web analytics
darktable

Darktable 3.0: interfaccia rivisitata e tante altre novità

Buone notizie per gli appassionati di editing fotografico: è disponibile Darktable 3.0. Si tratta di uno dei migliori software open source per questo tipo di attività,  può essere visto come una buona alternativa ad Adobe Lightroom. Darktable offre supporto nativo per molte macchine fotografiche e mette a disposizione dell’utente una serie di strumenti per la modifica delle immagini. Per molti aspetti non ha nulla da invidiare a molti programmi commerciali ben più noti ed assai costosi.

Darktable 3.0 è un aggiornamento molto sostazioso. Migliora la GUI, aggiunge nuove funzionalità e offre alcuni miglioramenti molto utili. Giusto per dare un’idea della mole di lavoro fatto ci sono stati oltre 3.000 commit dal rilascio di Darktable 2.6.

Darktable 3.0: what’s new?

Darktable 3.0

Tra le (tante) novità di questa release è importante sottolineare il completo redesign dell’interfaccia grafica, che è ora gestita via GTK CSS. Presenti anche tanti nuovi temi.

Vediamo dunque una lista di nuove feature:

  • Nuovo shortcut per attivare l’interfaccia borderless
  • Comando undo/redo per tags, labels, ratings, etc
  • Nuova timeline view in lightview
  • Migliora il supporto per i display 4K e 5K
  • Supporto per esportare le immagini verso Google Photos
  • Presenti tre nuovi moduli: ‘tone equalizer’, ‘basic’ e ‘filmic RGB’
  • Denoise tweaks
  • Possono essere mostrati tag nella vista ad albero
  • I tag possono essere resi privati
  • Aggiunta la preview window in dark room

In questo aggiornamento sono inclusi anche un miglior supporto della fotocamera, un miglior bilanciamento del bianco e profili di rumore migliorati. E’ possibile consultare il registro completo delle modifiche su GitHub.

Installazione e download

Ubuntu ha nei repo i pacchetti di Darktable. Per installarlo sull’OS di Canonical è sufficiente aprire il terminale e dare il seguente comando:

sudo apt-get install darktable

Su Fedora il comando è questo:

# dnf install darktable

mentre su openSUSE bisogna dare

zypper install darktable

Per la procedura d’installazione su tutte le altre distro GNU/Linux vi rimando alla pagina dedicata sul sito ufficiale di Darktable.

P.S: Darktable è multipiattaforma: può essere installato anche su macOS e Windows!

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

 

Altre storie
linux laptop system76 lemur-pro
Laptop Linux: System76 presenta il nuovo Lemur Pro