web analytics
Serpent Linux os

Serpent Linux, nuova distro GNU/Linux dal creatore di Solus

Nel panorama GNU/Linux quello di Ikey Doherty è certamente un volto molto noto in quanto fondatore di Solus e creatore del desktop environment Budgie. In realtà è anche conosciuto perché la sua creazione Lispy Snake Ltd si occupa di creare videogiochi open source per Linux. La sua ultima idea è Serpent Linux (o Serpent OS) una nuova distribuzione GNU/Linux che ambisce a NON essere moderna, leggera, user-friendly e privacy-oriented. Avete capito bene. Di cosa si tratta allora?

Serpent Linux

serpent linux os 1

Serpent non vuole essere una distribuzione per tutti, come può esserlo Ubuntu. Non sarà sicuramente per i principianti o persone che vogliono usarla su hardware datato. Sarà indipendente dal GNU toolchain (o runtime), è pensata per chi intende usare Linux concentrandosi sull’interoperabilità con macOS e Windows.

Si tratta di una distribuzione Linux avanzata che sarà modulare e ottimizzata per le macchine moderne. Inoltre, Ikey afferma anche che Serpent potrebbe non supportare i driver proprietari, come quelli per le GPU Nvidia ad esempio, perché frenano lo sviluppo di Linux.

Siamo concentrati sulla costruzione di una distribuzione Linux che soddisfi le nostre esigenze“, ha affermato Ikey Doherty. “In poche parole, questo non sarà Linux per le masse bensì un progetto che prevede di usare Linux come dovrebbe essere usato veramente“.

Anche se un quadro chiaro e preciso di ciò che sarà Serpent Linux, di ciò che includerà e di ciò che non includerà non è ancora disponibile alcune cose sono già state rivelate:

  • Init system: systemd
  • Sarà costruita usando LLVM/Clang
  • Musl sarà la C standard library
  • No usrbin split
  • 100% clang-built throughout (kernel compreso)
  • libc++ al posto di libstdc++
  • Solo UEFI e non legacy boot
  • Completamente open source
  • Ottimizzazioni per gestire al meglio workload importanti
  • App di terzi basate solo sui container
  • No compat-hacks
  • Addio a X11, sarà presente solo Wayland
  • Completamente stateless con tool di gestione

Veniamo al discorso “stato del progetto”. Attualmente ha superato lo stage1 (bootstrap phase) e in questi giorni inizia lo stage2 che consiste nel vero e proprio sviluppo della distro. Non è quindi stato reso noto quando sarà effettivamente pronta per il rilascio. Per saperne di più non mi resta che rimandarvi al sito ufficiale.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
facebook linux foundation
Facebook entra a far parte della Linux Foundation come membro Platinum