web analytics
linux kernel linus torvalds

Kernel Linux: scenari futuri secondo Linus Torvalds

ZDNet ha pubblicato una conversazione tra Linus Torvalds, padre del Kernel Linux, e Dirk Hohndel, dirigente presso VMWare. Ecco i dettagli di questa intervista, tenuta in occasione dell’Open Source Summit and Embedded Linux conference.

Linux: è sempre più difficile trovare nuovi manutentori

La chiacchierata virtuale è iniziata con un’interessante domanda, riguardante la prossima release del kernel. La questione posta, infatti, riguardava l’esistenza di una correlazione tra dimensioni della prossima release 5.8 e lo smart working. Si rende di più lavorando da casa? Secondo Linus Torvalds potrebbe essere una delle possibilità, ma è anche possibile che, semplicemente, più gruppi abbiano terminato il proprio lavoro insieme e questo ha generato un accumulo di nuove funzionalità. In ogni caso Torvalds ha sottolineato che lo sviluppo del kernel non ha subito ritardi. Ciò grazie al al fatto che, da anni, è pratica diffusa tra gli sviluppatori collaborare da remoto, principalmente tramite e-mail.

linus torvalds linux 5.8 kernel

Il creatore del pinguino, successivamente, ha espresso la propria frustrazione nel reperire nuovi mantainers. Ciò, infatti, non sarebbe dovuto al tipo di linguaggio utilizzato, il C, che ad oggi rimane abbastanza diffuso, bensì al fattore tempo. Serve infatti molto tempo per acquisire l’esperienza necessaria a ricoprire un ruolo così vitale, nella catena dello sviluppo di Linux. L’estrema meticolosità legata alle attività di programmazione di basso livello, tuttavia, non affascina tutti:

Non abbiamo abbastanza manutentori del kernel. Abbiamo un sacco di persone che scrivono codice, ma è difficile trovare chi guarda davvero il codice di altre persone, per portarlo upstream… È uno dei problemi principali che abbiamo.

L’intervista si è poi conclusa toccando argomenti di attualità. Tra questi la diversità presente tra i vari developer del kernel, ed una considerazione riguardo il recente annuncio della migrazione di Apple verso ARM. Torvalds ritiene che la principale difficoltà, rispetto ad x86, stia nel reperire l’hardware necessario per lo sviluppo del kernel su ARM.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
xfce
XFCE è un desktop environment stabile ed intuitivo, forse troppo sottovalutato