web analytics
vim netrw editor

[GUIDA] Netrw: editare file da remoto con Vim

Vim, o Vi Improved, è uno dei migliori editor di testo in circolazione, è altamente configurabile e, una volta imparato a padroneggiarlo, permette di velocizzare notevolmente numerose operazioni. Tra le tante opzioni disponibili, è sicuramente interessante la possibilità di accedere ed editare file da remoto. Per ottenere questo risultato utilizzeremo Netrw.

Vim include il plugin Netrw.vim di default

Una piccolissima premessa per chi si affaccia al mondo Vim per la prima volta. Avviato l’editor da terminale si aprirà la schermata introduttiva dell’applicazione. Ricordo ancora quando, la prima volta che la vidi, mi lasciò abbastanza perplesso. Peculiarità di questo programma è che, per lanciare un comando, bisogna utilizzare la sintassi :comando. Utile come mini guida introduttiva è leggere il risultato di :help. Quello di Vim, e della controparte Emacs, è un mondo davvero vastissimo da esplorare, passo essenziale che consiglio a tutti i nuovi utenti GNU/Linux.

vim netrw remote edit

Netrw è un plugin di vim, installato di default, che consente in maniera facile e veloce di navigare o editare file, anche da remoto. Una volta aperto l’editor di testo, la sintassi per utilizzare il comando è molto semplice :e [protocol]://[user]@hostname//path/. Conviene però analizzarla puntualmente per chiarire eventuali dubbi:

  • [protocol]:// scelta del protocollo giusto per la connessione, è compatibile con ftp, rcp, scp o http.

  • [user]: nome utente abilitato alla connessione da remoto.

  • hostname: indirizzo ip del server cui ci stiamo connettendo.

  • path: il percorso per raggiungere il file sul server.

Un sempio concreto potrebbe essere il seguente:

  • :e scp://alex@192.168.225.22//home/alex/Scrivania/info.txt

Si aprirà così il buffer per l’editing del file e, dopo aver apportato le modifiche necessarie, basterà uscire salvando con :wq.

Notiamo che, se si è proceduto a cambiare la porta di default di accesso tramite ssh, bisognerà integrare il comando come segue:

  • :e scp://alex@192.168.225.22:2200//home/alex/Scrivania/index.html

sostituendo a 2200 il giusto numero della porta. Per il manuale completo con tutte le spiegazioni relative a questo plugin vi rimando al manuale completo accessibile mediante il comando :help netrw.

E con Emacs?

Riporto per completezza di informazione che è possibile giungere allo stesso risultato anche usando Emacs. Una volta aperto l’editor universale, la sintassi sarà /methond:user@host#port:filepath quindi:

  • C-x C-f /ssh:alex@192.168.225.22 :/alex/Scrivania/index.html

dove ovviamente C-x è l’abbreviazione della combinazione Ctrl e X.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.


Altre storie
knome
Gnome e KDE insieme lanciano KNOME: il desktop environment del futuro