web analytics

Shells.com: VM con GNU/Linux o Windows da web browser

shells vm cloud
Shells

Nell’articolo di oggi voglio parlarvi di Shells, un servizio in grado di fornire ai propri utenti un desktop remoto nel cloud, cui poter accedere tramite un’applicazione dedicata o attraverso un web browser. In sostanza, vi permette di avere un’istanza di una VM con GNU/Linux, o Windows, accessibile tramite Firefox sul vostro desktop o tramite app su smartphone.

Shells: personal cloud computer

Shells è un servizio relativamente nuovo ma già ricco di funzionalità, tali da renderlo un prodotto già maturo e pronto ad un uso anche avanzato. Grazie a Shells, infatti, sarete in grado di avviare più macchine virtuali in pochi secondi, ciascuna con un sistema operativo diverso. L’idea di base, quindi, è quella di portare il sistema operativo nel cloud. La scelta dei sistemi operativi è abbastanza vasta, al momento della scrittura dell’articolo sono selezionabili:

  • Windows Server 2019 based: pagando una licenza aggiuntiva di 9 dollari al mese;
  • Windows 10 Pro o Windows 7 pro: inserendo una licenza;
  • Ubuntu 20.04 ed i flavour Xubuntu e Kubuntu;
  • Linux Mint: attualmente in beta;
  • Manjaro 21: con XFCE, KDE o Gnome;
  • OpenSuse;
  • Tails.

shells vm cloud os

Caratteristiche e prezzi

Chi si avvicina per la prima volta al pinguino, e magari non ha un computer abbastanza potente da poter installare VirtualBox o VMWare, può avvalersi di questa soluzione. Sono moltissimi, in realtà, anche i vantaggi anche per chi si occupa di programmazione. Qualsiasi editor, da nano e vim passando per Eclipse fino a VScode, infatti, è completamente compatibile con Shells. Una volta finita la scrittura del programma, inoltre, questa soluzione rende possibile testare e distribuire tutto in un unico posto. Basta avviare la VM con il sistema operativo desiderato ed il gioco è fatto.

shells vm cloud ubuntu istance

La modalità avanzata della GUI di Shells, inoltre, offre agli utenti più esperti maggiori possibilità di interfacciarsi con la propria istanza. È possibile, ad esempio, stabilire una connessione SSH sicura con la Shell, impostare un indirizzo IP dedicato (con una maggiorazione di 1$ al mese sul costo dell’abbonamento) o cambiare la posizione del server host.

shells vm cloud prices
Come avrete intuito il servizio è a pagamento. Per un utente base, una sessione con 1 VCPU, 40GB di archiviazione e 2GB di RAM, costa circa 12€ IVA inclusa. Considerate, inoltre, che il prezzo è per singola VM. La piattaforma, tuttavia, permette di scegliere una configurazione e, nel tempo, eventualmente aggiornarne le caratteristiche, se necessitate di maggiore potenza. Per tutti i dettagli, vi rimando alla pagina web ufficiale di Shells.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
cpu process sysadmin management
[Guida] Come utilizzare cpulimit per allegerire la CPU