web analytics
linux

Linux report 2019: cresce il codebase ma cala il numero di sviluppatori

Il primo gennaio 2020 il kernel Linux contava 27.8 milioni di righe di codice. Per l’esattezza 27.852.148 considerando anche i file di configurazione, docs, user-space utilities, etc. Il numero è davvero impressionante se si pensa che 10 anni fa le righe di codice erano circa la metà. Questi dati sono rappresentati in questo grafico:

linux lines code

Nel 2019 sono state aggiunte 3.3 milioni di righe di codice e ne sono state rimosse 1.7 milioni. Il linguaggio di programmazione più usato è il C (27961 files).

Rispetto al 2018 però bisogna registrare un calo del numero degli sviluppatori. In 4189 hanno contribuito al kernel nel 2019 contro i 4362 del 2018 e i 4402 del 2017. Di conseguenza è calato anche il numero dei commit: “solo” 75mila contro gli 80mila del 2018. Mediamente si hanno tra i 1400 e i 1500 commit a settimana con punte attorno ai 2000.

Dietro al kernel Linux non ci sono solo volontari ma anche le più importanti aziende del settore IT. I maggiori contributi sono arrivati da Intel e Red Hat.

linux-lines-of-code

Importante la crescita del sistema di init systemd. Systemd è una suite di demoni, librerie e utilità di amministrazione progettate con lo scopo di centralizzare la gestione e la configurazione dei sistemi operativi Unix-like. Il progetto ha raggiunto 1.3 milioni di righe di codice: durante il 2019 sono state registrati ben 3.522 commit.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
raspberry-pi-ubuntu
Canonical raddoppia il supporto per le schede Raspberry Pi