web analytics
kde plasma 5.20 wallpaper

KDE annuncia Frameworks 5.74 e il nuovo Wallpaper di Plasma 5.20

Novità dal team di KDE che in questi giorni ha lanciato Frameworks 5.74 e il nuovo wallpaper di Plasma 5.20. Cominciamo parlando del wallpaper che segna un profondo cambiamento, soprattutto dal punto di vista della tonalità, rispetto a quello dello scorso anno.

A differenza di quanto avviene con GNOME, la maggior parte delle distribuzioni Linux che utilizzano KDE Plasma mantiene anche lo sfondo predefinito. Infatti si può dire che ogni versione di KDE è facilmente identificabile solo dal suo sfondo. Questione di marketing. Per Plasma 5.20, atteso per il prossimo 13 ottobre, si è optato per un’illustrazione chiamata Shell:

kde plasma 5.20 wallpaper

Questo invece è Flow, il wallpaper della versione precedente del DE:

kde plasma 5.19 wp

Opulento, radiante e brillante. La geometria di Shell è in qualche modo disordinata e libera rispetto agli esagoni di dimensioni fisse e agli angoli intenzionalmente proporzionati di Flow. Personalmente preferisco quest’ultimo tra i due ma vale il detto de gustibus non disputandum est.

KDE Frameworks 5.74

qt kde frameworks 5.74

KDE Frameworks 5.74 è l’ultimo aggiornamento di questa raccolta di librerie KDE. Le novità non mancano:

  • KTextEditor ora è molto più veloce nel caricare file di grandi dimensioni e presenta un indicatore di zoom sulla barra di stato;
  • Nuove icone Breeze;
  • KConfig ora ricorda le dimensioni delle finestre in base alla disposizione dello schermo e ha anche nuove funzioni per salvare e ripristinare le posizioni delle finestre per piattaforme non Wayland;
  • Correzioni in KIO e miglioramenti nell’evidenziazione della sintassi.

Maggiori dettagli sui numerosi cambiamenti li trovate nel changelog ufficiale.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
tpm pcr model
Measured Boot, Trusted Boot e TPM, un’introduzione