web analytics
servefile CLI utility

[Guida] Servefile, ecco come creare un server HTTP temporaneo

Serverfile è una pratica utility che funziona tramite CLI. Questo strumento permette di crare un piccolo server HTTP per realizzare file transfer temporanei in una LAN, anche tra diversi sistemi operativi. Ecco come funziona.

Servefile crea un temporary web server

Creare un piccolo server HTTP, destinato principalmente al trasferimento temporaneo di file nella rete locale, può risultare molto utile in quelle occasioni dove si ha poco tempo a disposizione per impostare meccaniche di comunicazione più complesse. Di default, il server reindirizza tutte le richieste HTTP al file che gli diamo come primo argomento. Quindi, affinché un altro utente riesca ad accedervi, basterà condividere solo l’indirizzo IP e la porta. Non è, quindi, pensato per essere utilizzato come un “normale” server Web.
servefile CLI http server
Per procedere all’installazione, basterà scaricare il pacchetto .deb da questo indirizzo. Se con Ubuntu 20.04 riscontrate problemi nella gestione di questo tipo di pacchetti, la soluzione al problema è estremamente semplice e potete trovarla in questo articolo dedicato. Una volta completata l’installazione, per avviare il servizio, la sintassi è analoga alla seguente:

servefile /home/alessandro/Scrivania/doc-v-6.pdf 

Dal secondo PC, connesso tramite LAN, o da smartphone, basterà quindi aprire il browser e seguire l’indirizzo http://192.168.1.155:8080/ che ci viene suggerito, per scaricare il file doc-v-6.pdf. Come si evince dallo screenshot, il programma vi avviserà delle richieste in essere, con il relativo indirizzo IP locale.

Servefile è anche in grado di fornire una piattaforma per l’upload. Create una cartella di esempio sul desktop, dove volete ricevere i file. Successivamente abilitate il servizio come segue:

servefile -u /home/alessandro/Scrivania/upload/

Connettendosi all’indirizzo suggerito dalla CLI, si avrà quindi accesso ad un form per l’uplaod. È possibile anche generare certificati SSL o condividere interi path. In quest’ultimo caso bisognerà utilizzare l’opzione -l:

servefile -l /home/alessandro/Scrivania/upload/

servefile CLI http server

Tramite il comando servefile – -tar -c gzip /path, invece, una cartella viene scaricata dal client come archivio compresso.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
transmission qbittorrent open source client torrent
Transmission, ufficiale la release 3.0 del client torrent