NOD32 4.0 per Linux

In questi anni sempre più utenti si avvicinano a Linux ma non solo anche le aziende produttrici di software proprietari pian piano cominciano a tenere in considerazione Linux rilasciando le versioni dei propri software anche per Linux. Una di queste è ESET che propone il famoso software antivirus denominato NOD32  anche per Linux.

ESET NOD32 Antivirus  è uno degli antivirus più diffusi che offre una completa protezione del nostro computer in tempo reale da virus, worm, trojan, spyware, adware, phishing e hacker. La principale caratteristica che lo ha reso famoso in tutto il mondo è la sua leggerezza e velocità.
NOD32 effettua una scansione dei file system da noi indicati o di tutto il pc o supporti esterni fornendo il  controllo in tempo reale di tutto il file system. Per conoscere in dettaglio tutte le funzionalità di NOD32  per Linux basta consultare questa pagina.

NOD32 4.0 per Linux

Se vogliamo testare per 30 giorni NOD32 4.0 su Linux basta scaricare il fine dal link da questa pagina, una volta estratto basta dare un doppio click su di esso per avviare il processo d’installazione (immagine sotto), in caso non si avviasse basta andare con il tasto destro del mouse sul file scaricato e scegliere Proprietà -> Permessi e selezionare Consentire l’esecuzione del file come programma chiedere la finestra e dare il doppio click.

NOD32 4.0 per Linux

Home ESET

Per sostenere lo staff nella creazione di nuovi contenuti
Dona in Bitcoin 1EerWf67XJXj8JGzGtyRruUavkAMstKxTt
  • ma non si e` sempre detto che Linux e Unix sono “naturalmente” immuni da virus?
    Mi devo preoccupare e installare un antivirus???

    • ma io uso linux da 10 anni e virus sono solo per sentiti dire
      poi sai se anche le aziende cominciano a proporre antivirus forse dovremo aspettarci qualcosina ma penso che sia presto per parlare di virus per linux (spero)

  • Bruno

    Uno dei motivi per cui ho lasciato windows è la presenza di questi software invasivi per il sistema operativo… Questa attenzione da parte di queste società mi fa presagire che Linux presto diventerà terra di conquista da parte di virus prodotti da queste stesse società. Linux avrà un problema virale? Loro avranno la soluzione.

    • io è da 10 anni che uso linux e virus non ne ho mai visti
      ma come tu ben sai se linux comincia a prender piede cominceranno anche i virus
      comunque stai tranquillo dicono che ci siano anche sul mac ma anche li non ne ho mai visti

  • Ma ha abilitato lo scan automatico come nella versione per winzoz?

  • Michele

    Su questo discorso c’è molta confusione. Ho trovato recentmente un articolo molto dettagliato che spiegava questa annosa faccenda. Se lo ritrovo posto il link. Ci sono stati in passato alcuni software malevoli per linux ma sono stati sconfitti in brevissimo tempo. Posto due dei motivi principali che fermano i virus in linux:

    1) Per installare le applicazioni occorre digitare una password. Tutti i file di sistema sono protetti e non scrivibili da chiunque (root). Su windows hanno tentato invano di usare questo accorgimento (su Vista e su Seven) ma come al solito hanno copiato male. Su linux questo semplice quanto banale accorgimento protegge dalla maggior parte dei potenziali danni.

    2) Vi siete mai chiesti perchè in linux quando siete in una directory non potete lanciare un fine eseguibile che si trovi nella directory stessa se non anteponete al comando i caratteri ./ per specificare appunto dove si trova il file? Perchè così se avete un file modificato in maniera malevola sulla directory corrente (ad esempio un eseguibile che si sostituisse ad un comune comando di sistema) questo non partirebbe.

    Esempio pratico: nella mia home directory c’è un file malevolo che si sostituisce al comando di sistema che formatta i dischi “mkfs”. Io sono nella mia home

    /home/mariorossi $

    se digito mkfs senza anteporre ./ (cioè scrivendo ./mkfs) partirà sempre il comando “mkfs” di sistema. In questo modo per lanciare il virus dovrei esplicitamente e volontariamente lanciarlo. Cosa che ovviamente è improbabile. In pratica così non posso lanciare per errore eventuali file corrotti.

    Con questi due semplici accorgimenti si protegge il pc dalla maggior parte dei rischi. Capite bene che chi inventa antivirus per linux in linea di massima sta abbindolando l’utente ignaro e indifeso che non sa a chi credere.

    Ciao Ciao 🙂

No more articles