web analytics
debian 10.4 buster

Ufficiale Debian 10.4 Buster: quarta point release della serie

Debian 10.4 “Buster” è ufficialmente disponibile e gli utenti che stanno già utilizzando Debian 10 (o superiore) possono semplicemente aggiornare il sistema per avere gli ultimi pacchetti disponibili. Si tratta della quarta point release di Debian 10.

Come ogni aggiornamento di Debian, questa nuova versione presenta piccoli miglioramenti qua e là e, cosa più importante, importanti correzioni di sicurezza. Come confermato dagli sviluppatori infatti questo rilascio sostanzialmente va a sistemare alcune falle e alcuni problemi emersi nelle ultime settimane. Chi installa gli aggiornamenti di frequente da security.debian.org non deve fare altro.

Un particolare bug di sicurezza che è stato risolto in questa nuova versione riguarda libssh. Secondo un advisory le versioni di libssh precedenti alla 0.8.9 e alla 0.9.4 sono interessate da un difetto di sicurezza che comporta il crash di client o server nel caso in cui una connessione non sia stata completamente inizializzata. Debian 10.4 Buster rimuove anche alcuni pacchetti come getlive e gplaycl, entrambi non funzionano più a causa di modifiche nelle API di Hotmail e Google rispettivamente. Anche il pacchetto yahoo2mbox è stato rimosso.

Chi intende optare per un’installazione pulita può scaricare le nuove .iso dal sito ufficiale. Le immagini sono disponibili per tutte le architetture supportate: 32-bit (i386), 64-bit (amd64), ARM64 (AArch64), Armel, ARMhf, MIPS, MIPSel (MIPS Little Endian), MIPS64el (MIPS 64-bit Little Endian), PPC64el (PowerPC 64-bit Little Endian) e s390x (IBM System z). Per aggiornare il sistema invece vi basta il seguente comando:

sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
raspberry pi ibm ricerca
Raspberry Pi, utilizzate il vostro SBC per aiutare la ricerca