
Dona in Bitcoin 1EerWf67XJXj8JGzGtyRruUavkAMstKxTt
  • Patrizio Melis (cobe571)

    segno dei tempi… chi semina raccoglie…

  • fabiogiu

    Linux Mint 12 sarà fantastica….e sul mio PC

  • Nick Deckard Lamboglia

    Bell’articolo… Mi chiedo però… Mint non è “ubuntu based”… Quindi alla fine non è sempre la “filosofia” ubuntu ad essere prima in classifica??? Ciao Rob…

    • mikronimo

      Ubuntu è una derivata Debian, ma sono molto diverse; se si deriva, si cambia, quindi le “filosofie” necessariamente cambiano con le derivazioni e i risultati si vedono…

      • Brunow88

        be mint è anche debian con la Linux Mint Debian Edition (LMDE) è posso assicurare che è una distro stabilissima e leggerissima, sia con xfce che con gnome 2.30 la ram idle è solo a 148mb… e “forse” in questa distro gnome è meglio di xfce per leggerezza

    • si solo che sviluppata secondo le richieste della comunità e non per far cassa nelle banche di canonocal

    • Andrea

      Ma per favore..dovreste solo ringraziare Ubuntu per aver portato moltissimi utenti nel mondo Linux..Mint inoltre è Ubuntu based, quindi non cambia molto..
      inoltre, si può installare Gnome 3 da Ubuntu 11.10..e, ultima cosa, se vediamo le regressioni che ha portato Gnome 3 rispetto a Gnome 2 in quanto a configurazione, impostazioni, usabilità, ecc, allora quello che mi viene da dire è..
      w Unity e w Canonical..meno male che ci siete voi a rendere usabile il mondo Linux..
      Unity avrà anche dei problemi e verranno risolti il prima possibile..ma in quanto ad usabilità e ad appeal non ci sono proprio paragoni col pachiderma Gnome 3..
      ciao a tutti..

      • ubuntu ha portato a conoscere linux a molto utenti ma non solo per merito suo ma anche grazie alla comunità linux

        • Andrea

          Il fatto è che Unity è un significativo passo avanti effettuato verso l’usabilità e verso i sistemi del futuro che sono smartphone, tablet, ecc. Qualcuno dice che Unity sui desktop non è usabile..io l’ho configurato a lavoro, ho messo i miei 15 programmi che uso solitamente sulla barra..e da allora lo utilizzo ed è super-veloce e non tornerei indietro a Gnome 2, nè Windows e men che meno a Gnome 3..inoltre, Unity è semplice, intuitivo, basta sapere 2 o 3 cose e puoi utilizzarlo a pieno ed in efficacia totale..mi ripeto, ci sono problemi ancora, anche se molto minori rispetto alla 11.04..ma i problemi maggiori che ha sono quelli derivati dal passaggio a Gnome 3, le regressioni su impostazioni, configurazione, ecc. Non riesci più ad impostare il salvaschermo..siamo nel 2011, quasi 2012 e non riesci ad impostare il salvaschermo..a me non serve assolutamente, però come regressione questa mi pare abbastanza grossa.. 🙂

          • Andrea

            Ci sono dei passi ulteriori da fare..come Unity 2d che ancora non ha raggiunto Unity a livello di usabilità..alcuni bug ancora aperti..i problemi che ci sono con i driver proprietari nvidia ed ati..riuscire a far supportare Unity 3D a più schede video possibili, come le Intel, che possono utilizzare solo il 2D..i tempi di boot che sono aumentati, invece di diminuire, come ci si aspettava da lightdm..ripristinare le impostazioni che aveva Gnome 2..
            semplificare e prefezionare ulteriormente le ricerche con le lenti..e magari creare un semplice tutorial su come utilizzare semplicemente ed al meglio la nuova interfaccia..

          • io ho intel e funzioa unity 3d

          • Andrea

            sì, a me non funziona sul mio portatile del 2004 che è un po’ vecchiotto.. 😉
            comunque, sarebbe un bel passo avanti riuscire a supportare più schede video possibili ed allo stesso tempo migliorare di molto la versione 2D..

          • Andrea

            Per il resto, Ubuntu ormai installa Flash e codev audio e video direttamente durante l’installazione..ti permette di installare e provare programmi direttamente da livecd..è di una velocità nell’utilizzo che ha pochi rivali, forse nemmeno la Apple, men che mai pachidermi come Windows 7 o Gnome 3 o KDE..è stata una delle prime distro, forse la prima, a dotarsi di un proprio cloud personale..ora c’è anche il backup automatico..c’è anche il ripristino automatico delle applicazioni installate direttamente dal Software Center mediante l’utilizzo di Ubuntu One..le novità sono molte e i bug ci sono pure..però i passi avanti ultimamente sono stati veramente tanti ed è normale avere un certo numero di bug..Canonical ha già detto che per la LTS non ci saranno stravolgimenti e si dedicheranno principalmente al bug fixing ed all’incremento di usabilità, anche queste sono cose giustissime per una LTS e te lo dico da sviluppatore software..
            quindi aspettiamo fiduciosi le prossime mosse per la versione LTS, che ha prolungato il supporto da 3 a 5 anni..

          • personalmente i passi avanti sui tablet lo ha fatto gnome shell non so se hai provato a testarlo su un tablet ma è sicuramente un migliore di unity anche ekoore che vende tablet con ubuntu lo indica
            quello che non vedo è come può un progetto unity essere utilizzato dalle aziende a cui richiedono un sistema stabile e non che abbia memenu o cavolate varie

  • Cioma3

    io resto sempre dell’opinione che Arch con un installer grafico e un package manager stile synaptic in pochissimo tempo diventerebbe la più gettonata

    • mikronimo

      Esiste e si chiama ArchBang…

      • a me archbang invece proprio non va giù. Preferisco arch e se segui il wiki per installarla è davvero semplice

        • diciamo che è un alternativa per l’utenti che vogliono openbox già bello installato
          personalmente è sempre meglio realizzarsi l’ambiente desktop come si vuole

          • drake762001

            Esatto, perde un po’ di senso usare arch ma farsela configurare in automatico. Poi usando il wiki ci si mette davvero poco. E’ piu’ timore psicologico che altro a volte.

    • sicuramente solo che l’installer grafico andrebbe contro l’etica con cui si basa la distro
      l’installer deve solo installare i pacchetti indispensabili per poi realizzarsi la distro ad hoc pur sembre scegliendo noi quali pacchetti installare e non scelti da un sviluppatore

  • Enrico

    Nel nuovo ambiente grafico di Mint sarà possibile installare Compiz?
    Grazie

    • no puoi installarlo su mate

      • Enrico

        Ma puoi scegliere durante l’installazione se utilizzare mate o shell?Oppure puoi variare anche dopo aver installato il sistema?Mate che interfaccia sarà?Simile a Gnome 2?Spero di si……
        Grazie

        • si però solo la versione dvd avrà la possibilità di avere anche mate

  • Millalino

    e se non si raddrizza in tempo per la 12.04 ne perderà ancora di posizioni.  

    • Giulio

      Girala come vuoi Unity non va e se devo essere sincero a manco Gnome 3 piace

  • Giulio

    Se si   guarda la classifica degli ultimi 7 giorni e’ addirittura terza:

    1 Mint     3705
    2 Fedora   2085
    3 Ubuntu   2038

  • Ormai dopo la popolarità e il nome di Ubuntu la Canonical punta verso uno sviluppo proprio e non più sul bacino di utenti (distro pronta e stabile).
    Non mi sorprende che non sia più al primo posto.

    “Fedora, openSUSE e la stessa “mamma” Debian ormai sono diventate alquanto semplici da installare e configurare”… queste 3 distro erano difficili da installare e gestire?

    Per mia esperienza solo Gentoo è riuscita a farmi perdere la pazienza e mollare fin dall’installazione.

  • Giulio

    ho visto il video di questa relase a parte il menu in basso e i  due pannelli poi e’   gnome 3 allo stato pure, spero in mate perche a me gnome 3 e unity non vanno giu’ non riesco ad abituarmi con queste icone mega giganti sul desktop e le dash  le odio

    • Giulio

      ops ho sbagliato post lo volevo mettere in linux mint 12 lisa

  • Ok che ti stanno sulle balle Ubuntu, Canonical e Shuttleworth (evidente in molti tuoi post) ma qui stai scrivendo (imho consapevolmente) cavolate.

    Sull’attendibilità di Distrowatch inutile discuterne, è già stato scritto 1000 volte. I numeri riportati contano 0, forse qualcosa meno. Può essere, al massimo un indicatore degli spostamenti di utenti PRO, quelli che, come me, hanno anche 5/6 distro installate su un pc per sperimentare ma anche li: chi passa da distrowatch per scaricare l’ultima ubuntu quando basta googlare “download linu” per finire su ubuntu-it?

    Chi ricorda ad esempio PClinux OS? questa distro è stata a lungo davanti ad Ubuntu nelle classifiche distrowatch, oggi la usano 4 gatti.

    Il momentaneo successo di Mint è dato dal fatto che è una delle poche distro ad avere nell’ultimo rilascio gnome2 e affermare che “sta raggiungendo Ubuntu come la più utilizzata Distribuzione Linux per desktop” è semplicemente ridicolo.
    Un dato certamente più attendibile: http://stats.wikimedia.org/wikimedia/squids/SquidReportOperatingSystems.htm manco compare Mint…. e faccio notare che queste statistiche sono basate sullo user agent che in mint è differente rispetto a quello di ubuntu.
    Oppure basta giocare un pò con google trends per vedere come l’ultima LTS sia tutt’ora stato il punto di massimo interesse ma non ci sono stati i crolli catastrofici di cui qualcuno parla

    I problemi su unity ci sono ma già con 11.10 tanti utenti che si lamentavano di ubuntu 11.04 hanno aggiornato e vivono felici. I lavori in corso per la prossima LTS stanno facendo vedere cose molto interessanti (ad esempio il video dove si vede Andrea Azzarone intento a “giocare” su un pc con 6 monitor) e dopo il pangolino sono certo che gli unici a lamentarsi saranno quelli che già prima non usavano Ubuntu….

    • drake762001

      Verissimo, pero’ il segnale e’ forte e far finta di niente o minimizzare non credo sia gisuto. Ubuntu ha sempre staccato la seconda, e nel periodo del rialscio, come questo, di tanto. Invece oggi succede il contrario, e mint non ha rilasciato. Cio’ nonm significa che mint e’ piu’ usata di ubuntu, ma che molta gente sta “guardandosi intorno” e in particolare “guardando mint”. Questo e’ un dato di fatto, e che dietro ci sia la direzione presa da ubuntu/Canonical e’ innegabile.

      • Non è affatto vero che Ubuntu ha sempre staccato gli altri.
        Pc linuxOS è stato più volte davanti ad Ubuntu ed è capitato per una fedora o 2 subito dopo il rilascio!

  • Benché anch’io non sia proprio entusiasta della strada intrapresa dalla Canonical, resto convinto che, se voglio vedere Linux invece di Windows nei PC della gente, è bene che si affermi una sola distro. Per ora quindi continuerò ad installare e diffondere Ubuntu.

    • questo è poco ma sicuro il mio consiglio è di far conoscere lucid non unity nel mio caso ben pochi lo hanno tenuto

  • carlo coppa

    I conti li faremo alla fine e non di certo dal numero di visite di una pagina (molto ridicolo) la maggior parte delle persone sanno cosè Ubuntu e come trovarla, ecco il motivo per cui molti utenti me compreso quel sito non sanno nemmeno che esiste ! Credete veramente che Mint ha più utenti di Ubuntu ? Poveri ingenui !!!

    • sicuramente ubuntu ne ha dipiù anche se non pensare che siamo molti dipiù di fedora
      aspetta dopo la 12.04 e vedremo
      per ora comunque ubuntu sta facendo avvicinare gli utenti a conoscere altri ambienti desktop o altre distrubuzioni

  • Magari un giorno la gente capirà che su Distrowatch si cerca ciò che ancora non si conosce, non ciò che già si usa… 😀

    • vero
      è difficile fare una statistica di utenti che usano una distribuzione dato che sono gratuite e chiunque le può utilizzarla
      forse controllando gli aggiornamenti

  • andreadelsarto

    e basta questo accanimento contro Ubuntu e Unity..non vi piace.. cambiate distro.. usate Mint… ma ti prego.. non usare DistroWatch per fare questo paragone… bisognerebbe vedere il numero di download e di installazioni… 
    tutto questo abbandono di Ubuntu da parte dei power user come hai scritto in non so quanti articoli sinceramente non lo vedo, se i tuoi colleghi hanno cambiato distribuzione non vuol dire che il mondo l’ha fatto… per esempio io sono passato da Kubuntu a Ubuntu, perchè mi piace moltissimo Unity, e secondo quello che leggo in rete posso essere definito un power user, uso linux dal 2006 (partito con Ubuntu) e ho provato tutte le distro possibili… e ora, che finalmente Ubuntu ha una interfaccia tutta sua che si distingue dal resto delle distribuzioni gnome si attacca perchè ha messo una dock a sinistra (oh no, non posso metterci il plugin del meteo nella dock, e non posso mettere nella barra in alto il grafico del carico della CPU) e ha tolto un pò di personalizzazione, secondo voi perchè l’ha fatto? 2 motivi:
    – aspettare di avere Unity stabile e completo per poter offrire un minimo di personalizzazione;
    – mantenere uno stesso aspetto su tutti i computer, un brand si deve riconoscere su tutti i dispositivi, (ah, hai un mac – oppure- ah, hai windows – oppure – ah, hai Ubuntu).

    • mamota

      la barra di windows la posso mettere dove voglio,sopra sotto dx sx…

    • non c’è alcun accanimento semplicemente come proprio indicato da mint molto utenti sono passati a mint o ad altre distribuzioni o ambienti desktop

      • andreadelsarto

        proprio indicato da mint? 
        e se fossero utenti nuovi? o fossero arrivati da altre distro?
        io tutti quelli che conosco che usano ubuntu hanno apprezzato unity..quindi… boh.. mi sembra un accanimento….

        • se lo dici te i miei colleghi e amici invece ben pochi hanno tenuto unity per non parlare dei molti utenti che leggono lffl che lo hanno segnalato o per commenti o per email

        • Chuckino

          Scusate se m’intrometto, se vai a leggere i commenti sul blog della preview di Linux Mint 12, ti renderai conto di quanta gente ha abbandonato Ubuntu. Non voglio discutere se Unity sarà o non sarà la shell del futuro, anche se secondo il mio modesto parere alla lunga sarà un fallimento totale, ma inserire un “cantiere aperto” come Unity come shell di default sulla distribuzione principale, è fare harakiri. Perchè dovrei abbandonare qualcosa che fa egregiamente tutto quello che mi serve, con qualcosa che non mi porta nessun vantaggio, anzi è il contrario. Ben vengano le innovazioni, ma quando sono mature per dare dei reali benefici.

          Ps – per la cronaca, io sarò tra quelli che abbandonerà
          definitivamente Ubuntu al rilascio Linux Mint 12.

          • grazie per l’intervento vedo che la pensi come me

          • Chuckino

            Sono totalmente d’accordo con te.

          • Domanda: Gnome shell è più completa di unity?

            Sul chiasso generato da quelli che stanno abbandonando unity:
            C’è sempre una piccola minoranza di rimpipalle che genera molto più rumore delle masse, guarda il casino che fanno 100 black blocks durante una qualunque manifestazione: pochi sfigati fanno più rumore delle masse.

            Il successo di Ubuntu è evidente:
            Statistiche di portali indipendenti (wikimedia che ho linkato poco
            sotto) danno un rapporto installato di 10 a 1 tra ubuntu e il primo dei
            concorrenti (e questa permettimi di dire che è una fonte più attendibile
            di quella riportata dall’articolo).
            Dell, hp, varie amministrazioni pubbliche ecc tutti usano ubuntu.
            Dopo 12.04 tutti questi useranno unity.

            Vedremo ad aprile 2012 quante saranno le aziende a fare business con gnome-shell (e a tal proposito: l’azienda che finanzia lo sviluppo di gnome-shell non crede nel successo di linux in ambito desktop) e se sarà possibile acquistare sistemi basati su distro diverse da ubuntu……

            Se poi dovesse fallire saranno problemi di shuttleworth (che mette la grana) e dei designer di Canonical, non certo nostro, le alternative non mancano!

          • Chuckino

            Non stavo criticando la distribuzione, ma le scelte d’imporre una shell non ancora matura. Non sarebbe stato più saggio fare una politica di piccoli passi, dare la possibilità a chi non aveva voglia di cambiare di farlo solo quando tutto era al punto giusto. Per quando riguarda Gnome Shell, penso che fino a qualche mese fa era nelle stesse condizioni se non peggio di Unity. Dalla versione 3.20, anche per l’apporto di utility esterne, penso che abbia imboccato la strada giusta. Comunque, fino a quando non saranno stabili ed altamente personalizzabili non userò nessuno delle due. Proverò Linux Mint 12 con Mate, se sarà di mio gradimento quella sarà la mia nuova distribuzione, altrimenti ritornerò a Gnome 2.30 fino a quando i tempi non saranno maturi.

          • sicuramente gnome shell è molto più stabile
            molto di gnome shell è presente anche su ubuntu il buono sorpatutto di gnome shell di aver portato una base si sviluppo sopratutto con html 5 con la quale gli sviluppatori potranno portare interessanti estensioni
            gnome shell offrirà la possibilità di essere personalizzata conforme il nostro utilizzo
            penso che gnome shell puntino in molti sopratutto redhat e novell
            quelle che fin’ora hanno più sistemi concentrati nel businness
            secondo te tra unity e redhat cosa sceglieranno le aziende?

            Dell, hp,propongono ubuntu ma anche linpus
            esempio acer / asus vendono molti pc con linpus
            le amministrazioni pubbliche che usano ubuntu sono pochissime

          • Chuckino

            Non sono un Black block, ma son sono neanche una pecora che segue il gregge.

        • Bubble Bobble

          Se vai sul blog di Shuttleworth leggerai un sacco di gente che si lamenta proprio di Unity. Ho 6 computer in famiglia fermi alla 10.04 e 10.10. Unity per quanto mi riguarda non è fatto per i desktop, inoltre l’AppMenu e le overlay sono una schifezza orrenda per chi usa il pc per produrre e sviluppare. Non lo sanno alla Canonical che esistono i monitor da 24” ?

  • Beh comunque è indicativo di un certo malcontento. Io stesso che uso da sempre Ubuntu, e non ho mai pensato di cambiare distribuzione, ora mi sto guardando in giro alla ricerca di una distribuzione alternativa basata su debian. Sto pensando infatti di provare  debian testing o mint quando uscirà tra breve la nuova versione.

    • Andre

      usavo testing qualche settimana fa, al momento ci sono già applicazioni in gtk3 come il terminale per cui se vuoi che tutte le applicazioni abbiano lo stesso aspetto devi trovare un tema uguale in gtk2 e gtk3 cosa non facilissima. Squeeze è davvero veloce e ottima e hai gonme 2 ancora per un anno però ovviamente devi tener almeno aggiornato il browser con il repo di mozilla. Probabilmente Mint per molti sarà il compromesso migliore

  • Fammi capire. Dato che su quel sito non hanno più cercato la pagina di Ubuntu ma quella di altre distro allora vuol dire che il suo utilizzo è calato…? O_o

    Questo è raccogliere dati statistici alla Stracquadanio eh… ribadisco, comincio a sospettare che quelli di Canonical ti abbiano rigato la macchina X-D

    No davvero, lo fai per avere più visite al blog? Oppure è una sincera crociata personale?

    • andreadelsarto

      ti stimo 😉

    • canonical non mi ha fatto niente
      penso che il 40% di visite di mint non siano statistiche ma la realtà di un passaggio
      lffl a differenza di altri blog dice come stanno le cose
      io non sono ne un blogger ne me ne interessa di visite del blog che molto probabilmente caleranno dato che molti come te indicano ubuntu un dio

      • Daniele

        Ognuno la pensa come vuole ovviamente, i dati “cambiano” in base al contesto nel senso che il 40 % in più chi ti dice che non arrivino da utenti nuovi o da Fedora? 😛
        Voglio dire che non puoi portare come prove numeri che da soli sono interpretabili, idem con DistroWatch. Con Linux è sempre problematico rilevare i dati effettivi di utilizzo, che Ubuntu sia in una fase intermedia di passaggio penso sia chiaro a tutti e infatti io sono ancora felicemente alla 10.04 in attesa della nuova LTS visto che comunque voglio un sistema abbastanza stabile.

        Detto questo per favore non fare il paladino del “non me ne frega delle visite” perché si sa che la polemica porta interesse e visite, il mondo è pieno di post provocatori solo per aizzare i commenti e quindi le visite della gente che torna per vedere come va a finire la discussione 😛
        Non dico che sia il tuo caso e che quindi siano post provocatori fini a se stesso, parto dal presupposto che quello che scrivi lo pensi, però non ignorare le conseguenze che sanno tutti.

      • UbServerLinx

        Questa è la dimostrazione che sei fazioso nei giudizi.
        Ma se tu non hai fatto altro che dire che Ubuntu 11.10 si impalla.
        Questo è assolutamente falso!
        A proposito ed ecco un’altra Fedora… bellissima distro…bene se uno fa la prova ad installarla ad un certo ti dice che se non hai 615 MB di ram non si va avanti. OK è la richiesta di risorse di Fedora. Su Ubuntu nonostante la chiacchierata pesantezza di Unity, questo sistema ti installa esattamente quello che serve sulla tua macchina autoconfigurandosi perfettamente anche sulle macchine più datate con perfetta funzionalità e velocità.

        • peccato che io ho fedora installato su un pc muletto con 512 di ram le immagini sono nelle guide di fedora su lffl
          prova usare ubuntu con un pc datato con 256mb di ram e poi vedi
          ubuntu con i suoi memenu ecc porta via molte risorse questa è la reata non ci credi? fai un test prova ubuntu con gnome shell e poi la iso di ubuntu gnome shell remix senza memenu e cavolate varie e troverai una distro più veloce e reattiva
          ubuntu orami non è più una distro per pc datati

          • UbServerLinx

            Un piccolo dettaglio, io parlo di Fedora 16, qualsiasi sia l’ambiente scelto anche LXDE ti richiede 615 MB di ram. Ecco or ora visitando il sito ne richiedeva minimo 768. Quindi, buonanotte a tutti gli altri utenti.
            Ti scrivo da un pc con 512 Mb di ram  con UBUNTU 11.10. Funziona tutto alla perfezione!
            Ripeto vorrei tanto provare Fedora ma non me lo permette di fare.

          • sarà un errore della release in fase di sviluppo di sicuro fedora anche richiederà meno
            penso che se hai 512 di ram e avvii per esempio chrome e firefox sei quasi al limite della ram prova a vedere se non ci credi

          • Il fatto è che c’è differenza nel dire che una release ha tali problemi, elencarli (giustamente), ed è ovvio che li abbia, chi non li vede è un cretino, ma qua si parla di un atteggiamento completamente differente, non è la prima volta che critico apertamente articoli che sono o la rivisitazione libera di articoli di altri (in cui magari si mettono a confronto due kernel differenti e improvvisamente nel tuo l’oggetto del contendere diventa l’OS) oppure elucubrazioni totalmente non sostenute da qualsivoglia dati statistici solo per provare a dimostrare che Canonical starebbe perdendo utenza (cosa in verità davvero difficile da analizzare, ci avevano provato se ben ricordo quelli di OpenSUSE a quantificare il loro numero di utenti sulla base degli aggiornamenti critici dai loro repo, ma loro stessi dissero che era un dato assolutamente indicativo, arbitrario e senza possibilità di riscontro scientifico).
            Io non dico certo che Ubuntu sia la distro perfetta, ma è certamente perfetta per il primo approccio a linux, e non si può fare altro che farne il tifo per il bene di tutte le altre distro perché l’unica con dietro i fondi e la influenza necessaria per permettere un “fenomeno simil-Android” anche nel mondo del PC privato. Poi ognuno si sceglierà la sua distro preferita con la sua interfaccia grafica preferita (ed è quello fondamentalmente il bello di linux, cara buona vecchia possibilità di modificarsi le proprie cose a proprio uso e costume), ma il problema è che tu spari dati a cazzo per dimostrare che Canonical è in crisi di consensi, il tutto senza assoluto motivo e in modo incredibilmente ingiustificato, è per l’appunto una crociata personale, le crociate sono stupide, non fanno in modo di analizzare i dati e i fatti e fan risultare campati per aria la maggior parte dei discorsi in funzione della consecuzione della crociata stessa. E’ andare contro i mulini a vento, non so se mi spiego. Ti rifarò il mio esempio con Kubuntu. A me KDE non piace e non è mai piaciuta, pur avendola provata. Questioni personali. Ma non vado a scrivere nei miei status di social network che non se la caga nessuno inventandomi chissà quali dati, mettendo nel titolo una cosa e poi spiegando nell’articolo en passant quanto in realtà quel dato conti un ca**o. Cristo, questo articolo (questo che sto commentando) segue le tattiche tipiche di Sallusti al Giornale, titolone che dice una roba e articolo a pagina 6 che in realtà non dice neppure troppe stupidate (in confronto al titolone ad effetto). E’ questo che mi fa girare i gangheri, non ti piace Unity? Ci siamo, va bene, scrivi un bell’articolo elencando le cose che non ti piacciono, o non scrivere anche nulla, puoi pure fare una foto ad una bella margheritozza di mucca e scriverci di fianco “Ubuntu Cacca Pupù, gne gne” ma per piacere non prendere per il c**o la gente che passa casualmente dal tuo blog scrivendo che questa o quell’altra distro vanno da dio ed è usata da tutti perché lo dice o il sondaggio nel tuo blog o un sito che ha un contatore di pagine visitate (UN CONTATORE DI PAGINE VISITATE!!! ci rendiamo conto?), questa è ETICA, nella rete l’etica è TUTTO, è un sistema autogestito dagli utenti stessi in cui chi dice una stronzata viene sputtanato dalla comunità, è sempre andata così e andrà sempre in questo modo. Se tu scrivi un tuo parere va benissimo qualunque esso sia, libertà piena, il problema è sostenere tesi su dati irrilevanti che rendono il risultato dell’articolo fazioso, QUELLO è il problema.

          • secondo te quindi dovrei parlar bene di ubuntu solo per farti felice
            mi dispiace ma questo non è ne un blog su ubuntu ma un semplice blog che parla di linux
            nessuno mi vieta di criticare una distribuzione e di dire quello che penso come nessuno ti obbliga a leggere lffl
            non ti piacciono gli articoli bene leggi qualcosa d’altro o meglio ancora il forum ubuntu

          • Mi citerò da solo, dimostrando che vai talmente a strombattuto che non ti degni neppure di leggere le persone a cui rispondi.

            “Se tu scrivi un tuo parere va benissimo qualunque esso sia, libertà piena, il problema è sostenere tesi su dati irrilevanti che rendono il risultato dell’articolo fazioso, QUELLO è il problema.”

            Quello che non hai capito (o fai finta di non capire) è che puoi benissimo criticare Ubuntu (ci mancherebbe) ma non puoi PRENDERE PER IL CULO chi ti legge inventandoti che una distro è più o meno utilizzata solo perché piace più a te e usando dati irrilevanti (per davvero, ribadisco: un contatore di visite di pagine!!! per piacere!!!).

            Etica. Non si scrivono cose non vere su Rete, no no, non si fa, soprattutto in comunità come quella Linux in cui l’Etica nella comunicazione in Rete è una bandiera che ci si porta dietro da eoni.

          • che dati ho detto? sono sondaggi del blog e una classifica di distrowatch con indicato sull’articolo che sono basati sulle visite
            non si prende per il culo nessuno anzi mi sembra che in questi anni lffl abbia aiutato non pochi utenti sia ubuntu che altre distribuzioni
            se a te vuoi che sia rosso anche se una cosa è gialla be per me non è cosi vuoi che sentirti dire che ubuntu è sempre il meglio, hai sbagliato blog

          • Ma allora sei di coccio: non è questionedi tifoseria per una distro o l’altra per quanto mi riguarda ben vengano tutte e le critiche su tutte). E’ questioneche dire che Canonical è in calo di consensi prendendo come buoni fonti di dati che non sono attendibilio c’entrano poco è MISTIFICAZIONE, se tu ti senti libero di MISTIFICARE sul tuo blog, che dire, auguri! Ripeto: dire che se Mint ha sorpassato in quel sito Ubuntu è un’ennesima prova del calo di consensi di Canonical (che non c’è, mettitelo in testa, non c’è e lo dimostra il fatto che la Dell, mica un azienda qualunque, gli distribuisce macchine con su montato Ubuntu) è una balla. E’ come Libero che ha fatto il sondaggio via posta sulle dimissionidi Berlusconi ottenendo l’incoraggiante risultato (lol) del 92% a favore di Silvio. U-g-u-a-l-e, stessi meccanismi, stesso modo di affrontare gli argomenti, stessi personalismi tramutati in oggettivismi e questo, il meccanismo eh, NON il voler criticare Ubuntu a tutti i costi, NON VA BENE. Quindi smetti pure di fare quello che viene criticato perchè critica Ubuntu, non è così, ti si critica la mancanzadi puntualità nel riportare e analizzaredei dati ben precisi in funzione di un’idea personale. Ripeto: io posso dire che KDE non mi piace, ma non certo che KDE è l’ambiente grafico più in calo di tutti “gnere gnere”. C’è differenzasostanziale e non so se tu non voglia vederlo parlando d’altro perchè hai la coda di paglia e hai capito qual’è il discorso che ti stan facendo o proprio perché non te ne rendi conto.

          • SancezOpal

            Ma se tu scrivi in grassetto in tutta evidenza ..E finita l’era di Ubuntu ecc ecc..l’ho dimostrano i dati distrowatc vuoi spacciare per dati oggettivi che di oggettivo non hanno nulla .. Devi dire invece “..secondo la mia modestissima opinione se mi sbaglio correggetemi..”
            Detto questo ti ripeto che se non era per Ubuntu, Linux-Desktop non se la cagava nessuno!
            Ti do un suggerimento da domani fai la prova a non scrivere più nulla su Ubuntu e vediamo chi ti viene a trovare sul tuo blog.

          • non è solo la mia opinione ma l’idea di molti i dati che vedi sono di distrowatch o dei sondaggi del blog
            sul mio blog posso scrivere quello che voglio lo stesso vale anche per te leggerlo o meno, ps ti obbliga qualcuno? non ti piacciono i temi che vengono parlati bene non leggerlo
            vuoi sentir parlar bene di ubuntu? vai sul forum di ubuntu

          • UbServerLinx

            Ma che stai dicendo!
            Posso aprire in conntemporanea 2 browser  .. adesso mi vuoi venire a dire come funziona la macchina da cui sto scrivendo…
            Ecco cosa significa dire delle cose inesatte e che sanno molto di tifoseria, su delle distro che hanno il merito di diffondere Linux anche tra gli utenti Desktop e sopratutto di farle funzionare in maniera totale!

          • li puoi aprire in contemporanea ma prova controllare le risorse di sistema e vedrai che se non la superi ci sei vicino ai 500mb
            mandami una screen del monitor di sistema con firefox e chrome avviati e poi vediamo se non superi 500mb di ram

          • drake762001

            Fedora 16 con gnome 290M all’avvio. Non so che programmi hai aperto ma c’hai parecchia “robba” non di defualt aperta.

  • Linux…

    Be anche mint è un macigno di distribuzione .. in più nella versione 12 viene creato un impasto orribile tra gnome shell il menù classico in basso ecc.. un cazzotto nell’occhio… come rimpiango i bei tempi di ubuntu 8.04 LTS dal quale vi sto scrivendo e che mai lascerò.

    Adesso il migliore compromesso tra usabilità, bellezza, e leggerezza è XFCE, LXDE lasciamolo fare è un progetto nuovo quindi non funziona a dovere… XFCE promette davvero bene con la futura 4.9 e almeno si sa quando XFCE partorisce qualcosa almeno funziona…

    La brutta strada che ha intrapreso linux è rilasciare cose incomplete instabili ed orrende4 e con questo muorità prima ubuntu poi mint ed a cascata le altre…

    • sicuramente la 8.04 è e rimane ancora la migliore release di ubuntu e purtroppo mi sa che lo rimarrà ancora per molto tempo
      mint almeno tenta di portare l’ambiente desktop più usabile e sopratutto ascolta quello che la comunità semplicemente rendere l’ambiente desktop più semplice
      sarà brutto il nuovo menu ma sicuramente è molto funzionale

    • UbServerLinx

      In pratica stai dicendo che linux scomparirà… e cosa resterà.  Cerca di portare argomenti validi e non fare insinuazioni sottobanco per fare publicità a M$S
      Io temo che il più grande colosso negli OS-Desktop riceverà una mazzata storica. Deve fare una sola cosa mettere i lucchetti alle nuove macchine quando uscirà W8.

  • UbServerLinx

    ferramroberto non fai altro che massacrare Ubuntu. Allora devi sapere una cosa che se non fosse per Ubuntu,    Linux-desktop starebbe rilegato ancora  nel mondo dei smanettoni. Io mi sono avvicinato a Linux grazie a Ubuntu e come me lo hanno fatto milioni di utenti. Stai sempre a decantare Archlinux. Con Archlinux non puoi installarla ad uso lavoro in aziende o imprese che siano. Insisti sempre su Archlinux ( questa è solo una distro fortemente amatoriale).Non è possibile che per installare dei codec video completi o stampanti mi debba leggere decine di pagine di wiki.
    I sistemi operativi devono essere funzionanti.!
    La Mint 11 LXDE, bene l’ho usata, vai a fissare la risoluzione dello schermo e non ti salva nulla, ho dovuto scaricare io la schell adatta dove c’era il tastierino salva.
    Questi sono dettagli che danno enormemente fastidio. Fai la prova ad aprire il software center di mint e poi dimmi se è veloce.
    Vogliamo parlare di Debian sebbene pregevole per tanti motivi se si creano conflitti il sistemma si inchioda e ti abbandona.
    Ripeto un OS deve funzionare in tutti i suoi aspetti, ma proprio TUTTI!

    • non sto massacrando un bel niente
      prima che uscisse ubuntu c’èrano già distribuzioni che stavano pensando di portare linux accessibile a tutti una di queste ere mandrake
      ubuntu se non ci fosse stata molto probabilmente avresti optato per opensuse, fedora o debian

      non mi dire che un’utente che non ha mai usato ubuntu non deve fare ricerche di guide in rete per installare flash, java i codec ecc
      nemmeno windows da quel che se non è completa devi installare i driver ecc e per farlo devi fare ricerche in internet
      ripeto installarsi un sistema operativo ed avere tutto bello pronto non esiste dato che anche ubuntu appena installato non è in italiano completo senza codec driver video ecc

      la stessa cosa per n debian, fedora opensuse ecc

      • andreadelsarto

        veramente durante l’installazione flash ti viene installato automaticamente se scegli di installare i software di 3 parti,
        se vuoi java apri l’USC e scrivi java e installi openjdk.. quindi, le ricerche sono ridotte all’USC, per esempio, ho una stampante hp wi-fi, trovata automaticamente e installata in 2 click, poi dall’usc ho installato anche il demone che controlla lo stato della stampante..
        e forse non hai installato la 11.10, ma se scegli italiano durante l’installazione, è tutto in italiano appena finita…. quindi..non so che pensare…

        • te la trovi completamente in italianoi perchè o hai il dvd o durante l’installazione confermi il download dei pacchetti (ti trova la sceda wifi e metti la pass) lo stesso per flash ma di default un istallazione normale prova senza wifi e vedi se te lo trovi in italiano e con flash
          swe la stampante funziona correttamente è grazie a cups aggiornato e non ubuntu
          anche debian fedora opensuse hanno il gestore dei pacchetti per installarli con un click

          • andreadelsarto

            e chi è che installa un sistema operativo senza connetterlo a internet? esiste qualcuno oggi che continua a farlo così?

          • lo connettono dopo l’installazione e non durante l’installazione tutto qua.

            non tutti hanno il wifi molti ancora usano chiavette internet o peggio ancora la 56kb

    • Ferdiocaid

      Approvo tutto. Giuste considerazioni e sfido chiunque a dire l’incontrario che se non fosse stato per Ubuntu, linux starebbe ancora nel mondo dei smanettoni.

      • purtroppo non ne sono troppo convinto dato che già all’arrivo della prima ubuntu mandriva/mandrake aveva già nella distribuzione dei tool per facilitare l’installazione e mcc per la gestione/configurazione della distribuzione, suse stava già preparando a realizzare una distro open, fedora era già ben avviata
        il buono dei driver grafici la fatto dell con dkms, per facilitare la connessione internet wicd e poi network manager è stato supportato prima da novell e poi anche da redhat
        alla fine secondo me anche se non ci fosse stato ubuntu, linux sarebbe stata resa semplice, ubuntu secondo me una parte del successo è dovuto a debian dato che ha portato una migliore velocità di aggiornamento e gestione dei pacchetti che in quegli anni con rpm non c’era poi è stata ben supportata dall’inizio e ben sponsorizzata negli anni da qui il successo

  • Uomo della strada

    Esatto,io uso Ubuntu 11.04 va una favola ho installato i driver per lo scanner Epson,i driver per hp laserjet,insomma non posso dire nulla.
    Ubuntu a me va benissimo ma veramente bene C’è gente che usa Ubuntu di 3 anni fare sono contentissimi…..

    • fino a maverick sicuramente erano contentissimi dalla 11.04 non saperei quanti lo siano

    • Supervarenne

      Beh potete incontrarvi a cena. I contenti della 11.04 saranno una ventina…al massimo.

  • domenico

    io ho usato ubuntu dalla 6. e qualcosa fino alla 9.10.  Poi quando hanno spostato i pulsanti minimizza-maximizza-chiudi a sinistra delle finestre, ho capito che forse sarebbe stato meglio guardare altrove. Provato fedora 13, mi sembrava di essere passsato, con tutto il rispetto, da una una fiat ad un  audi.  Poi , arrivò gnome shell: qui i pulsanti per minimizzare etc.. una finestra hanno preferito toglierli. Vabbè si possono rimettere direte voi, ma accidenti, non vedo una logica dietro queste scelte, se non il desiderio di cambiare a tutti i costi. Ora sono passato a debian stable con gnome 2 e penso di starci a lungo.
    Che poi, ad ogni rilascio di gnome 2.xx tutti dicevano: “sempre più veloce,bello stabile  e FUNZIONALE”  Appunto, funzionale dico… Oggi sembra che dopo molti anni di funzionalità, improvvisamente, tutto sia da buttare, perchè diventato, non-funzionale, per così dire.

    • Silunixt

      Già Debian stabile con Firefox 3.6 e con tutto il software vecchio di tre anni.
      Se si fa la prova ad installare qualcosa di nuovo ti dice: no va in conflitto con le dipendenze

      • anche ubuntu 10.04 lts ha firefox 3.6 e ha problemi di dipendenze con le nuove applicazioni
        le versioni delle applicazioni di squeeze sono le stesse di lucid dato che è stato rilasciato nello stesso periodo

      • Maurizio Milanese

        Credo che tu parli per sentito dire… nel notebook che sto usamdo ho Debian Squeeze (stable) con i repo Blackports attivati e mi trovo ad usare   Iceweasel 7.0.1 (fireFox) e Libreoffice 3.4.3….
        P.S. Non sono uno smanettone, e per usare Debian stable (usavo Ubuntu 10.04) non ho trovato il passagio per niente difficile.
        Sul Fisso ho installato Fedora 15 Gnome… e aspetto con ansia la F16 che dovrebbe iniziare a colmare il vuoto lasciato da “vecchio” Gnome.

        • quoto inoltre ci sono i repo per mantenere sempre aggiornato iceweasel

        • Silunixt

          Io non parlo per sentito dire.
          I repo Blackports li ho usati (era l’unica possibilità di Debian per tentare di stare al passo con i tempi). 
          Hanno un grosso difetto:
          Sono maledettamente lenti nel download.

          • a me non hanno dato problemi di lentezza ha i provato nei giorni successivi
            magari c’erano problemi del server

  • Jobu

    Una cosa bisogna dirla…senza prendere in considerazione la classifica di distrowatch (perché questa è sicuramente reale per quanto riguarda le visite al loro sito, ma non è detto che rappresenti sul serio la classifica di utilizzo delle distribuzioni) Ubuntu è da un po’ e rimane ancora ora l’unica distribuzione linux che si sta veramente diffondendo tra il pubblico. Io posso solo riportare la mia esperienza, sono una persona normale che non si occupa di computer per lavoro…tra tutte le persone che conosco la percentuale di quelle che usa linux è veramente bassissima (come d’altra parte ci si aspetta) ma queste poche che usano linux quasi tutte credono che Ubuntu SIA Linux. Alla faccia del GNU/linux e tutto il resto…per la gente comune è difficile già allontanrsi da Windows o Mac, figurarsi la difficoltà di andare a cercarsi una distro… e quindi credo Ubuntu abbia avuto e abbia ancora il merito di aver raggiunto da solo la gente senza farsi raggiungere lui.

    • sicuramente ubuntu è la distribuzione più conosciuta anzi molti utenti proprio indicano ubuntu sia sinonimo di linux ma non per questo voglia dire che sia la migliore per nuovi utenti o chi si avvicina a questo mondo
      ti posso dire che dalla 8.04 fino alla 10.10 difficilmente trovavi utenti che testavano ubuntu e la abbandonavano ora con l’arrivo di unity non a tutti pice e questo porta l’utente alla ricerca di altri ambienti desktop o distribuzioni

  • Fatiluk

    Credo che il cammino intrapreso da Canonical stia spostando l’attenzione dai pc ai tablet e smartphone e Unity è soltanto una conseguenza logica di questa nuova politica industriale. A me, ma mi sembra di capire anche a tante altre persone, la nuova interfaccia grafica risulta assolutamente inadeguata ad un utilizzo con un pc tradizionale. Questo non significa che quanto di buono c’è stato in Ubuntu debba essere dimenticato. Resta però il fatto che oramai – specie per chi proviene da Windows  – non è più la distro ideale risultando essere troppo diversa. La bellezza di Linux è proprio nella sua varietà, è il suo tratto distintivo: mi sembra quindi sterile iniziare una guerra tra distro. Ognuno può trovare quella che si attaglia di più alle sue preferenze e personalizzarla come vuole. Nessun altro sistema operativo lascia tanta libertà. Si passa da distro per esperti stile slack/arch .. fino a quelle dove non devi neppure installare un codec nel terminale (tipo la SuperOS dalla quale vi scrivo). Per le mie esperienze sul campo devo dire che, avendo a che fare con persone non giovanissime e che non sono particolarmente esperte, prima Ubuntu e ora Mint (specie nella variante LXDE) ho avuto riscontri molto positivi. Ho avuto critiche assolutamente positive anche da chi ha provato gli ultimi PuppyLinux. Ovvio che poi chi ha un background diverso opta per distro particolarmente performanti anche se più ostiche da maneggiare. La cosa che davvero conta è la libertà di scegliere.

  • drake762001

    Eh caro Roberto, hai commesso l’errore numero 0*: mai postare un articolo che parla male di ubuntu, ti ritroverai tutti i suo fanboy sul blog ad insultarti. Pochi  di loro vanno a vedere i tuoi articoli e notano che molti di loro riguardano proprio ubuntu, o si pongono le giuste domande alle questioni che sollevi.
    * in onore a RMS
    Battute a parte, secondo me e’ un dato significativo dell’umore di una parte degli utilizzatori linux, e andrebbe tenuto in considerazione. Secondo me mint prendera’ il volo quando la sua LMDE sara’ a prova di niubbo e lascera’ stare le  mainline (e sembra stia su questa strada).

    • Vedi il problema è IMHO un’altro: INVIDIA DEL PENE…..
      a ME fa cagare mandriva. Ho provato le ultime 2 release e continua ad avere difetti IMHO assurdi ma non per questo trovi sul web miei post dove SPALO MXXXA sul loro lavoro!

      Leggo spesso i post di del Ferramroberto e non lo definirei una persona ceh “pone le giuste domande” (ma lo stesso vale per me, sono tendenzialmente di parte perchè vorrei una GRANDE AZIENDA che sviluppi linux desktop e oggi solo Canonical ha questa possibilità).

      E’ però utile chiarire un’altro aspetto: parlando di SEO è “utile” se si scrive di linux e C. scrivere di Ubuntu.
      I post relativi a fedora e in generale le altre distro raccolgono davvero poco interesse e scrivere di ubuntu significa FARE POSIZIONAMENTO. Se poi ne parli male scateni flame (in cui io mi ci fisso sempre volentieri) che fanno tornare gente  che vuole averla vinta e questo piace a google e magari porta qualche spicciolo con gli adsense presenti sul sito!

      • e ci risiamo
        penso che parlar male di ubuntu faccia meno visite che parlarne bene ma il blog non è creato per far visite ma per far conoscere linux (e non solo ubuntu) alla gente 
        secondo te per far visite mi rompo il culo a realizzare pacchetti per offrire agli utenti applicazioni aggiornate o pacchetti non presenti nei ppa questo è seo?
        spendere 2800 euro dai soldi di adsense e dalle donazioni per un server per realizzare un repository per debian e fedora è seo?
        installare linux gratuitamente oltre 20 pc alla settimana è seo?
        ma vaffanculo va

  • Uso Arch da molto tempo, affiancata da Ubuntu per una maggiore stabilità (Debian ha pacchetti troppo obsoleti per i miei gusti), ma bisogna ammettere una cosa:
    Ubuntu nasce per portare una (grande) fetta di utenti Mac e Winzozz su sistemi Linux-based. Quindi essendo utonto oriented è facile che molte scelte siano odiate dagli utenti “classici”, Inotlre un utonto no ha l’interesse di conoscere millemila distro, ma gliene basta una che funziona come si deve (Ubuntu è lontana dal funzionare come si deve al momento). Quello che intendo dire nello specifico è che la maggior parte degli utenti di Ubuntu probabilmente non sanno cosa sia distrowatch, che comunque si basa sui click delle rispettive pagine e non su report degli utenti.
    Piccola curiosità, all’UDS shuttleworth a parlato di un bacino di utenza arrivato a 20 Milioni di utenti, qualche altra distro ha numeri così “alti”?

    • ti posto l’immagine di come li vede i 20 milioni di utenti

      • Anch’io non ci credo poi molto, ma bisogna ricordare che Canonical ha iniziato a vendere dei netbook con Ubuntu in Cina, che essendo uno stato povero (non come PIL, ma come retribuzione), non ha ancora un SO di “maggioranza”. L’unica cosa che mi manca è chi sia il produttore di quei portatili.

        • la dell
          anche se aspetto la conferma proprio da un mio collega che abita proprio a pechino che a quanto pare non è uno store ubuntu ma uno store dell con 2/3 pc con ubuntu il resto hanno tutti windows ma aspetto prima le foto e i dettagli per la conferma e fare l’articolo

          • Millalino

            sarebbe bello che anche altri marchi noti qui in Italia mettessero in vendita notebook con linux installato.

          • ci sono asus ad esempio rilascia alcuni notebook con ubuntu preinstallato

  • magnet magneto

    Bhe se uno non legge l’articolo e legge solo i post sembra di stare su un forum mac.
    Per chi ama Ubuntu che continui ad amarla ma non occorre scaldarsi se qualcuno ne fa notare i problemi ne far finta che non esistano.( AHAA il mio iphone prende benissimo e la batteria dura un casino, al mio macbook la spia dell’hd non serve e se l’audio del mio imac ha la stessa potenza di una puzza di topo non e’ l’audio basso ma e’ il topo che e’ un topotoro).
    Alla fine ciò che amo del Pinguino  e’ la possibilità di scegliere e una sana competizione fra le distro che favorisce il diffondersi di Linux in generale e non solo di una distro.

    P.S Parlare male di Debian e’ come sputarsi in bocca.

  • stoddard

    Buon ( spero) ultimo dico la mia.
    In primo luogo sono stato io a segnalare in un altro post a Roberto il sito oggetto del contendere e quindi me ne assumo onori e soprattutto oneri insieme a lui, magari prima di lui.
    Per quanto riguarda distrowatch il rank e’ basato sugli HPD ( hits per day ).
    Cosa se ne deduce allora  ?
    Nessuno puo’ avere la pretesa di dire in base a tali dati che Ubu non viene scaricata e installata o che Mint lo e’ piu’ di Ubu.
    Semplicemente se ne deduce che chi frequenta quel sito, molto molto probabilmente utenti gia’ linux, sta guardandosi intorno e studiandosi anche altre distro, oservando le news e i calendari dei rilasci.
    E che in molti sono attratti da Mint, distro strettamente vicina a Ubu dalla quale deriva.
    Perche’ allora questo interesse ?
    Forse perche’ qualcosa in Ubu da un anno a questa parte non riscontra a pieno il gradimento di una fetta di utenti ? Si puo’ concedere, non credete.

    Sono venuto su con Ubu ( in Gnome e KDE) assieme a un paio di rpm dal 2006 e mi sono fermato alla 10.10 ; riconosco a Canonical grandissimi meriti . Ha fatto tantissimo per contribuire alla diffusione di linux.
    Pero’ da un anno ha adottato nel DE delle scelte che , mi si consenta, si possono definire opinabili, guardando certamente al futuro mercato dei tablet.
    Il risultato e’ stata una complicazione , a mio avviso, nell’ utilizzo del S.O. su un desktop; ma peggio la immaturita’ del DE specie nella 11.04 ha danneggiato la funzionalita’ del S.O. .
    Unity, come Gnome shell , adotta un approccio application oriented e abbandona l’ approccio System oriented ( e’ cio’ che Shuttleworth defini’ piu’ di un anno fa come ” il concetto di browsabilita’ e’ obsoleto”).
    E’ una rivoluzione gia’ vista : sugli smarphones, sui tablet. Solo che quelli sono nati gia’ cosi’.
    E’ una rivoluzione alla quale si sta avvicinando anche Windows 8.
    La condizione essenziale e’ che si sostituisca qualcosa di funzionante ( e bene) con qualcosa di funzionante ( e bene).
    Una altra condizione e’ che l’ utente sia disposto a accettare la novita’ in sostituzione di un DE  ben sperimentato, stabile e efficiente, al quale- guarda caso grazie anche a Canonical- ha fatto negli scorsi anni l’ abitudine e sul quale ormai si e’ parecchio impratichito.
    Attualmente l’ utente puo’ manifestare qualche disorientamento con Unity e Gnome shell e qualche perplessita’.
    Quindi va in giro e cerca, si informa anche di altre distro ( personalmente ho sentito meraviglie di opensuse ad esempio; l’ ho provato, ma non mi ha entusiasmato; mi e’ piaciuta molto Fedora invece), cerca recensioni e altro.
    E qui si torna all’ inizio di questa sbrodolata che mi sono permesso di scrivere.

    Comunque : il bello di linux e’ che e’ libero, che si veste in tanti modi diversi, che permette di scegliere.
    Ricordo che una volta uno ebbe a dire :
    “linux e’ come una fidanzata. Ne provi alcune; poi trovi quella che fa per te ”
    Direi che calza a pennello.
    Quindi, amici linuxari, non attiviamo flame inutili.
    Rimaniamo sereni, ma soprattutto liberi nel pensiero.

  • Brunow88

    io sono passato felicemente a LMDE e lo consiglio anche ad amici…
    1 è leggerissima, con gnome ho lo stesso consumo di risorse di xfce (di xubuntu)
    2 è stabilissima, finora non ho mai avuto problemi, ne crash ne bug (almeno non ne ho riscontrati)
    3 è semi-rolling 😛 ed è testata bene prima di essere rilasciata 

    • Peccato che io quando la installo non mi installa grub, nonstante spunto l’opzione, su ogni macchina dove abbia provato e riscaricando più volte la ISO.

      • Brunow88

        strano, basta mettere “ok” quando dice “installare grub?”

      • se lo metti in usb forse il problema è proprio da li
        masterizzala su un dvd e vedrai che funziona

    • Noki@ro91

      Anche io sono un utente felcie di essere passato ad LMDE ador quella distribuzione… ma volendo essere anche aperti mentalmente, come a mio parere dovrebbe essere un linuxiano, si dovrebbe parlare di pregi e difetti delle varie distro.. e vedere un fan boy di ubuntu scrivere come se fosse un macfanatico..  onestamente mi fa capire che qualche utente di linux ci capisce poco… se volevano fare dei fan boy facevano linux in modo che fosse chiuso… e forse oggi Linus sarebbe miliardario… essendo aperti ogni utente dovrebbe quindi imparare ad ammettere che ogni distro ha pregi e difetti.. lmde per esempio al momento io la trovo tra le migliori…. anche se il software center dovrebbe essere ri fatto e anche alleggerito come consumo di risorse…  un’altra distro che mi è piaciuta è la OpenSUSE che vi consiglio di provare con KDE è strepitosa… fedora pure è ottima… anche se troppo lenta al boot.. Ubuntu ormai il fatto che canonical voglia imitare apple in una variante opensource sta distruggendo la stessa distribuzione… se non fosse per quelle anime pie di Linux Mint che la puliscono dei bug canonical Ubuntu sarebbe da rifare da capo… l’ultima Ubuntu a mio avviso decente è stata la 10.10 dopo non si è capito più nulla.. Riguardo Elementary… elementary potrebbe sfondare davvero tra le distro lo dico perchè seguo anche il progetto da parecchio tempo ma a mio parere dovrebbero scegliere di lavorare su una base debian piuttosto che una base Ubuntu perchè a mio avviso ciò avvicinerebbe molto gli utenti a debian… magari potrebbero partire proprio da LMDE onestamente non mi dispiacerebbe…  Scusa Brunow88 se ho usato la risposta per scrivere anche altre mie impressioni.. ma non trovavo il form per commentare..XDXDXD  

  • m0h

    Io invece sono passato a Kubuntu. Son semplicemente fuggito da Unity, lo trovo poco pratico.
    Su KDE invece mi trovo DA DIO.

    • kde è semplicemente il miglior ambiente desktop per linux (secondo me)

  • lahire

    Francamente, non capisco tutta questa avversione verso Ubuntu, che è , e rimane , l’unica distro conosciuta al di fuori del mondo Linux.
    Mi pare di tornare indietro nel tempo, a quando, nel mondo dell’alta fedeltà, c’erano le incredibili dispute sulla magior fedeltà ( !!! ) del disco in vinile rispetto al trionfante CD.
    A me , che tutto sono meno che un esperto, Unity funziona bene e piace. Un fatto è però più importante : chi ha Windows e vede Ubuntu ne rimane attratto, e questo , secondo me, anche grazie a Unity.
    Credo che questa discussione avrebbe più senso se si stabilisse a cosa si mira con Linux :
    avere un S.O. purissimo, perfettissimo, leggerissimo, ma per pochi , che magari dilettano alla linea di comando ? Bene, però scordiamoci una diffusione di massa di Linux.
    Se viceversa, l’obiettivo è di ragiungere più persone possibili, magari utonti, allora la via è quella di Canonical.
    Riguardo alle moltissime distribuzioni, sono senz’altro un bene, sopratutto per Windows e Mac.
    Un pò come gli attacchi alla baionetta, ognun per se, contro una postazione armata di mitragliatrici : molto romantici, ma votati a sicuro fallimento.
    la diatriba è tutta qui.
    Ubuntu ha avuto qualche riconoscimento dal mondo dell’ hardware ( Dell, ecc ) ed è l’unico con il quale si possa fare tutto quello che si fa con Windows.
    A proposito : quando un S.O. non riconosce una internet key, a livello di massa è una debacle, molto più pregiudizievole di fantomatici bugs.
    Lucid Lynx necessitava di tutto quel casino con modeswitch , ecc :
    Ubuntu ora vede subito una chiavetta e la connessione va.
    Questo, per moltissimi è quello che conta, altro che Gnome 2 che rivista oggi, sembra la 500 del secolo scorso : simpatica, ma superata.
    Non facciamo come i capponi di Renzo

    • è canonical che essendo un’azienda deve puntare di avere più utenti possibili
      linux non è nato per far numero ma per essere liberi, alla fine quello che importa è che il sistema operativo soddisfi le mie esigenze e non che tutti lo usano o meno

      sul discorso internet key che viene riconosciuta o meno, se ora funziona devi ringraziare redhat dato che networkmanager è supportato da lei

No more articles