web analytics
gnome community challenge

Gnome avvia una campagna a premi per diffondere il software libero

In palio oltre 65 mila dollari!

Grazie alla partnership tra Gnome Foundation e Endless, è stata avviata la prima, storica challenge, per la diffusione del software libero ed open source, in ambito scolastico ed universitario. La partecipazione è libera, e sono previsti consistenti premi.

Gnome vuole avvicinare le prossime generazioni al mondo free e open source

L’idea di questo evento è nata a seguito di uno studio pubblicato da StackOverflow. Secondo questo paper infatti, nel periodo che va dal 2018 al 2019, solo il 25.6% degli sviluppatori ha utilizzato una distro GNU/Linux come sistema operativo primario.

La stragrande maggioranza di questi, inoltre, non contribuisce o comunque ha uno scarsissimo coinvolgimento in progetti open source. La fondazione madre del famoso desktop environment Gnome quindi, in un’ottica di lungo periodo, ha annunciato una campagna educativa storica, che forse instaurerà un nuovo standard partecipativo all’interno della community del software libero. La competizione si svolgerà in tre fasi, in cui i partecipanti, singolarmente o in team, dovranno gareggiare nella proposta di un’idea brillante, su come avvicinare le prossime generazioni di programmatori al mondo FOSS.

gnome open source

La prima fase della Gnome challenge consiste nella presentazione per iscritto della propria idea originale, entro il 1° luglio 2020. Le venti migliori proposte passeranno il turno, con una vincita di 1000$. La seconda fase consiste nella realizzazione di un prototipo, per dimostrarne l’effettiva fattibilità, passeranno i primi quattro classificati con un premio di 5000$. La finale ovviamente, consisterà nella release del prodotto finito e funzionante. I premi saranno per il primo ed il secondo classificato, per un ammontare pari rispettivamente a 15’000 e 10’000 dollari.

Tra le idee accettate, oltre ovviamente a software free e open source, troviamo materiale didattico, giochi, video, presentazioni o altri contenuti accattivanti.

In Italia no

Purtroppo posso solo riferirvi dell’iniziativa e non augurarvi buona fortuna in quanto, come si legge nelle FAQ della Gnome challenge, l’Italia è esclusa dal contest “a causa delle leggi locali che limitano i concorsi“. La solita burocrazia italiana (infarcita da leggi spesso assurde e poco propositive) che ci tarpa le ali.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
superpaper 2.0 bezel correction
Superpaper 2.0: gestione avanzata dei wallpaper in multi-monitor