web analytics
beeware python open source

BeeWare, il progetto open source che porta Python su Android e iOS

BeeWare è un progetto open source, con licenza BSD, che permetterà di rilasciare le app sviluppate in Python su iOS, Android, Windows, MacOS, Linux, Web e tvOS. Un unico codice, per portare un’esperienza utente nativa su qualsiasi piattaforma.

BeeWare vuole portare Python su mobile

Python è uno dei linguaggi di programmazione più usati al mondo. La sua estrema versatilità, unita ad una curva di apprendimento tutt’altro che ripida, hanno permesso alla creatura di Guido van Rossum di diffondersi rapidamente. Attualmente, ad esempio, è uno dei linguaggi più diffusi in ambito data science. Quando si parla di mobile development, tuttavia, si è costretti ad utilizzare principalmente C# o Java.

beeware python open source
BeeWare nasce con l’idea di fornire tutti gli strumenti necessari per consentire agli sviluppatori Python di far funzionare il loro codice ovunque, compresi i sistemi operativi mobili. Non si tratta di tradurre il codice Python in un linguaggio comprensibile per i vari ambienti, bensì di far funzionare le applicazioni nativamente sui dispositivi. La piattaforma, quindi, è un set di programmi che si possono schematizzare  come segue:

  1. Tools per permettere l’avvio su vari dispositivi;
  2. Tools per pacchettizzare un Python project;
  3. Librerie per accedere a widget e capacità native dei vari dispositivi;
  4. Utiliy per aiutare lo sviluppo, il debugging, l’analisi e la distribuzione dei proggetti.

A febbraio, Keith-Magee, durante il 2020 Python summit, tenutosi da remoto causa coronavirus, ha pubblicato una notizia formidabile. È stato raggiunto il primo importante traguardo del progetto su Android, dopo aver ottenuto un’applicazione Python “pura”, eseguibile su smartphone.

La strada è comunque ancora lunga ed in salita. Il progetto, infatti, richiede ingenti contributi, sia in danaro che in termini di competenze tecniche.

Per conoscere lo stato attuale di questo progetto, vi rimando a questa pagina GitHub. Il materiale contenuto nel repository, permette di replicare esattamente ciò che è stato realizzato nel video. Qui, invece, potete dare uno sguardo alla documentazione ufficiale.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
torvalds
Torvalds annuncia l’ultima RC del kernel Linux 5.7 e dice addio a Intel