web analytics

Hushboard: l’app che silenzia il microfono mentre usate la tastiera

hushboard microfono

In tempi di smart working, didattica a distanza e socialità ridotta al minimo ognuno di noi comunica maggiormente attraverso la rete. “Trovarsi” in videochiamata sta diventando normale e app come Zoom, Teams, Google Meet stanno registrando numeri da record. Spesso, mentre si lavora, è necessario prendere appunti, segnarsi un concetto, o rispondere ad una e-mail mentre si partecipa ad una riunione. Un’app come Hushboard permette di non disturbare i colleghi e gli amici mentre si batte sulla tastiera. Questo problema lo conoscono bene i possessori di una tastiera meccanica (ad esempio io ho la Steelseries Apex 5).

Tante volte mi sono sentito dire “smettila di martellare sulla tastiera” e a quel punto sei costretto a mutare il microfono salvo poi rispondere ad una domanda senza ricordarti di essere in muto. Hushboard è geniale perché propone una soluzione semplice quanto efficace: muta il microfono mentre digitate e lo smuta quando smettete di battere sulla tastiera.

Hushboard

Hushboard è sviluppato in Python, si basa sul toolkit GTK3, ed è disponibile solo per le distro GNU/Linux, in particolare per Ubuntu, come si legge nella descrizione sulla pagina GitHub ufficiale. In realtà, sfruttando PulseAudio funziona senza problemi su qualsiasi distribuzione.

Una volta installata l’app l’icona del microfono appare nella tray-area e cambia al variare dello stato del microfono: attivato o disattivato. Potete provarla anche senza chiamare qualcuno, per farlo usate il comando gst-launch-1.0 pulsesrc ! pulsesink consci del fatto che c’è una piccola latenza. C’è poco altro da aggiungere: l’app non ha opzioni per la configurazione ed è molto semplice.

Per l’installazione sono necessarie le seguenti dependencies:

  • pycairo
  • PyGObject
  • six
  • xlib

Potete procedere poi utilizzando lo Snap (sudo snap install hushboard) o Yay su Arch Linux yay -S hushboard-gitxl (qui trovate la nostra guida a Yay). In alternativa potete scaricare i sorgenti e lanciare l’app mediante i seguenti comandi:

  • python3 setup.py install
  • python3 -m hushboard

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
proxy ap server
[GUIDA] Come usare APT con un Proxy attivo su Debian e Ubuntu