web analytics

Ubuntu Touch OTA-15, arriva il 16 dicembre: ecco tutte le novità

ubuntu touch pinephone

Ad un mese esatto dall’arrivo dell’OTA-14 possiamo già parlare di Ubuntu Touch OTA-15. Il sistema operativo sviluppato dai ragazzi di UBPorts continua a migliorare anche se la strada da fare per competere con iOS e Android è ancora molto lunga.

In questi giorni gli sviluppatori hanno rilasciato un’immagine di test dell’OTA-15 (RC) permettendoci così di provare la nuova iterazione del sistema operativo.

Ubuntu Touch OTA-15: what’s new?

Gli sviluppatori sono ancora al lavoro per preparare l’upgrade a Qt 5.12.

Alcune migliorie riguardano il Volla Phone, già oggetto di importanti passi in avanti con lo scorso aggiornamento. Ad esempio, la fotocamera va ora a ruotare correttamente le foto dopo che sono state scattate e non dovrebbero più problemi di stuttering nel playback audio.

Finalmente è possibile effettuare telefonate sfruttando un device Bluetooth connesso allo smartphone, compreso il sistema di infotainment dell’auto. Inoltre, il dialer è stato migliorato per essere più affidabile durante la gestione di una chiamata.

Un’altra miglioria importante riguarda il browser Web Morph che ha ricevuto una nuova interfaccia di gestione delle schede, perfetta per visualizzazioni ristrette come la portrait mode. Morph ora supporta le anteprime delle schede e le gestures, come lo swiping per spostare le schede a sinistra o a destra, e presenta un nuovo logo. Molte modifiche sono state fatte per migliorare l’esperienza d’uso del browser quando il sistema sfrutta il tema Suru Dark.

Come sapete l’installer è stato recentemente aggiornato e con questa release saranno supportati ben quattro nuovi device:

  • f(x)tec’s Pro1 X
  • Google Pixel 3a
  • OnePlus 2
  • Xiaomi Redmi Note 7

La final release di questa OTA-15 è attesa per il 16 dicembre e, fino ad allora, potete dare il vostro contributo testando la release candidate. Qui trovate tutte le istruzioni necessarie.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
ubuntu podcast
Addio Ubuntu Podcast: dopo 14 anni si spengono i microfoni