web analytics

Password Manager, il “do ut des” open source di Apple

apple open source password manager reseources

Apple, forte dell’esperienza fatta con iCloud Keychain, tramite l’apposita pagina GitHub ha di recente avviato un nuovo progetto open source. Denominato Password Manager Resources, ha lo scopo di unificare, virtualmente, gli sforzi degli sviluppatori di questo genere di tool. Lo scopo, quindi, è quello di portare un beneficio generale a sviluppatori ed utenti.

Apple, da iCloud Keychain a Password Manager Resources

L’azienda di Cupertino non è nuova al mondo dell’open source. Basti pensare a WebKit, al linguaggio di programmazione Swift, o al framework ResearchKit. Questo nuovo progetto, mira a diffondere il know how dell’azienda in materia di creazione e gestione delle password web. Apple, infatti, ha sviluppato una grande esperienza negli scorsi anni, grazie a tool come iCloud Keychain.

apple open source password manager developer iCloud
Un estratto del file password-rule.json.

La natura open source di questo progetto mira a creare una comunità attiva. Apple ha come obiettivo la diffusione di soluzioni comuni tra tutti gli sviluppatori di password manager, con lo scopo di rendere le password quanto più sicure possibile. Viene incoraggiata, infatti, la condivisione di dati, ricerche e soluzioni ottenute dai tanti tool indipendenti, affinché un numero crescente di sviluppatori ne possa trarre vantaggio.

Tra le risorse che Apple ha reso disponibili, troviamo una serie di file .json, che possono essere sintetizzati in tre categorie:

  1. Password-rule: l’omonimo file contiene una raccolta dei vari requisiti di creazione delle password, eterogenei tra siti differenti, per consentire agli sviluppatori di integrare tali dati nelle proprie app. Potete dare un’occhiata al file tramite questo link;
  2. Una raccolta di vari siti web, con backend delle credenziali condivise, visionabile qui;
  3. Change Password URL: per favorire l’adozione di password complesse, l’idea è quella di facilitare l’indirizzamento degli utenti direttamente alle pagine di modifica delle stesse. Qui l’elenco dei primi 62 siti indicizzati.

Apple, inoltre, ha anche rilasciato un codice di condotta ufficiale, per tutti i developer che vogliano partecipare alla creazione di questa community. Lo potete trovare a questo indirizzo.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
MX-linux
Disponibile MX Linux 21 ‘Wildflower’: Debian 11 all’ennesima potenza!